Buon giorno in questo sei di maggio 2015

vincenzo-campi-mangiaricotta

di Pino de Luca

Buon giorno in questo sei di maggio 2015 che si annuncia molto caldo.
Lentamente ma inesorabilmente le tessere di un puzzle si mettono in ordine. I lavori procedono in casa, mia moglie li dirige magistralmente come sempre coordinandone lo svolgmento e facendo in modo che il tempo sia usato nel più efficiente dei modi. Così posso anche fare le mie visite nei luoghi della memoria sperando di poter contribuire alla sua conservazione e perpetuazione. Forse sono conservatore ma resto persuaso che il futuro buono ha salde radici nel passato.
E le minime soddisfazioni non mi mancano, minime certo ma impagabili. La cosa che mi stupisce ogni giorno è l’osservazione di tanta gente insoddisfatta, che ha il grugno e trasuda rabbia. Spesso mi è capitato di osservarla cercando di comprendere cause e ragioni di cotanta iracondia. E spesso ho dovuto concludere che la neglettosità deriva da una sopravvalutazione di sé stessi. Una diffusa credenza per la quale la propria condizione è dettata da: la sfiga, la società, gli africani, i ROM, le multinazionali, gli ebrei, i comunisti, il neoliberismo, la politica, i sindacati ma soprattutto da “loro” non meglio identificati. L’incapacità di autocritica è la ragione primaria dell’infelicità.
Oggi con il mio scout Marcello vado a fare la ricotta di capra, ci vengono anche Barbara, Cynthia, Milla e, forse, Giuseppe insieme a Giampiero e Rosario. Una giornata di lezione casearia manuale. Ecco cosa chiamo felicità. Ma io non ho una grande proiezione di me stesso. Tornare indietro di cinquant’anni e riuscire a comunicare questo pezzetto di vita vince il tempo. Rende immortali. E cosa può essere più ambito dell’immortalità, almeno temporanea?
Ecco miei cari amici, quando vi sentite infelici e feriti da un mondo ingrato cercate un luogo della memoria, recatevi li e pensate come eravate e cosa siete diventati. Ed è in gran parte merito vostro … Gli errori? Tutti li facciamo e, probabilmente, sono la nostra parte migliore se non siamo avvezzi a ripeterli!!!

P.S.
Esiste il bene e il male, il bene si chiama conoscenza, il male ignoranza.
E poi esiste il sogno di una seconda vita nella quale compiere nuovi errori e vivere nuove passioni, ma questa è un’altra storia …

Condividi su...

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: cognome, email e nome
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com