Scadenza per limitare la Xylella

ph Marco Cavalera
ph Marco Cavalera

 

a cura del Collegio dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati della Provincia di Lecce

Il Collegio dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati della provincia di Lecce ricorda che entro e non oltre il 30 aprile 2017 bisogna aver effettuato le lavorazioni meccaniche superficiali (aratura, trinciatura, fresatura) di tutti i terreni ed alla pulizia dalle erbe spontanee al suolo (compresi i bordi strada e le aree di competenza di Comuni e Province) per ridurre la popolazione degli adulti di Philaenus spumarius, vettore della Xylella.

Il Collegio dei Periti Agrari rende noto che questi interventi riescono a ridurre la popolazione della sputacchina perché colpiscono l’insetto negli stadi giovanili quando sono ancora poco mobili e non infettivi.

Inoltre siccome questi interventi SONO OBBLIGATORI così come stabilito dalla delibera della giunta regionale 1999  “Misure Fitosanitarie per l’eradicazione e il contenimento della diffusione della Xylella fastidiosa”, pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia 148/2016 CHI NON AVRA’ EFFETTUATO TALE LOTTA AL VETTORE POTRA’ ESSERE SOTTOPOSTO A SANZIONI comminate dal 1 maggio al 15 giugno 2017, giorni nei quali verranno effettuati i controlli su tutto il territorio.

 

Abbazia di S. Maria di Cerrate, commenda dell’ospedale degli Incurabili di Napoli

Facciata dell'abbazia di S. Maria di Cerrate (ph Francesco Guadalupi)
Facciata dell’abbazia di S. Maria di Cerrate (ph Francesco Guadalupi)

 

di Marcello Gaballo

Si propone un interessante e poco noto stralcio che fu pubblicato da Eugenio Tortora nel suo volume Nuovi documenti per la storia del Banco di Napoli, edito a Napoli da A. Bellisario & C. e stampato presso la tipografia De Angelis a Portamedina alla Pignasecca, 44, nel 1890.

Tra le più importanti istituzioni della città di Napoli vi furono senz’altro la Casa Santa all’Annunziata e l’ospedale degl’Incurabili, uno dei più importanti d’Europa.

Lo aveva fondato Maria Richenza moglie di Giovanni Lonc (Longo), ministro di Ferdinando il Cattolico, Regio Consigliere e poi Reggente del Consiglio Collaterale, miracolata da una paralisi insorta a seguito di somministrazione di veleno datole da una cameriera. Dopo un pellegrinaggio alla Santa Casa di Loreto, nel giorno di Pentecoste dell’anno 1519, fu guarita, e per ringraziamento fece voto che avrebbe servito gli infermi per il resto della sua vita.

Non ritenendo sufficienti le strutture già presenti in Napoli, nel 1521 decise di fondare, a proprie spese, una casa di cura in contrada sopra Santo Aniello.

Pose la prima pietra il Viceré Raimondo de Cardona, che poi fu anche uno dei Governatori. Per la sua specializzazione, l’Ospedale era riservato esclusivamente a pazienti affetti da patologie all’epoca considerate “incurabili”.

Sant’Alfonso de’ Liguori, durante una visita agl’Incurabili, sulle scale principali fu colto da una visione divina che lo spinse a entrare nella Compagnia di Santa Maria Succurre Miseris che svolgeva il suo ministero nell’Ospedale, assistendo spiritualmente i condannati a morte che venivano poi trasportati, dopo l’esecuzione, agl’Incurabili.

Il pontefice Clemente VII, oltre a numerosi privilegi, donò anche un’Abbadia o Commenda in provincia di Lecce, considerata del valore di circa settantamila ducati.

Nel predetto volume del Tortora, alle pagine 66-67, nel rendicontare i beni della Casa degl’Incurabili nell’anno 1801, viene descritta tale commenda (pag. 77 a 79 — Rubrica XII), titolandola “Dell’Abbadia di S. Maria a Cerrate in Lecce, e de’ suoi poderi, effetti, e rendite”.

L’abbazia, oggi denominata di Santa Maria di Cerrate, fondata alla fine del XII secolo da Tancredi d’Altavilla, conte di Lecce, è posta sulla strada provinciale che collega Squinzano a Casalabate, e rappresenta uno dei più significativi esempi di romanico in Puglia.

Di proprietà della Provincia di Lecce, nel 2012 è stata ceduta con una concessione trentennale al FAI (Fondo Ambiente Italiano), che la gestisce.

cerrate 1 guadalupi
Loggiato dell’abbazia di S. Maria di Cerrate (ph Francesco Guadalupi)

Si riporta l’atto, dal quale si desumono importanti informazioni sul bene:

Possiede la nostra S. Casa un podere rustico, denominato l’Abbadia di S. M. a Cervata, seu Cerrate, alias de Cbaritate; sito nelle pertinenze della Città di Lecce; distante da essa Città da circa miglia 9, verso tramontana; distante dalla Terra di Surbo miglia 5., dalla Terra di Trepuzzi anche miglia 5., e dalla Terra di Squinzano altre miglia 5. Li corpi ed effetti della quale anzidetta Abbadia ritrovansi distintamente descritti e confinati in una platea a parte, formata giuridicamente nell’anno 1692, dal fu Dottor D. Fabrizio de Vecchis, uno de’ Governatori allora di questa Real Santa Casa; il quale, avendo avuta non meno un’ amplissima delegazione per poter esercitare atti giudiziari, concedutali dal fu Spettabile Presidente del S. R. C. D. Felice Lanzina y Ulloa, Delegato e Protettore della medesima S. Casa, che altresi la generalissima potestà trasferitali dall’intera Banca, si portò in quel tenimento, accompagnato da un Procuratore, dal Regio Tavolarlo Giuseppe Parascandolo, e dallo Scrivano della Delegazione Pietro Majone; ove, trattenutosi più mesi, procede giudiziariamente cosi alla misura de’ territori demaniali e proprietà di detta Abbadia, come alla verificazione di tutti li stabili posseduti dalle persone soggette alla medesima; e se ne fabricò un voluminoso processo, che unitamente con detta Platea, data poi alle stampe nel 1693, si conservava nel nostro Archivio fra le altre scritture appartenenti all’Abbadia.

La sudetta Abbadia, anticamente, era un monastero di monaci Basiliani. Ma essendo poi seguita la soppressione de’ Monasteri e Chiese Basiliane, furono i loro beni aggregati alla S. Sede, e fra di essi anche dett’Abbadia, la quale poi fu data in Commenda a’ Signori Cardinali, e l’ultimo Abbate Commendatario della medesima si fu l’Eminentissimo Cardinale Nicolò Caddi, del titolo di S. Teodora; il quale, nell’anno 1531, la rinunciò e rassegnò in mano del Sommo Pontefice Clemente VII.

E perché allora il nostro nascente Ospedale degl’Incurabili, che pochi anni prima erasi fondato, ritrovavasi in una somma scarsezza di entrate, che non poteano stare a mantenere il numero de’ poveri infermi, che giornalmente cresceva, stimarono gli Amministratori e Deputati di quel tempo, che lo governavano, di supplicare Sua Santità a non denegarsi di unire ed incorporare perpetuamente, al detto Ospedale, il sudetto vacante Monastero ed Abbadia di S. M. a Cerrate; affinché si potesse con quelle rendite dare una necessaria sovvenzione a’ poveri Infermi; e più facilmente vi si mantenessero, accrescessero, e continuassero altre simili opere, pie e caritative.

A queste suppliche benignamente annui il generoso Pontefice, con aver conceduto in commenda perpetua, ed accordato a titolo di elemosina all’ospedale il suddetto Monastero ed Abbadia, colle sue ragioni, rendite, frutti, e proventi; mediante una special Bolla, spedita in Roma nel di 18 Giugno 1531. La quale fu avvalorata con Regio Exequatur, mediante previsioni spedite a’ 2. Gennaio 1532, dall’Eminentiss. Cardinal Pompeo Colonna, allora Viceré di Napoli, e dal suo Collateral Consiglio, in vigor delle quali Andrea de Cecchis, come special Procuratore di questa S. Casa, in nome della medesima e suoi Signori Governadori, a’ 18. Gennaro dello stesso anno, prese il corporal possesso di dett’Abbadia, e suoi corpi, ed effetti. E ne fu rogato pubblico atto, per mano di pubblico notajo, che reassunto in pergamene, coll’inserta forma cosi di detta Bolla, come delle sudette provisioni e Regio Exequatur, si conservava in nostro archivio, nel fascio settimo delle istruzioni in pergamena al num. 22.

Le rendite, ed effetti di detta Abbadia, per quel che si ricava dal sudetto Processo e Platea data alle stampe, si dividono in tre specie cioè;

La prima specie si chiama demaniale, possedendola l’Abbadia pro ejus mensa et proprietate, con andare a. suo peso il coltivare i territorj demaniali, e raccoglierne i frutti, e la maggior rendita della medesima si ricava dalle olive.

La seconda specie si chiama decimale, la quale non è per ragion di decima dovuta per peso di anime, e somministrazione de’ Sagramenti; a’ quali pesi non è obbligata l’Abbadia, per essere quella una semplice Commenda, e nudo beneficio ecclesiastico, col solo obbligo di celebrare una messa cotidiana; ma si chiama decima h sol riguardo che essendo anticamente stati quelli territori tutti boscosi, paludosi, e molto lontani dall’Abbadia, gli Abbati pro tempore li concedevano a diversi particolari, affine di farli disboscare e ridurre a coltura; colla riserba del jus rìcci mandi di ogni sorte di frutti, che son tenuti li concessionari soddisfare franco di ogni spesa, precedente stima delli frutti pendenti ed agresti, e con portar detta decima sino alla Casa dell’Abbadia.

Vi è anche un’altra decima, che si chiama erbatica, carnatica, e monta. L’erbatica si è che di tanti animali pecorini, vitellini, e caprini, che nascono, se ne paga la decima. La carnatica delli animali porcini: e la monta tutto il frutto di un giorno che nasce da detti animali per ciascun’anno, ad elezione dell’Abbate, benché li padroni per detto jus di erbatica, carnatica, e monta sogliono transigersi con pagarne un tanto l’anno.

Ha però luogo questo peso di erbatica, carnatica, e monta in quelli territorj ove sono case, e masserie, poiché è una specie di annuo canone, per concessione enfiteutica perpetua, ad quoseamque etiam ejtrancos; a tal segno che quando accade alienazione di qualche stabile, di qualsivoglia valore, pretendono quei naturali pagare un dritto, che chiamano decima pretii. che lo tassano a cinque carlini per qualunque alienazione. Ed essendo ciò sembrato un abuso irragionevole, s’imprese, nel 1602, l’esazione del laudemio, contro i terzi possessori, e se ne ordinarono contro di essi diversi sequestri, come apparisce dal sud. processo. Gli effetti demaniali che sono della prima specie consistono in chiusure piantate di alberi di olive, in territorj, ed in due masserie parte seminatone e parte olivetate, che in tutto sono

di capacità di tom. settecento trentanove 1|4……………………………………… tt. 739 1|4
Gli effetti decimali, che sono della seconda specie, consistono in diversi territorj, posseduti da diversi Cittadini di Lecce, Lequile, Surbo, Trepuzzi, e Squinzano, che in tutto sono della capacità di…………………………………………………..tt.3573 1|2  
Unita dunque tutta l’estenzione e capacità de’ territorj demaniali e decimali di detta Abbadia, forma in unum…………………………………………………….. tt. 4312 3|4  

E la terza specie di effetti di detta Abbadia consiste in molti piccoli annui canoni, seu censi enfiteutici perpetui, che si pagano in danaro da diversi particolari, sopra varie case di diretto dominio della medesima, site nelle Terre di Surbo e Squinzano, e sopra alcuni territorj siti in Lequile, che in unum ascendono ad ann. doc. 8.33.

La mentovata Abbadia, con detti suoi corpi ed effetti demaniali, decimali, censi, e masserie, da tempo in tempo per lo più si è data in affitto, per l’annuo estaglio metà in danaro e metà in olio; come si praticò nell’anno 1753, essendosi affittata a D. Pompeo Marone di Brindesi, per anni 6, per l’annuo estaglio in danaro di ann, doc. 1201, ed in olio mosto di annue stara 1200 misura di Lecce, trasportate a spese del conduttore nelle posture di Gallipoli; ed alle volte, non essendosi ritrovata ad affittare, si è tenuta in demanio per conto di essa S. Casa, la quale è stata solita mantenervi colà un agente, o sia amministratore per esiggere quelle rendite.

Dalli conti, che in ogni anno si rimettono alla nostra S. Casa da quello Amministratore, si rileva che coacervata la rendita per più anni, tanto in denaro che dal prezzo dell’olio, importa an. doc. 2732.12, alli quali si dà prudenzialmente il capitale alla ragione del 4 per 100, importante…. 68303

Sopra la sudetta annua rendita si paga la decima ed altri pesi fiscali, dovuti alla Regia Corte, ne’ rispettivi tenimenti ove sono accatastati i poderi“.

 

Per le note storiche, altri approfondimenti e la galleria di immagini rimandiamo all’ottimo lavoro di Brundarte, che qui si ringrazia per le foto concesse:

https://brundarte.wordpress.com/2013/11/29/abbazia-di-santa-maria-di-cerrate-squinzano-le-prima-parte/

 

[1] http://patrimonio.archiviodistatonapoli.it/asna-web/siasTo-xDams.html?theDb=asnaAutherEnti&resource=0000000542

[2] Origini, vicende storiche e progressi della Real Santa Casa dell’Annunziata. Napoli stamperia Cons. 188-3.

[3] 1552 secondo quanto riportato nel sito dell’Archivio di Stato di Napoli.

[4] https://it.wikipedia.org/wiki/Complesso_degli_Incurabili

[5] http://patrimonio.archiviodistatonapoli.it/asna-web/siasTo-xDams.html?theDb=asnaAutherEnti&resource=0000000542

[6] https://it.wikipedia.org/wiki/Abbazia_di_Santa_Maria_a_Cerrate

Un ispettore onorario per la tutela e la vigilanza degli organi a canne storici di terra d’Otranto

elsa foto

Elsa Martinelli, ispettore e gentildonna

di Francesco Greco

 

Ispettore onorario “per la tutela e la vigilanza degli organi a canne storici per le province di Lecce, Brindisi e Taranto” (prima, dal 2012, lo era della sola provincia leccese). La nomina è arrivata a dicembre 2016 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo.

Se la virtù dei grandi è la discrezione, il pudore, rifuggire dai riflettori della ribalta (atteggiamenti decisamente retrò al tempo della selfie-mania e dei social), c’è voluto del tempo a convincerla a dare la notizia.

E dunque, un altro step nella già prestigiosa carriera accademica e divulgativa della prof. Elsa Martinelli, salentina di Gallipoli, docente di “Poesia per Musica e Drammaturgia Musicale” al Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce.

Tradurre le proprie passioni in un lavoro non càpita a tutti nella vita. Elsa ha avuto questa “buena suerte” e la vive come una mission senza lesinare energie, come sanno i suoi allievi e la stessa Terra d’Otranto, che conosce e apprezza i suoi saggi in cui spesso coinvolge l’architetto Beatrice Malorgio (“Fughe”, Edizioni del Grifo, 2012).

L’incarico, onorifico, è di durata triennale e prevede la tutela, la vigilanza, la consulenza storico-musicale, tecnica e archivistica, di restauro (di tipo filologico, conservativo, funzionale ed estetico) in funzione della salvaguardia del ricco patrimonio organario delle chiese.

La prof. fa capo agli organi centrali del Ministero tramite l’ufficio periferico della SABAP (Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio) di Lecce, ora diretto dal nuovo soprintendente, l’architetto Maria Piccarreta.

Una mission, s’è detto, vissuta full time. In ambito didattico e di ricerca con volumi, saggi, articoli su riviste specializzate, atti di convegno nazionali ed extra moenia, pubblicazioni miscellanee sugli organi a canne nel Salento, due corpose monografie e numerosi contributi di studio.

La prof. Martinelli ha studiato i vari aspetti della storia del melodramma (dai costumi teatrali ai libretti d’opera), opere e protagonisti della grande opera lirica: da Vivaldi a Niccolò Piccinni, incluso il contemporaneo Nino Rota.

I profili storici e l’attività artistica di musicisti come Eriberto Scarlino, Luigi Romano, Vincenzo Pecoraro e di cantanti lirici come il tenore di grazia Tito Schipa (leccese doc, “Canto per te. Omaggio a Schipa, 2016) e il soprano Ines Martucci, inclusi corsi di iconografia musicale, la storia di bande musicali e interconnessioni fra architettura e musica.

Non male per una giovane prof. appassionata del suo lavoro. Della serie “Eccellenze a Sud”, o “Ce ne fossero!”. Chapeau!

Come un’orchidea BIANCA, poesie di Lilli Pati

lilly

di Paolo Rausa

Dalla prosa alla poesia, dal romanzo alle liriche. Lilli Pati ha esordito due anni fa con una dichiarazione d’amore. Tale è la storia narrata in ‘Il richiamo dello scrigno’, inteso come luogo in cui si conservano le perle del cuore, i tesori invisibili, quelli che troviamo in fondo all’anima e che l’autrice ci invita con discrezione ad ammirare. E ad amare. Quell’’Omnia vincit amor’ virgiliano permea la vita, i desideri, i sogni della protagonista che ora, vestale dell’orchidea bianca, inonda le pagine di sensazioni, stati d’animo, sogni, desideri, abbandoni, piaceri, voluttà, rimpianti, sempre messi in relazione con gli elementi naturali, paesaggistici, il sole, il mare, il vento ora zefiro, ora tempesta, che addolcisce o minaccia la nostra esistenza… Sensazioni di abbandono fra le braccia dell’amato a lungo sognato e che ora stringe a sé per non lasciarlo mai più, per non essere mai più lasciata. Ma quanta strada prima di arrivare a cogliere il fiore dell’innocenza perduta! Anzi non a cogliere, a bearsi del suo profumo, della sua immagine che cresce a vista d’occhio, bagnato dalla salsedine di un mare che sferza i nostri sentimenti e nel quale dobbiamo condurre la nostra navicella fluttuante. Una sessantina di liriche compongono questa nuova pubblicazione di Lilli che si pone ella stessa ‘Come un’orchidea BIANCA’, novella Proserpina – viene detto nell’introduzione – che vive nottetempo la follia delle passioni amorose. Come la dea accetta il suo sposo ma vuole vivere altre sensazioni ultraterrene, fuori terra, verso il cielo delle beatitudini dove tutto si stempera e l’amore diventa un sentimento universale che tutto abbraccia, insieme, uomini e cose. Più Venere, mi sembra, nell’Ode al mare’ laddove rinasce bella fasciata nell’abito bianco che incede sostenendo con la sua bellezza gli sguardi altrui colmi di desiderio. Diviso in due parti, il libro tratta dei ‘Frammenti di cuore e di vita’, due metà che si susseguono a ritmo incalzante senza cesura e in continuità. Talora la passione e il desiderio lasciano il tempo e lo spazio ai ricordi, alla nostalgia velata di tristezza, di rimpianto. Come il viandante che giunto nel ‘Deserto’ sembra aver smarrito la strada ed essere in preda all’arsura, così lei, anziché abbattersi, raccoglie gli sforzi e li proietta sul domani, quando raggiungerà la pace e la serenità, senza per questo rinunciare alle emozioni della vita. Fino a immaginarsi ‘Nocchiero di me stesso’ che pur nelle difficoltà della navigazione si conquista la libertà della manovra e oltrepassa la tempesta. Per quanto ‘Ala di gabbiano’ come quella di Icaro paventi l’umidità delle acque marine che l’appesantirebbero, così lei sa andare ‘Oltre’ verso il cielo, dove tutto ciò che si è perso si ri/conquista, soprattutto la condizione sovrumana di benessere oltre il piacere come unione fisica di due anime, l’atarassìa delle passioni. La poesia d’amore celebra qui i suoi fasti, ma non ignara del sentimento dolce-amaro come ha cantato Saffo, da bere sino in fondo, ebbra, sino alla stordimento, grazie ad una sana ‘Follia’ del vivere e dell’amare.

‘Come un’orchidea BIANCA’, Editrice Kimerik, Patti, 2017, pp. 74, € 12,00.

Benny Benack III dagli Stati Uniti e il suo Italian Quartet incontrano il Salento con i Bija

iQdB Edizioni di Stefano Donno con The Doors di Giuseppe Calogiuri a Salento incontra gli Stati Uniti a Taurisano

iQdB Edizioni con The Doors di Giuseppe Calogiuri a Salento incontra gli Stati Uniti OdA music fest 2nd edition

A Taurisano di scena la grande musica jazz. Benny Benack III dagli Stati Uniti e il suo Italian Quartet incontrano il Salento con i Bija. Evento speciale il 19 gennaio con la seconda edizione di OdA Music Fest. Ospite il celebre trombettista e cantante americano insieme ai Bija e al musicologo Alceste Ayroldi. Anche quest’anno a Taurisano (Lecce) torna la grande festa della musica targata OdA Officina degli Artisti (associazione artistico musicale). Nata con l’intenzione di diffondere la cultura musicale degli strumenti a ottone, OdA Music Fest nella prima edizione ha ospitato i MOYA, quartetto internazionale di tromboni arrivato da Ginevra. Quest’anno si celebra un incontro musicale ad alto livello tra gli Stati Uniti e il Salento: Benny Benack III Quartet, il giovane cantante e trombettista nato a Pittsburgh, nella Pennsylvania, accompagnato da tre musicisti del sud Italia (Giuseppe Venezia al contrabbasso, Elio Coppola alla batteria e Daniele Cordisco alla chitarra), dividerà il palco con il trio salentino dei Bija, composto da Marco Puzzello alla tromba, Francesco Pellizzari alla batteria e Gabriele di Franco alla chitarra. Nel corso della serata, le due band presenteranno i propri album con numerosi brani inediti. Appuntamento giovedì 19 gennaio alle ore 20 presso il salone “Mirella Solidoro” della chiesa parrocchiale Santi Martiri, Giovanni Battista e Maria Goretti. «Sarà uno spettacolo mirato a valorizzare la creatività della musica attraverso il virtuosismo del jazz e della world music», spiega Marco Puzzello, direttore artistico di OdA, «in programma anche un brano nel quale fonderemo i nostri due generi: le sonorità della musica mediterranea dei Bija, infatti, incontreranno quelle d’oltreoceano di Benny, evidenziando l’unicità dell’espressione musicale». A introdurre e presentare al pubblico i due progetti musicali ci sarà il noto critico e musicologo Alceste Ayroldi che guiderà il pubblico all’ascolto musicale e alla presentazione degli album.

Infine, nell’ambito del progetto OdA library verrà presentato il libro – The Doors in direzione del prossimo Whiskey bar – scritto da Giuseppe Calogiuri e pubblicato da iQdB Edizioni di Stefano Donno. Il volume racconta gli anni ’60 attraverso gli 11 brani che compongono il primo album della band capaci di levare una benda dagli occhi dell’ascoltatore che, finalmente, è libero di comprendere un retroterra artistico comune a tanti musicisti e tante band che proprio in quei colori hanno potuto trovare un humus intellettuale comune al quale attingere. Un album “The Doors” dietro cui si cela la fine di un decennio con la buia ombra del Vietnam dietro l’angolo alla quale fa da contrappunto il luccicante sole della “Summer of love”. Durante il pomeriggio ci sarà la masterclass aperta a tutti gli strumentisti e cantanti, sulla musica jazz e il canto jazz con Benny Benack III e i suoi musicisti, per info e iscrizioni contattarci sul sito www.odataurisano.it.

OdA Music Fest 2nd edition è organizzato da OdA Officina degli Artisti con la collaborazione della Consulta Giovanile di Taurisano, del Comune di Taurisano – Assessorato alla cultura, della parrocchia Santi Martiri Giovanni Battista e Maria Goretti, ACLI arte e spettacolo Lecce (resp. Raffaele Santoro), DbAudio Store Taurisano (Le), Associazione Arte in Terra, Bazù Centro Studi,

 

Benny Benack III Quartet

Benny Benack è un trombettista e cantante statunitense che negli ultimi tempi sta riscuotendo un incredibile successo internazionale per la sua notevole versatilità, ottima tecnica e padronanza del linguaggio jazz. Nel 2014 è stato semifinalista al prestigioso “Thelonious Monk International Competition” e Wynton Marsalis, in una recente intervista, lo ha indicato tra le nuove promesse del jazz internazionale. Da trombettista ha vinto numerosi premi, tra cui Carmine Caruso International Jazz Trumpet Soloist Competition (2011), National Trumpet Competition for jazz (2010), National Trumpet Guild Jazz Competition e altri; inoltre, ha ricevuto diversi importanti riconoscimenti anche per le sue doti canore. Ma la carriera di questa giovane promessa non è fatta solo di premi poiché si sta distinguendo come turnista in alcuni tra gli ensemble più richiesti nella scena musicale newyorchese. Tra queste collaborazioni c’è quella che l’ha portato al suo primo debutto per l’etichetta discografica “Blue Note Records” al fianco della pianista Chihiro Yamanaka. La sua vita è a New York dove si esibisce nei migliori club, tra cui: Blue Note, Iridium, Smoke, Lincoln Center Dizzy’s Club Coca Cola, Small’s, The Bar Next Door, Minton’s Harlem e di recente ha avuto anche l’opportunità di andare in tournee in Giappone, Russia e Ucraina. Il progetto nasce dalla collaborazione tra Benny Benack III (tromba e voce) e i musicisti Elio Coppola (batteria), Giuseppe Venezia (contrabbasso) e Daniele Cordisco (chitarra). Questi ultimi, nelle loro recenti tournee oltreoceano, hanno dato vita al quartetto con l’idea di promuovere un jazz, sì legato al mainstream, ma che comprende anche il percorso di innovazione dato vita nell’ultimo ventennio, a New York, dalla nuova generazione di musicisti legati comunque alla tradizione. Il repertorio di questa formazione verte principalmente su composizioni originali di Benack e Cordisco, di stampo hard bop, senza escludere alcune composizioni d’importanti autori ai quali Benny Benack ha reso un tributo componendone il testo.

Bija Band

La parola “Bija” nella lingua sanscrita vuol dire “seme” e rappresenta l’origine e al tempo stesso la causa di tutte le cose. È la vibrazione, il suono primordiale da cui ha avuto principio tutto. Da questa fascinazione linguistica così evocativa nasce nel 2011 il gruppo dei Bija che dà vita a un trio atipico formato da chitarra elettrica, tromba e batteria con l’obiettivo di mettere in discussione l’idea stessa di orchestrazione e di arrangiamento. Il risultato è una scrittura eclettica e fantasiosa che pesca dai diversi ambienti musicali frequentati dai tre, dal rock alla classica alla world e ovviamente al jazz. I Bija sono composti da Gabriele di Franco (chitarra e loop), Marco Puzzello (tromba e flicorno) e Francesco Pellizzari (batteria e percussioni) La loro musica è un’attitudine postmoderna all’arrangiamento che si manifesta in chiaroscuri espressionistici, melodie narrative, tempi dispari e suoni caldi. Nel maggio 2012 vincono il premio della critica al B-LIve contest, a giugno vincono il Soundslices contest 2012 e vengono selezionati fra artisti di tutto il mondo come finalisti per i concorsi internazionali del Jimmy Wood Award ‘12 e per il Nicola Tiberio Award ‘12. Nel luglio 2012 sono ospiti di Otranto Jazz Festival e ad agosto vincono il primo premio come band rivelazione dell’anno 2012 al Jazzup Festival diretto da Greg Burk. Nel marzo 2013 sono finalisti al concorso Italia Wave Band 2013 e condividono il palco con i ModenaCityRamblers. Nell’autunno 2014 esce il loro primo album (SLAM production).

Associazione OdA Officina degli Artisti

Diretta artisticamente da Marco Puzzello, giovane e brillante trombettista di Taurisano, è un’associazione di musica e arte inaugurata il 23 novembre 2013 dove si tengono numerosi corsi: canto, tromba e ottoni, pianoforte, chitarra classica ed elettrica, basso elettrico, sax, scrittura creativa, canto rap, armonia e storia della musica, musicoterapia. Tra le numerose attività che si svolgono ci sono il cineforum, jam session, masterclass, corsi di artigianato, presentazioni di Cd e libri. Sorge in un ambiente profondamente simbolico, un’officina meccanica, quasi a evidenziare che laddove si riparavano motori e biciclette ora, attraverso l’insegnamento della musica, si “riparano” le asprezze della vita, si educa al bello, si accende la passione e il gusto per l’arte. Un luogo dove la musica è sempre al di là, irraggiungibile, eppure sempre dentro di noi, presente, operante, viva. Un luogo che rende felice chi può comunicarla ancora con pienezza e felice anche chi soltanto può tendersi a riconoscerla, a ripensarla, a far sentire che esiste.

INFO – Antonio Sanfrancesco

+339 6248282 / antonio.sanfrancesco@gmail.com

Al giro di boa, su rotta 75

2017

di Rocco Boccadamo

 

Non per mero vezzo, ma del tutto spontaneamente, così mi viene di appellare, beninteso con ovvio riferimento soggettivo, il compimento dell’almanacco 2016.

Tuttavia, con pari schiettezza intellettuale, devo subito annotare che la cospicua cifra, integrante in senso anagrafico l’intestazione di queste note, non è da me avvertita alla stregua di un fardello che genera o deve necessariamente dar luogo ad ansimi e sospiri e/o come un campanello d’allarme di fronte a perigli e acciacchi ineludibili e inevitabili e/o come un avvicinamento al “fu” (passato a migliore vita).

Infatti, riguardo al progressivo assommarsi di primavera dal lato anagrafico, è da un pezzo che, dentro, vado dicendomi che io, ragazzo di ieri, sono, in fondo, senza età.

I giorni e le stagioni mi scorrono accanto leggeri, a ogni dischiudersi degli occhi, come pure durante l’ammirazione stupita, verso ovest, dei rossi tramonti salentini, mi sembra di registrare una conquista, di essere beneficiario di un prodigio.

In tal guisa, adesso, si succedono, dunque, i miei scalini esistenziali.

Di siffatta visione e del mio personale convincimento, ho di recente reso confidenza alla cara amica Giuliana, invero un po’ meno “ragazza di ieri” rispetto a me, e mi è sembrato che lei, sorridendo con la sua consueta dolcezza, annuisse e concordasse.

In tema di anni, capita sovente che mi si accostino pensieri e piccole riflessioni sulla circostanza che mio padre se n’è andato a pochi passi (mesi) dagli ottanta; mentre, il suo  genitore, ossia mio nonno Cosimo, classe mille ottocento settantanove, arrivo fino al mille novecento ottantadue, dunque, con un bagaglio di oltre centodue primavere.

Ad ogni modo, non mi pongo neppure minimamente l’idea di elaborare termini di paragone o di congetturare scadenze alla luce dei suddetti riferimenti al livello di predecessori famigliari.

Del resto, come prima ricordato, sono uno senza età.

Ritornando brevemente alla figura dell’avo paterno ultra centenario, la mia amica Alba, nata da una Boccadamo, ha appena voluto gentilmente inviarmi l’albero genealogico, da lei realizzato con paziente lavoro di ricerca, concernente un determinato ramo della gente marittimese portante tale cognome.

In conclusione, per quel che la riguarda e, allo stesso modo, mi concerne, così come mio nonno Cosimo e il suo, Costantino, erano primi cugini, i rispettivi bisnonni, Generoso Silvestro e Antonio Maria, vantavano il legame di fratelli.

Grazie di cuore, Alba, per l’originale è prezioso documento, amabilmente passatomi.

Ecco, in estrema sintesi e secondo gli aspetti e le vicende essenziali, come si è rivelato e dipanato il 2016, sia nel mio sentire, sia sotto l’aspetto di concreto coinvolgimento.

Riprendendo il titolo, nella sfera del mio mondo più prossimo, famigliari e altre persone vicine, paragono il 2016 a una sorta di gerla (è la seconda volta che mi scorga quest’accezione), invero assai affollata di avvenimenti, per di più dai colori diversi e anche opposti e contrastanti.

In primo piano, purtroppo, non sono mancati problemi di salute: ove, fortunatamente, risolti e superati, ove, tuttora presenti sulla scena, con sfide che continuano. Di riflesso, confidenze e consuetudini con figure specialistiche e strutture addette ai lavori.

Una serie di prove, insomma, e non liete, rispetto alle quali, tuttavia, c’è una costante diffusa: la ragionata consapevolezza dei protagonisti chiamati a farsene carico, che il primo rimedio o presidio curativo si trova in loro stessi, nella loro volontà e determinazione di non rinunciare e, anzi, di tentare sempre.

Carichi di preoccupazioni su più versanti, insomma, e, però, con relativi pesi alleviati dalla gioia e dal piacere di vedere crescere, sane e belle, le giovanissime leve famigliari, idealmente frutti dei campi esistenziali che noi adulti abbiamo cercato di creare e coltivare al meglio.

Come dire, tirando le somme, preoccupazioni ma anche consolazioni autentiche.

Frattanto, prosegue la rotta del ragazzo di ieri, a 360 gradi, con o senza la barchetta a vela dondolante nel porticciolo e/o filante sulle distese che fronteggiano le amate scogliere.

acquaviva-marittima-salento-spiaggia-caletta

L’altro ieri, nel primo pomeriggio, sotto una temperatura rigida per queste plaghe e nella vivacità dei soffi di tramontana, ho compiuto una puntatina a Castro, mio conclamato luogo dell’anima, al pari dell’insenatura “Acquaviva” e della natia Marittima.

Bevuto un caffè ritemprante allo “Speran” sulla piazzetta, dietro il bancone tre carinissime ragazze di cui una moldava, ho imboccato lo scalo delle barche per l’immancabile occhiata di fine anno al vecchio e al nuovo porticciolo.

In una delle grotte che si trovano da secoli scavate nei lastroni di roccia sulla sinistra della discesa, ho trovato il giovane amico Luigi S., pescatore e artigiano tuttofare e, d’estate, “barquero” (socio della cooperativa che gestisce lo stazionamento delle imbarcazioni da diporto), in compagnia di Nzino, quest’ultimo quasi mio coetaneo, il quale stava sistemando il suo conzo in un grande cesto di vimini. Alla mia domanda se si accingesse a calarlo, Nzino ha risposto  di no, “l’ultima volta l’ho fatto prima di Natale”. Poi, l’uomo è di getto passato a ringraziarmi sentitamente e calorosamente per il dono, ricevuto a casa, del mio libro “A Castro con il cuore” ed è stato per me assai gratificante sentirmi da lui definire “u meiu casciaru” (il migliore degli abitanti di Castro).

Quando, io, ho visto i natali non a Castro, bensì nella contermine località di Marittima.

A un certo punto, è arrivato anche Nino, il mio mitico pescatore di saraghi, nella circostanza, però, vestito non da lavoro ma con abiti di festa; con il suo abituale sorriso, “ad aprile saranno novantatré” mi ha confidato, non senza aggiungere, a seguire, “anche a me è arrivato il tuo libro, grazie”.

Proseguendo, sulla banchina interna lato mare del porto nuovo, ho scorto tre persone, Antonio, comandante della “chianci” (barca consortile), Luigi S. e un’altra di cui non conosco o ricordo il nome, impegnate in una conversazione ad altissimo volume, vertente sul numero di reti o altri strumenti calati in mare e anche sui rispettivi più recenti risultati in fatto di pescato.

Oltre la diga foranea, mentre sulla distesa liquida si palesavano nitidamente i segni della tramontana, in barba ad essi, Antonio S., pure lui, d’estate, “barquero”, sul suo battello calava a più riprese e, con l’ausilio del “salpa rete”, tirava su il lungo attrezzo di pesca a maglie.

Dopo, ho scelto di restarmene per un po’ seduto al sole e riparato dagli spifferi della tramontana a ridosso dell’alto muraglione verso nord.

Lì, via ancora a snocciolare pensieri, ricordi, esperienze, incontri, storie, immagini, un rosario di tasselli di umanità e dintorni dei più svariati.

Il congedo da quel luogo tanto caro è stato sereno e all’insegna del sorriso e accompagnato, altresì, dallo scontato proposito di presto ritornarvi.

Finendo, statti bene e lungo sonno, 2016, nonostante tutto, senza rancore; quanto a te, anno nuovo, ti aspetto e, mi raccomando, sii buono e bravo!

Un mare di auguri a tutti.

Libri| Luca e il bancario

Copertina 2016_colore:Coprtina Il geco (boccadamo)

E’ appena  uscito, per i tipi di Spagine Fondo Verri Edizioni, il nuovo libro del giornalista e scrittore salentino Rocco Boccadamo “LUCA e il BANCARIO”, tredicesima raccolta di narrazioni  avente, al pari delle precedenti, il sottotitolo di “Lettere ai giornali e appunti di viaggi”. Prefazione di Ermanno Inguscio e postfazione di Giuliana Coppola.

Una sintesi profonda, puntuale e indicativa sull’ultimo lavoro di Boccadamo è offerta, in particolare, dalla postfazione di Giuliana Coppola, il cui testo si riporta di seguito:

“Sono arrivato al mondo una grossa gerla di calendari fa…”, pagina di diario 20 gennaio 2016.

Una “gerla” la vita; trovo inaspettato questo segno linguistico e mi fa tenerezza; la “gerla” appartiene a infanzie lontane, al passaggio di generazioni, al passo lieve di una Befana che scendeva da camini; si usa così poco oggi e invece è vocabolo denso di significato, così misterioso, stracolmo di speranze, di doni, di sorprese, di scoperte. Questo succede  quando ci si accosta alla gerla di Rocco. Si può attingere a piene mani e scoprire e ritrovare quello che ciascuno in cuor suo desidera.

Ed ecco la sorpresa… scopro che il narrastorie di mia conoscenza è stato anche e soprattutto bancario, il bancario Rocco Boccadamo; lo scopro nella pagina di diario 13 novembre 2015; ma prima scopro l’esito di un diploma con “tutti numeri tondi” e immagino occhi di padre a scrutare quadri e batticuore di diciannovenne che scruta volto di padre e quadri con impresso l’esito degli esami. Penso – e mi ritorna batticuore – che allora si studiava molto anche per non deludere padri e si sceglieva, sempre per non deludere alcuno, anche il lavoro che si afferrava subito in quei magici anni sessanta; onorava soprattutto il merito, eppure sembrava a portata di mano. E’ a volo d’uccello il racconto di Rocco sul periodo che intercorre da luglio a settembre del 1960; rapido il  ricordo di quei mesi, un salto dalle aule scolastiche alla scrivania della banca per iniziare “l’avventura di bancario che mi avrebbe coinvolto e avvinto per l’intera vita lavorativa”. Una nota di nostalgia ad inizio del viaggio per un collegio, il Berenini di Parma, che da matricola si abbandona perché il lavoro già attende, il primo giorno con le stesse attese e le stesse ansie del primo giorno di scuola, i primi alloggi e il primo stipendio…. l’inizio è così ma poi si va, gerla sulle spalle; segue Rocco da città a città mentre sale il  suo personale cursus honorum, mentre, passo dopo passo, conquista forza e fiducia; assapora il senso della realtà quotidiana non sempre facile da reggere, perché così densa di impegni e responsabilità; i colleghi, gli amici, i funzionari, i direttori, i superiori, i piccoli grandi gesti di amicizia condivisa, le contromarche di don Titino e l’orologio di Gino, le fisse di clienti da non deludere mai, la puntualità da rispettare, le attese di chi ripone in te fiducia…la gerla va su e giù per l’Italia, testimone e complice d’una vita da bancario, diventata oggi pagina di diario che racconta e descrive, coglie particolari di “sfumatura cromatica”, di un “fumo” traditore, di un ritardo, di un orologio che funziona a modo suo, di una libreria a Taranto lì dove c’era la prima sede di lavoro, un cerchio che si chiude. “Per coincidenza o ideale destino parallelo: una “vecchia” banca, ora sommersa dal mondo dei libri, come pure, un ragazzo di ieri, già giovanissimo bancario, anch’egli, ora, vicino e collegato al mondo dei libri”.

Certo, al mondo dei libri… perché un libro, a suo modo, è una gerla; oggi ha il passo di Luca, mentre s’apre il grande abbraccio, profumato di verde, di mare e di campagna, di volti e di storie che si ritorna a carezzare; ogni pagina una carezza su ricordi; quelli che non si assopiscono mai, che vanno e vengono come le onde luminose d’Acquaviva, che riemergono sempre; pagine di diario che sono pagine di biografia; Itaca attende, di Itaca si ritorna a raccontare; il passo cadenzato di Luca, così diverso, così fuori dalla norma, ha il ritmo della voce narrante delle comari, di quelle che, all’angolo delle strade o sugli scalini delle case, o all’uscita della messa, o lavorando a maglia, raccontavano…. Che c’era una volta un asino e c’erano una volta donna Elvira e comare Meris, sì c’era anche comare Meris e c’erano e ci sono proprio tutti i protagonisti di quest’angolo di Salento-Itaca che ormai, grazie alla scrittura di Rocco, ci appartiene; e c’è il miele dolcissimo delle api operaie di Vitale, li, a Torre Lupo, dove se soffia maestrale, fuggono via anche le ombre.

Ecco, delicatezza e dolcezza di storie che ritornano e oggi, ad ascoltarle, si è posata, tranquilla una rondine; un volo mentre in chiesa si celebra il saluto a chi non c’è più su questa terra, una sosta per non disturbare e poi via di nuovo.

Le metamorfosi esistono o no? Io credo che esistano; in questo momento, grazie a una rondine che si posa, ne sono ancora più convinta; le rondini ritornano, per raccontare ancora, d’una gerla che va sulle spalle di chi ha ancora tanta voglia di osservare, fissare immagini, specchiarsi nella umanità vera e nella natura che ci appartiene e poi raccontare, scriverne e comunicare.

E’ tornata anche una lucciola; è la speranza, sottolinea Rocco; certo che è la speranza; “lumicino tra l’azzurro e il verde… sommessamente luminoso nello scuro notturno, ha il significato di un ideale faro di speranza” per Rocco che lo regala a tutti.

Esistono le metafore? Ma certo che esistono. Basta crederci soltanto un po’ e affidarsi al miracolo della scrittura e della lettura.

Nardò. Una discutibile rampa a ridosso della chiesa dei Paolotti

di Marcello Gaballo

E’ stato subito allarme generale tra la popolazione più sensibile nel rilevare la rampa per i diversamente abili realizzata in questi giorni a ridosso del prospetto laterale della chiesa di San Francesco da Paola, nota come “Paolotti”, su Via Roma, nelle vicinanze del Castello e Municipio.

1

Il progetto, in cantiere da diversi anni, ha trovato i nulla osta necessari da poco tempo, tanto da consentire l’avvio dei lavori per la realizzazione della rampa, al fine di eliminare le cosiddette barriere architettoniche, e il rifacimento del piazzale antistante.

Nessun commento o parere per la sistemazione di quest’ultimo, che non mi compete e che saranno i cittadini a giudicare se in sintonia con il luogo e la storia del posto. Su questo comunque si affacciano il convento secentesco dei frati Paolotti, una attività commerciale (su preesistenze dell’antico convento) e la facciata della chiesa con la sua scala (degli inizi del secolo scorso).

Fatto salvo ogni rispetto e sempre auspicata la giusta attenzione per chi trova difficoltà motorie per accedere al luogo di culto, tuttavia è inevitabile porsi il dubbio se in questi casi occorre venire incontro alle necessità del diversamente abile o privilegiare la tutela e la conservazione dell’immobile, in tal caso deturpato nel suo aspetto esteriore a causa della costruzione che si sta effettuando a ridosso della chiesa. In parole povere, si deve tutelare il monumento o la persona?

2

Si è ben consapevoli che gli edifici di culto (chiese, moschee, sinagoghe o qualsiasi altro ambiente destinato al culto) devono essere visitabili o perlomeno prevedere una zona riservata facilmente accessibile per assistere alle funzioni religiose, come previsto dall’art. 3 del D.M. LL.PP. 236/1989). La normativa vigente prescrive, infatti, per i luoghi di culto il requisito della visitabilità. Ma è anche vero che l’art.19, comma 3, del D.P.R.503/96 recita: “la deroga è consentita nel caso in cui le opere di adeguamento costituiscono pregiudizio per valori storici ed estetici del bene tutelato; in tal caso il soddisfacimento del requisito di accessibilità è realizzato attraverso opere provvisionali ovvero, in subordine, con attrezzature d’ausilio e apparecchiature mobili non stabilmente ancorate alle strutture edilizie. La mancata applicazione delle presenti norme deve essere motivata con la specificazione della natura e della serietà del pregiudizio”.

5

Non voglio addentrarmi nello specifico, perché vi sono gli specialisti della materia che sanno bene cosa può essere fatto e cosa va evitato, vista anche l’abbondante letteratura in merito.

Nel caso specifico, fermo restando che non so quanti diversamente abili abbiano effettiva necessità di accedere proprio in quella chiesa, avrei immaginato una soluzione diversa. Mi viene in mente un’apparecchiatura mobile di limitate misure sul lato opposto della facciata o, più semplicemente, un accesso riservato ai soli impossibilitati dal retro della chiesa, in corrispondenza della sagrestia, da dove accede il parroco o altri parrocchiani.

La doppia rampa, posta sul già ridotto marciapiede (le foto sono eloquenti) mi pare di ostacolo ai pedoni. E dunque potrebbe nascerne un altro problema, che saranno i tecnici ad affrontare.

Lungi dalla polemica, anche perché conosco bene l’amico direttore dei lavori e il parroco, questa mia è solo per augurare una revisione immediata del progetto (mi riferisco alla sola rampa), studiando soluzioni alternative che comunque impediscano quelle non stabili, addirittura ancorate all’edificio settecentesco.

L’appello perciò al parroco e al consiglio pastorale, che immagino hanno voluto e predisposto questa soluzione, affinchè pensino a situazioni reversibili o ad una piattaforma elevatrice o ad altre soluzioni che i tecnici ben conoscono e che non dovrò certamente qui indicare. Purchè non siano contraria alla conservazione, al decoro e alla visibilità della Chiesa, quindi con pari dignità di rispetto per l’immobile e per tutti i possibili fruitori della chiesa.

Giuseppe Greco e le sue poesie in lingua salentina di Parabita

‘Sciòscia, matreperle te pansieri, poisie’ di Giuseppe Greco

 giuseppe-greco

di Paolo Rausa

Un minuscolo ma intenso libretto raccoglie una trentina di poesie scritte da Giuseppe Greco per lo più in lingua salentina di Parabita, prossima al mare di Gallipoli. Ci conosciamo da parecchio tempo con Giuseppe, da quando iniziarono un po’ per passione un po’ per esibizione le letture di poesie al Circolo Nautico di Santa Cesarea Terme, almeno da dieci anni. Avevo ripubblicato in una nuova edizione dal titolo ‘Terra mara e nicchiarica’ (Terra amara e desolata) alcune poesie che mio padre Fernando aveva scritto in lingua salentina di Poggiardo e pubblicato poco prima della sua morte, nel 1977. D’estate sullo sperone del Circolo, rimirando le stelle e il luccichio del mare ci abbandonavamo ai sogni sotto forma di parole. Un abbandono sensuale, profumato di salsedine e della linfa dei pini, mentre il vento suggeriva parole poetiche da uno all’altro dei convitati, quasi fosse un simposio a cui poeti e artisti salentini partecipavano con le loro immagini sussurrate o dipinte. Serate di grande compartecipazione emotiva.

Giuseppe con le sue poesie dettate dal cuore di artista si inerpica su nel cielo cullandosi sulle onde del mare prospiciente, con uno sguardo ora voglioso ora velato rivolto alla luna, contornata di stelle. A lei Giuseppe affida gran parte delle sue liriche come testimone muta e dolente delle vicende umane che il poeta espone in quadri dipinti di colori. Come Astolfo sull’ippogrifo Giuseppe ci conduce a visitare i solchi sul pianeta caro ai romantici e le ampolle delle menti umane avviluppate dai sogni. I suoi versi, armoniosi e suggellati dalle visioni sovrumane, centellinano le parole, scelte come note a comporre un quadretto, una sinfonia, dove ogni elemento visivo e sensitivo partecipa per esprimere lo stato d’animo del poeta, colmo di meraviglie, leggero come le comete, gli aquiloni, un sentimento appena accennato, la visione di lei trasfigurata in un fiore, in un colore, nella luce, nello sciabordìo delle acque ad indicare pena, risucchio, amore, ricerca di amore, mancanza di amore. Situazioni, alla ‘mpete, a piedi, creano visioni, desideri, che si sperdono nell’immaginazione del creato dove ogni elemento rende l’immensità e la meraviglia, lo stupore delle nostre visioni…

Giuseppe Greco, artista, scenografo, docente, si misura con lo strumento linguistico come il pittore, dosa i colori-parole, li espande come note che risuonano, crea armonie, piaceri, ascolti, situazioni indelebili che trapassano dagli occhi al cuore e viceversa.

Sensazioni e palpitazioni che ci sommergono di meraviglia ogni volta che leggiamo un verso, ogni volta che Giuseppe si approssima sul palco per cantare la canzone della vita, dolce, sommessa e carica di passione amorosa. La prossima presentazione alla Casa di SilLa a Taviano (Le).

 

Dell’origine, sito ed antichità della Città di Nardò. La ristampa anastatica a cura di Massimo Perrone

Dell’origine, sito ed antichità della Città di Nardò”, del 1735

Ristampa anastatica arricchita da preziosi contributi

Le origini di Nardò secondo Tafuri

 

In Cattedrale il 10 dicembre la presentazione del volume

con interventi di Alessandro Laporta e Sandro Barbagallo

copertina

Si terrà nella Cattedrale di Nardò, in Piazza Pio XI, sabato 10 dicembre 2016, alle ore 19,30, la presentazione della ristampa anastatica del libro “Dell’origine, sito ed antichità della Città di Nardò”, di Giovan Bernardino Tafuri, a cura di Massimo Perrone.

All’incontro porteranno il loro saluto il Vescovo della Diocesi di Nardò-Gallipoli Mons. Fernando Filograna e il Sindaco di Nardò Giuseppe Mellone. Oltre a Perrone, saranno presenti Alessandro Laporta, direttore emerito della Biblioteca Provinciale “N. Bernardini” di Lecce, Sandro Barbagallo, curatore delle collezioni storiche dei Musei Vaticani e direttore del Museo del Tesoro della Basilica di San Giovanni in Laterano e Mons. Giuliano Santantonio, parroco della Cattedrale di Nardò e direttore dell’Ufficio diocesano per i Beni culturali e l’Arte sacra.

  

  • RISTAMPA ANASTATICA DEL VOLUMETTO DEL 1735

La ristampa è una fedele riproduzione dell’opera del Tafuri apparsa nel raro libretto “Raccolta d’opuscoli scientifici e filologici”, tomo XI, pubblicato a Venezia nel 1735, fonte preziosa e insostituibile per una ricostruzione della società e dell’urbanistica neretina prima del terribile terremoto del 20 febbraio 1743. Giovan Bernardino Tafuri, dunque, nonostante sul valore delle sue opere la discussione sia vivace tra gli studiosi, ha dato un contributo unico con i suoi numerosi scritti che meritano di essere divulgati anche a distanza di secoli.

 

  • UN’EDIZIONE ARRICCHITA DA CONTRIBUTI PREZIOSI

Massimo Perrone, dottore commercialista, appassionato di cultura locale e della storia della Chiesa e delle sue istituzioni, ha attinto alla collezione personale per contribuire all’appassionante indagine storica e letteraria sulle origini di Nardò, arricchendo la ristampa dell’antico volume con i contributi di Laporta e Barbagallo, due autorevoli studiosi, le cui analisi aiutano a comprendere il lavoro del Tafuri, fornendo interessanti spunti per approfondimenti e nuove indagini.

La pubblicazione propone inoltre in copertina un acquerello inedito, riproduzione a colori di un’antica veduta di Nardò, realizzato dal fiorentino Giovanni Ospitali, recentemente scomparso. è, questa, una delle tre tavole fuori testo allegate all’opera originale, insieme alla moneta che raffigura San Michele Arcangelo e alla pianta della città. Il volume, fuori commercio, è stato stampato dalla Tipografia Biesse di Nardò.

 

SANDRO BARBAGALLO, curatore delle collezioni storiche dei Musei Vaticani e direttore del Museo del Tesoro della Basilica di San Giovanni in Laterano. Storico dell’arte, ha collaborato ad alcune grandi mostre organizzate dal Complesso del Vittoriano di Roma (Manet, Bonnard, Matisse) e curato monografie di artisti contemporanei (Baj, Tilson, Weller). Dal 2008 scrive di critica d’arte su “L’Osservatore Romano” e, come corrispondente dal Vaticano, su “Il Giornale dell’Arte”. Dal 2012 lavora per la Direzione dei Musei Vaticani dove ha riqualificato il Padiglione delle Carrozze, ha curato l’allestimento della Galleria dei Ritratti dei Pontefici e dell’appartamento privato del Santo Padre nel Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo, che ha visto, tra l’altro, lo storico incontro di Papa Francesco con il Papa Emerito Benedetto XVI, recentemente aperto al pubblico. È autore di diversi libri editi da Libreria Editrice Vaticana, Utet, Ed. Musei Vaticani, Ed. Focus storia.

 

ALESSANDRO LAPORTA, direttore emerito della Biblioteca Provinciale “N. Bernardini” di Lecce. Già docente di “Storia della stampa e dell’editoria” presso la facoltà di Beni Culturali dell’Università del Salento, vice presidente della Società Storica di Terra d’Otranto, socio della Società di Storia Patria per la Puglia e del Centro Studi Salentini. Ha redatto le prefazioni a oltre 50 libri di autori salentini e attualmente sta curando la ristampa dei “Successi dell’armata turchesca nella città d’Otranto nel 1480”, che non è solo il primo libro in assoluto pubblicato nella provincia di Lecce, a Copertino nel 1583, ma è stato uno dei testi base che ha portato alla santificazione dei Martiri d’Otranto.

 

MASSIMO PERRONE, dottore commercialista, ha conseguito il diploma di Archivistica nella Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica presso l’Archivio Segreto Vaticano e ha pubblicato diversi contributi in miscellanee e riviste specializzate. È Grand’Ufficiale dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e ricopre dal 2012 la carica di Preside della Sezione Salento Lecce – Brindisi.

San Lorenzo da Brindisi e la battaglia di Albareale

6 dicembre 2016 – Inizio ore 17.30. Accoglienza ore 17.15.

Chiesa della Santissima Trinità o Santa Lucia (Via Santa Lucia, Brindisi)

XX Colloquio Laurenziano

San Lorenzo da Brindisi e la battaglia di Albareale

Presentazione del volume di A. Di Napoli,  La storia si fa preghiera. Litania pro serenissimo rege Maximiliano 2. contra Turcas (1566)Bari: Aurora Serafica, 2016

s-lorenzo-da-brindisi

 

È impossibile alla parola umana ridire cose che il cuore può appena intuire.

Santa Teresa di Lisieux

 

L’iconografia laurenziana, come ebbe a rilevare Alberto Del Sordo in un suo scritto del 1959, rappresenta molto spesso Lorenzo da Brindisi sul campo di battaglia  mentre incoraggia i Cristiani a resistere e a combattere contro l’esercito ottomano, che  aveva invaso le terre d’Ungheria. Gli agiografi furono particolarmente colpiti da quel singolare episodio, collocato  quasi al centro della vita di Lorenzo e conseguentemente l’eroico cappuccino è  rappresento quasi come un generale alla testa del suo esercito  che, « Christiani nominis hostes, erecta Cruce, deterret ».  La vittoria, della quale Lorenzo da Brindisi era stato protagonista  arrise alle forze cristiane e ad Albareale, l’odierna Székesfehérvár, città fortificata nella bassa Ungheria ove s’erano incoronati i sovrani magiari, nell’ottobre del 1601, si ripeteva, dopo 30 anni, il miracolo del 1571 a Lepanto.  Quella figura di frate combattente rappresenta, però, soltanto un aspetto della personalità di Lorenzo da Brindisi, che insigni studiosi hanno cercato di mettere in luce.

 

Benedetto Croce ne tracciò un vivido profilo in  Vite di servi di Dio di beati e di santi napoletani. “Il  venerabile, e poi beato e poi santo, Lorenzo da Brindisi (1559-1619), che fu generale dei cappuccini, [… ] assai avrebbe da raccontare delle faccende politiche che maneggiò in varie parti d’Europa [… ]. Papa Clemente VIII lo mandò, tra l’altro, nel 1596, a richiesta dell’imperatore Rodolfo II, con tredici cappuccini a impiantare il loro ordine in Boemia, in Moravia, in Austria, in Ungheria, e a combattere gli eretici e convertirli. Le minacce, i maltrattamenti, le aggressioni, le insidie, che patirono dalla parte avversa, non li trattennero dall’aprire case cappuccine, nonostante che si riuscisse a far sì che venisse meno o vacillasse la protezione a loro promessa dall’imperatore, il quale era infermo di nervi, e perciò impressionabile e mutevole: sicché fu più di una volta sul punto di farli scacciare dai suoi stati. Un astrologo, che era alla corte dell’imperatore, che di astrologia si dilettava, vibrò, al dir del biografo, un grosso colpo, perché, dopo averlo persuaso del pericolo rappresentato da quei frati, scelti dal papa tra i più scaltri per usarli da spioni, dopo avergli rammentato che un frate, Jacques Clément, aveva pur testé assassinato Enrico III di Francia, gli promise di dargli presto una prova della minaccia che gli stava sopra. Fece in effetto dipingere un quadretto con l’ immagine dell’imperatore in mezzo a due frati armati di pugnali, e, andato a visitarlo e invitatolo a guardar fiso in uno specchio senza distornar la testa, levò a poco a poco il quadretto dietro le spalle di lui e fece riflettere la scena nello specchio, e l’imperatore vide e sbigottì e mandò subito all’arcivescovo di Praga l’ordine dello scacciamento dei cappuccini, che l’arcivescovo non eseguì preferendo di andar esso via da Praga. Intanto, – narra sempre il biografo, – l’astrologo o astronomo, lieto dell’effetto ottenuto, tornò alla sua casa, che era poco lungi dal convento dei cappuccini, e mangiò di buon appetito; senonchè, subito dopo il pasto, al pari di Giuda, crepuit medius et diffusa sunt omnia viscera eius: terribile castigo del cielo, che salvò i frati e produsse la conversione di un nipote dell’astrologo maledetto. Il quale, nativo, com’e detto, di Danimarca, chiamato presso Rodolfo II e in fama di peritissimo, s’identifica facilmente e sicuramente col gran Tycho Brahe, che del resto altre biografie nominano per espresso. Ma c’è un intoppo alla fanciullesca storiella architettata e propalata: che il fatto sarebbe accaduto ne1 1596 e Tycho Brahe si recò a Praga nel 1599 e colà mori nel 1601, alcuni anni dopo che fra Lorenzo era partito per altri lidi. Poi il nostro frate ricevé invito dall’imperatore a seguire l’esercito, comandato dall’arciduca Mattia, che andava in Ungheria alla guerra contro Maometto III, e ad assistere i soldati cattolici, al che il papa dié il consenso. Erano (racconta il biografo) non più di ventimila gl’imperiali e ottantamila i Turchi; ma, attaccata una grande battaglia, ecco fra Lorenzo che  monta a cavallo disarmato, e, precedendo a tutti, vibrava colla sua croce il segno di essa contro le palle delle artiglierie e dei moschetti spiccate dai Turchi a danno dei cristiani, e fu prodigio evidente che que’ globi di fuoco o tornarono indietro o morti a mezz’aria non ne penetrò un solo a offender gl’imperiali, li quali nel medesimo tempo facevano con l’armi proprie grande strage dei lor nemici, a segno che di questi ne caddero uccisi sul campo in diverse scaramucce e battaglie da trentamila e dei Cesarei solamente trenta soldati ordinarii, e forse tutti eretici, li quali ricusarono d’invocare il santissimo nome di Gesia conforme al consiglio suggerito ad ognuno dall’uomo di Dio. Questa prodigiosa vittoria, dovuta a fra Lorenzo, sarebbe accaduta ad Albareale, che i Turchi sgombrarono abbandonando tutto il loro bagaglio. Fra Lorenzo  non fu mai lasciato da gran principi quietare lungo . tempo nella solitudine dei suoi monasteri; ma, inviato più di una volta da Roma nella Germania, di qua in Ispagna, dalla Spagna fu fatto ripassare in Germania, nella Baviera e in più luoghi d’Italia per collegare o tenere uniti quei potentati a protezione e riparo del mondo cattolico dalla pestilenza dell’eresia, con quanti sudori, strapazzi, affanni della sua vita, Iddio lo sa, ed ognun lo può dedurre dall’aver egli contratto quella gravezza di gotta che lo teneva spesso immobile ,per lungo tempo a letto. Ma molti affari anche trattò, oltre quelli in cui interessi politici e interessi religiosi si mescolavano, e, per esempio, fu l’intermediario della pace tra il duca di Savoia e il governatore di Milano don Pietro di Toledo e persuase il duca di Mantova a restituire un feudo, che ingiustamente deteneva e che spettava a un gentiluomo dell’imperatore Rodolfo. E un negozio politico della città di Napoli fu l’ultimo che trattò e nel corso di esso morì, perché, essendo venuto a Napoli nel 1618 per recarsi a Brindisi, fu fermato dal contrasto che si era acceso tra i nobili, il popolo e il viceré duca di Ossuna e dai nobili inviato a rappresentare la città presso il re Filippo III, con molto dispetto del viceré che avrebbe posto impedimento a quell’ambasceria se il frate non fosse stato da alcuni nobili secretamente trafugato da Napoli e condotto a Genova, dove s’imbarcò per la Spagna. Ma, in Spagna non trovò il re, che si era recato nel Portogallo, ed egli gli tenne dietro a Lisbona, e da lui fu ascoltato in cinque udienze, finché, aggravatasi la sua infermità, mori in quella città nel 1619, a sessant’anni.

 

Indirizzi di saluto

Alfredo Marchello

Ministro Provinciale Frati Minori Cappuccini di Puglia

 

Interventi

Antonio Mario Caputo

Centro Studi per la storia dell’Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni

 

Ruggiero Doronzo ofm cap

Direttore della Biblioteca dell’Istituto Teologico Santa Fara,  Bari

 

Vito Petracca

Latinista. San Cassiano di Lecce

 

Conclusioni

S.E. Mons.Domenico Caliandro,

Arcivescovo di Brindisi – Ostuni

 

Coordina e introduce i lavori

Giacomo Carito

Responsabile Cattedra Laurenziana, Brindisi

 

Sarà presente l’autore del volume, edito in occasione del 90. anniversario della titolazione della Provincia dei cappuccini di Puglia a s. Lorenzo da Brindisi (1926-2016),  Alfredo Di Napoli ofm cap. In apertura dei lavori Giancarlo Cafiero  (Società di Storia Patria per la Puglia)   darà lettura dei versi composti da Pasquale Camassa in onore di san Lorenzo da Brindisi.

Organizzazione: 

Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni.Cattedra Laurenziana

Società di Storia Patria per la Puglia. Sezione di Brindisi

Aderisce all’iniziativa l’associazione “San Lorenzo da Brindisi”.

Eventi nell’ipogeo Bacile – Teatro Sotterraneo a Spongano

Con i primi due incontri di “Per adesso resto nel Salento” presso il Castello di Corigliano D’Otranto e Sante Le Muse – agriturismo a Morciano, La Scatola di Latta continua a crescere e a navigare tra storie di imprese, associazioni resilienti, ascoltando con piacere le numerose storie di ritorni ed esperienze dirette, conoscendo le realtà che animano il nostro territorio. E’ sempre più convinta che questa sia la strada giusta e vi invita ad un nuovo incontro che si terrà domenica 11 dicembre all’interno di Ipogeo Bacile – Teatro Sotterraneo a Spongano.
Già dichiarato luogo di interesse storico-artistico dalla Sovrintendenza ai Beni Artistici e Culturali di Puglia, l’Ipogeo di Palazzo Bacile ospita eventi culturali di diverse forme ed espressioni di creatività che in questo luogo ricco di storia trovano relazione e creano dialogo: esposizioni d’arte, rappresentazioni musicali e teatrali, rassegne letterarie.  Il frantoio come custode dell’anima del nostro Paese, torchio di molitura, luogo di sperimentazione e di raccolta delle idee racchiuse nella nostra terra.
Camminando nel frantoio ricco di storia, tra le ombre e le volte dolcemente illuminate, ci è sembrato di attraversare la pancia di una nave. E’ forse da qui che deriva la parola Nachìro, dal greco “padrone, conduttore della nave” nonché colui che dirigeva tutti i lavori del frantoio. E da qui “Nachìria – idee ipogee”, una nave di idee, perché tutti noi siamo nachìri: chi ha deciso di restare, di prendere in mano il proprio timone, cambiare rotta e tornare in Salento dedicando tutto il proprio tempo. Proprio come Bacile, che con “intraprendenza, impegno e intuizione” trasformò per primo il suo frantoio, lo rese funzionale e ne ricavò un olio buono, un’innovazione all’epoca. Sulle sue orme oggi Fabio Bacile immagina lo stesso frantoio come “contenitore culturale” e gli da forma passo dopo passo, una sfida per nuovi nachìri.
Domenica 11 dicembre, dalle ore 16.30 fino alle 21 l’Ipogeo si trasformerà in un “mercatino delle idee“ che accoglierà agricoltori, artigiani, artisti, associazioni e imprese. Ogni partecipante al mercatino avrà modo di esporre e presentare le proprie opere materiali ed immateriali in modo creativo.

Ingresso libero per chi porterà con sé entusiasmo, libri, strumenti musicali e idee da condividere.
Sarà presentata la mostra fotografica sulle “Grotte del Salento” a cura di Giorgio Nuzzo. L’evento rientra nella programmazione @Fortezza in Opera a cura di Salvatore Della Villa.

Per info contattateci via facebook o via mail a: scatoladilatta2014@gmail.com

A tutti gli agricoltori, artigiani, artisti, associazioni e imprese: 

PER ESPORRE E PRESENTARE LE PROPRIE OPERE O PROGETTI scriveteci o contattateci entro sabato 3 dicembre a scatoladilatta2014@gmail.com .

APS La Scatola di Latta

Custodiamo storie e sensazioni dei paesaggi, paesini e paesani del Salento. Promuoviamo azioni di CulTurismo Sociale ed Ambientale

https://associazionelascatoladilatta.wordpress.com (iscriviti alla newsletter)
https://www.facebook.com/apslascatoladilatta (clicca mi piace)

scatoladilatta2014@gmail.com  –  cell. 3395920051

 

Aradeo| Clownerie e teatro, cinema e musica, letture e incontri

Le foto sono fornite dall’ufficio stampa dei Cantieri Teatrali Koreja
Le foto sono fornite dall’ufficio stampa dei Cantieri Teatrali Koreja

 

di Tore Scuro

Clownerie e teatro, cinema e musica, letture e incontri. Dal 24 al 27 novembre, le sale affrescate di Palazzo Grassi ad Aradeo si apriranno al pubblico per “Storie d’artista a Palazzo Grassi”, un calendario di eventi d’arte e cultura a cura di Koreja, realizzati in collaborazione con il Comune di Aradeo. Dal 24 novembre l’attrattore ospiterà la residenza degli attori Carlo Durante e Riccardo Lanzarone, durante la quale visitatori e cittadini avranno libero accesso agli spazi del Palazzo Baronale. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. Info e prenotazioni: 0832.242000.

Giovedì 24 novembre (ore 20.45), in scena “Con-Tatto”, lo spettacolo di Fabrizio Campo, giovanissimo artista palermitano che incontra il mondo circense nel 2007, iniziando l’attività di clown in corsia presso ospedali, centri di aggregazione sociale, centri diurni e carceri. Nel 2015 dà un taglio nuovo al suo percorso artistico e personale, iniziando la scuola di DanzaMovimentoTerapia – espressivo relazionale (dmt-er), che rientra nel campo delle arti terapie, volta al benessere psicofisico, all’esplorazione e ricerca espressiva, nonché al piacere funzionale del muoversi del danzare. Fra giocoleria, clownerie, circo, teatro di strada e poesia, “Con-Tatto” è spettacolo ironico e tagliente, che racchiude in sé l’essenza del gioco, uno spettacolo ricco di sorprese in un’alternanza di numeri tecnici e momenti esilaranti, uno spettacolo che viene tutte le volte reinventato grazie all’interazione con gli spettatori che non rimangono osservatori passivi, ma diventano parte integrante dello spettacolo. Infatti, un’unica trama, tesse il filo dello spettacolo: la relazione fra il pubblico e il giocoliere, una dinamica che rende unico e inimitabile quello spettacolo, in quel dato momento, con quel pubblico specifico. Il corpo e la materia che giocano in maniera complementare rendendo vitali le performances… clave, cappelli, sciabole e sfere, questi sono alcuni degli attrezzi utilizzati durante lo spettacolo che accompagnerà lo spettatore in una dimensione unica, surreale, onirica.

12923248_1291584440855909_6976847135816700609_n

Venerdì 25 novembre (ore 20.45) serata dedicata al cinema con la proiezione del film documentario “Santi Caporali” di Giuseppe Pezzulla (sottotitoli in lingua inglese). Un occhio che spia la periferia, quei non-luoghi in cui, ogni santo giorno, si consumano le vite di centinaia di persone provenienti dai alcuni dei territori più poveri del mondo.

Sabato 26 novembre (ore 20.45) la presentazione del libro “Torno da me” di Maria Neve Arcuti. L’universo femminile e le molteplici situazioni in cui la donna è coinvolta per motivi sentimentali, ideologici e di lavoro sono il filo conduttore di sette racconti che vedono come protagoniste donne diverse per provenienza, estrazione sociale e sensibilità. A conclusione della residenza condotta da Carlo Durante e Riccardo Lanzarone, i partecipanti del KorejaLab, accompagnati dalle musiche di Alessandro dell’Anna leggeranno alcuni racconti tratti dal testo.

Chiusura domenica 27 novembre (ore 17.30) con “Sogno in scatola, cartometraggio” di e con Francesco Cortese e Ottavia Perrone, una produzione Koreja. Un nuovo modo di raccontare mediante l’invenzione del cartometraggio: tra rime, illustrazioni, scatole e suoni si srotola una storia visionaria per ascoltare, guardare e immaginare.

I paesaggi dell’olivo pugliese e le minacce dei tempi moderni

           

ph Mauro Minutello
ph Mauro Minutello

 

              I paesaggi dell’olivo pugliese e le minacce dei tempi moderni

Mostra – fotografica
Campi Salentina 25-28 novembre 2016 Istituto Calasanzio
La diffusione dell’infezione di Xylella fastidiosa in Salento sta portando nel volgere di pochi anni, alla trasformazione del paesaggio, attraverso la perdita di una coltura caratterizzante per la storia del Salento, della Puglia e dell’intero Mediterraneo. Le minacce del paesaggio dell’olivo non provengono solo dalla diffusione del batterio Xylella fastidiosa, ma vi sono altre minacce non di minore importanza: la costruzione d’infrastrutture spesso troppo invasive, il consumo indiscriminato di suolo agricolo per nuove costruzioni, una tecnica agricola non sempre rispettosa del paesaggio e dell’ambiente.
 
Collettiva fotografica di: Fernando Bevilacqua, Carlo Bevilacqua, Pino Cavalera, Mauro Minutello, Giovanni Resta, Rosanna Merola, Antonio Ottavio Lezzi, Francesco Tarantino.
 
 
     
Incontro di presentazione della  mostra fotografica
 
Sabato 26 novembre 2016, ore 11.30-13,30 
Sala Consiliare Comune di Campi Salentina
 
Saluti Egidio Zacheo Sindaco di Campi Salentina
             Cosimo Durante Presidente Fondazione città del Libro
 
Interventi
 
La tutela e valorizzazione dei paesaggi dell’olivo Pugliese 
Anna Maria Curcuruto -Regione Puglia Assessore alla Pianificazione territoriale-
– Urbanistica, Assetto del Territorio, Paesaggio, Politiche abitative
 
Gianni Ippoliti  in video messaggio
 
Paesaggio dell’olivo ed agricoltura
Vittorio Marzi –Accademia dei Gerorgofili Firenze –Presidente Sezione Sud- Est 
Giovanni Mercarne  Olivicoltore Agronomo
 
Tutela del paesaggio ed infrastrutture
Lorenzo Ciccarese, in video messaggio, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra).  
 
Coordinamento
Francesco Tarantino, Agronomo paesaggista

Miserere nobis. Convegno di studi itinerante (24-26 novembre 2016)

della_robbia_louvre_ml26

Si terrà un Convegno itinerante “Miserere nobis”: aspetti della pietà religiosa nel Salento moderno e contemporaneo, tra Lecce, Alessano, Maglie, Nardò, nei giorni 24-25-26 novembre 2016.

 

Giov. 24 nov. 2016 – Lecce ex monastero Olivetani – ore 16

Introduzione:

-Mario Spedicato: Perché un convegno sulla “Misericordia”

Presiede:

-Mons. Gigi Manca, Direttore Ist. Sup. di Scienze Religiose – Lecce

Indirizzi di saluto:

-S.E. Mons. Domenico D’Ambrosio, Arciv. Metropolita di Lecce

-Prof. Vincenzo Zara, Magnifico Rettore Univ. del Salento

-Prof. Gianluca Tagliamonte, Dir. Dip. di B.C. Univ. del Salento

Relazioni:

-Antonio Bergamo (Facoltà Teologica Pugliese), Misericordia: dimensione teologica ed esistenziale fondamentale

-Carlo Alberto Augeri (Univ. del Salento), “Misericordia io voglio e non sacrificio” (Mt. 9,13): la pietà come decostruzione del vittimismo sacrificale

-Alberto Zonno (Ist. Sup. di Scienze Religiose – Lecce), Misericordia: riconoscimento e amore nel paradosso del dono

-Nicola Macculi (Ist. Sup. di Scienze Religiose – Lecce), La Misericordia nella pietà popolare salentina

-Ruggiero Doronzo (Facoltà Teologica Pugliese), Ab ore ad aurem: la comunicazione senza Misericordia

-Gianpaolo Lacerenza (Facoltà Teologica Pugliese), Misericordia e coscienza morale nei percorsi di recupero dei carcerati

Salvatore Spedicato –Presentazione della scultura personale titolata “Misericordia”

 

Ven. 25 nov. 2016 – Lecce ex monastero Olivetani – ore 9

Presiede: Mario Spedicato, Università del Salento e presidente Società di Storia Patria di Lecce

Relazioni: Paolo Agostino Vetrugno (Univ. del Salento),”Ineffabil Misericordia”: riflessioni e spunti per un repertorio iconografico delle opere cari-tative in Terra d’Otranto

-Maria Antonietta Epifani (Società di Storia Patria), Aurelia Imperiali Caracciolo (1646-1725), una donna salentina della Misericordia

-Francesca Cannella (Univ. del Salento), “La pietà illustrata”. Allegorie e formule musicali nella produzione letteraria ad memoriam fra Cinque e Seicento

-Giovanna Bino (Arch. di Stato di Lecce), Nelle carte d’archivio salentine… sulle orme della misericordia

-Maria Rosaria Tamblé (Arch. di Stato di Lecce), Le confraternite della SS. Trinità e dei Pellegrini e convalescenti nella diocesi di Lecce in età moderna

-Hervé Cavallera (Università del Salento), La prassi Misericordiosa, che si fa attività educativa. L’opera di S. Filippo Smaldone

 

Sab. 26 nov. 2016 – Maglie Aud. Liceo Scient. L. da Vinci– ore 9

Presiede: Don Quintino Gianfreda (Vicario Generale dell’arcidiocesi di Otranto)

Indirizzo di saluto: S.E. Mons. Donato Negro, Arciv. di Otranto

Relazioni:

-Giuseppe Mengoli (Storico dell’Arcidiocesi di Otranto), Le opere di Misericordia in Vincenzo Maria Morelli e Cornelio Sebastiano Cuccarollo, Arcivescovi di Otranto

-Giacomo Filippo Cerfeda (Archivio Storico Diocesano di Otranto), I Monti di pietà nella ex diocesi di Castro. Poveri e orfanaggi nel-la direttrice della Misericordia

-Salvatore Marra (Responsabile Ufficio di Pastorale Culturale diocesi di Otranto), Pratiche della Misericordia nell’Azione Cattolica dell’Archidiocesi otrantina in età contemporanea

Maria Antonia Nocco (Università del Salento), Modelli celebri per la tela con la Madonna della Misericordia di Calimera

-Angelo Lazzari (Società di Storia Patria), Orfanatrofio “Ciullo” in Castro agli inizi del Novecento

-Lina Leone (Società di Storia Patria), Francesca Capece: da “Stabilimento di carità cristiana” a Fondazione educativa

 

Ven. 25 nov. 2016 – Alessano Sala del consiglio comunale – ore 16

Presiede: Hervé Cavallera (Univ. del Salento e presidente Società di Storia Patria sez. di Tricase)

Indirizzo di saluto: Avv. Francesca Torsello (Sindaco di Alessano)

Relazioni:

Fabrizio Gallo (Dir. Uff. Ecumenico Diocesano di Ugento), La Misericordia nel pensiero dei santi orientali venerati nella diocesi di Ugento

-Salvatore Palese (Arch. Storico Diocesano di Ugento), I Monti frumentari del Seicento nella Diocesi di Ugento

-Alfredo di Napoli (Storico della Chiesa), Memorie dei Cappuccini in Salento (secc. XVI-XVII). La Misericordia di Dio “vissuta” e “predicata” sul territorio

-Ercolino Morciano (Società di Storia Patria), Misericordes sicut Pater. Mons. Giuseppe Ruotolo e il Villaggio del Fanciullo a S. Maria di Leuca negli anni ’40-’60 del Novecento

-Giancarlo Piccinni (Presidente della Fondazione “D. Tonino Bello”), Don Tonino Bello pastore di Misericordia

-Rodolfo Fracasso (Medico e giornalista), Sanità e Misericordia. 50 anni dell’A.O. “Card. G. Panico” di Tricase (1967-2017)

-Sebastiano Giampà (Dirigente medico ASL), Il Salento: spazio di dialogo e accoglienza

 

Sab. 26 nov. 2016 – Nardò Audit. del Seminario – ore 16

Presiede: don Giuliano Santantonio, Responsabile Beni Culturali della Diocesi di Nardò

Indirizzo di saluto: S.E. Mons. Fernando Filograna, Vescovo di Nardò-Gallipoli

Relazioni:

-Francesco Danieli (Università del Salento), “Seppellire i morti”. La carità esequiale nelle confraternite laicali neretine

-Francesco Potenza (Società di Storia Patria), Orfanaggi e maritaggi in diocesi di Nardò tra Cinque e Seicento

-Vittorio Zacchino (Società di Storia Patria), Penitenza e pellegrinaggio al Crocefisso della Pietà di Galatone in antico regime

-Pantaleo Palma (Archivio di Stato di Lecce), Opere di Misericordia nel Salento di antico Regime

-Giancarlo De Pascalis (Società di Storia Patria), Pellegrinaggi e giubilei: gli “hospitalia ” in Nardò tra XIII e XVII secolo

-Gaetano Danieli (Società di Storia Patria), Misericordia e indulgenza nel ciclo francescano di Giuseppe

La locandina e il programma dei lavori possono essere scaricati qui:

“Cuore di Persia”, un progetto tutto al femminile sull’Iran Contemporaneo. A Lecce

di Tore Scuro

Fra problematiche sociali e diversità culturali, due giornata con “Cuore di Persia”, un progetto tutto al femminile sull’Iran Contemporaneo. Appuntamento internazionale per l’edizione 2016-17 di “Strade Maestre”, la stagione teatrale promossa da Koreja e realizzata con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Regione Puglia, e con il contributo del Comune di Lecce, venerdì 18 e sabato 19 novembre ai Cantieri Teatrali Koreja di Lecce, in via Guido Dorso 70. Gli spettacoli sono in lingua italiana. Biglietto intero 15 euro, ridotto 8 euro (under 30 e over 60) e 12 euro (convenzioni). Info e prenotazioni: 0832.242000.

Le foto sono fornite dall’ufficio stampa dei Cantieri Teatrali Koreja
Le foto sono fornite dall’ufficio stampa dei Cantieri Teatrali Koreja

 

L’internazionalizzazione rappresenta da molti anni un punto fermo del progetto artistico di Koreja che, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne e con un occhio sempre attento alle problematiche sociali e alla diversità culturale, ospita “Cuore di Persia”, un progetto tutto al femminile sull’Iran Contemporaneo realizzato in collaborazione con Teatri di Vita (Bologna). Oggi la Persia è diventata Iran, un grande paese, carico di storia millenaria e di un’attualità dalla notevole vivacità culturale, in forte slancio internazionale, ma al tempo stesso frenata da un sistema pieno di vincoli. L’Iran Contemporaneo rivela una complessità dura da districare, dove si alternano fascino e rigetto. “E in questo Iran vogliamo guardare, dandogli la parola. Ascoltando gli artisti e cercando di capire. Senza dimenticare i punti nodali delle sfide attuali della società iraniana, senza pregiudizi di sorta, ma con la consueta curiosità volta a scoprire un mondo ben più complesso e più vicino di quel che si pensa”.

moj-theater-la-signora-5

Il Moj theater (Iran) sarà in scena venerdì 18 (ore 20.45) con “Madri, padri e figli”. La guerra e i conflitti, passando dalla Siria per arrivare alla terza generazione di migranti a Parigi. Un grande affresco attraverso la voce di diverse donne: una madre che ha perso tutto in un naufragio, una figlia che ritrova il padre dopo tanti anni dalla parte del nemico, una madre che cerca di convincere la figlia ad abbandonare la jihad… Lo spettacolo scritto e diretto da Arash Abbasi e interpretato da Sanam Naderi e generalmente da Ladan Mostofi (uno dei volti di punta del nuovo cinema iraniano). Ciò che ultimamente preoccupa Abbasi è la situazione disagiata dei profughi siriani Lui stesso afferma: “è un obbligo per noi che facciamo parte di quella zona, di quella terra, parlare di questa situazione” E poi aggiunge: “il nostro sguardo non è uno sguardo politico ma sociale.” Il teatro non è soltanto uno strumento per divertirsi. Fare teatro è un impegno molto preciso e ha un ruolo fondamentale nel contesto sociale in cui si vive. Testo e regia Arash Abbasi, con Daniela Scarpari, Sanam Naderi, scenografia e costumi Arash Abbasi, aiuto regista Hamed Shafiee.

Sabato 19 novembre (ore 20.45), Moj theater proporrà “La Signora”, dedicato a un tema attualissimo in Iran come in occidente. Lo spettacolo racconta la storia di una donna che si guadagna da vivere affittando il proprio utero alle famiglie che non possono avere dei figli. Una donna sui 40, incinta, ripone delle cose in una piccola valigia. Qualcuno bussa alla porta selvaggiamente. Le leggi del Corano vietano rapporti al di fuori del matrimonio, ed essendo lei una donna rispettosa della religione, utilizza il matrimonio temporaneo per sposare i mariti delle donne sterili per un breve periodo, e poter quindi concepire con loro dei figli. La Signora ha fatto nascere nove bambini in venti anni, ma proprio l’ultima volta che può rimanere incinta una coincidenza drammatica riapre vecchie ferite e conflitti. Ancora una volta la figura femminile è la cartina di tornasole di una complessità sociale in cui modernità e tradizione si fondono e confrontano. Testo e regia Arash Abbasi, con Sanam Naderi, scenografia Arash Abbasi, aiuto regista Ali Jenaban.

In entrambi i giorni di spettacolo (dalle ore 18.30), il foyer del teatro di via Dorso ospita “All About Me, Nicknamed Crown Giver”, mostra video-fotografica di Tahmineh Monzavi. Da sempre impegnata nella rappresentazione della condizione femminile, Monzavi affronta la centralità della donna, anzi la sua assolutezza, trasformando la figura femminile in figura regale, all’interno di ambienti in rovina: un contrasto potente che, attraverso l’allusione e la fascinazione evocativa dell’immagine, si impone per la sua capacità di raccontare un’intera società. Monzavi è tra le più importanti e significative rappresentanti della fotografia a livello mondiale. Ha ricevuto premi internazionali e ha realizzato mostre personali in Iran, Turchia, Olanda, Francia e Usa. Questa è la sua prima mostra in Italia.

La Francia ancora patria d’adozione del vignettista salentino Paolo Piccione

Il vignettista Paolo Piccione, per la 8^ volta ospite al Salon International du Dessin de Presse

brexit

La Francia continua ad essere patria d’adozione artistica del vignettista salentino Paolo Piccione, il quale per la 8^ volta è stato tra i protagonisti del 35° Salon International de la Caricature du Dessin de Presse et d’Humour di Saint Just Le Martel. L’evento, consolidato rendez-vous planetario delle più appuntite matite satiriche provenienti da ogni parte del mondo, si è tenuto durante il mese di ottobre. La kermesse – impreziosita dalla presenza di circa 150 disegnatori, da convegni ed eventi tematici – quest’anno ha registrato un numero di visitatori molto superiore alle precedenti edizioni, confermando la sensibilità e l’affetto dei francesi verso questa forma d’arte e di comunicazione. Anche quest’anno, dopo la strage di Charlie Hebdo, trattandosi di un evento a rischio terroristico, si è notata la presenza di un nutrito contingente di Gendarmerie.

statua-liberta_130-anni_fts

Quest’anno, Piccione, ha esposto quattro tavole: tre satiriche ed una illustrazione. Le prime tre hanno toccato i seguenti punti: le Paralimpiadi di Rio 2016, i 130 anni della Statua della Libertà e la Brexit. L’illustrazione, invece (ritraente il Palazzo dei Commendatori di Maruggio con i cavalieri di Malta e i Templari), è una tavola estratta da L’Acino e l’Oliva, favola illustrata delle Terre del Primitivo , progetto a cura di Paolo Piccione e Sisto Sammarco, finanziato dal GAL Terre del Primitivo.

calendario-associazione_sgura_2_fts

Tra gli altri artisti italiani presenti alla manifestazione vi erano Claudio Puglia (il quale, realizzando caricature tramite l’uso delle lettere del nome e cognome, rappresenta la massima espressione nazionale di “callicaturista”), Marilena Nardi (vignettista de Il Fatto Quotidiano) e Marzio Mariani (freelance). Un altro ospite italiano è stato il dott. Paolo Moretti, collezionista e presidente dell’Associazione Culturale Fondo Paolo Moretti per la Satira Politica.

Piccione, insieme agli altri vignettisti, si è esibito al cospetto del pubblico, realizzando vignette e caricature in estemporanea.

15_maruggio_palazzo-dei-commendatori_cavalieri

paolo-piccione

L’impianto di illuminazione della Cattedrale di Nardò in mostra a Parigi

La facciata della cattedrale di Nardò, disegnata da Ferdinando Sanfelice
La facciata della cattedrale di Nardò, disegnata da Ferdinando Sanfelice

 

Il “Salon du Patrimoine Culturel” di Parigi, importante evento in Europa, è senza dubbio, l’appuntamento annuale al quale non possono mancare i maggiori partner del settore quali professionisti coinvolti nel ripristino e conservazione del patrimonio tangibile e intangibile.

Ebanisti, orefici, restauratori di beni mobili, in vetro e dipinti, esperti artigiani del metallo e della pietra, gestori del patrimonio architettonico, associazioni dedite alla conservazione, autorità locali … circa 340 espositori tra francesi e stranieri si incontreranno nell’atmosfera accogliente del Carrousel du Louvre, in rue de Rivoli, prestigioso centro di relazioni nel cuore di Parigi.

Ogni anno il Salone pone l’attenzione su un tema specifico e l’edizione del 2016 sarà incentrata su “Progetti significativi dedicati al patrimonio culturale”.

Rappresenterà un’ottima occasione per svelare i luoghi d’arte e i lavori portati a termine dagli espositori presenti. La loro esperienza contribuisce alla salvaguardia del patrimonio culturale attraverso la rinascita di luoghi straordinari ed allo stesso tempo dei beni mobili ivi contenuti.

Quest’anno Studio AERREKAPPA S.R.L., Società di Ingegneria di Lecce, presenterà i propri lavori all’interno della collettiva di Assorestauro: oltre ai progetti realizzati e in corso di realizzazione in Italia e all’estero (Turchia e Cuba), avrà un ampio spazio il progetto dell’impianto di illuminazione a gestione domotica della Cattedrale Maria SS.ma Assunta di Nardò (Lecce), un lavoro delicato e complesso che ha richiesto un grande impegno ideativo e una grande attenzione nella fase esecutiva. L’obiettivo raggiunto di trasformare la Cattedrale in uno smart building è stato reso possibile dalla volontà congiunta dei progettisti, l’Arch. Cristina Caiulo e l’Ing. Stefano Pallara, e della Committenza, nella persona del Parroco Mons. Giuliano Santantonio, di sfruttare al meglio quanto di più innovativo ci offre oggi la tecnologia, nel pieno rispetto della sacralità e dell’incommensurabile valore artistico e architettonico dell’edificio.

Per scoprirne di più e iscriversi alla Newsletter del Salone, collegarsi al sito: www.patrimoineculturel.com, per scaricare il press kit.

Maggiori informazioni:

Carrousel du Louvre

99 rue de Rivoli

Paris – 1er arrondissement

www.patrimoineculturel.com

 

3 – 6 novembre 2016

  1. 10.00 – 19.00 (Domenica 10.00 – 18.00)

 

Biglietto di ingresso:                        11 €

gratuito per bambini sotto i 12 anni

ridotto: 5 € (studenti, gruppi con minimo 10 persone).

 

General introduction

The International Heritage Show, a Europe leading event, is no doubt, the annual appointment not to be missed by the major players of the sector, such as professionals involved in restoring and preserving built or not built, tangible or intangible heritage.

Cabinetmakers, goldsmiths, furniture, stained-glass or painting restorers, skilled metalworkers, stonemasons, built heritage suppliers, heritage preservation associations, local authorities … about 340 French and foreign exhibitors will meet in the cozy atmosphere of the Carrousel du Louvre, a prestigious venue located in the heart of Paris.

During 4 days, this event will be the major and unique place for exchange and business appointments of the sector. There will be many opportunities to make new contacts with a large number of trendsetters, seeking to establish new business relationships. Among them, there will be sector professionals, property owners but also connoisseurs and enthusiast visitors.

Every year, the show focuses on a specific topic and the 2016 edition will be focusing on the remarkable cultural heritage projects.

This will represent a great opportunity to unveil the sites and works carried out by the exhibitors. Their expertise contributes to the safeguarding of cultural heritage, through the restoration of exceptional sites, as well as of movable heritage.

Find out more and subscribe to the newsletter of the show on www.patrimoineculturel.com

Useful information:

Carrousel du Louvre, 99 rue de Rivoli, Paris 1st district (1er arrondissement)

3-6 November 2016, 10 a.m. – 19 p.m. (Sunday 10 a.m. – 18 p.m.)

General admission: 11 € – Reduced rate: 5 € (students, groups of 10 people or more) – Free for children under 12.

www.patrimoineculturel.com

 

Libri| Litanie dell’acqua

liyanie

Dell’acqua che scava, dell’acqua che spezza, dell’acqua che sazia…della lotta e del simbolo nella poesia di Daniela Liviello

 

di Stefano Donno

 

Ho avuto modo di conoscere e apprezzare la poesia di Daniela Liviello già in un volume edito da Manni e dal titolo “Il rovescio delle foglie”. Classe 1955, nasce a Taviano ma vive per molti anni in Lombardia, sentendo costantemente nel trascorrere del Tempo il richiamo della sua terra, il Salento, terra madre ancestrale, magica, archetipica, oscena ed obliqua, che con le sue seduzioni lascia nella poetessa un non so che di amaro, relegando la sua nostalgia in una dimensione narcotica di desiderio e abbandono, per un ritorno forse impossibile, ma decisamente sentito per ogni suo centimetro di pelle. La poesia della Liviello ti rimane impressa e non puoi dimenticarla, non ne puoi fare a meno, se sai di cosa stai parlando, se conosci tutto quel retroterra simbolico, poetico, di cui si è nutrita e che fa parte di una memoria collettiva lirica che appartiene non a un sud del sud del mondo generico, no…tutt’altro! Esso è l’esplodere ritmico del veleno della ragna tarantolante e del mare di Idrusa, è l’avvelenata di Antonio Verri che s’aggrappa tenace al sogno del “fate fogli di poesia poeti…”, della rabbia demonicamente barocca di una Claudia Ruggeri, di un odio benevolo di un immenso Salvatore Toma verso la creaturalità bestiale e blasfema che si annida nelle notti di luna piena sulle scogliere di Badisco, sulle menzogne dei vicoli e delle chiese di Lecce. Questa poetessa i suoi versi li scrive col sangue, questa poetessa sa gestire con garbo le bizze della nostalgia vigliacca che colpisce alla schiena, gioca con furia dolente al mortale piacere della Poesia, di quella che si fa a muso duro, cha sa quanto sia splendido un poeta che non balbetti e che sicuro s’aggiusta le vesti sul palco della vita, e comincia a dirla tutta, scegliendo le parole, misurando le pause, perché nulla sfugga di ciò che bisogna dire, di quanto occorra fornire sul piatto della bilancia, prima che il Destino chieda il conto, senza porsi il problema se salato o meno. Dunque Daniela Liviello a oggi sembrava aver scelto quella purezza della scrittura incarnantesi nello spazio invisibile dell’oblio e dell’inconscio, quasi che fosse ancora aperta la “battuta di caccia” verso un percorso identitario, non perché lacunosamente mancante, ma perché per stessa consistenza dell’oblio impossibile a definirsi. Potrebbe forse trattarsi di una strizzata d’occhi a Freud, ma gli psicologismi della metrica, è bene lasciarli ai salotti. Questo offriva un tempo la poetessa. Ora in un distillato per versi Daniela Liviello presenta al lettore una preziosa raccolta dal titolo “Litanie dell’acqua”. E non perde tempo a gridare con fierezza le sue radici, non perché si senta così lontana dalla sua terra

 

 

 

da sembrare addirittura straniera in patria, anzi è una questione di sangue che ribolle e schiuma: “Sono nata qui//sulla pietra in fondo alla via//sul ramo più alto di gelso//maturo//o sulla foglia d’ulivo in mezzo ad un campo//e nel vicolo stretto//che porta alla croce//all’incrocio fuori dal centro//in mezzo alla piazza più grande//nel cortile tra gerani//canzoni//sui gradini della chiesa più vecchia//sul campanile di quella abbattuta//sul fiore di cappero//appeso al muretto//sul filo pesante di panni che asciugano//”. Detta così sembrerebbe un affresco degno di una cartolina, di una foto ricordo. Non è un caso che precedentemente si sia parlato di una poesia che guarda alla tradizione antropica del Salento in maniera precisa, che respira e rende la costellazione di senso dei contesti a queste latitudini in maniera magistrale, perché lo fa con la stessa dignità di un canto di lotta, di emancipazione, di oltrepassamento dal metallo vile all’oro. Insomma un salto di paradigma. Già perché sui gradini della chiesa più vecchia nel cortile tra i gerani, c’é il lavoro etno-antropologico di Ernesto de Martino, e il verso oblungo di Vittorio Bodini. Il Bodini che canta il suo sud, quello della Liviello, il nostro, estremo lembo di terra dove la luce o acceca o succhia vitalità. Ma questa poetessa si lascia alle spalle Bodini, e tutti gli altri, si lascia alle spalle persino Rina Durante e Flora Russo, quasi a voler sottolineare che siano gli altri a dire se ne vale la pena o no resistere alla calura di queste latitudini. Perché nel torpore dell’immemorialità, nel caldo della dimenticanza, forse una via di fuga, una scappatoia, per quanto angusta e difficile possa essere, sta nel fatto che prima o poi il mare lo si incontra, o meglio lo si affronta. L’esito dipende da quanta voglia di vivere scorra in corpo, perché la posta in gioco è alta, ma il premio enorme: “La fortuna di essere nati vicino al mare//è pietra che affiora//nel terreno spietrato//. Ostinazione://sentirmi congiunta al tutto.// Come la macchia qui intorno//inerpicata nella lieve salita//mediterranea//poi discesa a toccare l’acqua//nel motore spento della mia generazione//”. E ancora:”Qui ci sono voci d’acqua//e scivolano piano://sarà il fiato della sera//o la nera linfa del giorno//che si spegne//nell’ora che tentenna dubbia//e incerta.// Se la notte intanto incardina//origlio ombre del dormiveglia//accudita da nebbiose forme//dell’andare incontro a qualcuno//che mi chiama.// Voci d’acqua scivolano piano//a tratti// un canto scorre.// […]”. La poesia di Daniela Liviello non si nutre di finezze o sfarzi nella scelta del ritmo, si basa più che altro su un’attenta calibratura del respiro, che pare tanto naturale da accordarsi repentino al battere d’un cuore indomito, mai pago di desiderio e passione. Non ci troviamo dinanzi all’elencazione pedissequa di stati d’animo che s’ingrigiscono col passare dei giorni, dei mesi, degli anni, e che ammazzano, soffocano, uccidono la gioia, uccidono la voglia di creare e ri-crearsi. La poesia di Daniela Liviello non si nutre di bagliori, lei trasforma i bagliori in temporali, la

 

 

 

poesia di Daniela Liviello è luminosità incandescente, fatale, sacra difficile da dimenticare, difficile da perdonare!

Daniela Liviello è nata a Taviano, nel Salento leccese. Suoi interventi e testi di narrativa sono apparsi su riviste e lavori collettanei; sue poesie sono state pubblicate nell’antologia alchimie poetiche tra memoria e sogno ( Pagine )

e dalla rivista internazionale <poeti e poesia>

Per Piero Manni edizioni ha pubblicato le raccolte E madonne sorridenti e

Il rovescio delle foglie. E’ presente nelle antologie poetiche Parole Sante 2015-2016 per Kurumuny edizioni e nell’antologia A sud del sud dei santi per LietoColle edizioni, che raccoglie la poesia pugliese più rappresentativa degli ultimi cento anni. Le sue prime raccolte sono state recensite su Poesia, rivista di Nicola Crocetti, dal critico Fabio Simonelli e da L’immaginazione, rivista di letteratura diretta da Anna Grazia Doria.

Il suo ultimo lavoro è Litanie dell’acqua per LietoColle edizioni.

Libri| Parole sante. Versi per una metamorfosi

parole-sante1

Daniela Liviello

“ma ormai

senz’ombra

senza pietra come

come farò a sapere

dove sono, fino a che punto sono morto

o vivo…..”       Vittorio Bodini

 

Il fuoco è spento, il vento si è quietato, l’alba si stiracchia, si stropiccia gli occhi.

Saliamo sulla pietra più alta per guardare il nostro campo, cosa resta dopo l’ennesimo incendio doloso.

E’ tanto amato questo campo, questa terra che rinasce scostando le tende grigie di fumo. Riprende a scorrere la linfa, riprende l’affanno delle formiche, le mani tornano a ricomporre un’armonia di pietra.

Anche quest’anno 2016 i versi si raccolgono in antologia. “Versi per una metamorfosi”. Kurumuny edizioni.

Il ricavato della distribuzione dell’ antologia 2015 è diventato ulivo: nell’orto sono state messe a dimora ottanta piante della specie ogliarola.

Ventidue poeti di ogni regione hanno composto ispirandosi ad un verso tratto dal “Canzoniere della morte” di Salvatore Toma, il poeta di Maglie: A me Dio piace indovinarlo//in una pietra qualunque.

E a noi piace pensare che Salvatore Toma abbia sorriso da lassù ascoltando le voci dei poeti che a lui si sono richiamati.

VERSOTERRA – A CHI VIENE DAL MARE

dal 30 settembre al 2 ottobre
San Foca di Melendugno, Lecce,
Porto Selvaggio, Acquaviva di Marittima/Diso
Info 3331803375 – www.versoterra.it

VERSOTERRA – A CHI VIENE DAL MARE
Dal 30 settembre al 2 ottobre l’autore, attore e regista Mario Perrotta – dopo il grande successo del Progetto Ligabue, che nel 2015 ha conquistato il Premio Ubu – propone in diversi luoghi del Salento, tra il centro storico di Lecce e la costa adriatica e ionica, una nuova produzione sul tema della migrazione. Oltre quaranta artisti e artiste coinvolti dall’alba a mezzanotte, la “messa in scena” della fortunata trasmissione radiofonica Emigranti Esprèss e la prima nazionale dello spettacolo “Lireta” con Paola Roscioli

acquaviva_di_marittima1
Proseguono tra Lecce, San Foca, Acquaviva di Marittima/Diso e Porto Selvaggio le prove di “ Versoterra – a chi viene dal mare”, il nuovo progetto dell’autore, attore e regista leccese Mario Perrotta (tre volte vincitore del Premio Ubu, il più ambito riconoscimento teatrale italiano) che dal 30 settembre al 2 ottobre si svolgerà in diversi luoghi del Salento con spettacoli dall’alba a mezzanotte.

perrotta el mat

Dopo il grande successo del Progetto Ligabue sulle rive del Po, l’artista salentino ha ideato una nuova produzione corale sul tema della migrazione. E per farlo ha pensato alla sua terra d’origine, il Salento, terra di approdi e di partenze. Sono oltre quaranta gli artisti e le artiste (in massima parte pugliesi) e i richiedenti asilo politico coinvolti – coordinati da Ippolito Chiarello (regista di percorso), Claudio Prima ed Emanuele Colucci a (progetto musicale e arrangiamenti), Maristella Martella (coreografie) – negli spettacoli ” Approdi” ( 1 e 2 ottobre dalle 5.45 nel piazzale esterno dell’ex “Regina Pacis” di San Foca, marina di Melendugno) e ” Partenze(1 e 2 ottobre dalle 17 nel Parco di Porto Selvaggio con partenza dall’ingresso “ Torre Uluzzo ). Nell’insenatura di Acquaviva di Marittima, frazione di Diso, poco distante da Castro nel corso delle tre serate ( dal 30 settembre al 2 ottobre ore 20.45 – ingresso 12 euro) appuntamento con la prima nazionale di “ Lireta – a chi viene dal mare”, scritto e diretto da Perrotta. Su un palcoscenico nell’acqua, l’attrice Paola Roscioli – accompagnata da Laura Francaviglia (chitarra) e Samuele Riva (violoncello) – sarà la protagonista della storia di Lireta Katiaj. Il progetto, in collaborazione con Lecce Festival della Letteratura, ospiterà anche la ” messa in scena” della fortunata trasmissione radiofonica Emigranti Esprèss ( dal 30 settembre al 2 ottobre dalle 11.30 alle 13 nell’atrio del Castello Carlo V di Lecce – ingresso su prenotazione leccefestivaletteratura@gmail.com) e  la presentazione del libro ” Lireta non cede” ( sabato 1 ottobre dalle 18 alla Fondazione Palmieri di Lecce) con l’autrice e Natalia Cangi (direttrice dell’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano). Per tutti gli spettacoli dell’alba e del tramonto è consigliato abbigliamento comodo (tuta, scarpe da ginnastica, giacche). Per l’appuntamento ad Acquaviva (che non prevede sedie o panche) è consigliato portare cuscini e coperte.

Mario Perrotta (foto Luigi Burroni)
Mario Perrotta (foto Luigi Burroni)



VersoTerra è organizzato dall’associazione culturale Permàr e dalla cooperativa Coolclub con il sostegno di Regione Puglia, Teatro Pubblico Pugliese (Accordo di Programma Quadro Rafforzato “Beni ed Attività Culturali”- Fondo Sviluppo e Coesione 2007/2013), Apulia Film Commission, Comuni di Lecce, Melendugno, Diso, Nardò, Tricase, Sac – Porta d’Oriente, Parco Naturale Regionale “Costa d’Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase” ed Europarc Federation, Istituto di Culture Mediterranee, La Piccionaia, Duel, Arci Lecce, Gus – Gruppo Umana Solidarietà, R.I. SpA, Lecce Festival della Letteratura e altri partner privati.

Torna “Circonauta Festival”

Giorgio Bertolotti (foto Pierangela Flisi)
Giorgio Bertolotti (foto Pierangela Flisi)

 

di Tore Scuro

Occupate le strade coi sogni. Torna “Circonauta Festival”, approntando per l’edizione autunnale tre date ad ottobre (start ore 18): il 2 a Manduria, clou in piazza Garibaldi; l’8 a Copertino, clou in via Margherita di Savoia; il 9 a Campi Salentina, nel centro storico.

Il progetto mira alla valorizzazione e diffusione del teatro-circo e delle arti circensi e, non di meno, a rivelare le straordinarie potenzialità delle performance di strada come vettore dei processi di valorizzazione culturale e architettonica dei nostri comuni più suggestivi. L’artista a cappello, che si esibisce lungo le viuzze del borgo, ai margini di un sagrato, ci riconcilia con la strada e ci fa riassaporare il gusto del camminare e del contemplare. Piccole cose folli e fragili. Sogni ambulanti.

Lilliy Piccoli (foto Francesca Danese)
Lilliy Piccoli (foto Francesca Danese)

 

Dopo il successo dell’edizione estiva (gli scorsi 8 e 9 luglio a Nardò), il Festival si propone di coinvolgere il pubblico, che si attende numeroso, con un programma piuttosto variegato. The Sprockets (Scott Harrison e Isabelle Feraud), duo anglo-francese che si esibisce in una sequenza mozzafiato di numeri acrobatici (tessuti e volteggi) e di giocoleria di primissima qualità. Grande affiatamento, grande conoscenza delle tecniche e degli esercizi tradizionali fanno del loro spettacolo qualcosa di emozionante. Lo straordinario istrione inglese Mr Bang (Benjamin Delmas) non è soltanto un clown surreale capace di strappare quintali di risate, ma qualcosa di più, molto di più: un terrorista del buonumore. Da fare molta attenzione ai suoi effetti speciali. Lilly Piccoli, ovvero danzare con il fuoco. Ogni sua movenza, ogni suo numero, frutto di studio e passione, rappresentano altrettanti tasselli di un mosaico narrativo che evoca il mito delle fate, degli spiriti della notte, dell’energia del cosmo. Il.Aria (Ilaria Fonte), metà donna e metà pesce, una sirena insomma. “Il filo dell’anima” è una performance di acrobatica aerea che sottolinea l’importanza dell’anima e del suo cammino. I Girovaghi, compagnia poliedrica che, dove la luce e la musica si fondono, dà origine a incantevoli movenze e ipnotiche danze aeree. Poi, con effetti pirotecnici, conferisce l’ultimo tocco di colore e follia a un autentico caleidoscopio di forme e figure. “Unicycle Dream Man” è il titolo che Giorgio Bertolotti, esuberante clown-acrobata, ha dato al proprio spettacolo. Uno street show in cui si alternano pezzi d’alta scuola acrobatica ed esilaranti gag umoristiche, sino al colpo di scena finale, che non riveliamo. Borboleta il carillon è una statua vivente che quando si anima danza con grandi ventagli che richiamano il volo delle farfalle. E, per l’eccezionalità delle sue movenze, seduce con lo sguardo, conducendo in un mondo parallelo fatto di grazia e magia. “Retrò!” è il titolo di uno spettacolo che trasporta nelle atmosfere del circo classico. L’interprete, autentico one-man-show, è Mone Monè (Simone Tuosto), vivace saltimbanco, che alterna numeri di giocoleria ed equilibrismo con gag capaci di coinvolgere grandi e piccini. Il varietà surreale della “donna-marionetta” Chiara Saurio. All’interno di un eccentrico teatrino, sfila un carosello di personaggi, i quali si alternano nell’esecuzione volontaria (o capitando lì per puro caso) di pezzi comici, parlati, danzati, cantati, recitati. Ritmo, improvvisazione e tinte soffuse sono gli ingredienti del repertorio degli Alfonsina swing (progetto nato dall’incontro tra Marco Papadia e la voce di Sofia Romano), che spazia attraverso i più noti standard del patrimonio jazzistico.

Mr Bang (ufficio stampa Altramarea)
Mr Bang (ufficio stampa Altramarea)

 

Discorso a (p)arte merita la proposta dell’associazione culturale “Garage” (partner di questo circo a cielo aperto), denominata Secret Show: spettacoli divertenti e brevi allestiti in ambienti domestici privati. Salotti, terrazze, cortili si aprono a un pubblico di pochi eletti. Per provare questa inusuale esperienza, e isolarsi momentaneamente dalla piazza festosa, bisogna cercare la lettera “G” sulla mappa del Festival (una sorta di segnaletica circense, da ritirare all’ingresso, per orientarsi, e non perdersi… nulla), entrare nella casa indicata e scoprire quale artista si sta esibendo. Ovviamente, è necessaria la puntualità, e, non di meno, un tot di buona sorte, essendo i posti limitati. Da visitare anche il colorito “mercatino” di Jack Circonauta.

Ideata dagli artisti Enzo Isernia, Gianluca Marra e Marco De Paola, l’edizione 2016 del “Circonauta Festival” è resa possibile grazie al finanziamento di SAC Arneo e Costa dei Ginepri. La data di Manduria è in collaborazione con Popularia Festival e Centro di Educazione Ambientale.

PREMIO SCÒLA FEDERICIANA A LECCE. 16 settembre al Teatro Romano

PREMIO SCÒLA FEDERICIANA A LECCE

Venerdì 16 settembre al Teatro Romano

 Foto Pascal Pezzuto e Lara Carrozzo

È di nuovo tutto pronto, dopo il rinvio a causa del maltempo, per una serata indimenticabile, con ospiti d’eccezione e con Renzi che, informato dell’evento, ha annunciato al Politeama di Lecce lo slogan del Premio: “Non Lecce Firenze del Sud, ma Firenze Lecce del Nord”. Ciò a voler significare forse che ci potrebbe essere un accordo tra la città di Dante Alighieri e la capitale di Terra d’Otranto su quel volgare salentino che, insieme col siciliano e col calabrese, diede origine alla lingua italiana presso la corte di Federico II, prima che il Divin Poeta venisse al mondo.

Il “Premio Scòla Federiciana” 2016, che verrà consegnato dal Presidente del Consiglio della Città di Lecce dr. Alfredo Pagliaro al dr. prof. Salvatore Cosentino, Sostituto Procuratore della Repubblica di Locri, “per aver promosso, nelle sue eccellenti conferenze-spettacolo, la Lingua degli Italiani”, tratterà anche un argomento attualissimo: la modifica dell’art. 6 della Costituzione, che non sembra tutelare a sufficienza l’idioma nazionale. Se ne occuperà il dr. Luigi Mazzei, membro del Comitato Scientifico.

Si inizierà con l’originale performance teatrale “L’Inferno di Dante ed il Mosaico di Otranto tra Federico II e Bianca Lancia”, ideata ed interpretata da Pascal Pezzuto e Lara Carrozzo per la regia di Marianna Murolo. Già presentata con successo di critica e di pubblico il 17 agosto scorso nel borgo medievale di Roca Nuova (Melendugno-Le), spettacolarizza i contenuti del Premio alla sua quarta edizione. La manifestazione, gestita da Khàrisma Cineproduzioni, patrocinata e sostenuta dalla Regione Puglia e dal Comune di Lecce, si concluderà con l’intervento del Sottosegretario di Stato Sen. Massimo Cassano, che consegnerà a Cosentino anche l’ “Alto Riconoscimento della Scòla Federiciana”.

Presso il Teatro Romano di Lecce, in Via della Cartapesta, venerdì 16 settembre 2016 alle ore 21,00, con ingresso libero.

brochure retro 2

 

*Khàrisma Cineproduzioni

via Trieste 4 – 73018 Squinzano (Le)

 

Squinzano (Le), li 10 settembre 2016

 

Nardò| Quell’antichissima prece di ferragosto

assunta

di Marcello Gaballo

Non è ancora a me chiaro se l’antichissima tradizione ferragostana del popolo di Nardò sia esclusiva di questa città o anche di altre nel Salento.

E’ una prece, nota come li Centu Cruci, tramandata oralmente tra le generazioni ed oramai sconosciuta alla maggior parte, il cui pensiero è occupato da ben altro per l’inevitabile modernità dei tempi e per l’evoluzione dei costumi.

Mi è stata inviata proprio ieri dai miei congiunti ed è bene trasmetterla per non smarrirla (un ringraziamento dunque a Roberta Giuranna e Fernanda Fiore per averla recuperata).

Le donne neritine erano solite recitarla il 15 di agosto, giorno dedicato alla memoria della Vergine Assunta che si celebra in Cattedrale, alle 15 di pomeriggio, dopo essersi radunate con i propri cari e con i vicini, sciorinandola tra una “posta” e l’altra del Rosario:

Pensa anima mia ca ha murire,

la valle ti Josefat imu scire truare

e lu nimicu nanzi ndi ‘ole issire.

Fermu nimicu,

no mi tentare no mi ‘ffindire

ca centu cruci mi fici an vita mia

lu giurnu ti la Vergine Maria.

Mi li fici e mi li scrissi,

parte ti l’anima mia tu no nd’abbisti.

Naturale porsi la domanda perché questa preghiera osservasse questa rigorosa data e dunque potesse recitarsi solo il 15 agosto e non altri giorni dell’anno, visto che non sembrano esserci rimandi all’Assunta.

L’unico motivo che ci pare plausibile era collegato al particolare giorno, l’unico in cui tutti i sacerdoti, monaci, chierici, diaconi e suddiaconi, dovevano convenire nella città di Nardò, sede della diocesi, per prestare l’antichissimo e solenne rito dell’obbedienza.

Il rito dapprima si doveva prestare all’abate benedettino, che reggeva il monastero neritino, poi (dal 1413) al vescovo della diocesi di Nardò in occasione della festività dell’Assunzione della Beata Vergine, titolare della Cattedrale neritina (15 agosto)[1], secondo i decreti della Sacra Congregazione dei Riti.

Nardò¦, Cattedrale, G. A. Colicci, Madonna Assunta, 1714, prima del restauro
Nardò¦, Cattedrale, G. A. Colicci, Madonna Assunta, 1714, prima del restauro

 

[1] Nello stesso giorno l’abate, e poi il vescovo di Nardò, dava mandato ad un ecclesiastico per ricoprire la prestigiosa carica del Maestro del mercato (Magister Nundinarum), ossia il responsabile della antichissima fiera cittadina, che durava ben otto giorni. Questi aveva potestà di giurisdizione civile su cittadini e forestieri, stabiliva i prezzi delle merci esposte, risolveva liti e percependo l’emolumento stabilito dalla Curia vescovile. La nomina, coincidente con l’inizio del mandato, dapprima si conferiva durante i Vespri della vigilia della festa dell’Assunta (14 agosto), poi ai Vespri del primo sabato di agosto, quando la città di Nardò celebrava la festività della B. Vergine Incoronata, e la fiera si svolgeva nei pressi della bellissima chiesa omonima, sita alquanto fuori dall’abitato. Tale privilegio si ebbe sino all’abolizione del feudalesimo.

La facciata della cattedrale di Nardò, disegnata da Ferdinando Sanfelice
La facciata della cattedrale di Nardò, disegnata da Ferdinando Sanfelice

Conferenza-spettacolo “Il ritorno delle bionde”

masseria LoJazzo
masseria LoJazzo

 

di Tore Scuro

Ah, i fasti criminali di un tempo… Domenica 24 luglio (ore 21.30), alla Masseria LoJazzo di Ceglie Messapica (contrada Ferruzzo, Strada provinciale 24 Ceglie Messapica – Villa Castelli km 2), va in scena la conferenza-spettacolo “Il ritorno delle bionde”, serata ideata, scritta e condotta da Nicola Zucchi, Vittorio Continelli e Luana Giacovelli, produzione Teatro dell’Est. Ingresso libero. Info: 339.8432981

masseria LoJazzo - notturno
masseria LoJazzo – notturno

 

Un intellettuale ostunese mezzo fallito scopre in una grotta sotto casa un immenso deposito incontaminato di sigarette lasciato lì dagli anni del contrabbando. Non approfittarne sarebbe l’ennesimo fallimento. Tuttavia, i suoi saldi principi morali e la paura di non essere tagliato per il crimine lo bloccano. Mentre temporeggia, gli eventi lo costringono a prendere una decisione drastica e a scoprire che un’intera città tacitamente vive del rimpianto di un’epoca illegale di ricchezza. Il problema è che il mondo non è più lo stesso, e non è quindi detto che gli stessi atti abbiano le stesse fortune.

Bergamasco di nascita, classe 1976, Nicola Zucchi, attore, regista, drammaturgo, si è diplomato alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano in regia teatrale. Tra gli altri, ha scritto e diretto “Le mani sopra le città”, “Shaker”, “Le notti bianche”, “Shopping and Fucking”, “Troppi là in alto”. Allievo di Gabriele Vacis, al suo fianco ha diretto la prima presentazione di “Sunset Limited” di Cormac McCarthy (con Fabrizio Bentivoglio e Mamadou Djoume). È membro del DirectorsLab 2008 del Lincoln Center a New York. Ha firmato la regia del documentario “Il venditore di acqua”, inserito nell’opera collettiva “Checosamanca”, prodotta da Eskimosa e Rai Cinema e presentata alla prima edizione della Festa del Cinema di Roma. È il responsabile artistico di Teatro dell’Est e della Masseria LoJazzo.

Teatro dell’Est è un progetto di Nicola Zucchi e Domenica Ligorio. Il nome, Teatro dell’Est, è stato scelto come consapevole rovesciamento del luogo comune per cui la Puglia viene collocata nell’Italia del Sud, essendo invece la Puglia, tra le regioni italiane, quella più a Est. La Puglia è quindi, prima di tutto, Italia dell’Est. Il nome evoca poi un immaginario: l’Est, l’Oriente, le esplorazioni, le merci preziose, i viaggi di Marco Polo, le ricchezze, i commerci, i colori, le infinite culture. Il Teatro dell’Est è un organismo vivente dove accade il meraviglioso paradosso del creare sogno con elementi concreti, attraverso i linguaggi della contemporaneità. Teatro dell’Est ha una vasta esperienza professionale nel campo delle attività culturali. Da diversi anni organizza le attività della Masseria LoJazzo, che negli anni è diventato un polo culturale multidisciplinare: oltre ad essere ormai consolidato punto di riferimento per quanto riguarda il teatro contemporaneo, ospita eventi culturali che spaziano dalle residenze artistiche per giovani scultori, a concerti e mostre, fino ad arrivare a convegni sugli stili di vita sostenibili e alla promozione dei prodotti tipici locali.

L’epopea dei Messapi al Teatro Romano di Lecce

Manifesto_Messapi_Lecce

di Paolo Rausa

‘Terra dei Messapi, miti ed eroi’ giovedì 28 luglio ore 21,00 al Teatro Romano di Lecce.

Compagnia Ora in Scena! in collaborazione con l’Associazione Culturale Orizzonte, l’Associazione Regionale Pugliesi di Milano e l’Assessorato al Turismo, Spettacoli ed Eventi della Città di Lecce.

Della nostra storia comune, dei Messapi, la Compagnia Ora in Scena! ha realizzato lo spettacolo teatrale già rappresentato in diversi luoghi del Salento, a Vaste (fr. di Poggiardo), l’antica gloriosa città messapica di Baxta, al Faro della Palascìa a Otranto (l’Odra messapica) e al Teatro Modugno di Aradeo. ‘Terra dei Messapi, miti ed eroi’ racconta l’epopea dei Messapi nel periodo di massimo sviluppo, fra il V e il IV sec. a.C., quando sotto la guida di Arta l’illuminato principe di Manduria, sostenuto dalla dottrina pitagorica e dall’aiuto ateniese di Pericle, le città riunite in una alleanza riuscirono a liberare il territorio sallentino dall’oppressione tarantina. Si ricostruisce la situazione politica dell’epoca, le difficoltà militari e le speranze che solo attraverso l’unione si sarebbe potuta ribaltare la condizione di decadenza, come poi avvenne… e ricreare il clima delle feste Bisbee nel corso della vendemmia e quelle nuziali con musiche e danze, nonché i momenti di scontro con l’invasore, messe in scena dalla Scuola Carmen Kalimba Dance di Poggiardo. Ancora, nel discorso di Arta ai principi messapici la visione si allarga sino a comprendere in una prospettiva di pace tutto il Mediterraneo e l’ecumene conosciuto. Ora nello scenario suggestivo del Teatro Romano di Lecce, Lupiae, al tempo in cui il poeta Ennio, si definiva ‘tria corda’, di cuore messapico, greco e romano. Con la consapevolezza che conoscere e consolidare i valori della tradizione siano le premesse per la costruzione di un futuro comune di pace e di progresso. Re Arta vive tra noi! Timé kaì Areté! (Onore e Virtù).

Con la partecipazione di Giuliana Paciolla (Ipparchide), Michele Mike Bovino (Arta), Tonio Rizzo (Pericle), Florinda Caroppo (Lastenia), Davide Secli, Salvatore Brigante, Debora Sanapo, Lucia Minutello, Pakito Salento e Mariarita Orsi (Principi Messapici), Ornella Bongiorni (aiuto regia), Paolo Rausa (ideazione e regia).

Info: www.orainscena.it, tel. 334 3774168.

 

Va in scena “Il Ballo” di Irène Némirovskj

Il Ballo [photo Pino Cavalera]
Il Ballo [photo Pino Cavalera]

di Tore Scuro

Una quasi foto di famiglia virata seppia. Sabato 23 luglio (ore 21.30), alla Masseria LoJazzo di Ceglie Messapica (contrada Ferruzzo, Strada provinciale 24 Ceglie Messapica – Villa Castelli km 2), va in scena “Il Ballo” di Irène Némirovskj, uno spettacolo di Daria Paoletta e Francesco Niccolini, drammaturgia Francesco Niccolini, con Daria Paoletta, musiche originali Mirko Lodedo, produzione Compagnia Burambò. Modalità d’ingresso: “il conto per favore, attore”, ovvero si paga il biglietto alla fine dello spettacolo in base a quanto esso è piaciuto. Info: 339.8432981.

Il Ballo [photo Pino Cavalera]
Il Ballo [photo Pino Cavalera]
Una storia perfetta: pochi personaggi, disegnati in un lampo e con brevi tratti, eppure perfettamente riconoscibili, e un incedere di eventi che precipitano in pochi giorni verso una fine inattesa e tragicomica, stupida, piccola eppure enorme, per le conseguenze sulle persone coinvolte.

Una famiglia di arricchiti, provinciali e ignoranti, una moglie che non vuole invecchiare e che sa di potersi finalmente godere la vita. Un marito che pensa solo agli affari e non riesce a porre argine alle volontà smodate e ai dispetti della consorte. Una figlia quattordicenne che sta abbandonando il corpo di ragazzina crisalide per diventare femmina e donna, con tutto il caleidoscopio di sentimenti, desideri e sofferenze della sua età. Intorno un mondo di “nemici”, secondo la gretta e sprezzante filosofia della padrona di casa: una istitutrice inglese, una maestra di pianoforte, un maggiordomo e una servitù buona solo a rubare pane e stipendio. Tutti insieme vivono l’attesa del grande ballo, una festa danzante che la “signora” vuole offrire a tutti i nobili e ricchi della città – qualunque essa sia – per affermare ricchezza e strapotere della famiglia. Ha pensato a tutto, e tutto trasuda arroganza ed eccessi. Ha solo trascurato un dettaglio, un piccolo dettaglio: la sua adorata bambina…

Scritto nel 1928 e pubblicato nel 1930, “Il Ballo” è il piccolo capolavoro col quale la venticinquenne scrittrice russa espatriata a Parigi si affermò in Francia. Una carriera folgorante, con romanzi strepitosi, ricchi di una umanità complessa e spesso ributtante, volgare, pronta a tutto per la ricchezza e per soddisfare le proprie voglie. Figlia di un banchiere russo che sopravvive alla Rivoluzione d’Ottobre, e di una donna in tutto e per tutti identica alla protagonista di questo romanzetto geniale, Irina (poi Irène) Némirovsky attraversa in prima persona la grande storia della prima metà del ‘900, pagandone le conseguenze. Morirà ad Auschwitz, da sola, nel 1942, un mese dopo essere stata internata. I suoi romanzi sono rimasti per molti anni in una valigia

Daria Paoletta, attrice burattinaia (fondatrice nel 1996 con Raffaele Scarimboli della Compagnia Burambò, sigla teatrale foggiana), e Francesco Niccolini, drammaturgo senza fissa dimora (lavora con molti attori italiani, e spesso in Puglia), provano a trasformare in racconto teatrale “Il Ballo”: lo fanno con grande divertimento, unendo la verve comica e affabulatoria dell’una e il cinismo teatrale dell’altro. Un racconto corale, quasi sinfonico, diretto da una vecchia governante di casa Krampo, una sorta di testimone silenzioso e partecipe, incapace di odiare e di parteggiare, ma tremendamente lucida e sorridente. Il risultato è un ritratto impietoso e comico, per forza di cose tragico e, forse, anche un po’ commosso di un mondo nel quale molto difficilmente lo spettatore non riconoscerà tracce della propria vita. E della propria famiglia.

Teatro| Orlando furiosamente solo rotolando

Orlando furiosamente solo rotolando [photo Paolo Porto]
Orlando furiosamente solo rotolando [photo Paolo Porto]

di Tore Scuro

Storie di uomini senza tempo, di eroi erranti. Domenica 17 luglio (ore 21.30), alla Masseria LoJazzo di Ceglie Messapica (contrada Ferruzzo, Strada provinciale 24 Ceglie Messapica – Villa Castelli km 2), va in scena “Orlando furiosamente solo rotolando” di e con Enrico Messina, collaborazione alla messa in scena Micaela Sapienza, tratto da “Hruodlandus libera rotolata medioevale” di Enrico Messina e Alberto Nicolino, produzione Armamaxa teatro. Modalità d’ingresso: “il conto per favore, attore”, ovvero si paga il biglietto alla fine dello spettacolo in base a quanto esso è piaciuto. Info: 339.8432981.

Orlando furiosamente solo rotolando [photo Paolo Porto]
Orlando furiosamente solo rotolando [photo Paolo Porto]

Camicia bianca, una tromba e uno sgabello: è tutto quel che serve per raccontare le vicende dei paladini di Carlo Magno e dei terribili saraceni. All’essenzialità della scena si contrappongono la ricchezza e i colori delle immagini evocate: accampamenti, cavalieri, dame, duelli, incantagioni, palazzi, armature, destrieri… Un vortice di battaglie ed inseguimenti il cui motore è sempre la passione, vera o presunta, per una donna, un cavaliere, un ideale. Reale trasporto o illusorio incantesimo? Sono solo storie. Storie senza tempo di uomini d’ogni tempo, in cui tutto è paradosso, iperbole, esasperazione.

Riscoprire il piacere della fabulazione e della fascinazione della parola, il senso di ascoltare delle storie e di ascoltarle assieme ad altri. Arte un tempo assai familiare alla nostra cultura, ormai trascurata se non del tutto dimenticata. Ecco perché l’Orlando Furioso di Ariosto, che proprio dall’arte dei cantastorie prese linfa per diventare alta letteratura. Ed ecco perché il travolgente racconto che ne ha fatto Italo Calvino insieme a stralci di immagini “rubate” ad altri suoi libri come “Il Cavaliere Inesistente”. «Una fondamentale differenza divide gli eroi di queste storie. Ci sono quelli costruiti di pasta fatata, che più gli fioccano addosso colpi di lancia e spada e più si temprano, come se tanto ferro giovasse alla loro salute. E ci sono quelli, non meno nobili e valorosi, che essendo costruiti di pasta umana ricevono ferite che sono ferite vere e ne possono morire», annota Calvino, tra i più significativi narratori del ‘900 italiano.

Così le parole dei canti e delle ottave di Ariosto prendono nuova vita, un po’ tradite un po’ ri-suonate, e la narrazione avanza tra guizzi di folgorante umorismo e momenti di grande intensità, mescolando origini, tradizioni e dialetti. Nell’appassionante lavoro di scrittura alcuni episodi sono stati ripresi, altri rielaborati, altri completamente inventati com’è nell’essenza stessa dell’arte di raccontare.

Armamaxa è parola di origine greca che vuol dire “carro”. L’Associazione trasporta i progetti teatrali dei suoi componenti che si riconoscono in un teatro necessario e umano fatto di passione, tempo e ricerca. Fondata da Enrico Messina, Alberto Nicolino e Micaela Sapienza nel 1998, la Compagnia ha impostato la propria poetica sulla ricerca del legame tra oralità, movimento, ricerca sociologica, costruendo un percorso culturale e artistico fortemente legato al presente, in cui etica ed estetica non sono separate e la cui motivazione originaria è da ricercare proprio nel dialogo tra arte e società. In particolare, allo spettacolo “Orlando furiosamente solo rotolando, rappresentato in ogni dove in Italia e molto anche oltre confine (lo scorso 28 giugno nel cortile dell’Ambasciata d’Italia a Berlino), è stato dedicato ampio spazio nel saggio “La fortuna dell’Orlando Furioso nelle arti performative” curato da Francesca Bortoletti e contenuto nel volume “L’Orlando furioso attraverso lo specchio delle immagini”, edito da Lina Bolzoni per l’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani (Edizioni preziose, 2014).

Teatro| L’ultimo Pasolini

di Tore Scuro

 

«Un racconto poetico fatto di coincidenze». Sabato 9 luglio, alle ore 20.30 all’Eremo di Santa Maria in Campitelli di Grottaglie, va in scena il monologo teatrale “L’ultimo Pasolini” di e con Alfredo Traversa, produzione Teatro della Fede. Un evento a cura del Gruppo Grotte Grottaglie, con il patrocinio del Centro Studi Archivio Pasolini di Bologna. Ingresso libero. Info. 388.3059654.

Alfredo Traversa [photo Mario De Filippis]
Alfredo Traversa [photo Mario De Filippis]
Edito nel 2015 da Pubblicazioni Italiane, con postfazione di Roberto Chiesi, il libro di Alfredo Traversa racconta l’incredibile storia dell’ultimo sequestro dell’ultimo film di Pasolini (“Salò o le 120 giornate di Sodoma”), avvenuto in un paese di Puglia, a Grottaglie, un comune a circa 20 chilometri da Taranto. Una situazione che ha dell’incredibile. Vicende inimmaginabili. Ma questa è la Puglia, che per Pasolini diventa il luogo dove iniziare la propria avventura poetica e dove terminare la propria esistenza con l’ultima conferenza (al liceo Palmieri di Lecce il 21 ottobre 1975) prima di morire assassinato (sul litorale romano, a Ostia la notte tra l’1 e il 2 novembre 1975). Un’indagine narrata da Traversa che mette insieme tasselli della sua vita con le vicende pugliesi di Pasolini. A quarant’anni dalla morte del poeta friulano di Casarsa, un omaggio ad una parte della sua vita sino ad ora poco nota, e che trova anche nella ricostruzione realizzata da Roberto Chiesi (responsabile del Centro Pasolini di Bologna) occasione alta di riflessione sull’ultimo suo film.

L'ultimo Pasolini_copertina libro

“L’ultimo Pasolini” rappresenta un passaggio o meglio una chiusura alle vicende giudiziarie di Pier Paolo Pasolini che – iniziate da Laura Betti e Alberto Moravia – trovano proprio in questa esposizione di Traversa la giusta conclusione e la definitiva collocazione di un sequestro unico nella storia del cinema in Italia (e forse nel mondo). Talmente unico che il 26 ottobre 1977 la Corte di Cassazione diede incarico alla procura della Repubblica di Potenza di valutare il comportamento del pretore di Grottaglie (Evangelista Boccuni), che, il 6 giugno 1977, con procedura d’urgenza su tutto il territorio nazionale, aveva sequestrato il film, perché “offendeva il comune senso del pudore”. L’incredibile storia si conclude il 16 febbraio 1978, cioè quattro mesi dopo, quando la Corte di Cassazione pronuncia una sentenza per la quale non solo il film può circolare liberamente, ma può essere reintegrato anche dei quattro tagli effettuati in sede di ricorso in appello e può quindi esser visto nella sua versione integrale.

«Compagno di vita. Ecco, Pasolini per me è questo. Che in qualche modo il mio paese sia stato protagonista di un fatto così clamoroso, mi fa amare ancor di più questo compagno e mi porta a ricercarlo nella quotidianità della mia vita, tra i miei paesani. In questo inaspettato finale risento lei, Laura, che canta “Ossigenarsi a Taranto/làlàlàlàlà/è stato il primo errore/làlàlàlà…/l’ho fatto per amore/làlàlà” ricordate? Quanto tempo è trascorso, vero, Laura? Quante vite fa? Cosa ci resta di tutto questo non comprendersi, di tutto questo cercarsi, di tante energie spese per migliorare se stessi e la società in cui si vive? Tu Laura lo hai capito, ora? Anche io, come te, l’ho fatto solo per amore», scrive Alfredo Traversa, attore e regista grottagliese, formatosi all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”, che avvicenda la scrittura alla pratica del teatro, per lui alternativo.

Teatro| Il Santo e l’arte del comunicare

di Tore Scuro

 

Il Santo e l’arte del comunicare. Venerdì 8 luglio, alle ore 20, al MuDi – Museo Diocesano di Taranto (in Vico I Seminario, centro storico), va in scena “Lu Cuntu – Il Restauratore Sociale” di e con Alfredo Traversa e con Tiziana Risolo e Antonella Fanigliulo, produzione Teatro della Fede. A seguire visita al museo. Biglietto 10 euro. Info: 099.4716003.

Era davvero difficile pensare che ai teatranti non affascinasse la figura di quell’uomo che saliva sui palchi allestiti per strada e, urlando, strattonando e spesso facendo intervenire la forza pubblica, costringeva gli attori a interrompere le loro rappresentazioni. Poi lui stesso occupa il proscenio e, con un teschio in mano, cominciava il suo teatro, quello educativo, voluto dai padri gesuiti di Napoli. Inventore di un teatro che demoliva la Commedia dell’Arte. Proprio per la sua singolarità, Padre Francesco De Geronimo è ricordato dai vari Silvio D’Amico, Benedetto Croce, Raffaele Viviani, Roberto De Simone. Quest’uomo, che in vita a Napoli era considerato già un Santo, nasce a Grottaglie nel 1642, ma si forma, studia e vive per sei anni nel seminario di Taranto. E, nel terzo centenario della sua morte, proprio in quei luoghi si terrà l’opera-evento di Alfredo Traversa, nel capoluogo ionico che ha dedicato al Santo una piazza e una chiesa nel quartiere popolare e operaio per eccellenza della città, il rione Tamburi. Una vita incredibile quella del gesuita Santo che offre l’opportunità di osservare la società d’oggi con gli occhi di chi già nel 1600 aveva vissuto e analizzato le stesse problematiche: immigrazione, stato sociale a pezzi, ricchi e poveri, sessualità nella chiesa. Un predicatore che è divenuto famoso in tutta Europa, nato lo stesso giorno del Francesco gesuita Papa.

Lu Cuntu - Il Restauratore Sociale [photo Giuseppe Calamunci]
Lu Cuntu – Il Restauratore Sociale [photo Giuseppe Calamunci]

Drammaturgicamente parlando, il lavoro di Alfredo Traversa è un cuntu, ovvero un modo d’essere, di comunicare. Un’arte che è andata perduta, diciamola tutta. Infatti, con i protagonisti delle gesta eroiche, il cuntista (o contastorie, cosa assai diversa dal cantastorie) metteva in scena il suo patrimonio di valori (arroganze e cattiverie da mortificare, generosità e umiltà da esaltare). Di particolare suggestione, le musiche prendono spunto dall’opera buffa napoletana, che, per molti musicologi, risultò piuttosto importante nell’evoluzione del teatro d’opera in Italia. Per la cronaca, una canzone del Santo è diventata inno nazionale della Corsica. Nel filo narrativo hanno particolare importanza le prostitute di Napoli, tanto che, caso rarissimo, sull’altare, laddove è posto il corpo del Santo, è esposto un dipinto raffigurante Francesco che porta conforto religioso ad una prostituta. Non mancano i fuochi d’artificio, perché è risaputo che il gesuita grottagliese sapesse confezionarli. In definitiva, una serie di curiosità storiche e, non di meno, scelte registiche che rendono l’opera-evento particolarmente coinvolgente.

Dipinto sull'altare

Alfredo Traversa, regista e attore grottagliese, si è formato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”. Al centro della sua attività l’apertura di spazi teatrali “altri”, particolari e originali come l’hangar della base aerea della Marina Militare, le masserie di Crispiano e il centro storico di Grottaglie. Ha fondato il Teatro della Fede (nel 1999), ideato il Musica Mundi festival e, assieme ad altri artisti, trasformato le Cave di Fantiano a Grottaglie, sei ettari di cave, ulivi secolari e grotte destinate a discariche o ad attività poco lecite, in un palcoscenico tra i più suggestivi d’Italia. Da quello di narrazione è approdato al teatro civile, sviluppando tematiche di particolare interesse politico e sociale. Alterna la scrittura alla pratica del teatro.

 

 

Teatro| Va in scena “Pirati. Prima navigazione”

Pirati [photo Piero D'Argento]
Pirati [photo Piero D’Argento]

di Tore Scuro

Sproloquio piratesco per attore, sintetizzatore, fisarmonica e una bottiglia di rum. Sabato 9 luglio (ore 21.30), alla Masseria LoJazzo di Ceglie Messapica (contrada Ferruzzo, Strada provinciale 24 Ceglie Messapica – Villa Castelli km 2), va in scena “Pirati. Prima navigazione”, reading farfugliante sulla giustizia di e con Giuseppe Ciciriello e con Piero Santoro, musiche in scena di Piero Santoro, produzione Archelia. Modalità d’ingresso: “il conto per favore, attore”, ovvero si paga il biglietto alla fine dello spettacolo in base a quanto esso è piaciuto. Info: 339.8432981.

Pirati [photo Piero D'Argento] 3
Pirati [photo Piero D’Argento]
“Pirati. Prima navigazione” è l’inizio di un viaggio, di una nuova navigazione, di una nuova avventura. E’ una narrazione, che nasce come sperimentazione di un nuovo testo, che incontra il pubblico sotto forma di parola raccontata, letta e musicata. La tecnica della narrazione si lega a quella d’attore e la musica esplora i diversi linguaggi dall’acustico all’elettronico.

Due pirati, due naufraghi su una imbarcazione di fortuna, in bonaccia, solo mare, un violino, una fisarmonica, una botte di rum e i propri fantasmi da annegare nel alcool. Due condannati alla forca che raccontano di pirati e uomini liberi, capaci di decidere insieme della loro sorte comune e di chi li guiderà nella tempesta.

“Diffidate di chi beve solo acqua, ha un segreto da nascondere” dice salmodiante J.M.S., il Capitano per volontà della ciurma, che in uno sproloquio piratesco, accompagnato dalla musica del musicista di bordo Bacun, farfuglia di giustizia e democrazia, di navi conquistate, di vita, di morte, di mare, di naufragi, di oro. E, manco a dirlo, di rum.

Nato a Ceglie Messapica nel 1979, Giuseppe Ciciriello si forma a Bologna, dove dal 1998 frequenta i corsi di violino e musica d’insieme alla scuola popolare di musica “Ivan Illich” e i laboratori e i seminari attoriali curati dal DAMS dell’ateneo felsineo. Nel 2000 crea la “Compagnia della Pietra che canta”, gruppo itinerante di musici e cantastorie. Nel 2003 incontra il Maestro Carlo Formigoni, punto di riferimento per il teatro didattico e il teatro brechtiano in Italia, e partecipa a numerose produzioni del Teatro dell’Altopiano. Collabora con il Teatro delle Forche e Armamaxa Teatro. Nel 2007 fonda l’etichetta teatrale Archelia. È al terzo progetto condiviso con Piero Santoro, fisarmonica del gruppo musicale folk rock Folkabbestia e cofondatore dell’associazione culturale “Casarmonica”: “Storie di Zhoran” (2013), “Peppino e il tesoro dei briganti” (2015) e “Pirati” (2016).

 

Teatro| Don Chisciotte, l’avventura

Le foto sono fornite dalla Compagnia Diaghilev, che produce lo spettacolo
Le foto sono fornite dalla Compagnia Diaghilev, che produce lo spettacolo

 

di Tore Scuro

Un cavaliere insano di mente, un ridicolo scudiero e tanti mulini a vento. Da martedì 5 a domenica 17 luglio (eccetto lunedì 11), nel Chiostro di Santa Chiara a Mola di Bari (in via Cesare Battisti 22, centro storico), va in scena “Don Chisciotte, l’avventura”, azione teatrale ideata e diretta da Paolo Panaro dall’opera di Miguel de Cervantes, con Elisabetta Aloia, Carlo D’Ursi, Francesco Lamacchia, Loris Leoci, Vito Lopriore, Antonio Repole, Rosaria Ximenes, musici Angelo De Leonardis (baritono), Pierluigi Ostuni (tiorba), Mariangela Lippolis (flauto), assistente alla regia Giulia Sangiorgio, produzione Compagnia Diaghilev. Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con il Comune di Mola di Bari Assessorato alla Cultura e con l’Accademia di Belle Arti – Sede di Mola di Bari che ha concesso l’uso del Chiostro di Santa Chiara. Sipario 19.45. Posto unico non numerato 5 euro. Prenotazioni e informazioni: 333.1260425.

Don Chisciotte, l'avventura 2

E’ la seconda tappa del percorso di studio sull’opera di Miguel de Cervantes condotto da Paolo Panaro con un gruppo di giovani attori e musicisti nell’arco del triennio 2015/17. Un lavoro corale per rappresentare scenicamente gli episodi più eclatanti del cavaliere dalla triste figura e del suo celebre scudiero, Sancho Panza. Il “Don Chisciotte”, scritto in una Spagna ormai alla fine del suo Siglo de oro, durante una della più gravi crisi economiche del mondo occidentale, in un periodo di povertà generalizzata, di grandi epidemie, di sanguinose guerre fra cattolici e protestanti, fra cristiani e musulmani, è ambientato in un contesto sociale non dissimile dal nostro: la forza dei contenuti dell’opera è sorprendentemente attuale e nessuno dei grandi personaggi della letteratura del passato è così vicino all’essenza dell’uomo contemporaneo, come l’hidalgo Alonso Quijano della Mancha. La storia è nota, vi si raccontano le avventure di un uomo comune che crede di essere un cavaliere e, in compagnia di un ridicolo scudiero, attraversa la terra di Spagna determinato a salvare damigelle in pericolo, a sanare le ingiustizie e aiutare i bisognosi. E anche se i suoi nemici sono in realtà un gregge di pecore o dei mulini a vento, lui rimane comunque un coraggioso cavaliere, anche se non del tutto sano di mente.

“Intrecci” a Palazzo Pantaleo, nel borgo antico di Taranto

Eros e Tanatos [photo Carla Molinari]
Eros e Tanatos [photo Carla Molinari]

di Tore Scuro

Giugno, ovvero “Intrecci”, due performance che attraversano miti e leggende, fondendosi in un’unica mappa drammaturgica, senza quarta parete. Per il cartellone estivo delle attività “Aspettando il Fusco” promosso dal Comune di Taranto, il Crest “abita” Palazzo Pantaleo, dimora gentilizia del ‘700, nel borgo antico, giovedì 23 e venerdì 24, con finali di laboratorio, entrambi ad ingresso libero con obbligo di prenotazione allo 099.4725780.

Inconciliabili e, paradossalmente, compatibili. Giovedì 23 giugno, sarà presentato “Eros e Tanatos”, evento finale del laboratorio teatrale di base condotto da Sandra Novellino e Delia De Marco, nell’ambito dell’offerta formativa del Crest per la stagione 2015/16. Una rivisitazione di scene scespiriane sul conflitto psicologico tra due sentimenti agli antipodi come l’Amore e la Morte. In scena Sabrina Bovino, Roberta Brisci, Raffaela Caputo, Annamaria Casarano, Cristina Chirizzi, Claudia Cozzolino, Mariasilvia Imperatrice, Nando Lo Pio, Federico Marzo, Giusy Marzulli, Fausto Monteleone, Giuseppe Opinto, Francesco Pagano, Nicla Pantaleo, Mariagrazia Plantamura, Vito Putignano, Micaela Rastelli, Chiara Ritelli, Angelo Rotolo, Andrea Santoro, Gianluca Tagliente. Due repliche: ore 20 e ore 22 (posti limitati: massimo 80 persone per replica).

Eros e Tanatos [photo Carla Molinari]
Eros e Tanatos [photo Carla Molinari]

Come eravamo. Venerdì 24 giugno, verrà proposto “Fuoco e Acqua”, atto conclusivo del laboratorio urbano “I neri per strada” diretto da Giovanni Guarino, in collaborazione con l’associazione ‘A Putéja. Un viaggio virtuale nella Taranto della fine degli anni ’50. Una lezione-spettacolo sui riti e le tradizioni legati alla Notte di san Giovanni. Narrazione e momenti coreografici e musicali. Testi tratti dall’atto unico dialettale di Alfredo Majorano “’A Sanda Mòneche.Scene popolaresche tarentine (1947) e dal saggio di Antonio Basile “Taranto, taranta, tarantismo” ( (Nuoveproposte Brizio, 2000). La performance transiterà anche dal Museo etnografico “Alfredo Majorano”, il cui percorso espositivo si snoda all’interno di Palazzo Pantaleo. In scena Maria Amati, Maurizio Ambriola, Rosalba Augenti, Cosima Blasi, Annalisa Cangiulli, Rosaria D’Angelo, Giuseppe De Bartolomeo, Amedeo De Pace, Antonio Donnarumma, Maria Di Tinco, Filomena Ferrari, Gianluca Lovreglio, Desdemona Mazzaracchio, Filippo Mignogna, Nunzia Mortato, Palma Renò, Francesca Semeraro, Lucia Simonetti, Grazia Vacca, Pia Vozza. Tre repliche: ore 20, ore 21 e ore 22 (posti limitati: massimo 40 persone per replica).

Acqua e Fuoco [photo Serena Lucarella]
Acqua e Fuoco [photo Serena Lucarella]

Il tuo 5 per mille alla Fondazione Terra d’Otranto

logo-menu

Gentile Lettore,

anche per il 2016 la legge di stabilità prevede, in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi, la possibilità di destinare il 5 per mille dell’IRPEF alle associazioni e fondazioni no profit.

Ricordo che la nostra fondazione rientra tra quelle ammesse e che le somme raccolte saranno destinate al raggiungimento delle finalità statutarie e alla pubblicazione della nostra rivista “Il Delfino e la Mezzaluna”.

Per destinare il 5 per mille alla fondazione è necessario indicare nel riquadro “scelta per la destinazione del cinque per mille dell’IRPEF” (primo spazio a sinistra del modello 730 e CUD, nello spazio destinato alle associazioni di promozione sociale) il Codice Fiscale della Fondazione

91024610759

e apporre la propria firma sulla riga sovrastante.

Non costa nulla!

Rimango a disposizione per ogni chiarimento, ringraziandoTi per l’attenzione e per quanto Vorrai fare

Marcello Gaballo – Presidente

 logo-fondazione-colori

 

Costituzione. Nata il 4 aprile 2011, ha ottenuto il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al numero 330 – in data 15 marzo 2012. Il  14 dicembre 2012 è stata iscritta nell’Albo Comunale delle Associazioni di Nardò, al numero 21 (Delibera Consiglio Comunale di Nardò n°218 del 14/12/2012).

Finalità. La Fondazione, in conformità con quanto previsto dall’Art. 4 dello Statuto, intende “operare per la promozione, valorizzazione, ricerca e recupero dei beni e dei siti di interesse artistico, archeologico, architettonico, archivistico, demo etno antropologico, storico ed ambientale esistenti nei comuni di Terra d’Otranto”.

‘Una parte di me’, romanzo di Giulia Campa

COPERTINA

di Paolo Rausa

 

La saggezza della cuoca nella preparazione del pan di spagna: mescolare con le uova e lo zucchero il burro e il cioccolato fusi e poi aggiungere farina e lievito, rispettando quest’ordine. Guai ad aggiungere alla fine i liquidi perché le uova si smontano e tutti gli altri ingredienti reagiscono scompostamente. La vita fra le altre metafore è una modalità di preparare il cibo, le torte, di comporre e ricomporre le nostre qualità e le nostre esperienze con le persone che incontriamo. Se non rispettiamo le caratteristiche o se queste non si amalgamano allora sono guai, meglio procedere oltre. Con Viola era stato subito amore, si capisce subito ‘quando siamo fatti l’uno per l’altra, dagli sguardi, dal primo bacio, da come ci cercavamo’ – Lorenzo ripercorre così il suo passato. Una camera da ospedale, pochi giorni di ricovero. Da qui nascono l’idea e il bisogno di dedicare la permanenza nel luogo di cura a scandagliare la propria vita, di giovane trentenne, che è passato già da tutti gli stadi dell’esistenza, dalla felicità della famiglia, dall’orgoglio del padre medico alla sua inspiegabile sparizione, alla desolazione di una madre che si era tutta dedicata a lui e che ora scopre il tradimento e l’esistenza di un’altra famiglia. Lorenzo vive intensamente la sua fanciullezza, allietata dal rapporto con le zie e la nonna, ma trova proprio nella festa dell’ultimo dell’anno la caduta nell’abisso insondabile del dolore. Una bicicletta rossa fiammante, un regalo della madre sempre desiderato, non lenisce la sua condizione. Comincia la sua odissea nel senso inspiegabile degli avvenimenti che si susseguono. Come farà ora che non ha al suo fianco una guida? Rimprovera la madre che lo ha costretto ad andare via. Si rifugia nell’amicizia di un suo compagno di scuola e di giochi, ma l’amarezza lo pervade quando scopre un’amara verità. Odia la vita, odia Francesco, non capisce come sia possibile che egli lo abbia privato dell’amore paterno. Pian piano risalirà la china attraverso l’impegno professionale e l’incontro con Viola. Capisce subito che è il suo doppio, che la sua anima è trasposta in questa fanciulla a cui dona un bacio e un’alba d’amore al faro della Palascìa a Otranto. Qui osservano la luce del nuovo giorno, la luce della sua nuova vita accanto a lei. Ma non è finita. I rapporti con Francesco lo chiamano ad una scelta, a trasformare l’odio in amore, a cedere parte di sé nell’estremo tentativo di salvare una vita e con essa se stesso. Appaiono dopo la morte del padre le lettere che gli aveva scritto da cui traspare la grande umanità di un uomo che è conscio, consapevole di essersi giocato il destino ma solo per senso di responsabilità e di amore per gli altri, per la donna che ha amato in un momento di sconforto e di abbandono. Gli ha generato un figlio, verso il quale ha rivolto la necessaria protezione. La malattia di Francesco richiede il coraggio della scelta. Ecco allora l’occasione per Lorenzo di comprendere i passaggi ineludibili della vita, che richiedono coraggio perché sia invertita nel giusto senso l’esistenza, attraverso l’amore e la dedizione verso gli altri, nostri fratelli di s/ventura.

Giulia Campa, Una parte di me, Lupo Editore 2016, pp. 219, € 16,00.

 

Mille piani di Raffaele Puce

RAFFAELE PUCE / MILLE PIANI.
Mostra fotografica alla Cupertinum, domenica 29 maggio, nell’ambito di Cantine Aperte

Le concrezioni reali e visionarie delle foto di “Mille piani” – un’ecologia dell’immaginazione – riattivano la sensibilità dello sguardo assaltato dal frastuono e dal sovraccarico delle immagini televisive, delle foto modificate con photoshop, degli scatti dei telefonini che si perdono nelle memorie digitali, degli assurdi selfie con smorfie impossibili…
L’attenzione di chi guarda collega scenari diversi. La velocità della luce è forse il pensiero. La velocità del suono è forse la memoria, il tempo. Tempo e luce lavorano l’esistente, lo trasformano. Respiro, rigore, visione, mutazione, rarefazione, rallentamento, silenzio, tranquillità, tempo che interagisce con l’opera. Il lavoro del tempo. Cartografare contrade a venire.

Credo davvero che ci siano cose che nessuno riesce a vedere prima che vengano fotografate. Diane Arbus

puce4

Come i bambini che non sanno ancora parlare, e quando cercano o vogliono una cosa si esprimono avvicinandosi ad essa, toccandola, o fiutandola, o indicandola e con mille atteggiamenti diversi, cosí il fotografo quando lavora, gira intorno all’oggetto del suo discorso, lo esamina, lo considera, lo tocca, lo sposta, ne muta la collocazione e la luce; e quando infine decide di impossessarsene fotografandolo, non avrà espresso che una parte del suo pensiero… Ciò che veramente importa non è tanto l’attimo privilegiato, quanto individuare una propria realtà, dopo di che tutti gli attimi piú o meno si equivalgono. Circoscritto il proprio territorio, ancora una volta potremo assistere al miracolo delle “immagini che creano se stesse”, perché in quel punto il fotografo deve trasformarsi in operatore, cioè ridurre il suo intervento alle operazioni strumentali. Al fotografo il compito di individuare una sua realtà, alla macchina quella di registrarla nella sua totalità. Ugo Mulas

puce3

“Il vino è il canto della terra”, scriveva Mario Soldati, e Giuliano Sangiorgi aggiunge: “Credo che il vino sia il canto delle persone che stanno sulla terra. L’uva è il canto della terra. Il vino è il canto degli uomini, che stanno sulla terra magnifica che produce l’uva”.

 

Appuntamento con grandi Vini, Arte e Jazz, domenica 29 maggio, alla Cupertinum, Antica Cantina del Salento, in Via Martiri del Risorgimento 6, a Copertino, nell’ambito di Cantine Aperte, evento organizzato dal Movimento Turismo del Vino Puglia.

Dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 21.00 la Cupertinum accoglie appassionati, turisti e curiosi, per scoprire la Cantina, assaggiare e acquistare i vini.
Inoltre, degustazioni: gli oli d’oliva della “Carta degli oli dell’Aprol”; le “buonezze” del Forno Fratelli Sabato e il miele di BeeHouse.

Durante l’apertura si potrà ammirare la mostra fotografica “Mille piani”, di Raffaele Puce.

Alle ore 19.00, concerto del Jazz Trio di Luigi Botrugno (pianoforte), Emanuele Raganato (sax) e Frank Bramato (voce).

 

CUPERTINUM, Antica Cantina del Salento 1935, Copertino
Enoteca del Copertino, Via Martiri del Risorgimento 6, Copertino (Le) tel.0832.947031 – www.cupertinum.it

puce

Raffaele Puce – Fotografo e artista visivo, collabora con enti pubblici e aziende per la realizzazione di immagini per mostre e cataloghi. Svolge ricerca fotografica con particolare attenzione al rapporto tra beni culturali e territorio. Per le Edizioni Aramirè ha pubblicato Parazioni. Laureato all’Accademia di Belle Arti, nel 1999 ha vinto il Premio Nazionale Giovani Artisti Portfolio. Tra le sue mostre ricordiamo: Sequenze, Museo Ken Damy / Brescia; Outono Fotografico / Spagna; Diario quotidiano, collettiva di fotografia stenopeica, Musinf / Senigallia; Bande, fuochi e luci, Talos festival; Portokalli site, Borgoinfesta. Con la Cupertinum collabora in qualità di fotografo, in particolare per il progetto del giornale Cupertinum doc. Il Cuore del Negroamaro.

puce2

Jazz Trio: Frank Bramato – è un giovane cantautore che ha attraversato, nella sua intensissima parabola artistica, una varietà enorme di generi, situazioni e progetti artistici. Come cantante e sperimentatore vocale, esordisce nel 2000 con la band Blekaut. Dopo gli studi di sceneggiatura a Roma si afferma nell’ambiente del teatro/performance vincendo prestigiosi festival internazionali. Luigi Botrugno – è una delle voci pianistiche salentine più versatili e conosciute. Si esibisce regolarmente in varie formazioni e in una moltitudine di contesti, da Sanremo al solismo jazz. Attualmente insegna pianoforte jazz al Liceo Musicale di Lecce. Emanuele Rag – musicista eclettico e raffinato si è esibito in centinaia di concerti, in Italia e all’estero, presentando un vasto repertorio che va dal jazz al lirico-sinfonico. Attualmente è docente presso il Conservatorio di Ferrara.

Teatro| Sandro Penna: una quieta follia

Una quieta follia_Diaghilev 28.05.2015 - Centro Diaghilev - foto di Vito Mastrolonardo
Una quieta follia_Diaghilev 28.05.2015 – Centro Diaghilev – foto di Vito Mastrolonardo

 

di Tore Scuro

«Felice chi è diverso essendo egli diverso, ma guai a chi è diverso essendo egli comune». Sabato 28 (ore 21) e domenica 29 maggio (ore 20) al Teatro Van Westerhout di Mola di Bari (Via Van Westerhout 17, info 333.1260425) va in scena “Sandro Penna: una quieta follia” di Elio Pecora, drammaturgia e regia Massimo Verdastro, con Massimo Verdastro e Giuseppe Sangiorgi, musiche originali Riccardo Vaglini, luci Paolo Calafiore, suono Marco Ortolani, produzione Compagnia Diaghilev, in collaborazione con Compagnia Massimo Verdastro.

photo ufficio stampa della Compagnia Diaghilev, che promuove l’evento.
photo ufficio stampa della Compagnia Diaghilev, che promuove l’evento.

 

Massimo Verdastro in questo spettacolo dà corpo e voce ad uno de più grandi poeti del Novecento. “Sandro Penna: una quieta follia” è un testo che Elio Pecora ha scritto appositamente per l’attore e regista; concepito come una sorta di spartito musicale, sull’onda di una forte ed empatica conoscenza che Pecora ha del poeta perugino. Il monologo che n’è venuto fuori, in una lingua molto prossima alla poesia, ma veloce e chiara, accoglie in sé i versi, le prose e alcuni frammenti dei diari inediti.

Il lavoro di Elio Pecora, rielaborato drammaturgicamente da Verdastro, vede un Sandro Penna insonne che si racconta e rivela e, mentre riflette e confida le fonti e le ragioni della sua opera poetica, descrive le sue giornate e il tempo che ha traversato: gli anni del fascismo, la guerra, il secondo dopoguerra, la sua intera esistenza fatta di inquietudini e di stupori.

In una stanza da cui ha smesso di uscire, dove sono accatastati e sparsi oggetti di ogni tipo nella confusione più totale, il poeta elenca i suoi mali, si dilunga sulle sue insonnie. Vagando nella sua stanza, ingoiando pillole, ci parla della sua infanzia difficile, dei suoi rapporti con il padre e con la madre, che ha segnato la sua esistenza, madre amorosa e crudele, traditrice e giudicante. Quindi l’incontro con l’amico che gli parlò di Rimbaud e Baudelaire, la comparsa della poesia; i dissidi interiori, la diversità ben prima di quella sessuale; l’amore intravisto, inseguito, negato; gli anni della giovinezza, gli impieghi brevi, i piccoli commerci, la sua visione della vita accolta nei versi; le sue frequentazioni e amicizie con Montale, Saba, Pasolini e Morante.

«Nella scorsa primavera l’amico regista e attore Massimo Verdastro, che aveva letto la mia biografia penniana edita da Frassinelli e sapeva che detengo e curo l’intero archivio del poeta, mi ha chiesto di scrivere un testo teatrale su Sandro Penna. Ed io ho accettato convinto e, fra luglio e agosto del 2014, in una mia casa–giardino nel Sud, ho composto il monologo in cui Penna insonne parla a un magnetofono dal chiuso della casa da cui ha smesso di uscire e nei suoi ultimi giorni. Che la poesia, la grande poesia com’è quella di un poeta molto amato, letto, studiato e tradotto in numerose lingue, possa parlare di se stessa senza allontanarsi dalla vita di ogni giorno e di tutti e dal suo difficile tempo: questi mi sono parsi il fine e il piacere del testo», annota Elio Pecora.

Teatro| Non ti pago

Non ti pago questa e le altre foto sono di Masiar Pasquali]
Non ti pago questa e le altre foto sono di Masiar Pasquali]

 

di Tore Scuro

«Noi andiamo avanti sempre. In teatro c’è un motto: la morte chiama vita, perché sennò vincerebbe due volte». Questo diceva, Luca De Filippo. Il suo ultimo spettacolo, “Non ti pago” del padre Eduardo, ha continuato ad andare in tournée anche quando lui ha dovuto fermarsi. Giovedì 26 maggio (ore 20.30) al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi (via Santi 1, info 0831.562554) e da venerdì 27 (ore 21.15) a domenica 29 maggio (ore 18.30) al Teatro Curci di Barletta (in corso Vittorio Emanuele 71, info 0883.332456), va in scena “Non ti pago” di Eduardo De Filippo, regia Luca De Filippo, con (in ordine di apparizione) Carolina Rosi, Viola Forestiero, Nicola Di Pinto, Federica Altamura, Andrea Cioffi, Gianfelice Imparato, Massimo De Matteo, Carmen Annibale, Paola Fulciniti, Gianni Cannavacciuolo, Giovanni Allocca, scene Gianmaurizio Fercioni, costumi Silvia Polidori, musiche Nicola Piovani, luci Stefano Stacchini, produzione Compagnia di Teatro di Luca De Filippo. Durata: due ore compreso intervallo.

Non ti pago [photo Masiar Pasquali] 2

Eduardo scrisse “Non ti pago” nel 1940 per sé nella parte di Ferdinando Quagliuolo e il fratello Peppino in quella dell’antagonista Mario Bertolini, con la sorella Titina nel ruolo della signora Quagliuolo. Inserita in un primo tempo nel volume “Cantata dei giorni dispari”, la raccolta dei testi più drammatici, soltanto in un secondo momento fu trasferita nella “Cantata dei giorni pari”, la parte “più leggera” dei testi di Eduardo, se così si può dire. Con questa messinscena Luca De Filippo continuava il lavoro di approfondimento sulla drammaturgia del padre, tornandovi dopo averla già proposta 25 anni fa, nella stagione 1989-1990. La sua Compagnia portava così avanti il percorso specificatamente tematico iniziato nella stagione 2013-2014 con l’allestimento di “Sogno di una notte di mezza sbronza”, che ne costituisce il prologo naturale. Secondo la tradizione del teatro e del mondo dello spettacolo e secondo quello che era il desiderio di Luca De Filippo, il suo ultimo spettacolo come attore e regista non si è fermato. Al “Verdi” di Brindisi e al “Curci” di Barletta andrà in scena con Gianfelice Imparato nel ruolo di Ferdinando Quagliuolo, che fu di De Filippo padre e figlio.

Il protagonista Ferdinando Quagliuolo, è personaggio ambiguo e surreale, che vive tra sogno e realtà. Gestore di un botteghino del lotto a Napoli è un accanito giocatore eccezionalmente sfortunato. Al contrario un suo impiegato Mario Bertolini, suo futuro genero, interpretando i sogni, colleziona vincite su vincite e addirittura un giorno gli capita di vincere una ricca quaterna di quattro milioni delle vecchie lire datagli in sogno proprio dal defunto padre del suo datore di lavoro. Accecato da una feroce invidia Don Ferdinando si rifiuta di pagargli la vincita e rivendica il diritto di incassare la somma per se. Egli sostiene che lo spirito di suo padre avrebbe commesso un involontario scambio di persona recandosi per errore nella vecchia abitazione della famiglia Quagliuolo, dove ora risiede il giovane Bertolini. La commedia si sviluppa intorno ai vari tentativi di Ferdinando di appropriarsi del biglietto vincente con esasperate contese, dispute surreali e grottesche maledizioni…

Non ti pago [photo Masiar Pasquali] 3

Lecce| Concerto di musica elettroacustica

I CONCERTI DEL CONSERVATORIO “TITO SCHIPA” DI LECCE 2015-2016

VENERDÌ 27 MAGGIO 2016 ORE 20:30

AUDITORIUM CONSERVATORIO DI LECCE

CONCERTO DI MUSICA ELETTROACUSTICA

a cura dell’Ufficio Pubbliche Relazioni del Conservatorio di Lecce

1_27 maggio

NICOLA MONOPOLI

FRANCESCO ABBRESCIA

ALVIN LUCIER

VINCENZO DELUCI

ALESSANDRO DUMA

VALENTINO IMBRIANI

LUIGI INGUSCIO

 

CLASSE DI MUSICA ELETTRONICA

Prof. Francesco Abbrescia

Prof. Nicola Monopoli

 

Proseguono con grande successo di pubblico gli appuntamenti musicali promossi dal Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce. Venerdì 27 maggio 2016 (ore 20:30), nell’Auditorium del Conservatorio di Lecce, è in cartellone un concerto di “Musica Elettroacustica”, a cura della Classe di Musica Elettronica tenuta da FRANCESCO ABBRESCIA. In programma lavori audio-video e composizioni per strumento ed elettronica di NICOLA MONOPOLI, FRANCESCO ABBRESCIA, ALVIN LUCIER, VINCENZO DELUCI, ALESSANDRO DUMA, VALENTINO IMBRIANI e LUIGI INGUSCIO. L’esecuzione dei lavori, tutti in prima assoluta, tranne il landscape di Abbrescia e la composizione di Lucier in chiusura di serata, è a cura degli stessi autori, di Angelo Giodice e di Fabrizio Giannuzzi.

Discovery (2016) di Luigi Inguscio unisce tecniche estese pianistiche ed elettronica in un binomio che porta alla scoperta di nuove dimensioni, realtà e possibilità espressive.

Per Filmstudie (2016) è una sonorizzazione del video astratto Filmstudie di Hans Richter del 1926 a cura di Nicola Monopoli. Filmstudie è un divertente cortometraggio sperimentale dadaista pieno di movimenti di forme geometriche, riprese di gabbiani, bulbi oculari volanti e teste galleggianti.

Sincronicità della sfera (2016) di Alessandro Duma rappresenta il passaggio dal minuscolo all’immenso, dall’immediato all’eterno, dall’unità al gruppo. Se solo i due estremi si toccassero, se fossero la stessa cosa. I diversi materiali sonori e visivi cercano di rappresentare ciò che è pura informazione, ciò che è materia o estrapolazione matematica.

La botola inattesa (2016) di Vincenzo Deluci rappresenta un’inaspettata caduta in una dimensione onirica e reale al tempo stesso in una feconda unione tra suoni elettronici e strumentali, dove il sogno diviene incubo e contemporaneamente desiderio.

Studio sull’intonazione della carne (2006) di Francesco Abbrescia è un landscape acustico di una cerimonia rituale. Mille elementi si muovono nello spazio alla perenne ricerca di un irraggiungibile stato di equilibrio, governati da forze quali attrazione e repulsione reciproche, gravità verso il centro.

Decadence (2016) di Valentino Imbriani rappresenta la spettacolarizzazione e speculazione mediatica dell’orrore, della sofferenza. Una decadenza morale, politica e religiosa che lascia l’unica speranza in un distopico futuro.

I am sitting in a room (1969) di Alvin Lucier è il pezzo più conosciuto della sua produzione. A metà tra un’opera di sound art e una performance, attraverso le successive registrazioni, lo spazio della stanza filtra e modifica il suono della voce del performer fino a renderlo irriconoscibile.

L’evoluzione tecnologica apre nuove strade e incide profondamente sulle idee musicali. Nascono quindi musicisti che, parafrasando uno scritto di Edgard Varèse, praticano e realizzano strumenti docili al pensiero che, rendendo possibili timbri finora insospettati, si aprono a qualsiasi combinazione si proponga loro e soddisfano le richieste che provengono dal ritmo interiore del compositore.

Oggi, con lavori per la maggior parte nati in seno al Conservatorio “Tito Schipa”, si vogliono percorrere alcune delle strade resesi possibili dal progresso tecnologico: la composizione per strumento ed elettronica (Discovery e La botola inattesa), la sonorizzazione video (per Filmstudie), la composizione audiovisuale (Sincronicità della sfera, Studio sull’intonazione della carne e Decadence) e il live electronics (I am sitting in a room).

 

 

INGRESSO LIBERO

 

Prossimo appuntamento:

Biblioteca Roberto Caracciolo – Lecce

Mercoledì 8 Giugno 2016 (ore 20:30)

“I FIATI DEL TITO SCHIPA”

CARLO SCORRANO pianoforte

Teatro| Va in scena “La notte dei pagliacci”

ph ufficio stampa Teatro delle Forche
ph ufficio stampa Teatro delle Forche

 

di Tore Scuro

 

Un’opera (popolare) dolce e amara. Sabato 21 maggio, alle ore 21 al teatro comunale “Nicola Resta” di Massafra (in piazza Garibaldi), va in scena “La notte dei pagliacci”, testo, regia e musiche Marinos Muzakis, con Yannis Adrimis, Markos Oikonomidis, Dina Kafterani, Elisseos Vlachos, Ermioni Dova, Dina Mavridu, Marinos Muzakis, maschere Dionissis Mataranga, costumi, scene e oggetti Evi Chatzisavva, Cristina Christodulu e Dina Mavridu, produzione Tsiritsantsoules (Atene), nell’ambito del progetto di residenza internazionale “Convocazioni” a cura del Teatro delle Forche. Lo spettacolo è proposto in greco moderno con sovratitoli in italiano. Biglietto 10 euro, ridotto 8 euro. Info e prenotazioni: 099.8801932 – 3497.148766.

ph ufficio stampa Teatro delle Forche
ph ufficio stampa Teatro delle Forche

 

Il giovane Efèbo è schiavo nelle miniere di un paese mitico, Privia. Fugge dalla servitù e attraversa il paese, sino ad arrivare al porto della capitale, per imbarcarsi con i pirati e partire verso terre straniere. Qui conosce Stella, una piccola prostituta. I due s’innamorano. Ma, poco prima di imbarcarsi, scoppia la guerra. Efèbo viene arrestato e mandato al fronte, Stella diviene schiava del ministro della Guerra. Alla notizia che Efèbo è morto in battaglia, Stella impazzisce. In realtà, il giovane si è salvato e vive nel mitico “Paese dei Pagliacci”, dove impara la loro arte. Dopo dodici anni torna a Privia e consuma la sua vendetta. Il testo parla di amore, di guerra, di povertà e di rivoluzione. Temi senza tempo, drammaticamente attuali. Scritta in decapentasillabo, l’opera si pone drammaturgicamente fra il teatro greco tradizionale e la commedia dell’arte italiana, risultando molto attenta al teatro di Brecht.

«Abbiamo chiamato questo spettacolo “opera popolare”. Popolare perché si rivolge a tutta la società e non solo a qualche élite filo-artistica. Opera perché è piena di musica. Nei fatti, “La notte dei pagliacci” è strutturata con materiali teatrali che abbiamo raccolto durante l’esperienza di un ciclo di ricerca iniziato nel 1999 sulla commedia laica e sul teatro di strada, che si sono sviluppati nei secoli. Un percorso avviato con l’antico dramma satiresco e passato attraverso la commedia romana, dai buffoni del Medioevo, dalla commedia del Rinascimento, dalla commedia dell’arte, per arrivare fino a Karaghiozi, il cabaret, i clown e gli artisti di strada del nostro secolo. Abbiamo avuto il privilegio di lavorare con insegnanti importanti come Kitti Arseni, Miroslav Kocur, Carlo Formigoni, Athos Danellis e studiare le loro tecniche. Utilizzando tutta questa conoscenza, abbiamo composto questa dolce e amara opera, parlando di una società che deve cambiare, ma anche della natura del pagliaccio, così come noi la percepiamo», dalle note di produzione della compagnia greca.

Tsiritsantsoules è un collettivo artistico di Atene, attivo dal 2000. Si occupa di teatro per adulti e bambini, musica, film, arti figurative, editoria, organizzazione di eventi e festival. Collabora con molti gruppi in Grecia e all’estero. In Italia ha lavorato con Carlo Formigoni (“Ruzante”, 2004) e con il Teatro delle Forche (“I due impostori”, 2007), portando in scena spettacoli in Puglia e in Campania. Tra le esperienze internazionali, vanta una cooperazione con l’Accademia Nazionale di Arte Drammatica di Wroclaw (Polonia) per la produzione “Asinaria” di Plauto nel 2003.

La notte dei pagliacci 2
ph ufficio stampa Teatro delle Forche

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!