L’eremita della Pastorizza

di Rocco Boccadamo

Sembra accadimento di ieri, eppure ben dodici calendari si sono succeduti dal mio passaggio, diciamo così, a vita privata, dopo circa un quarantennio di attività lavorativa, e dal contestuale ritorno nel minuscolo e defilato mondo dove sono nato. Pastorizza sta per denominazione del fondo su cui insiste la mia casetta con pineta, dimora stabile in primavera e d’estate, approdo del weekend durante le restanti stagioni. E’ Pastorizza per tutti i compaesani, giacché su questo triangolo di terreno, gli antichi proprietari, fino a mezzo secolo fa, solevano mandare a pascolare la loro piccola mandria, in gergo dialettale murra, di ovini. Per la precisione, ve ne erano quattro, di murre, facenti capo ad altrettante famiglie benestanti, materialmente affidate a “pecorari”, i quali ultimi, in contropartita della cura continuativa agli armenti, ricevevano – unico loro salario – una quota (non ricordo se la metà o una misura diversa) del formaggio prodotto dalle mandrie e del ricavato dalla vendita della lana e degli agnellini.

Serbo ancora vivi nella memoria i volti e i nomi dei “pecorari”, Rocco, Saverio, Luigi e compare Tommaso, anche se i medesimi, da un bel po’, si sono insediati su pascoli ben più in alto, ma sempreverdi.

Da quando ho scelto di divenire eremita – tale, almeno per via dell’isolamento e della lontananza dai figli – ho avvertito un nuovo bisogno, ossia a dire disporre della compagnia di un gatto. Così, se ne sono già alternati sei, maschi e femmine, in prevalenza di pelo nero e occhi da favola, e però con due eccezioni, esemplari parimenti fantastici, rappresentate da un persiano e un certosino.

Non impongo un nome ai miei gatti, sono e li chiamo semplicemente micio o micia; do loro, bensì, affetto, attenzione, compagnia, assistenza e, a dir la verità, i cari amici mi contraccambiano oltre misura. Alla loro presenza e vicinanza, ho trascorso momenti lieti e meno, ho visto ovviamente venire alla luce micetti e ho sofferto di qualche misteriosa sparizione e/o epilogo tragico. Mentre, in precedenza, erano i miei figli e i nipotini più grandi – durante le vacanze estive – a partecipare alla coabitazione con i simpatici e giocherelloni felini della Pastorizza, quest’anno, nella casetta al mare, è presente un batuffolo biondo, la nipotina ultima nata, la quale festeggerà la sua candelina numero uno a fine agosto, insieme ai genitori e ai nonni.

E’ immediatamente e con naturalezza spuntata una bella, semplice e simpatica amicizia, intesa e complicità fra E. e l’attuale amico a quattro zampe, dal solito pelo nero e dotato di due azzurre e vispissime pupille da sbirro. Così, gli occhi del ragazzo di ieri che scrive, adusi nel tempo ad allietarsi di fronte a cascate di fusa, salti, scalate agli alberi, rincorse, capriole, goffi e avventurosi agguati alle farfalle, hanno al presente un motivo in più, speciale, per tendere a sorridere ed illuminarsi, ciascun mattino segna una nuova e insolita scoperta di compagnia e giocosità.

E, intanto, va scorrendo anche l’estate 2010, aggiungendo un ulteriore petalo al già consistente bouquet di stagioni calde e piene che si trovano ormai alle mie spalle. Nondimeno, per buona sorte, la vita racchiude ancora un senso e un significato: valori che avverto e percepisco dentro, con eguale intensità e nitidezza, come specchiati sulla trasparente distesa di questo mare che dà la sensazione di volerti parlare e sullo sfondo blu intenso del cielo, particolarmente alle prime luci dell’alba e tra i lumicini scintillanti della sera.

3 Commenti a L’eremita della Pastorizza

  1. Anche a volersi limitare ad un giudizio soltanto estetico, questo è un esempio concreto, che nella sua esemplare semplicità non necessita peraltro di astruse teorizzazioni, di come non ci sia distinzione alcuna tra prosa e poesia; la prosa, però, dev’essere come quella di Rocco Boccadamo.

  2. Da un “gattaro” come me un sentito ringraziamento a Rocco per averci regalato questo piccolo, delicato, quadro di vita vissuta e di “amicizia felina”. I nostri “amici mici”sanno come ricambiare l’affetto che nutriamo per loro, ma lo fanno con discrezione, quasi con pudore, gelosi custodi della loro (e della nostra) libertà di amare.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!