Giovanni Bernardino Tafuri di Nardò (1695-1760) e Angelo Calogerà (1696-1766)

di Armando Polito

La prima immagine è tratta da Biografia degli uomini illustri del Regno di Napoli compilata da Domenico Martuscelli, Nicola Gervasi, Napoli, tomo I, 1813; la seconda è una stampa custodita nella Biblioteca Nazionale Austriaca (http://www.europeana.eu/portal/it/record/92062/BibliographicResource_1000126022685.html?q=caloger%C3%A0)

Per chi non lo sapesse va preliminarmente detto che Giovanni Bernardino Tafuri fu un erudito neretino del secolo XVIII e Angelo Calogerà, patavino, suo contemporaneo, fu un monaco camaldolese, prima bibliotecario presso la chiesa di S. Michele di Murano, poi priore del monastero di San Giorgio Maggiore.

Il primo ebbe credito assoluto e stima incondizionata da parte della cultura del suo tempo, riconoscimenti offuscati col passare dei decenni dalla scoperta di veri e propri falsi, pur abilmente confezionati. Anche se le falsificazioni sono sempre esistite, a prima vista sembrerebbe che il secolo dei lumi fosse una culla poca adatta per la loro nascita. In realtà l’amore per la ricerca documentaria in chi non è animato da acribia e rispetto assoluto per la conoscenza ed è invece solleticato dalla tentazione di conferire a tutti i costi prestigio alla propria patria o, peggio, alla propria parte o, peggio ancora, a se stesso, rappresenta una tentazione troppo forte per non interpretare in mala fede, manipolare o, addirittura, confezionare prove. Di questo il Tafuri fu capace e tutto ciò fa rabbia come succede ogni volta che ci si trova di fronte ad un talento prostituito. Si aggiunga a questo che la storia locale è forse quella che più  si sottrae al controllo, ammesso che si trovi qualcuno disposto a visitare le coltivazioni dell’orto altrui col rischio che per rappresaglia il controllato, a torto o a ragione disturbato dall’intrusione, ricambi la visita di cortesia …

Il secondo personaggio di oggi è noto agli studiosi soprattutto per aver pubblicato, insieme con Antonio Vallisneri, la Raccolta di opuscoli scientifici e filologici in 51 tomi: i primi 17 uscirono per i tipi di Cristoforo Zane a Venezia dal 1728 al 1738; i restanti per i tipi di Simone Occhi, sempre a Venezia,  dal 1738 al 1757.

Nella tabella che segue (per leggerla più agevolmente cliccare una prima volta e, quando il cursore avrà assunto l’aspetto di una lente d’ingrandimento, una seconda) ho riportato tutti gli estremi dell’ospitalità goduta dal neretino presso il Calogerà.

 

Aggiungo che la Raccolta del Calogerà ospitò anche quattro contributi dei fratelli Pollidori/Pollidoro (La stessa forma latina del nome, vedi nella tabella seguente, giustifica  come traduzione in italiano ora  Pollidori ora Pollidoro)in particolare i due di  Pietro, che del Tafuri fu compagno di merende …

A riprova ulteriore del credito e della stima del Calogerà per il Tafuri va ricordato che il tomo XVI del 1738 è indirizzato allo storico neretino, come si legge nel frontespizio.

Il volume, inoltre, si apre con una dedica in cui il Calogerà, dopo aver ringraziato il Tafuri per i suoi innumerevoli contributi, ne tesse le lodi, in cui spicca, oggi offuscato dalla luce beffarda della storia, il riferimento alle singolari prerogative del bello e candido animo vostro. Segue una dichiarazione di modestia per cui il Calogerà delega al Cavaliere Signor Ignazio Maria Como (era uno specialista di componimenti del genere e la biblioteca Riccardiana a Firenze ne conserva un buon numero manoscritti) il compito di celebrare il Tafuri con un canto in distici elegiaci, che ho ritenuto opportuno riprodurre con le immagini originali, aggiungendo di mio quello che è quasi d’obbligo in queste circostanze, cioé la traduzione e qualche nota.

 

Condividi su...

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: cognome, email e nome
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com