“Essere connesso” non è “connettere”

di Armando Polito

Infatti, grammaticalmente parlando, sono entrambi infiniti presenti, ma il primo è passivo, il secondo attivo. Secondo me non esiste altro verbo la cui diatesi (passiva o attiva, appunto) esprima meglio la condizione dell’uomo del nostro tempo. Abbiamo strumenti formidabili che ci consentono di entrare in comunicazione a distanze prima inimmaginabili con gli altri o di assumere dati, immagini, suoni (fra poco, forse, anche profumi e, naturalmente, puzze …) e poi, in una sorta di perversione psico-tecnologica con punte di esibizionismo spesso di natura imitativa, usiamo facebook o simili per esprimere un sentimento, di qualsiasi natura, nei confronti, magari, di una persona che fisicamente sfioriamo ogni giorno, trattandosi di un componente e convivente della nostra famiglia. La tecnologia, annientando quello che si chiama pudore del sentimento, ha permesso a tutti di soddisfare il teoricamente legittimo diritto ad una piccola fetta di notorietà, insomma, di apparire, anche se parecchi (forse, chiedo scusa per la presunzione che filtra dall’avverbio, io in primis …) farebbero meglio a non comparire e qualcuno (rileggi ciò che è scritto nelle parentesi precedenti), addirittura, a scomparire.
Alessandro Manzoni scrivendo I promessi sposi rimproverava alla storia di scrivere le sue pagine non tenendo conto degli umili e lo stesso concetto celebrerà in versi poco più di un secolo dopo Bertolt Brecht nella celeberrima Domande di un lettore operaio, il primo trovando conforto nella fede, nella promessa di compensazione nell’al di là e beccandosi da parte dei non credenti l’accusa di illusorio paternalismo, il secondo vedendosi appiccicata addosso l’etichetta di comunista, quando sarebbe bastato riflettere sui due versi finali (Tante vicende./Tante domande.) per comprendere come il poeta e l’uomo, anticipando ciò che ancora oggi a stento si distingue, aveva una fiducia, per quanto amara, nell’ideale, non nell’ideologia.
Se ogni potere, compreso quello religioso, fosse interpretato come servizio da espletare con sacrificio e non come, al contrario, vale semanticamente nella frase ti faccio un servizio così … (sarà derivata dal gioco del tennis? e ti faccio un mazzo così, sarà connessa con l’omaggio floreale dei funerali?), l’umanità veramente vivrebbe, senza che nessuno attenda la morte per avere giustizia, una seconda età dell’oro, ammesso che ci sia veramente stata la prima … E sotto questo punto di vista io non sto con Manzoni ma con Brecht.
Dopo questo deragliamento pseudo socio-psico-politologico (polito sì, dirà qualcuno, logico meno …) torno all’assunto del titolo e concludo dicendo che l’essere connesso dev’essere uno stimolo in più per il cervello, non la causa della sua parziale atrofia; e il link (di origine protogermanica, ma secondo me potrebbe avere collegamenti con il latino ligare, da cui il nostro legare) in particolare non dev’essere un surrogato delle sinapsi cerebrali ma uno stimolo a farle funzionare al massimo del rendimento. Essere connesso, dunque, deve liberarsi della sua valenza grammaticale passiva, se non vogliamo che essa annienti nella realtà quella attiva insita in connettere.
Poi ci sarà sempre il solito furbo che, magari, grazie pure alla scritta sulla camicia (quella sulla felpa, ormai, è inflazionata …) penserà di rimediare.

Condividi su...

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: cognome, email e nome
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com