NARDÒ RIVOLUZIONARIA. Protagonisti e vicende di una tipica ribellione d’età moderna

????????????????????????

Mercoledì 19 agosto 2015 nel chiostro dell’ex Seminario verrà presentato, alla presenza del sindaco Marcello Risi e dell’assessore alla Cultura Mino Natalizio, il libro Nardò Rivoluzionaria. Protagonisti e vicende di una tipica ribellione d’Età Moderna, Congedo Editore. Interverranno don Giuliano Santantonio, direttore dei “Quaderni degli archivi diocesani di Nardò-Gallipoli”, l’autore Alessio Palumbo e la dottoressa Maria Luisa Tacelli, docente di Diritto Canonico presso l’Università del Salento.

 

 Indice del volume

Una storia dimenticata. 4

Premessa. 7

Nota al lettore. 9

  1. ………. La crisi del Seicento e la fine dell’egemonia spagnola. 10

1.1.      Sotto il segno della depressione. 10

1.2.      Sull’orlo del collasso.. 15

1.3.      Il viceregno.. 19

1.4.      Il baronaggio rampante. 22

  1. ………. La vigilia della rivolta. 26

2.1.      Nardò e la casa Acquaviva.. 26

2.2.      Il Guercio.. 29

  1. ………. La Rivolta. 41

3.1.      La rivolta napoletana.. 41

3.2.      Viva Dio! Viva il Re et mora lo mal governo: Nardò si ribella.. 44

3.3.      Fe bando che si mettessero tutti in arme: i primi giorni della rivolta.. 50

3.4.      E principiarono a metter fuoco nell’aere: la battaglia.. 53

3.5.      Fé venire detto Vescovo, e incominciarono a trattare: la tregua.. 57

3.6.      E in quell’istante si vide oscurarsi l’aria: la strage d’agosto.. 62

  1. ………. Il processo. 70

4.1.      Il processo di Carlo Manca: una nuova arma nelle mani del conte. 70

4.2.      Il ruolo dei canonici71

4.3.      I nemici fuori da Nardò.. 76

4.4.      Strane coincidenze. 80

4.5.      Tracce di umanità.. 82

  1. ………. Epilogo. 86

5.1.      Lo clamavan rey de la Pulla.. 86

5.2.      Da Nardò a Madrid.. 90

5.3.      Giovan Girolamo e Giovan Pietro alla corte di Filippo IV.. 93

Conclusioni104

Appendice  109

 

 

 

 

Avevano simulato di temere il duca,

con il pretesto di difendere la città

dai soldati che il duca avrebbe inviato a loro danno.

In realtà si erano ribellati con il duca

 che era loro signore e principe legittimo,

 poiché si erano dati il diritto di prendere le armi contro di lui.[1]

 

 

[1] Archivio Segreto Vaticano, Archivium Arcis, Arm. E, 127 (Super Tumultis Populi Civitatis Urbini Anno Domini 1573), cc. 312 v – 320 v in A. DE BENEDICTIS, Tumulti: moltitudini ribelli in età moderna, Bologna, Il Mulino, 2012, p. 24.

Condividi su...

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: cognome, email e nome
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com