Ggimentu, gimmientu e ggimintare

di Armando Polito

L’etimologia fa vivere le esperienze più bizzarre e cantonate memorabili. Per esempio: chi sarebbe disposto ad accettare che la voce italiana territorio non derivi da terra e, al contrario che ci siano rapporti tra cemento, cimento e cimentare, cioé le tre voci italiane perfettamente corrispondenti a quelle neretine del titolo? Sulla tutt’altro che probabile derivazione di territorio da terra do appuntamento al lettore interessato sul mio profilo Facebook (aperto a tutti) per uno dei prossimi giorni, mentre per quanto riguarda cemento, cimento e cimentare dirò brevemente che cemento deriva dal latino caementum (deverbale da caedere=tagliare, fare a pezzi), che significava pietra da costruzione, ma anche malta. Cimentare, invece, deriva da cimento (variante di cemento) nel significato antico di mistura per saggiare i metalli preziosi, da cui il significato di cimentare (usato riflessivamente) sinonimo di mettersi alla prova. La voce salentina ggimintare (da cui gimmientu col significato di provocazione e, con vocalismo diverso in funzione di differenziazione semantica, ggimentu col significato di cemento) ha un uso anche non riflessivo col significato di provocare in espressioni del tipo no mmi ggimintare (non provocarmi) e nel proverbio Arata e trairsata ole la terra, amata e ggimintata ole la tonna, del quale mi sono occupato in http://www.fondazioneterradotranto.it/2012/12/17/ggimentu-e-ggimintare-dalla-speculazione-edilizia-alle-molestie/ in un post del quale quello di oggi può essere considerato integrazione. E di questo debbo essere grato al professor Federico La Sala, il cui commento ad un mio post piuttosto recente (http://www.fondazioneterradotranto.it/2018/06/19/sternatia-un-indovinello-in-griko/) mi ha consentito di aggiungere quanto segue.

Il professore, infatti ricordava che a p. 9 della raccolta del Morosi da cui avevo tratto l’indovinello in griko oggetto del post stesso, si legge ua preghiera infantile. La riporto in formato immagine.

Il testo in griko presenta vocaboli romanzi (quelli che lo stesso raccoglitore ha posto in corsivo) che manifestano una già avvenuta contaminazione tra le due lingue (in scampèfsu, parentu e cimentu il fenomeno coinvolge una sola parola con la radice romanza da una parte e la desinenza grika dall’altra), contaminazione piuttosto strana, perché, al di là dell’evocazione quasi da litania insita nella rima tra parentu e cimentu, il fenomeno sarebbe giustificato solo se non esistessero corrispondenti in griko di queste due voci. Io, ho avuto occasione di dirlo più di una volta,  non conosco il griko; e, allora, qualcuno mi può aiutare? intanto, perché anche il lettore comune possa cogliere i punti in comune, do di seguito la mia traduzione in greco classico.

Τὸν Χριστὸν τὸν θέλω ἐγὼ διὰ κύριον,

τἠν Madonna τἠν θέλω ἐγὼ διὰ μάμμαν,

τὸν ἄγιον Giseppo ἐγὼ διὰ ἀδελφὸν,

τοὺς ἀγίους ὅλους τοὺς θέλω διὰ parentους,

ἵνα με scampωσι ἐξ’ὅλου τοῦ cimentου.

5 Commenti a Ggimentu, gimmientu e ggimintare

  1. Proprio oggi sul mio profilo Facebook (aperto a tutti) ho postato una richiesta di aiuto per fruire della collaborazione di una vasta platea ai fini dell’individuazione dell’etimo di “territorio”. Indipendentemente dalla qualità e quantità del riscontro, fra qualche giorno, sempre su Facebook,chi ha interesse potrà vedere com’è andata e prendere atto delle mie conclusioni.

  2. Ricordo a Novoli la figlia diceva alla mamma(Me sta cimenta= infastidire ) invece( cimientu = cemento le varianti cemientu a Lecce e cimentu a Salice Salentina.
    in Italiano invece ( si cimentano= prendono confidenza )
    un saluto da Torino
    Ersilio Teifreto

  3. IL “CIMENTO” DELL’ACCADEMIA GALILEIANA E LA “PIETRA” DEI FILOSOFI: “PROVANDO E RIPROVANDO”!

    A riorganizzare le idee, a sollecitare ulteriori riflessioni e approfondimenti sugli importanti e vitali “rapporti tra cemento, cimento e cimentare” (“Ggimentu, gimmientu e ggimintare”), e a non cadere nel delirio di onnipotenza della preghiera nient’affatto evangelica (cfr.:http://www.fondazioneterradotranto.it/2018/06/19/sternatia-un-indovinello-in-griko/#comment-88216 ) e nientaffatto infantile, troppo “infantile” (“Cristo lo voglio io per Padre/ la Madonna la voglio per Madre/ S. Giuseppe lo voglio per fratello,/ I Santi tutti li voglio per parenti / Affinché mi scampino da tutti i cimenti” – vale a dire, i serpenti-parenti), tenendo conto delle precisazioni etimologiche del prof. Polito e
    delle mie “vecchie” note relative al suo articolo “Serpente? Presente” (cfr.: http://www.fondazioneterradotranto.it/2016/10/04/serpente-presente/#comment-61939),

    RICORDO

    che il motto della ACCADEMIA DEL CIMENTO (“Accademia dell’esperimento” – cfr.: https://it.wikipedia.org/wiki/Accademia_del_cimento#cite_note-2), nel solco del “Saggiatore” di Galileo Galilei, è

    “PROVANDO E RIPROVANDO”.

    Solo su questa strada, valendosi “del proprio intelletto senza la guida di un altro”, con l’uso della propria “bilancetta”, è possibile trovare all’interno dalla caverna la “pietra da costruzione” (“lapis philosophorum”), “l’uscita dallo Stato di minorità” (Kant: http://www.lavocedifiore.org/SPIP/article.php3?id_article=4829) e, al contempo, la facoltà di saper distinguere “come va il cielo” e “come si va in cielo” (Galileo Galilei).

    Federico La Sala

  4. PROVANDO E RIPROVANDO. LA STELLA E IL NARDO ….

    SICCOME sul piano antropologico, filosofico e teologico-politico, ancora (dopo duemila anni e più dalla nascita di Cristo) molta è la confusione – proprio per la non volontà di accogliere l’indicazione galileiana e ben distinguere il “come va il cielo” dal “come si va in cielo” – su quale sia il “modello” di “sacra” famiglia (ricordare la “vecchia” preghiera dei bambini, già citata: “Cristo lo voglio io per Padre/ la Madonna la voglio per Madre/ S. Giuseppe lo voglio per fratello,/ I Santi tutti li voglio per parenti / Affinché mi scampino da tutti i cimenti”), in occasione delle celebrazioni per i genitori (Louis et Zélie Martin) della carmelitana Teresa di Lisieux (Teresa di Gesù Bambino), canonizzati da papa Francesco nel 2015 (cfr. https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/il-giubileo-degli-sposi-santi), ricordando che nello stemma episcopale dello stesso papa c’è la STELLA e il NARDO (cfr.: https://it.wikipedia.org/wiki/Papa_Francesco#Lo_stemma_papale) per manifestare la propria devozione a MARIA e GIUSEPPE, c’è da augurarsi che un giorno (non lontano) si arrivi a un grande “anno giubilare” per i genitori del Bambino Gesù e, finalmente, in Spirito pieno di Grazia (“Charis”) e di Grazie (“Charites”)*, si giunga a scrivere una BUONA PREGHIERA, degna della BUONA NOVELLA e di tutti i bambini e di tutte le bambine dell’Universo….

    Federico La Sala

    *SUL TEMA, cfr. le mie note all’art. “L’affresco di Sant’Agostino nella cattedrale di Nardò” (http://www.fondazioneterradotranto.it/2017/08/28/laffresco-di-santagostino-nella-cattedrale-di-nardo/#comment-63559).

  5. DOC.:

    IL NARDO. Il profumo di nardo…..

    di Filippa Castronovo (“Conoscere la Bibbia”, 02 Apr 2015) *

    Il nardo è un olio profumato di altissimo valore. Nella Bibbia è simbolo dell’amore fedele fino a dare la vita. Un semplice vasetto di questo olio profumato, infatti, costava più di trecento denari, quasi quanto lo stipendio annuale di un salariato.

    Per tale motivo nella Bibbia il profumo del nardo esprime l’amore che non ha prezzo e si realizza diffondendosi…

    Nel libro del ‘Cantico dei Cantici’ il simbolo del nardo indica un amore immenso,
    * http://www.paoline.it/blog/bibbia/169-il-profumo-di-nardo-simboli-biblici.html

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: nome cognome, email
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com