Copertino si scopre casa delle Sibille

una delle Sibille in S. Maria di Casole
una delle Sibille in S. Maria di Casole

 

di Pier Paolo Tarsi

Copertino si riscopre in possesso di un altro tesoro: il volto delle Sibille di Santa Maria di Casole! C’è sempre un enigma misterioso da svelare quando si tratta delle celeberrime profetesse, vergini che da millenni affascinano la cultura occidentale, dalla Grecia classica a noi, passando per la civiltà romana e la cristianità medievale e moderna. In effetti, risulta già inspiegabile capire come sia potuto sfuggire a tutti gli osservatori, storici e ricercatori locali, l’unicità che hanno invece colto ed evidenziato con questo studio Marcello Gaballo, medico e storico dell’arte locale, e il professore Armando Polito, entrambi colonne portanti della Fondazione Terra d’Otranto.

Grazie proprio al loro sguardo particolarmente attento, da oggi Copertino può vantare una eccezionalità che può divenire, se opportunamente divulgata e valorizzata con politiche culturali serie e a lungo raggio – ossia non estemporanee ma continuative, ben progettate e strutturate -, una ulteriore e nuova ragione per collocare di buon diritto Copertino nel circuito delle mete obbligate nei tragitti turistico-culturali e artistici del Salento e della Puglia.

il convento di Casole a Copertino
il convento di Casole a Copertino

 

Ci auguriamo che i nostri amministratori e gli operatori del settore turistico sappiano cogliere la preziosa opportunità che questa rivelazione apre al loro operato e al nostro territorio. Per dare una concreta idea del perché Santa Maria di Casole possa apparire oggi così speciale, basti pensare che, allo stato attuale delle conoscenze, su tutto il territorio pugliese non sono noti altri cicli completi delle 12 Sibille della tradizione. Anche a livello nazionale possiamo vantare la rarità dell’esempio di Casole: in mancanza di un censimento nazionale ufficiale che ci restituisca un quadro definitivo, pare dobbiamo giungere a Salerno o fino a Bergamo per poter scrutare il fascino affrescato che emana dal ciclo completo di tutte le 12 profetesse. Sappiamo invece ora con certezza che la famiglia al completo delle Sibille ha una casa anche in Puglia, precisamente a Copertino!

Sibilla Europa, in S. Maria di Casole
Sibilla Europa, in S. Maria di Casole

 

Al di là di questa importante e significativa segnalazione, già di per sé sufficiente a far comprendere la rilevanza del luogo e la necessità di scommettere sul fascino attrattivo di Casole – per esempio, riportando quanto prima alla luce tutto il corredo pittorico -, lo studio di Marcello Gaballo e Armando Polito evidenzia anche l’altissimo livello culturale della comunità religiosa che animava il luogo. Ne offrono prova la quantità e la rilevanza dei libri che appartenevano al Convento, parte dei quali si trova oggi nella Biblioteca Vergari di Nardò, i cui frontespizi sono peraltro riprodotti nel testo. Che sia proprio Casole, col suo fascino sibillino, uno degli snodi patrimoniali per rilanciare il potenziale attrattivo di questa città, favorendone un percorso di sviluppo turistico da far lievitare intorno alle inattese nuove risorse?

Questo luogo che ha rappresentato nei secoli un importante volano della cultura, oggi, mentre se ne svelano ulteriori valenze storiche e unicità artistiche, si candida infatti a divenire fonte e impulso di nuovo vigore per l’economia del territorio. Varrebbe dunque la pena investirci per renderlo uno degli altari su cui il nostro passato può celebrare il lascito del testimone ad un futuro sostenibile, tutto ancora da progettare e scrivere tanto per Copertino quanto per il Salento. Dipende solo da noi e dall’intelligenza politica locale a questo punto; la storia, come ci mostra egregiamente questo studio, ha già fatto ampiamente la sua parte, al punto che ci sorprende ancora con eredità di cui non eravamo nemmeno consapevoli. Ora è nostro compito saperle raccogliere, preservare e valorizzare in tutta la loro rarità.

Sibille sul sottarco di S. Maria di Casole
Sibille sul sottarco di S. Maria di Casole

3 Commenti a Copertino si scopre casa delle Sibille

  1. COPERTINO, SANTA MARIA DI CASOLE, SAN GIUSEPPE, E LE SIBILLE ….

    PLAUDENDO AL BRILLANTE INTERVENTO DI PIER PAOLO PARSI, E CONDIVIDENDO PIENAMENTE LA SUA CONSIDERAZIONE FINALE (“la storia, come ci mostra egregiamente questo studio, ha già fatto ampiamente la sua parte, al punto che ci sorprende ancora con eredità di cui non eravamo nemmeno consapevoli. Ora è nostro compito saperle raccogliere, preservare e valorizzare in tutta la loro rarità”),

    RIPRENDO E RINNOVO LA SEGUENTE NOTA * :

    NEL GIORNO DI SAN GIUSEPPE, 19 MARZO 2017, UNA SOLLECITAZIONE E UN AUGURIO: CHE la memoria di san GIUSEPPE DA COPERTINO (17 giugno 1603 – 18 settembre 1663), CHE SICURAMENTE FREQUENTAVA E CONOSCEVA LA BELLEZZA della Chiesa di SANTA MARIA IN CASOLE, ispiri tutta la cittadinanza di COPERTINO a prendersi cura anche di quanto resta della struttura di questa Chiesa e delle sue DODICI SIBILLE (si cfr. il lavoro di Marcello Gaballo e Armando Polito, “Santa Maria in Casole a Copertino (Le) e altri repertori di Sibille”, Nardò, Fondazione Terra d’Otranto, 2017), e non lasciarla diventare definitivamente un rudere!

    BUONA FESTA E BUON LAVORO!!!

    Federico La Sala

    * http://www.fondazioneterradotranto.it/2017/03/19/fra-giuseppe-desa-copertino-processo-neretino-beatificazione-1664/#comments

  2. la speranza : è quella di saper ” setacciare ” il Salento, perla rara nel Mediterraneo – cordialità sempre – a tutti Voi . peppino martina .

  3. DOC. – DA REGISTRARE….

    Copertino, crolla una masseria del’500: cittadini denunciano l’incuria *

    Si tratta di Masseria Torre a Copertino il cui bastione è venuto giù a causa delle copiose piogge degli ultimi giorni.

    Crolla un pezzo di storia del Salento. Si tratta di Masseria Torre a Copertino, un’imponente struttura databile nel XVI e unica nel suo genere, poichè rappresenta un vero e proprio fortilizio. La denuncia arriva su facebook da parte di un cittadino, Matteo Vallone, che attraverso alcuni scatti …
    * LECCE-SETTE, martedì 25 aprile 2017: http://www.leccesette.it/dettaglio.asp?id_dett=43574&id_rub=137

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!