Antiche preci del popolo salentino a San Giovanni Battista

“Azzate San Giuvanni” in provincia di Lecce

 

di Massimo Negro

s-giovanni-b

 

Iniziata con altre intenzioni, la nota “Azzate San Giuvanni” ha risvegliato in molti che l’hanno letta il ricordo di questa antica preghiera popolare. Si sono ricordati di quando l’hanno sentita pronunciare da piccoli dalle nonne o dalle zie. Alcuni, che hanno ancora la fortuna di avere i propri cari anziani in vita, sono andati da loro chiedendo di risentirla. Molti mi hanno scritto riportandomi la loro versione o preghiere similari.

“Azzate San Giuvanni”, a metà tra filastrocca e preghiera, veniva recitata dai nostri anziani quando il cielo veniva ricoperto da nere nubi e scoppiavano quei temporali i cui tuoni facevano tremare i vetri delle porte di casa, facendo temere per i propri cari ancora fuori per le campagne a lavorare.

E’ così iniziata quasi per gioco una sorta di raccolta delle diverse versioni con cui questa preghiera veniva pronunciata nei paesi della Provincia di Lecce. Un viaggio nella tradizione che è diventato anche un’occasione per apprezzare le diversità di pronuncia e dei vocaboli del nostro ricco dialetto salentino.

Tuglie
Partiamo da Tuglie dove vi sono diverse versioni di questa preghiera.

Azzate, San Giuvanni, e nu durmire,
ca visciu tre nuveje caminare
una te acqua,
una te ientu,
una te triste e mmaletiempu.
Portale addhai ci ni canta caddhu,
addhai ci nu luce luna,
addhai ci nu nasce nuddha anima criatura

Ddisciate San Giuvanni,
c’aggiu vistu tre  nuveje
una te acqua,
una te ientu,
una te triste e mmaletiempu.
Ziccale tutt’etre e mintale intra na crutta scura
Addhu nu vive nuddha anima criatura

San Giuvanni mperatore ci purtasti nostru Signore
Lu purtasti e lu nducisti
lampi e troni nde sparasti
Portali fore fore, addhu nu passa anima te lu creatore.

Vi è poi un’ulteriore preghiera che vede Santa Barbara e non San Giovanni, come santa a cui destinare le proprie invocazioni.

Santa Barbara ca camini a mmenzu a li campi
e nu timi né troni né lampi
pensa a mie e a tutti li addhi
cu lu Padre
cu lu Fiju e
cu lu Spiritu Santu
Casarano
Azzate, San Giuvanni, e nun durmire,
ca s’anu viste tre nuule passare,
una de acqua, una ientu,
l’addha de tristu maletiempu.
Pija la scera e portala a mmare,
addhai ci nu face male.
Addhai ci nu canta gallu,
addhai ci nu luce luna,
addhai ci nu nasce nuddha anima criatura.
Galatina
A Galatina ho raccolto due diverse varianti di questa preghiera.

Azzate Giuvanni e nnu ddurmire
ca visciu tthre nnuveje caminare,
una d’acqua, una de vientu,
una de tristu mmaletiempu.
Portale a quiddhre parti scure
a ddrai cci nu canta gallu,
nu lluce luna,
nu nnave nuddhr’anima criatura.

Azzate San Giuvanni e nu ddurmire
ca visciu thtre nuveje caminare
una de acqua, una de vientu,
 una de tristu mmaletiempu.
Vane addhrai ci nu canta callu e nu lucisce luna,
addhrai nunn’ave addhra anima criatura
ca la Madonna mmienzu llu campu nu time nè tronu nè llampu
Montesano Salentino
Azzate, San Giuvanni,
e dduma le cannile,
ca ieu visciu tre nule vinire:
una de acqua, una de ientu,
una de tristu maletiempu.
San Giuvanni se zzò,
le cannile ddumò,
lu maletiempu passò.

Vernole
A Vernole questa preghiera vede al centro delle invocazioni Santa Rosalia.

Santa Rosalia subbra nnu munte sstia,
tridici pecureddhere sta uardà
idde tre nnule passare,
una te acqua,
una te jentu,
una te tristu maletiempu
addhu le facimu scire?
addhu nu canta caddhru,
addhu nu lluce luna,
addhu nun cce nuddhra anima criatura.
Veglie
Ausate San Giuanni e no durmire
ca sta besciu tre nuegghie ti l’aria inire
una ti acqua, una ti jentu, una te tristu e male tiempu.
A mare a mare a do
no canta iaddhru
a do no luce luna
male nu fare, male nu fare, male nu a fare a nuddhu fiju ti criatura.
Galatone
Asate, San Giuanni, e no durmire,
ca s’onu iste tre nuule passare,
una ti acqua, una ti ientu,
l’addrha ti tristu mmaletiempu.
Pigghia la scera e portala a mmare,
addhrai ci no face male.
Addhrai ci no canta gallu,
addhrai ci no luce luna,
addhai ci no nasce nuddhra anima criatura.

 

4 Commenti a Antiche preci del popolo salentino a San Giovanni Battista

  1. A Lizzano (TA), Ozziti San Giuanni e no durmìri, sta vesciu tre nuvelli caminari, una ti acqua, l’otra ti jentu, l’otra ti tristi malitiempu! Addò l’ama purtà stu malitiempu? Purtamulu ‘nfunnu a mari, intra na grotta scura addò no canta jaddu, no lucesci la luna, addò non c’eti nisciuna anima ti criatùra!

  2. Versione della preghiera a San Giovanni quando i nostri contadini esperti nello scrutare il cielo rivolgevano a San Giovanni per l’arrivo del brutto tempo la ricordo così in dialetto Novolese.

    Ausate San Giuanni nnu ddurmire ca sta bisciu tre nuule inire

    Una te acqua…Una te ientu….Una te triste maletiempu.

    Portatele a mare a mare…

    Addu nu canta iaddrhu….Addu nu ncete luce e luna….Addu nu se ncuntra nuddrha criatura.

    Anno propizio per Torino durante la ricorrenza della festa di San Giovanni Patrono della città,
    Ieri sera 23 Giugno 2015 ore 22 vigilia della festa dedicata a San Giovanni nella stupenda Piazza Castello proprio alle spalle del Duomo dove è custodita la Sindone, viene costruito il farò, la sagoma del toro simbolo della città viene issata sul farò quest’anno bruciando è caduto verso Porta Nuova la leggenda vuole che l’anno sarà propizio.
    Nella impersonale Torino Capitale Europea dello sport 2015 durante la festa di origine medievale è stato ripristinato il farò “Una miniatura della nostra Fòcara”
    altezza mt.6 diametro 4 mt. la costruiamo con i rami della potatura degli alberi, 2 Gru con i bracci meccanici posizionano i rami nella versione Govone, tempo di costruzione 1 ora.
    Nella spettacolare cornice di Palazzo Madama nel pomeriggio si muove la sfilata di 1.550
    figuranti in costume d’epoca che precede l’accensione del farò attivato con una torcia dal Sig.Sindaco Fassino.
    Oggi 25 giugno la festa continua con gli attesi fuochi d’artificio in riva al fiume Pò.
    La festa dura 3 giorni molto apprezzata dai cittadini e attira oltre 80.000 persone.
    Saluti da Torino
    Ersilio Teifreto classe 1947 http://www.torinovoli.it

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!