Stufato di tartufi

di Armando Polito

L’archivio della Fondazione Terra d’Otranto non sarà, magari, I deipnosofisti1 di Ateneo di Naucrati (II-III secolo d. C) e neppure il Convivium2 dantesco, ma stimola l’appetito (sempre, come nei modelli appena citati, quello della mente…e non solo). Ispirato, perciò, dal bel recentissimo post di Massimo (ormai, per antonomasia, possiamo fare a meno del cognome) I tartufi del Salento, ho sentito il bisogno di non mancare all’ideale banchetto.

bianchetto (tuber albidum)

Comincio dall’etimologia e già mi pare di sentire un nutrito coro di no, per favore, ancora!  Non siamo nella tragedia greca, in cui al coro era affidato il compito di recare ferali notizie o di esprimere riprovazione nei confronti di qualcosa o di qualcuno; perciò continuo imperterrito, anche perché ho in serbo qualcosa che potrebbe far ricredere, se non tutto, parte di quel nutrito coro (convinto dal titolo che si trattasse di una ricetta e non della solita rottura in omaggio al significato traslato di stufato) almeno sull’utilità di conoscere la storia di una singola parola, non fosse altro che per guardare con un sorriso ironico, unica consolazione forse rimastaci, alla realtà che ci circonda.

Se cerco in qualsiasi dizionario l’etimo di tartufo trovo registrato pressappoco quest’etimo: probabilmente da un latino *territùfer, composto di terra=terra e *tufer variante italica di tuber=fungo.

Si tratta della riesumazione, sia pure fatta con le pinze, di un etimo la cui paternità spetta a Nicola Ignarra, un letterato napoletano del XVIII secolo, che credette di ravvisare nel tartufo il terrae tuber attestato da Petronio (I secolo d. C.), Satyricon, XV: Vix me teneo et sum natura caldus: ciceris ius cum cepi, matrem meam dupondii non facio. Recte! Videbo te in publicum, mus, imo terrae tuber (A stento mi trattengo e sono caldo di natura: quando ho preso il brodo di ceci3 non ho rispetto [alla lettera: non stimo due assi] nemmeno per mia madre. Bene! Guarderò te in pubblico come si guarda un topo, un tubero di terra [per l’Ignarra è il tartufo] in profondità).

Se il terrae tuber petroniano è veramente il tartufo, c’è da concludere che esso non aveva grande considerazione nel mondo romano, altrimenti non sarebbe stato usato come termine di paragone (alla pari, addirittura, col topo) in un insulto.

Il probabilmente che accompagna l’etimo corrente potrebbe essere a mio avviso ridimensionato, se non cancellato, secondo il ragionamento che segue.

Nel dialetto siciliano accanto a tartùffu c’è tiritùffulu (quest’ultima voce l’ho sentita nella forma tiritùfulu  anche a Nardò;  essa manca per tutto il Salento nel vocabolario del Rohlfs e può darsi che sia d’importazione relativamente recente; tuttavia nel Brindisino mi risulta che il tartufo di mare è chiamato tiratùfulu).

Bisognerebbe scoprire quale fra tartùffu (che sembra la trascrizione della voce italiana) e tiritùfulu è nato per primo e, se per tartufo si tratta del XV secolo, per tiritùffulu  (come per tutte le voci dialettali) è pressoché impossibile stabilire la data di nascita, e l’attestazione scritta più datata che son riuscito a trovare è il lemma tiritùffulu (con rinvio a tartùffu) presente in Michele Pasqualino, Vocabolario siciliano etimologico, italiano e latino, Reale Stamperia, Palermo, 1790.

Comunque, per quello che le mie osservazioni possono valere: tiritùffulu sembra presentare a prima vista  un suffisso diminutivo, il che indurrebbe a pensare che sia figlio di tartuffu con un’evoluzione fonetica (-a->-i-) strana, che supporrebbe una forma precedente *tirtùffu passata poi a *tiritùffu con l’epentesi di una vocale uguale a quella più vicina (-i-) come in cancarèna da cancrena. Oppure in tiritùffuluulu non è suffisso diminutivo ma solo regolarizzazione della desinenza attraverso una trafila che ha registrato (partendo dal latino) i seguenti passaggi: *terraetùber>*terretùber>*territùber>*teritùber>*tiritùber>*tiritùfer>*tiritùffer>*titituffèru>*tiritùffelu>*tiritùffulu (con passaggio –e->-u– per influsso della precedente –u-. Inutile dire che questa seconda ipotesi porterebbe acqua al mulino dell’Ignarra e farebbe morire (per annegamento…) il probabilmente compagno inseparabile dell’etimo fin qui proposto.

Come già altre volte è successo di fronte a una difficoltà, mi rifugio nel sicuro riportando la testimonianza di Plinio (I secolo d. C): E poiché abbiamo cominciato dai miracoli delle cose seguiremo il loro ordine, in cima al quale si colloca il fatto che qualcosa possa nascere o vivere senza alcuna radice. È il caso di quelli che si chiamano tartufi (tùbera), circondati da ogni parte dalla terra, senza barbetta alcuna né pelo capillare; il luogo in cui nascono non rigonfia4 né si fende né essi fanno un tutt’uno con la terra. Sono rinchiusi da una corteccia, sicché non si può dire del tutto che siano terra né altro se non callo di terra. Nascono in luoghi secchi, sabbiosi e pieni di sterpi. Superano spesso la grandezza d’una mela cotogna e possono giungere anche al peso di una libbra5.  Sono di due tipi: arenosi nemici dei denti e non. Si distinguono anche per il colore, rosso e nero e bianco all’interno. I più pregiati sono quelli africani. Se crescano per loro natura o sia dovuto a difetto della terra (altro non si può prendere in considerazione) il fatto che assumono subito la forma di una palla della grandezza destinata a mantenersi in futuro e se vivano o no credo che non possa essere facilmente compreso. Si discute pure se marciscano come il legno. Abbiamo saputo che pochi anni fa al pretore Larzio Licinio in servizio a Cartagena in Spagna è accaduto che mentre mordeva un tartufo (tuber) un denario rimasto imprigionato dentro gli ruppe i denti anteriori: per questo è evidente che inglobano in loro la natura della terra. Ciò lo si deduce da quelle cose che nascono ma non si possono seminare. Simile al tartufo è quello che nella provincia della Cirenaica chiamano misi, unico per soavità di odore e di sapore ma più carnoso; e quello che in Tracia si chiama iton6 e quello che in Grecia si chiama geranio7. Sui tartufi si dice in particolare che nascono quando ci sono le piogge autunnali e frequenti tuoni e che nascono soprattutto da questi; che non durano più di un anno e che in primavera sono tenerissimi. In alcuni luoghi sono portati dall’acqua, sicché a Mitilene dicono che non nascono se i fiumi traboccando non portano il seme da Tiari. È questo il luogo dove nascono nella più grande quantità. I più pregiati dell’Asia si trovano intorno a Lampsaco e Alopeconneso, quelli della Grecia intorno a Elide.8

Per chi volesse fare un controllo prima di inventarsi un nuovo mestiere: Mitilene si trova nell’isola di Lesbo (Egeo settentrionale), che è la patria di Saffo, forse la più grande poetessa greca, oggi, forse inconsapevolmente, parzialmente note l’una (l’isola) e l’altra (la poetessa) per due aggettivi, lesbico e saffico. La presenza di resti di case tardo-romane autorizza a supporre, oltre a quella connessa con l’importazione, anche una fruizione straniera in loco.

Lampsaco era una città della Misia, sull’Ellesponto. Secondo la testimonianza di Cicerone e di altri il culto privilegiato era quello di Priapo, come già per Saffo probabilmente noto solo per il sostantivo derivato, priapismo. Comunque, tenendo conto, per chi non lo sapesse, che Priapo era il dio della potenza sessuale e della fertilità e senza trascurare gli apporti di Saffo, l’autore dell’ipotetico controllo farebbe, se tanto mi dà tanto,  nnu iàggiu e ddo’ sirizzi (un viaggio e due servizi): ricerca di tartufi e “turismo sessuale”. Una raccomandazione: alla partenza farsi un bel brodo di ceci…

Alopeconneso è un’isola nel Mar di Marmara e, secondo me, non conviene andarci, perché probabilmente si rischierebbe la rabbia, sempre che siano sopravvissute le volpi che le hanno dato il nome (alòpex=volpe e nesos=isola).

Elide era una regione del Peloponneso nonché il nome della città che di quella regione era la capitale; che taccagni questi Greci rispetto a noi che ci inventiamo, naturalmente in nome della democrazia e per conto (intendi bene: tramite un conto che sarà pagato dai) dei soliti fessi,  pure rappresentanze suburbane…!

Avrei voluto  chiudere con un sorriso possibilmente non ironico, cioé dolce, ma neppure questa volta l’argomento o il mio temperamento mi hanno consentito di farlo:  penso a Le Tartuffe ou l’imposteur di Molière (XVII secolo; in basso il frontespizio dell’edizione del 1682), personaggio al quale è debitore l’uso traslato del nostro vocabolo per bollare chi ostenta falsa bontà e devozione religiosa; e penso che truffa (anche nel suo significato obsoleto di bagattella) quasi concordemente è fatto derivare probabilmente (ancora!) dal francese truffe, dall’antico provenzale trufa=tartufo, dal latino tardo tùfera, che è dal classico tuber da cui siamo partiti.

Però, nonostante questi “precedenti”, che carriera brillante ha avuto il nostro tubero che oggi gode di un’altissima quotazione, superando di gran lunga il fratello lampascione che non aveva avuto un esordio brillante neppure lui!

______

1 Alla lettera: I saggi a banchetto. L’opera è molto importante perché contiene citazioni da altri autori (frammenti) di cui nulla ci è pervenuto.

2 Alle lettera: Banchetto.

3 Galeno (II-III secolo d. C.) attesta che alcuni somministravano il brodo di ceci agli stalloni perché provocava il coito e generava sperma, opinione confermata, questa volta a vantaggio degli umani,  da Ezio (VI secolo d. C.), il quale dice che il brodo di ceci non solo genera calore ma incrementa  la produzione di sperma. Debbo pensare alla somiglianza di forma con l’organo a ciò deputato e ad un adattamento ante litteram, con significato diverso, del principio dell’omeopatia similia a similibus curentur (ciò che somiglia ad una cosa da quella sia curato)?

4 Gonfiarsi nell’originale latino è espresso con extubèrare, composto da ex con valore intensivo e tuber. Tuber (=e il suo diminutivo tubèrculum con l’aggettivo tuberòsus, da cui, rispettivamente, l’italiano tubercolo e tuberosa) in latino ha come significato di base quello di escrescenza, poi tumore, nodo (del legno), tartufo; per questo viene associato da alcuni a tumor che significa gonfiore, tumore, collera, superbia, ampollosità, dal verbo tumère=gonfiarsi, a sua volta connesso col greco thymòs=soffio vitale, anima, animo, mente, al quale alcuni riportano anche il latino fumus=fumo.

5 Poco più di 300 grammi.

6 Attestato in Teofrasto (III secolo a. C.), fr. 167,  ma come nome di un fungo.

7 Attestato nella forma gheràneion in Teofrasto (Historia plantarum, I, 6, 9), che usa anche il sinonimo ydnon (Historia plantarum, I, 6, 5); quest’ultima voce è usata anche da Dioscoride (I secolo d. C.), De materia medica, II, 145.

8 Naturalis historia, XIX, 11-13: Et quoniam e miraculis rerum coepimus, sequemur eorum ordinem, in quibus vel maximum est, aliquid nasci aut vivere sine ulla radice. Tubera haec vocantur, undique terra circumdata, nullibus fibris nixa, aut saltem capillamentis, nec utique extuberante loco in quo gignuntur, aut rimas agente: neque ipsa terrae cohaerent. Cortice etiam includuntur. ut plane nec terram esse possimus dicere, nec aliud quam terrae callum. Siccis haec fere et sabilosis locis, frutectosisque nascuntur. Excedunt saepe magnitudinem mali cotonei, etiam librali pomdere. Duo eorum genera: arenosa dentibus inimica, et altera sincera. Distinguuntur et colore, rufo, nigroque, et intus candido: laudatissima Africae. Crescant, anne vitium id terrae (neque enim aliud intelligi potest) ea protinus globetur magnitudine, qua futurum est; et vivantne, an non, haud facile arbitror intelligi posse. Putrescendi enim ratio communis est lis cum ligno. Lartio Licinio praetorio viro jura reddenti in Hispania Carthagine, paucis his annis scimus accidisse, mordenti tuber, ut deprehensus intus denarius primos dentes inflecteret: quo manifestum erit, terrae naturam in se globari. Quod certum est ex iis quae nascantur, et seri non possint. Simile est et quod in Cyrenaica provincia vocant misy, praecipuum suavitate odoris ac saporis, sed carnosius: et quod in Thracia iton, et quod in Graecia geranion. De tuberibus haec traduntur peculiariter: quum fuerint ombres autumnales ac tonitrus crebra, tunc nasci, et maxime e tonitribus; nec ultra annum durare, tenerissima autem verno esse. Quibusdam locis accepta riguis feruntur, sicut Mitylenis negant nasci nisi exundatione fluminum invecto semine ab Tiaris. Est autem is locus in quo plurima naascuntur. Asiae nobilissima circa Lampsacum et Alopeconnesum, Graeciae vero circa Elin.

 

Il post di Massimo Vaglio può leggersi cliccando il link in basso:

http://www.fondazioneterradotranto.it/2012/11/21/proprio-vero-ecco-i-tartufi-del-salento/

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!