Giuggiole alias scèsciule, per pochi intenditori!

giuggiolo con i frutti (ph Júlio Reis, da Wikipedia)

di Massimo Vaglio

Le giuggiole, sono i frutti dello giuggiolo (Zizyphus jujuba Miller), albero di media statura della famiglia delle Ramnacee. E’ uno dei principali fruttiferi coltivati in Cina, mentre in Italia, benché presente fin da epoca romana è coltivato sporadicamente e in esemplari spesso isolati. I frutti sono piccole drupe rotonde o ovali simili a grosse olive che a maturazione presentano una colorazione marrone rossastro. La polpa è biancastra e di sapore acidulo.

Oltre che essere consumati allo stato fresco, i frutti vengono traformati in confetture; essiccati, onde renderli più conservabili (datteri cinesi), oppure sciroppati.

Nel Salento, il giuggiolo è oggi rinvenibile in esemplari isolati o più spesso in siepi semi inselvatichite nei pressi di masserie e vecchi casali abbandonati, ma un tempo era un albero piuttosto diffuso in diversi comprensori e in particolare nel territorio di Leverano i cui abitanti andavano commercializzando per tutti i mercati i suoi frutti.

Oggi, nel Salento, oltre che sporadicamente presenti nei mercati allo stato fresco, le si ritrova in vendita anche sciroppate in occasione di alcune fiere e in particolare in quella di Sant’Ippazio a Tiggiano, in quanto, insieme alle carote, costituiscono un cibo rituale.

Giuggiole sciroppate

Ingr. : 1kg di giuggiole, 750 gr di zucchero, 7 dl d’acqua.

Calate nell’acqua bollente le giuggiole, tenetecele per quattro-cinque minuti, quindi scolatele. Ponete lo zucchero in una casseruola, versatevi sopra l’acqua e ponete sul fuoco, fate sciogliere lo zucchero mescolando di continuo e calate le giggiole, quando lo zucchero comincia a cadere a goccia, levatele con una schiumarola a fori larghi e conservatele in vasi di vetro.

 

7 Commenti a Giuggiole alias scèsciule, per pochi intenditori!

  1. Ringrazio massimo per questo interessante post che ha dato a Marcello l’opportunità di inserire una foto di alcune delle giuggiole prodotte sul mio terrazzo romano (e ci boi, nui emigrati ttocca nde cuntentamu…!

  2. E sei fortunato Luigi, nel Salento sono quasi sparite… sono anni che non mi imbatto un albero di scisciule!

  3. Un grazie all’istancabile medica Assunta Orlendo alla quale suggerisco di lanciare dall’alto della sua autorevole istituzione e con la primaria azione dell’altrettanto instancabile sancesariano dottore Agronomo Antonio Greco
    un museo vivente della flora salentina a rischio di estinzione… prima che diventino frutti da… museo archeologico le varie scìciule, meddrhe e sorbe, dovrebbero essere protette dall’ignoranza dell’uomo, dagli ampiamenti stradali (sempre artefice l’uomo) incoscientemente irrispettosi della natura.
    Un giardino (OBAS = Orto Botanico della flora Autoctona del Salento) a difesa delle nostre piante da frutto e non della tradizione salentina!
    Chi ha orecchie pert intendere intenda: se non lo facciamo entro i prossimi 5 anni tra un allagamento e l’altro un inquinamento di pericolosi componenti chimici e l’altro, cosa lasceremo ai nostri figli e nipoti!!!

  4. Dimenticavo però di ringraziare Massimo per la preziosa ricetta del brodo di giuggiole e anche per la citazione del mio post del 2 settembre u.s.
    Buona settimana a tutti.

  5. Posseggo il mio albero di giuggiole che consumo fresche. Proverò le giuggiole sciroppate consigliate da Massimo.

    Sono sempre disponibile a regalare agli amici qualche “scattone” per consentire che questo alberello, ospite della nostra macchia, non sparisca per la solita inettitudine umana.

    Marcello Gaballo

  6. Io invece ho la fortuna di avere vicino casa ( abito in campagna tra Bitonto e Altamura) un bel gruppo di alberelli di giuggiole…ma sembra che qui nessuno le conosca!

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!