Mario Perrotta e cincali parte seconda

di Gianni Ferraris

Lo sapevo che mi avrebbe fatto sorridere e commuovere Mario Perrotta. Il teatro romano non era pieno, ahinoi, chissà perché i leccesi non corrono a rendere omaggio a questo leccese che ha talento e capacità, che porta in giro per il mondo la migrazione dei salentini con una incredibile capacità affabulatoria. Riesce ad incollarti sulla poltrona, anche se è solo un sedile di pietra come si conviene agli anfiteatri romani.

“La turnata – Italiani cincali parte seconda” è il titolo, e racconta di bimbi chiusi per anni in una camera perché la legge elvetica non consente ad un immigrato di portarsi i figli. Succedeva con i pugliesi allora, oggi con i turchi, gli slavi e gli altri immigrati. Nulla è cambiato nel mondo della cioccolata fondente e delle banche. Nulla muta nell’indifferenza dell’Europa che, tutto sommato, invidia la terra sedicente neutrale e che utilizza questo status per ripulire i quattrini di ogni più nefanda tirannia ed ogni traffic odi armi, in alcuni stati extra comunitari e non solo le norme anti immigrati, che sono nei fatti incivili,  sono quotidianità anche se hanno nomi diversi, possono chiamarsi Bossi Fini o pinco pallino, la sostanza non muta.

La “turnata”  si distingue dalla “’enuta” anche se ne ha lo stesso significato, entrambe significano ritorno. La seconda però è una cosa lieve, temporanea. Ha il sapore delle auto pulite e grandi degli immigrati che arrivavano per le ferie ostentando ricchezza con i coprivolanti di pelo e le tendine ai finestrini “come fanno i tedeschi”. Quelli che andavano al bar del paese a testa alta, come chi ce l’aveva fatta, salvo poi tornare nel mondo dell’assurdo, delle baracche, dei cartelli “vietato l’ingresso ai cani e agli italiani”. Ma questo non si poteva dire, erano i pugni chiusi per nascondere lo sporco delle mani. La “turnata” è invece per sempre e significava l’avercela fatta. Quasi sempre, nella storia narrata da Mario c’è il nonno morto che non può essere affidato al ritorno su mezzi convenzionali perché costa troppo e viene portato al suo paese, per la sua “turnata” come passeggero sulla Giulia 1300, assieme a tutta la famiglia, compreso il bimbo nascosto nel bagagliaio perché non avrebbe dovuto essere “alla Svizzera”.

La capacità narrativa di questi nuovi guitti, parlo di Mario che ci racconta i migranti in Belgio e in Svizzera e parlo di Paolini che ci ha sapientemente raccontato il Vajont e non solo, sarebbe da portare in ogni scuola. La storia narrata in questo modo, documentata e supportata di ore di registrazioni di testimonianze, da viaggi ad ascoltare l’uomo blu di Casarano, piuttosto che il tunisino che, sempre a Casarano, vive e che racconta del perché gli immigrati antichi siano a loro volta guardinghi, quasi razzisti verso i nuovi migranti “perché lo schiavo liberato diventa spesso schiavista”, è La Storia (maiuscolo) che tutti quanti dovremmo conoscere. In un breve dialogo prima dello spettacolo, Mario mi parlava di Cincali due come della chiusura di un cerchio. “Chissà se ora indagherà sulla ripresa della vita al ritorno degli emigranti nei loro paesi” mi diceva Angelo uscendo da lì. Ovviamente giro la domanda a Mario. E’ veramente chiuso questo cerchio? Se non lo fa lui questo sforzo sarà difficile leggerlo in modo ironico e apparentemente leggero nelle pagine di qualche saggista. Sarebbe altra cosa.

http://spigolaturesalentine.wordpress.com/2011/07/21/esclusivo-mario-perrotta-intervistato-da-gianni-ferraris/

Un commento a Mario Perrotta e cincali parte seconda

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!