San Giuseppe e la tradizione

di Emilio Panarese

 

La festa di S. Giuseppe, che a volte precede di poco la Pasqua, è la prima festa di primavera, legata a ricordi di vecchie tradizioni, in parte scomparse, come la taulàte de S. Giseppe* (le tavole col ricco pranzo per nove poveri servito da una padrona devota) e le pagnuttelle benedette con la rituale massaccìciri bbullente/ca fuma de li piatti sbitterrati, consumata la vigilia e chiamata a Lecce cìceri e ttria: taglierini fatti in casa mescolati con ceci e con qualche taglierino fritto spezzettato sopra.

cìciri e tria, tipico piatto salentino consumato nella festività di S. Giuseppe

 

Altra tradizione rimasta è quella delle zzéppule (dal tardo lat. zipula), un dolce fatto di pasta, miele ed olio che ci ricorda le focacce (liba) di farro, miele e olio che il 17 marzo, nelle feste Liberalia, erano vendute per le vie di Roma in onore di Libero o Bacco. Così anche la nostra zzéppula, crespello a base di farina, uova e miele, fritto nell’olio come una volta, o, come si usa oggi, di farina, uova e crema, fritto o cotto al forno, non è se non una reminiscenza, come tante altre, di consuetudini pagane.

 

*taulàte de S. Giseppe: questa forma di devozione popolare verso San Giuseppe, familiare e protettore dei vecchi, è diffusa in molti paesi del Salento. Il 19 marzo le tavole col pranzo per i nove poveri, apparecchiate con ogni decoro, sono visibili dalla strada in numerose case anche non agiate, in attesa che il parroco passi con l’acqua benedetta e si consumi il pasto servito dalla padrona. Tredici erano le pietanze nelle taulàte de S. Giseppe: pampasciuni all’aceto o con acciuga, massa aromatizzata con la cannella e massa fritta, vermicelli, spaghetti al sugo con pane grattugiato, baccalà al sugo, uova fritte, sarago arrostito, grano pestato cotto, fave nette, pìttule con cavolfiore, fritti di Natale, frutta tra cui mele e arance, tòrtanu (pane rotondo di più di un chilo). Ognuno assaggiava parte delle pietanze oppure la devota donava a nove persone un tòrtanu, un litro di vino, uno di olio e un’arancia.

Le taulàte de S. Giseppe
(di Nicola G. De Donno)

Lu quatru de lu Santu a ccapumenza,
crande la barba ca pare scumazza,
cu llu Ggesubbambinu ca lu mbrazza
e rride su lla santa Pruidenzia;

la fronda ca li nvèrdica la mazza
e lli mprumette sape cce pprisenza
scusa de fiuru a lla casta stinenza;
le porte stampagnate su lla chiazza

de ogne ccasa de piccula ggente,
cu nnove puareddi ncomudati
ntornu a lla massaccìciri bbullente

ca fuma de li piatti sbitterrati:
eccu li presci toi, Santu nnucente,
maritu de parenti altulucati.

***
Il quadro del Santo a capotavola,

grande la barba che pare schiuma di mare,

col Gesù Bambino che lo abbraccia

e ride sulla provvidenza del desco;

la fronda che gli rinverdisce la mazza
e gli promette chissà che presenza
nascosta di fiore alla casta astinenza;
le porte spalancate sulla piazza

di ogni casa di piccola gente,
con nove poverelli accomodati
intorno alla pasta e ceci bollente

che fumiga dai piatti traboccati:
ecco le gioie tue, Santo innocente,
marito di parenti altolocati.

In «Tempo d’oggi», V(5),1978, per gentile concessione di Emilio Panarese e del figlio Roberto. Si ringrazia vivamente la famiglia di Nicola G. De Donno per l’autorizzazione a pubblicare la poesia del loro caro e per tutti noi indimenticabile protagonista della Cultura salentina.

2 Commenti a San Giuseppe e la tradizione

  1. Oggi ho avuto la fortuna di partecipare, con i miei alunni, ad una bella, intima e allegra “tavolata di S. Giuseppe” a Gemini, nell’antico palazzo dell'”Arciprevitura”. Il sole primaverile, l’atmosfera rilassata, la grazia del piccolo paese sdraiato ai piedi di Ugento, l’allegria dei ragazzi e, non da ultimo, la bontà dei “ciceri e tria” gentilmente offerti, hanno reso l’esperienza molto coinvolgente e piacevole. Tanto più per me che, da salentina adottiva, non conoscevo questa tradizione!

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!