Grottaglie. Le gravine del Fantiano e Fullonese

La gravina del Fantiano

 

di Carmela Santantonio

La gravina di Fantiano è situata a Sud-Ovest della gravina di Riggio, ed è perimetrata nel suo insieme da una pineta, dalla omonima denominazione, la cui vegetazione è costituita essenzialmente da pini d’Aleppo e macchia mediterranea.

La gravina conserva una vegetazione ricca che le dona un aspetto attraente e piacevole nel suo andamento serpeggiante, oltre a ricevere dal lato Nord due immissari di discreta lunghezza. Le pareti sono articolate in stretti terrazzi, nei quali affondano le radici dei pini secolari di alto fusto.

 

Villaggio di Fantiano 

Il vallone di Fantiano,  conserva un importante insediamento medioevale, pressoché inedito, probabilmente perché non ha attratto l’attenzione degli studiosi interessati particolarmente agli affreschi delle chiese rupestri, che a Fantiano non si trovano.

Grottaglie, gravine di Fantiano (ph C. Santantonio)

L’habitat era caratterizzato da ampi terrazzamenti, indispensabili a causa della ripidità delle pareti. Da segnalare, tra i meglio conservati, un ambiente con cisterna, cui si accede tramite una scalinata scavata nella roccia. Da quest’ambiente si passa ad un giardino ricavato in un terrazzamento, sul quale si aprono alcune grotte e numerosi incassi per arnie.

Sullo spalto di sud – est sono state identificate quattro tombe medioevali, a sezione trapezoidale, già violate.

 

Grottaglie – La gravina del Fullonese

Grottaglie, gravine di Fantiano (ph Carmen Santantonio)

La gravina del Fullonese lunga quasi un chilometro e profonda in alcune parti anche 40 metri, risulta oggi molto compromessa specie nella parte superiore letteralmente soffocata dall’espansione edilizia urbana.

La lama cinge l’abitato a Ovest ed è quella che ha maggiormente  subito i danni derivanti dalla recente trasformazione del territorio, essendo l’edificazione spinta fino al ciglio del vallone.                                    

Uno dei suoi rami conduceva ad un piccolo eremo che oggi giace pressoché  dimenticato, orrendamente inglobato in uno degli isolati moderni che hanno invaso l’area subito a ridosso della gravina. Conserva anch’essa numerose testimonianze archeologiche, tra le quali va ricordata la chiesa-cripta del SS. Pietro e Paolo con un calvario scolpito ormai quasi completamente vandalizzato.

La gravina, detta volgarmente Foronese, è circondata da macigni tufacei e montani, oltre ad essere arricchita dalla natura con molti alberi. Questo luogo si estende, serpeggiando da Oriente a Occidente e a Mezzogiorno, in una zona profonda a causa di canali scavati dalla forza delle acque che discendono dai colli. Lì molti contadini, tempo addietro, avevano scavato antri come domicili notturni, affinché non fossero obbligati a tornare in paese dopo il lungo lavoro della giornata.

 

Villaggio del Fullonese

La piccola Lama del Fullonese, attualmente inglobata nell’espansione dell’abitato della Città, è occupata dall’insediamento rupestre che probabilmente ha avuto vita più lunga fra quelli di Grottaglie.

Grottaglie, gravine del Fullonese (ph C. Santantonio)

Il villaggio rimase, infatti, abitato anche dopo la fine del XIII secolo, quando gli abitanti degli altri casali furono costretti a lasciare le loro sedi per arroccarsi a Grottaglie. La ragione di questo dato va ricondotta alla presenza di una colonia di ebrei dediti all’arte della tintoria (donde il nome della Lama, da ricondursi al latino fullo, “tintore”) che andava esercitata fuori dalla città, in prossimità di un corso d’acqua.

L’insediamento comprendeva in antico almeno tre chiese, quella dei Santi Pietro e Paolo (ora nelle pertinenze dell’Ospizio), quella del Crocifisso e quella di Santa Maria in Campitelli.

Un commento a Grottaglie. Le gravine del Fantiano e Fullonese

  1. Preg.mi, mi duole leggere informazioni inesatte, ma il rigore scientifico è importante e quindi senza assolutamente criticare niente e nessuno Vi invito personalmente a venire a Grottaglie a visitare l’eremo di Santa Maria in Campitelli ed a rivisitare la gravina (ove la sua incisione è più profonda) e lama (ove il suo profilo diventa ad u schiacciata) del Fullonese con la mia assoluta disponibilità.
    Visto il periodo auguro una Santa Pasqua di pace nel cuore nell’anima e nello spirito a Voi ed ai Vostri cari

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!