Il brigante Pizzichicchio e la sua residenza rurale

a cura di Mino Chetta

Storico “pagghiaro” appartenuto a Cosimo Mazzeo (detto Brigante Pizzichicchio), situato in zona “Principe” a San Marzano (Ta).

E’ una struttura imponente tipo fortezza, costruita in roccia calcarea posizionata a secco. Edificata su diversi piani, al piano superiore è incassata una nicchia di tipo altana che fungeva da luogo di avvistamento.

In questa zona sono presenti moltissimi “pagghiari Sammarzanesi” (vallata dei pagghiari Sammarzanesi), i quali facevano da sentinella a quello principale del Pizzichicchio.

Si può notare che la struttura è costeggiata da una fitta vegetazione mediterranea, alberi di ulivo secolari che avevano la funzione di occultare il rifugio del Brigante Mazzeo (nato il 13 gennaio 1837 a San Marzano, fucilato in Basilicata il 28 novembre 1864, alla giovanissima età di 27 anni). Era figlio di Maria Friolo e Pasquale Mazzeo.

Esiste in paese una leggenda legata al tesoro del Pizzichicchio: Lui prima di essere fucilato pare che avesse seppellito il suo fortino “baule di preziosi” sotto un albero secolare di ulivo in zona “Petrosa” a San Marzano; questo tesoro non è mai stato trovato, forse rimarrà solo una leggenda.

Questo pagghiaro rappresentava una vera e propria base logistica in cui i briganti si organizzavano e dalla quale partivano alla volta del bosco dell’Arneo di Porto Cesareo, Torre Lapillo, Erchie, Cellino San Marco, Torre Santa Susanna, sino ad andare nel bosco della Pianelle a Crispiano e Martina Franca.

Il Mazzeo è un Sammarzanese DOC che parlava anche l’antica lingua Arbereshe (lingua del 1400 del tipo Illirica che ancora si parla a San Marzano). Con la morte di Pizzichicchio inizia in vero percorso dell’Unità d’Italia.

Attualmente il “pagghiaro” è di proprietà privata. Si ringrazia il signor Malagnino per aver concesso la disponibilità e le immagini esterne.

Video messo in rete dai ragazzi Sammarzanesi:

http://www.youtube.com/watch?v=hdT2PG0BZBU

2 Commenti a Il brigante Pizzichicchio e la sua residenza rurale

  1. La fama di Pizzichicchio era ancora grande fino a qualche decennio fa, quando sentivo mia zia chiamare affettuosamente i suoi pargoli discoli “Pizzichiccu”. Si conferma quindi l’affetto del popolo neritino nei confronti di questo personaggio che girovagava nella vasta macchia di Arneo

  2. Nel tarantino oltre Pizzichicchio, c’erano i temutissimi Coppulone e Catavd u’ tignus

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: cognome, email e nome
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com