Il brigante Pizzichicchio e la sua residenza rurale

a cura di Mino Chetta

Storico “pagghiaro” appartenuto a Cosimo Mazzeo (detto Brigante Pizzichicchio), situato in zona “Principe” a San Marzano (Ta).

E’ una struttura imponente tipo fortezza, costruita in roccia calcarea posizionata a secco. Edificata su diversi piani, al piano superiore è incassata una nicchia di tipo altana che fungeva da luogo di avvistamento.

In questa zona sono presenti moltissimi “pagghiari Sammarzanesi” (vallata dei pagghiari Sammarzanesi), i quali facevano da sentinella a quello principale del Pizzichicchio.

Si può notare che la struttura è costeggiata da una fitta vegetazione mediterranea, alberi di ulivo secolari che avevano la funzione di occultare il rifugio del Brigante Mazzeo (nato il 13 gennaio 1837 a San Marzano, fucilato in Basilicata il 28 novembre 1864, alla giovanissima età di 27 anni). Era figlio di Maria Friolo e Pasquale Mazzeo.

Esiste in paese una leggenda legata al tesoro del Pizzichicchio: Lui prima di essere fucilato pare che avesse seppellito il suo fortino “baule di preziosi” sotto un albero secolare di ulivo in zona “Petrosa” a San Marzano; questo tesoro non è mai stato trovato, forse rimarrà solo una leggenda.

Questo pagghiaro rappresentava una vera e propria base logistica in cui i briganti si organizzavano e dalla quale partivano alla volta del bosco dell’Arneo di Porto Cesareo, Torre Lapillo, Erchie, Cellino San Marco, Torre Santa Susanna, sino ad andare nel bosco della Pianelle a Crispiano e Martina Franca.

Il Mazzeo è un Sammarzanese DOC che parlava anche l’antica lingua Arbereshe (lingua del 1400 del tipo Illirica che ancora si parla a San Marzano). Con la morte di Pizzichicchio inizia in vero percorso dell’Unità d’Italia.

Attualmente il “pagghiaro” è di proprietà privata. Si ringrazia il signor Malagnino per aver concesso la disponibilità e le immagini esterne.

Video messo in rete dai ragazzi Sammarzanesi:

http://www.youtube.com/watch?v=hdT2PG0BZBU

2 Commenti a Il brigante Pizzichicchio e la sua residenza rurale

  1. La fama di Pizzichicchio era ancora grande fino a qualche decennio fa, quando sentivo mia zia chiamare affettuosamente i suoi pargoli discoli “Pizzichiccu”. Si conferma quindi l’affetto del popolo neritino nei confronti di questo personaggio che girovagava nella vasta macchia di Arneo

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!