La spiulèddha, un caso di razzismo botanico…

di Armando Polito

Alla spiulèddha l’amico Massimo Vaglio ha dedicato con la consueta bravura un recentissimo post. Le mie considerazioni saranno, perciò, solo di natura filologica e dettate dalla simpatia che, essendo tutt’altro che attraente, provo per tutto ciò che, almeno apparentemente, non gode, nell’immediato, di una grande considerazione anche da parte di persone di notevole intelligenza.  Pure io, però, indipendentemente dall’intelligenza che lascio agli altri giudicare con benevolenza non pietosa, tra Manuela Arcuri e una cozza…E la Manuelona nazionale non me ne vorrà se la userò come metafora per dire che tra lei e una cozza c’è lo stesso rapporto che intercorre tra la spiulèddha e il melone. Un rapido sguardo ad alcuni dei  sinonimi citati da Massimo (meloncella, menuncèddha e cucumeddha) conferma per spiuleddha la forma diminutiva. Infatti la nostra voce, come dimostra la variante di Melpignano (spurièddha), quella di Galatina e Ruffano (spiurèddha) e soprattutto quella di Parabita (sburièddha) è diminutivo da sbùria che, come il corrispondente italiano spuria è dal latino spùri(am), accusativo femminile dell’aggettivo spurius/a/um=spurio, illegittimo, bastardo, che ha origine etrusca e non è, come si potrebbe suggestivamente supporre, da ex privativo+purus. Insomma tutta la negatività della voce risulta appena appena ingentilita dal diminutivo nella nostra spiulèddha che, perciò, alla lettera, significa piccola bastarda, in contrapposizione, naturalmente al sanguepuro (me lo invento dal momento che purosangue è stato  riservato, sempre dall’uomo…, al cavallo) melone. Quanto agli altri sinonimi, per alcuni parla altrettanto chiaramente  il suffisso (questa volta, a scanso di equivoci, dispregiativo) –àzzu (corrispondente all’italiano –àccio) (cummarazzu, cucumbarazzu), sicché solo pagghiòtta del Brindisino e Tarantino (che trova il suo omologo nel Leccese in paddhòtta e in italiano in pallotta=piccola palla, oggetto di piccole dimensioni e forma tondeggiante) sembra essere, tra tutti, il meno offensivo e razzista.

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!