Scuscitàtu: quando la preposizione diventa importante…

di Armando Polito

È intuitivo che il linguaggio si è evoluto da una forma primitiva molto probabilmente costituita da pochi fonemi di natura imitativa fino a giungere a quella che i linguisti chiamano arbitrarietà del segno, vale a dire l’assenza di qualsiasi rapporto tra significante (la parola) e il significato (il concetto che essa esprime). A complicare le cose, poi, sono intervenuti nel tempo altri fenomeni come i calchi, gli incroci, le voci gergali, le abbreviazioni, gli acronimi, il linguaggio degli sms e chi più ne ha più ne metta. Le parole composte perciò, e oggi mi riferisco a quelle il cui primo componente è una preposizione, in particolare l’ex latino, sembrano appartenere alla preistoria della lingua. D’altra parte proprio ex nella lingua originaria non aveva un valore univoco potendo assumere (sempre partendo dal significato di preposizione reggente il complemento di moto da luogo: fuori da) un valore estrattivo (o privativo)1 oppure intensivo2. Questa differenza sottile si perpetua talora nell’uso della stessa parola nella sua forma dialettale da un lato e in lingua dall’altro. È il caso di scuscitàtu che trova in escogitato il suo omologo formale. Entrambi derivano dal latino excogitàtu(m), participio passato di excogitàre, formato da ex (per il momento ne lascio volutamente in sospeso il valore estrattivo o intensivo) e cogitàre=pensare, a sua volta composto da cum=insieme+àgitare=mettere in movimento (agitàre, a sua volta, è forma intensiva di àgere=condurre). Nonostante l’etimologia assolutamente comune le due voci, però, hanno avuto un destino semantico diverso, quasi opposto, dovuto proprio al diverso valore assunto dall’originario ex.

La voce italiana, infatti, è rimasta in tutto fedele alla latina, dal momento che excogitàtu(m) significa trovato pensandoinventato, scoperto; la preposizione ex qui ha chiaramente un valore intensivo e l’intera voce una finalità semantica che parte dall’astratto, il pensiero, per giungere quasi al concreto, il risultato del pensiero.

Scuscitàtu, invece, significa libero da preoccupazioni di sorta e, nella sua accezione più spinta, strafottente: è altrettanto evidente qui il valore questa volta privativo dell’originario ex, nonché il permanere concettualmente nell’astratto e nel lambire appena il concreto se ad agitato diamo il consueto, comune significato di in preda a turbamento psicologico più o meno appariscente.

* Dottore, ora vuotami accuratamente la testa perché voglio starmene senza pensieri. Ci vuole molto?

**Primo: non sono dottore ma tua moglie si è raccomandata perché facessi io l’operazione. Secondo: c’è un po’ di roba e ci vuole tempo; se tu fossi stato un politico a quest’ora avremmo già finito…

_______

1Exoneràre (da cui l’italiano esonerare) è da ex+oneràre: alla lettera significa liberare da un carico.

2 Excèdere (da cui l’italiano eccedere) è da ex+cèdere: alla lettera significa avanzare fuori.

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!