Dalla mòria alla morìa

di Armando Polito

immagine tratta da https://www.facebook.com/Salentocomeeravamo/photos/a.305648509568488.1073741828.305645896235416/1010137312452934/?type=3&theater

Intanto, come e ormai per ogni scritto che si rispetti …, voglio dare al post il sottotitolo Da “pezze e capiddhi” e “ci tene la mòria” all'”usa e getta”, più o meno dove ti trovi … Toltami questa soddisfazione, comincio.

Chi, avendo la mia età, non ricorda il fascino esercitato nella sua adolescenza da quella specie di cartiglio che sui manifesti sanciva per un film vietato ai minori di 14 anni? Poi, col mutare dei costumi, si passò prima ai 16, poi ai 18 anni ed ora, vecchierelli, sorridiamo pensando che oggi quei film potrebbero essere proiettati tranquillamente in un convento senza suscitare scandalo …

Ora, chi legge immagini che su questo scritto non sia un post ma un poster su cui campeggia vietato ai minori di 40 anni. Dico questo non per suscitare malsane curiosità al fine di avere furbescamente qualche lettore in più, ma proprio perché non voglio far perdere tempo a chi ha un’età inferiore a quella dell’amichevole divieto. Come potrebbe, infatti, credere verosimili i due personaggi di cui nel post si parla? Per questo, con quanto segue, mi rivolgo esclusivamente agli ultraquarantenni.

Periodicamente passava per le strade con un carretto tirato da un asinello o con un trabiccolo frutto di un trapianto di solito operato personalmente, che prevedeva il sacrificio di una bicicletta i cui 3/4 posteriori, compresa la parte della trasmissione, venivano saldati ad un telaio sorreggente un un cassone di legno con un asse con la ruota residua della bicicletta ad un’estremità ed un’altra simile rimediata all’altra. I suoi clienti erano esclusivamente donne e l’operazione commerciale che esercitava con loro era basata sul baratto: bottoni, lacci per le scarpe, spilli, merletti in cambio di stracci (pezze) e capelli femminili (capiddhi).

Non molto dissimile (in questo caso il principale sacrificato era un mosquito) il mezzo utilizzato da chi raccoglieva la morchia e l’olio esausto (quello delle fritture, non quello minerale, dato l’esiguo numero dei veicoli a motore in circolazione) in cambio per lo più di recipienti in latta smaltata o in alluminio. A partire dai primi anni ’60 si aggiunsero i contenitori in moplen. Al grido di mòria, ci tene la mòria (morchia, chi ha la morchia) su ogni strada principale e relative traverse le donne si precipitavano ad operare il baratto. Probabilmente per loro le due operazioni non erano solo eventi in grado di dare uno sviluppo concreto alla filosofia allora vigente del non si butta niente, la possibilità di un riconoscimento visibile, tangibile delle loro virtù domestiche ma anche una delle rarissime occasioni per entrare in qualche modo in contatto, più o meno consapevolmente, con l’altro sesso. E se disfarsi di moria e pezze era comodo e pure conveniente, i capiddhi restavano pur sempre una parte, per quamto morta, del proprio corpo che veniva consegnata ad un uomo, per di più sconosciuto …

Torno a mòria per dire che ha il suo corrispondente italiano nel prima nominato morchia, che è da un latino *amùrcula(m), diminutivo di amurca. che è, a sua volta, dal greco ἀμόργη (leggi amorghe) connesso col verbo ἀμέργω che significa spremere (in rapporto a morchia è da intendersi in senso passivo, come ciò che viene depositato dal prodotto dopo la spremitura), Va precisato che tale attività era esercitata da persone del Brindisino (il che spiega il mezzo di locomozione a motore), come dimostra proprio moria, che è la variante brindisina del neretino murga. Facile constatare come moria e murga derivano, a differenza di morchia, direttamente dal latino amurca per aferesi di a– e come, sotto il punto di vista del consonantismo, siano più vicini alla voce greca di quanto non lo sia lo stesso amurca.

A quell’improbabile giovane che, nonostante il mio divieto (!), abbia letto queste quattro righe voglio ricordare che oggi va di moda la locuzione raccolta differenziata della spazzatura e riciclaggio dei materiali (compreso il ricordato moplen, per il quale Giulio Natta e Karl Ziegler vinsero il premio Nobel per la chimica nel 1963. Non potevano immaginare all’epoca quale rischio il pianeta avrebbe corso a causa loro e non si può certo revocare loro il premio visto che il titolo di cavaliere o commendatore continua ad essere esibito da personaggi che non hanno nulla di cavalleresco o di commendevole …

Certo, rispetto a pezze e capiddhi ed a ci tene la moria i tempi sono cambiati e nel frattempo, a parte la plastica, sono arrivati pure i rifiuti speciali non trattati ma direttamente tombati. E al giovane, improbabile lettore, dopo aver ricordato quanto appena detto, mi vergogno di chiedergli se, dopo il fallimento della mia generazione, se la sua sarà in grado di dare spessore concreto, anche con piccoli gesti, a quella coscienza ecologica che fino ad oggi, a livello mondiale, è rimasta solo un fragile e, tutto sommato, ipocrita, sostanzialmente disatteso proposito? La coscienza e la responsabilità personali sono fondamentali, ma il legislatore deve esercitare la sua parte con disposizioni chiare, tempi precisi per una loro seria messa in opera, sanzioni ineluttabili per i trasgressori. Mi chiedo se il CONOE (Consorzio Obbligatorio Nazionale Oli Esausti), costituitosi nel lontano 1998 ed entrato in attività nel 2001 ad oggi assolva o meno adeguatamente alle funzioni per cui fu creato. Resta comunque il fatto che, se per gli oli vegetali o animali esausti il conferimento obbligatorio è previsto solo per il settore della ristorazione, il privato cittadino può assolvere al suo dovere solo laddove ci sono gli appositi contenitori nelle isole ecologiche. Non so cosa succede altrove, ma a Nardò non esistono, per cui il nostro bravo olio esausto finisce nel lavandino o nel terreno; in un caso e nell’altro, pur esausto, ciò che resta della nostra goduria gastronomica sarà capace nella modica quantità di un litro di esaurire la vita, creando in mare (i depuratori, se ci sono e funzionano, non riescono a catturarlo tutto) o nella falda freatica per una superficie pari a quella di un campo di calcio uno strato che impedisce il passaggio dell’ossigeno: in un tragico gioco di parole (un climax1), che coinvolge dialetto e lingua, la mòria (morchia) a causa della nostra mòria [in medicina: atteggiamento fatuo ed euforico quale è quello determinato da lesioni dei lobi frontali; dal greco μωρία (leggi morìa)=stoltezza, pazzia] si trasforma in morìa (elevata mortalità di organismi vegetali o animali dovuta a fattori chimici o ad inquinamento).

E tutto questo lo chiamiamo progresso…, anche se l’arte dovesse stigmatizzare il fenomeno a modo suo; per esempio, con la natura morta (che altro, sennò?) che segue accompagnata dal titolo Olio di frittura su mare

____

1 In letteratura è disposizione di vocaboli o concetti in un crescendo di effetti espressivi; in sessuologia è sinonimo di orgasmo. La voce è dal latino tardo climax, a sua volta dal greco κλίμαξ (leggi climax)=scala, da κλίνω (leggi clino)=inclinare, tendere.

 

 

Carburante dai frantoi oleari?

Da Giacinto Donno,  magister del passato, una lezione per il futuro!

 

di Antonio Bruno
 

Il patrimonio olivicolo italiano è stimato in 150 milioni di piante distribuite su una superficie di più di 1 Milione di ettari. La Puglia vanta il più alto numero di aziende olivicole, infatti sono più di 267mila. Dagli sforzi, dalla creatività e dai sacrifici di queste donne e uomini vengono fuori più di 222mila tonnellate di olio, quasi una tonnellata in media ad azienda, che rappresenta il 37% della produzione Nazionale di olio d’oliva. Le percentuali  sono il risultato di una media basata su dati ISTAT e ISMEA relative alle campagne olearie dal 2002 al 2008.
Per fare quest’olio ci vuole l’acqua che dopo essere stata a contatto o dentro le olive, diviene “Le acque di vegetazione dei frantoi oleari” che costituiscono da sempre un problema ambientale importante per le industrie molitorie, che in Italia raggiungono le 6.000 unità e rappresentano un problema per la nostra Regione perché più della metà delle acque di vegetazione dei frantoi oleari sono concentrate in Puglia.

Partecipo a tanti convegni in cui Imprenditori Agricoli Professionali si accaniscono in un piagnisteo e in lamentazioni struggenti e passionali in cui si dichiarano vittime delle norme assurde che riguardano le acque di vegetazione divenute un problema che, a loro dire, prima non esisteva, e

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!