Quell’antico elisir di malvarosa

LETTERATURA GASTRONOMICA

LIQUORE DI MALVAROSA

 

Un elisir dal gusto favoloso che inebriandoti la mente ricorda i misteriosi sapori orientali dei filtri magici

 

di Giulietta Livraghi Verdesca Zain

Dall’alto delle scale esplode la voce di “Zia Assuntina” e, prima ancora di vederne la delicata figura, ne avvertiamo il profumo: un aroma sottile di erbe e di fiori che si porta dietro e che la fascia, come un mistero di altri tempi e di altri luoghi. Poi ne scopriamo il volto, chino sul nostro salire, e, insieme al suo, s’illumina quello di “zia Maria”, che sgrana sorrisi e ammicca divertita, come se tra noi e lei corresse il filo di una cospirazione.

L’invito scocca sempre ai primi freddi, quando gli ultimi venti autunnali hanno già denudato gli alberi e la poesia dei camini accesi è ancora tutta da scoprire. Nell’ampio salotto ci troviamo fra due fuochi: quello del camino che borbotta nel cavo del primo ceppo e quello di Anna, la nipote numero uno delle padrone di casa, che fa scoppiettare la sua giovinezza e semina parole come manciate di coriandoli.

Siamo tutti un gruppo di amici e quando scatta  la fatidica frase “Prendiamo qualcosa?”, tutti in coro affermiamo: Sì, un po’ di “zia Assuntina”. Ovviamente tutti sappiamo che si tratta del liquore di malvarosa che la signorina Assuntina, maestra nell’elaborazione di antiche e complicate ricette, prepara da anni con impeccabile bravura. E’ un liquore dal gusto favoloso che inebriandoti la mente ricorda i misteriosi sapori orientali dei filtri magici. Un elisir che ha creato intorno a “zia Assuntina” un alone di leggenda, tanto che gli amici più che chiamarlo “Liquore di malvarosa” amano identificarlo con il nome della sua fautrice.

ph Nino Pensabene

Non è stato facile conoscerne la ricetta, e se ora la passiamo ai lettori dell’Apollo buongustaio, lo dobbiamo alla nipote Anna che, alternativamente angelo e demone, ha ben saputo usare le sue armi per ottenerla.

Si mettono in fusione, in mezzo litro di alcool, sei foglie di malvarosa, le pagliuzze di tre steli di menta e la buccia sottile di un limone, lasciando a macero per ventiquattro ore. A parte si prepara uno sciroppo, facendo bollire in mezzo litro d’acqua mezzo chilo di zucchero e, quando è freddato, si unisce all’infuso già filtrato. Dopo due, tre giorni si torna a filtrare e si aspetta che invecchi maturando l’aroma.

 

ph Nino Pensabene
ph Nino Pensabene

Da “L’APOLLO BONGUSTAIO”, ALMANACCO GASTRONOMICO PER L’ANNO 1973, a cura di Mario Dell’Arco (Dell’Arco Editore in Roma), pag. 69

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!