Spigolature da un Eden di mare e cielo

di Rocco Boccadamo

Caro amico, ti scrivo…

Si materializza e affiora inevitabilmente, in un sito che racchiude sapori,
profumi, colori, immagini e suoni d’autentica magia, l’idea di domandare in
prestito, al legittimo interprete famoso, a lungo di casa da queste parti, le
quattro parole dell’abbrivo.
E appare opportuno e calzante, chiosare, subito di seguito, con un osanna al
godimento della natura, gratuito e generoso. Quando ci vuole, ci vuole.
Tanto per incominciare, è una piacevole sorpresa accorgersi che si vive
benissimo senza la morbosa dipendenza dalla TV; lo stesso scorcio al giornale
può essere rapido, di mera sintesi.
Il tempo scorre egualmente e si esalta sotto l’insegna di sole e bagni e,
però, parallelamente, anche di filari di pensieri e di riflessioni avulse da
trucchi e condizionamenti, dall’impronta genuina.

°   °   °

Attraverso qualche titolo distrattamente sbirciato o recepito, al comune
osservatore di strada, al confino in questa sorta di paradiso isolano eppure
prossimo, è nondimeno giunto un interrogativo ad effetto – autore non si sa chi e, ad ogni modo, verosimilmente non disinteressato – che suona, nello stesso tempo, come ennesimo annuncio di “fine del mondo” e/o noiosa ripetizione di fanfaluca: “FalliMonti?”.
Con ciò, volendosi presagire che le nostre tasche sono inesorabilmente
destinate a contenere vuoto, miseria e fame; il terreno sotto i piedi, a
trasformarsi in precipizio ingoia tutto; le prospettive, i sogni e le speranze,
a mutarsi in filari di salici piangenti e in corone di spine; intorno, in
assoluto, buio e silenzio.
Sennonché, almeno a parere di chi scrive, non di ragionato e ispirato
vaticinio si tratta, piuttosto di provocazione strumentale, oltretutto buttata
lì con scarso buon gusto.
Si può essere, al contrario, certi che, nonostante le difficoltà non nuove e
anzi pesanti, le albe e i tramonti continueranno a susseguirsi, le menti e i
cuori ad aprirsi, palpitare e gioire. Alla faccia dei gufi con braccia e
gambe!

°   °   °

Ciò, vanno sussurrando, senza la minima ombra d’interesse, i gabbiani, che qui sono reali, dal simpatico bozzetto di macchia rossa sul becco, con il loro
volteggiare armonioso, elegante e solenne, gli schizzi rapidi sotto la coltre
color blu intenso del cielo ovvero a pelo d’acqua per maratone di caccia, o
pesca, su obiettivi consistenti in minuscoli esemplari guizzanti.
Si osservano sovente in coppia, i sopraddetti volatili, alle prese col
presidio premuroso a beneficio di un ciuffetto alato, caracollante lentamente
nel sottobosco e intento ai primi saltelli che lo educheranno e addestreranno,
per parte sua, ai viaggi e alle missioni fra aria e spazi.
Invitano a credere che ci sarà un domani, anche i nutriti stuoli di scolari e
giovani studenti di classi elementari e medie di varie città e regioni,
convenuti qui, insieme con insegnanti e mamme e papà, per la conclusione e le premiazioni di un concorso di scrittura.
E, analogamente, la compagine di una squadra di pallavolo femminile, che, a
titolo di premio per il buon torneo disputato in serie D sino ai play off, si
va godendo una settimana di vacanza.
Ancora, esorta a guardare avanti, la presenza di ben quattro fasce
generazionali in seno ad un esercizio commerciale dell’arcipelago, il
minimarket shop 88: dalla bisnonna, ai nonni, alla mamma, sino ad un piccolo
bimbo biondo.
E’ di segno positivo anche la circostanza che, in un altro esercizio del
posto, stamani, una donna proveniente da un paese dell’est, ha potuto
immediatamente trovare un’occupazione, una paga e un alloggio.
Del resto, nell’affascinante tradizionale villaggio turistico che mi ospita,
ho notato, al solito, ragazzi e ragazze di innumerevoli regioni italiane e
anche dell’estero, che danno l’impressione di muoversi con entusiasmo e fiducia nelle prospettive. V’è, in particolare, una giovane donna che, dal 2004, suole dividersi fra la natia valle alpina e le Tremiti, laboriosamente; quest’anno, ho costatato con piacere che si è fatta raggiungere dall’anziana madre, colmando così, in certo qual modo, la distanza fra due mondi obiettivamente lontani e dissimili.

°   °   °

Il vecchio faro di una volta sulla punta di S. Domino che guarda il Gargano è
ormai da molti anni in disuso o disarmo. In sua vece, funziona un fanale
alimentato da pannelli solari.
Appare tuttavia emozionante e conferisce un’eco di confidenze, antiche storie
e rievocazioni, il contatto ravvicinato con l’edificio che va cadendo. Dagli
usci socchiusi e sotto le volte in via di sgretolamento, si riaffacciano
vicende umane, attività lavorative, momenti familiari, magari affettivi e
amorosi, inanellatisi  all’interno del manufatto.
Chiaramente, nulla più residua dei passati concerti esistenziali, nell’habitat
circostante regna unicamente il dominio dei già citati gabbiani e della
fattispecie specifica delle Tremiti conosciuta con il nome di Diomedea, attiva
e protagonista particolarmente durante le ore notturne, in forza di misteriosi
canti o lamenti che, taluno, vorrebbe ricollegare niente poco di meno che al
“dolore” per la scomparsa dell’eroe greco Diomede, sbarcato e alla fine
spentosi proprio su queste isole.
°  °   °
Da un anno, l’arcipelago delle Tremiti ha un nuovo parroco, giovane intorno ai quaranta, di aspetto simpatico, estroverso, fattivo. Non un parroco
propriamente ordinario, intanto è un monaco benedettino, incardinato quindi in uno degli ordini – Cistercensi, Benedettini e Lateranensi – che dimorarono
anticamente su queste isole e cui è riferibile la splendida abbazia in S.
Nicola; è nativo della Siria, parla un ottimo italiano e predica altrettanto
benissimo, è giunto qua, dopo l’arrivo in Italia, proveniente dal monastero dei Benedettini di Pulsano in Monte S. Angelo (Foggia).
I Tremitesi stravedono per lui, dicono che il suo arrivo è stato un miracolo e
auspicano di averlo in loco per qualche decina d’anni.
Particolare non  secondario, riandando indietro con la memoria, ho scoperto,
ricevendone poi conferma,  che Padre Massimo Hakim è parente  di un’altissima personalità cattolica della Siria, il Patriarca Arcivescovo Maximos V Hakim, scomparso nel 2011, giusto in contemporanea con l’insediamento alle Tremiti dell’omonimo religioso.

°   °   °

Ho incontrato, conosciuto e brevemente intervistato Giuseppe Fentini,
imprenditore turistico, neo eletto sindaco del comune di Isole Tremiti, un
omone con folta barba e soprattutto dotato di forte carica vitale e operativa.
Commentando le caratteristiche e i problemi del suo territorio, con speciale
riguardo al profilo finanziario – per la cui soluzione, si era recentemente
ventilato di alienare ampie estensioni di terreno su S. Domino, progetto però
non condiviso dagli abitanti e tanto meno da parte degli ambientalisti e
quindi, almeno per ora, abbandonato – il primo cittadino ha espresso la
consapevolezza sulla necessità di ricorrere a canali eccezionali e
straordinari, se si vuol tenere in piedi il bilancio del Comune.
Con i 400 o poco più residenti, durante la stagione invernale addirittura solo
7/8 presenze in S. Nicola e 70/80 in S. Domino, non può certamente reggersi da solo fra entrate e uscite, risorse disponibili e necessità.
A chi, sulla base di democratica scelta,  è preposto all’amministrazione e
alla gestione di questa realtà locale, non si può non rivolgersi un augurio e,
insieme, un’esortazione: di saggezza, equilibrio, dedizione, trasparenza e
condotta assolutamente proba. Giacché, vale la pena di ricordarlo, l’arcipelago delle Tremiti rappresenta veramente una realtà speciale, unica, alla pari con le più celebri località del pianeta.

P.S.
Tra il natio Salento, il Gargano e le Isole Tremiti, domina il denominatore
comune del mare, un mito. Sull’onda di questa premessa, mi piace dedicare il
presente post, in particolare, a Marcello, mecenate generoso e nocchiero
provvido di “Spigolature Salentine” e non solo.

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!