Lecce| Concerto di musica elettroacustica

I CONCERTI DEL CONSERVATORIO “TITO SCHIPA” DI LECCE 2015-2016

VENERDÌ 27 MAGGIO 2016 ORE 20:30

AUDITORIUM CONSERVATORIO DI LECCE

CONCERTO DI MUSICA ELETTROACUSTICA

a cura dell’Ufficio Pubbliche Relazioni del Conservatorio di Lecce

1_27 maggio

NICOLA MONOPOLI

FRANCESCO ABBRESCIA

ALVIN LUCIER

VINCENZO DELUCI

ALESSANDRO DUMA

VALENTINO IMBRIANI

LUIGI INGUSCIO

 

CLASSE DI MUSICA ELETTRONICA

Prof. Francesco Abbrescia

Prof. Nicola Monopoli

 

Proseguono con grande successo di pubblico gli appuntamenti musicali promossi dal Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce. Venerdì 27 maggio 2016 (ore 20:30), nell’Auditorium del Conservatorio di Lecce, è in cartellone un concerto di “Musica Elettroacustica”, a cura della Classe di Musica Elettronica tenuta da FRANCESCO ABBRESCIA. In programma lavori audio-video e composizioni per strumento ed elettronica di NICOLA MONOPOLI, FRANCESCO ABBRESCIA, ALVIN LUCIER, VINCENZO DELUCI, ALESSANDRO DUMA, VALENTINO IMBRIANI e LUIGI INGUSCIO. L’esecuzione dei lavori, tutti in prima assoluta, tranne il landscape di Abbrescia e la composizione di Lucier in chiusura di serata, è a cura degli stessi autori, di Angelo Giodice e di Fabrizio Giannuzzi.

Discovery (2016) di Luigi Inguscio unisce tecniche estese pianistiche ed elettronica in un binomio che porta alla scoperta di nuove dimensioni, realtà e possibilità espressive.

Per Filmstudie (2016) è una sonorizzazione del video astratto Filmstudie di Hans Richter del 1926 a cura di Nicola Monopoli. Filmstudie è un divertente cortometraggio sperimentale dadaista pieno di movimenti di forme geometriche, riprese di gabbiani, bulbi oculari volanti e teste galleggianti.

Sincronicità della sfera (2016) di Alessandro Duma rappresenta il passaggio dal minuscolo all’immenso, dall’immediato all’eterno, dall’unità al gruppo. Se solo i due estremi si toccassero, se fossero la stessa cosa. I diversi materiali sonori e visivi cercano di rappresentare ciò che è pura informazione, ciò che è materia o estrapolazione matematica.

La botola inattesa (2016) di Vincenzo Deluci rappresenta un’inaspettata caduta in una dimensione onirica e reale al tempo stesso in una feconda unione tra suoni elettronici e strumentali, dove il sogno diviene incubo e contemporaneamente desiderio.

Studio sull’intonazione della carne (2006) di Francesco Abbrescia è un landscape acustico di una cerimonia rituale. Mille elementi si muovono nello spazio alla perenne ricerca di un irraggiungibile stato di equilibrio, governati da forze quali attrazione e repulsione reciproche, gravità verso il centro.

Decadence (2016) di Valentino Imbriani rappresenta la spettacolarizzazione e speculazione mediatica dell’orrore, della sofferenza. Una decadenza morale, politica e religiosa che lascia l’unica speranza in un distopico futuro.

I am sitting in a room (1969) di Alvin Lucier è il pezzo più conosciuto della sua produzione. A metà tra un’opera di sound art e una performance, attraverso le successive registrazioni, lo spazio della stanza filtra e modifica il suono della voce del performer fino a renderlo irriconoscibile.

L’evoluzione tecnologica apre nuove strade e incide profondamente sulle idee musicali. Nascono quindi musicisti che, parafrasando uno scritto di Edgard Varèse, praticano e realizzano strumenti docili al pensiero che, rendendo possibili timbri finora insospettati, si aprono a qualsiasi combinazione si proponga loro e soddisfano le richieste che provengono dal ritmo interiore del compositore.

Oggi, con lavori per la maggior parte nati in seno al Conservatorio “Tito Schipa”, si vogliono percorrere alcune delle strade resesi possibili dal progresso tecnologico: la composizione per strumento ed elettronica (Discovery e La botola inattesa), la sonorizzazione video (per Filmstudie), la composizione audiovisuale (Sincronicità della sfera, Studio sull’intonazione della carne e Decadence) e il live electronics (I am sitting in a room).

 

 

INGRESSO LIBERO

 

Prossimo appuntamento:

Biblioteca Roberto Caracciolo – Lecce

Mercoledì 8 Giugno 2016 (ore 20:30)

“I FIATI DEL TITO SCHIPA”

CARLO SCORRANO pianoforte

L’Ensemble Accademia dei Serenati a Lecce

di Maria Pina Solazzo*

La voce degli Angeli

Festival Internazionale  – VII Edizione

 GLI STRUMENTI DEGLI ANGELI

  Ensemble Accademia dei Serenati

Lucia Rizzello           flauto

Luigi Bisanti              flauto

Alessandra Targa      arpa  

Domenica 10  Gennaio 2016   ore 18.30

Chiesa S. Sebastiano –  via dei Sotterranei – LECCE

 ensemble

Da Berlioz a Faurè, da Dvorak a Ibert e ancora da Mascagni a Tedeschi: un programma vario e articolato che abbraccia forme e stili diversi ma straordinariamente affascinanti. Domenica 10 Gennaio 2016 alle ore 18:30 a Lecce presso la Chiesa di San Sebastiano, in Vico dei Sotterranei, si terrà il primo appuntamento del Festival “La Voce degli Angeli”, giunto ormai alla VII Edizione organizzato dall’Accademia dei Serenati, dal Conservatorio “T. Schipa”, dalla FIDAPA sezione di Casarano, con il Patrocinio della Fondazione Palmieri. Direttori Artistici del Festival sono Lucia Rizzello e Luigi Bisanti, L’Ensemble “Accademia dei Serenati” formato per l’occasione dai flautisti Lucia Rizzello, Luigi Bisanti e dall’ arpista Alessandra Targa, eseguiranno di H. Berlioz da “l’Infanzia di Cristo”     “Dans cette ville immense”, le Berceuse op.16 di G. Fauré e di  A. Dvořák, di É. Pessard Andalouse e Delicatement, brani trascritti dalla Carmen e da “L’Arlésienne Suite n. 2” di G. Bizet. E ancora elaborazioni di J. Ibert, Tedeschi Mascagni, Amoroso per finire con la Gymnopédies n. 1 di Satie e Deux Interludes di Ibert. L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti.     LUCIA RIZZELLO, nata a Parigi, compie gli studi musicali in Italia diplomandosi in Flauto presso il Conservatorio di Rovigo, perfezionandosi poi con Ancillotti, Angelo Persichilli, Maxence Larrieu, Massimo Mercelli. Si è diplomata poi in flauto barocco presso la Civica Scuola di Musica di Milano, Sezione di Musica Antica e presso il Conservatorio di Vicenza col massimo dei voti sotto la guida di Marcello Gatti. Si è perfezionata con Kate Clark e Barthold Kuijken. Ha studiato Canto Barocco con il mezzosoprano Gloria Banditelli e direzione d’orchestra con Romolo Gessi perfezionandosi con Donato Renzetti e Julius Kalmar. Ricopre il ruolo di Flautista e Ottavinista in numerose Orchestre Sinfoniche e Barocche sotto la direzione di prestigiosi musicisti. Collabora con solisti di fama internazionale e con numerosi gruppi da camera e orchestre nell’ambito di Stagioni Musicali di rilevanza internazionale in Italia: Milano, Torino, Roma, Cagliari, Bergamo, Venezia, Padova, Vicenza, Brescia, Urbino, Lecco, Siena, Bari, Potenza, Matera, Palermo, Reggio Calabria …  e all’estero  in Germania, Slovenia, Albania, Ungheria, Austria. Nel 1990 ha fondato l’ensemble di musica antica “Accademia dei Serenati” con il quale svolge intensa attività concertistica. Fa parte delle giurie di numerosi concorsi. Ha effettuato registrazioni per la RAI e per emittenti locali. Ha al suo attivo la registrazione di numerosi CD per le etichette Stradivarius, DAD records, Amadeus, Officina Musicum, SONY dadc, Mastery Records, Baryton. Cura spesso la direzione artistica, il coordinamento e i rapporti con l’estero di eventi musicali di rilevanza internazionale. Da quattro anni è Socia FIDAPA della Sez. di Casarano. Da sei anni cura la Direzione artistica del Festival Internazionale “La Voce degli Angeli” realizzato in collaborazione con il Conservatorio “T.Schipa” di Lecce e la FIDAPA di Casarano. E’ direttore artistico della Lecce Baroque Orchestra che ha sede presso la Fondazione Palmieri. Tiene Masterclasses come docente di Traversiere barocco nell’ambito di Festivals Internazionali di Musica Antica. Ha svolto docenza di Flauti storici e Musica Antica presso il Conservatorio di Eisenstadt (Austria). Attualmente e docente di Traversiere presso l’Accademia di Musica dell’Università di Lubiana (Slovenia). Dal 2011 è invitata dall’Associazione Flautisti Italiani per tenere masterclasses e seminari presso il “Falautcampus” di Cava de Tirreni e di Salerno. E’ titolare della cattedra di Flauto presso il Conservatorio “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza. ALESSANDRA TARGA, arpista,Nata a Rovigo nel 1967, si è diplomata in arpa con il massimo dei voti (luglio 1988) presso il Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo, sotto la guida della prof.ssa Maria Luisa Cardin Fontana.Nel 1898 ha ottenuto l’idoneità, a seguito di concorso, per accedere al Corso annuale presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo dove si è perfezionata con G.Albisetti e J.Liber.Ha partecipato a Concorsi Nazionali e Internazionali classificandosi sempre fra i primi posti: “Rovere D’oro” (Imperia); “Riviera del Conero” (Ancona); “Dino Caravita” (Ravenna); Concorso di esecuzione strumentale di Varenna (Como).Collabora con numerose orchestre tra le quali: Orchestra del “SAN CARLO” di Napoli, Orchestra del Teatro di Cagliari, Orchestra del TirolerFestpiele di Erl (Austria), Orchestra del Teatro Regio di Parma, Orchestra dei “Pomeriggi Musicali” di Milano, Orchestra “Città di Ferrara”, Orchestra “B.Maderna” di Ravenna, Orchestra Filarmonia Veneta, Orchestra MusicaRiva Festival, lavorando con insigni direttori quali: De Burgos, I.Karabchevsky, R.Chailly, L.Königs, G.Khun, G.Garbarino.Dal 1988 svolge intensa attività concertistica sia come solista che in formazioni cameristiche, spaziando dal duo al settimino. Particolare attenzione va dedicata all’attività con il quartetto di arpe White Harps’ Quartet, con cui si è esibita per importanti società concertistiche sia in Italia che all’estero.Dal 2014 è docente di arpa presso il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce. LUIGI BISANTI si è diplomato in Flauto Traverso con il massimo dei voti presso il Conservatorio “T. Schipa” di Lecce e in Flauto Dolce con il massimo dei voti presso il Conservatorio “N. Piccinni”di Bari. Si è perfezionato con Maestri di chiara fama. È vincitore di numerosi concorsi, tra i quali nel 1991, quello per esami e titoli per l’insegnamento del Flauto nei Conservatori. È stato 1° flauto in prestigiose Orchestre suonando sotto la direzione di celebri direttori, ha collaborato con musicisti di fama internazionale. È stato interprete di prime esecuzioni assolute di opere contemporanee e di musica antica eseguite con strumenti d’epoca. Ha registrato per Dynamic, Stradivarius, Village records, MMS, “DAD records”, MGP ecc… Ha inoltre effettuato registrazioni per la Rai, SUISSE ROMANDE, Mediaset, ecc.. È stato ospite di prestigiose Istituzioni concertistiche nazionali ed internazionali. Ha ricevuto lusinghiere critiche su quotidiani e riviste specializzate. Collabora con “Harmonium” di Lecce ed è docente ai corsi estivi di Querceto Montecatini VC in Toscana e Falaut Campus Università di Salerno. E’ titolare della cattedra di flauto presso il conservatorio “T.Schipa” di Lecce.   * UPR Conservatorio Tito Schipa Lecce

Il Barbiere di Siviglia di Giovanni Paisiello apre la serie degli appuntamenti del Conservatorio di Lecce

inaugurazione

IL BARBIERE DI SIVIGLIA  CON LA PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA DI MICHELE MIRABELLA INAUGURA L’ANNO ACCADEMICO DEL TITO SCHIPA

 

INAUGURAZIONE DELL’ ANNO ACCADEMICO 2015 – 2016

CONSERVATORIO “TITO SCHIPA” DI LECCE

TEATRO POLITEAMA GRECO DI LECCE

20 novembre 2015 ore 20:45

GIOVANNI PAISIELLO

IL BARBIERE DI SIVIGLIA

OVVERO LA PRECAUZIONE INUTILE

in forma di concerto

nel bicentenario della scomparsa (2016)

 

 

MANUEL AMATI tenore

ADRIANA DAMATO soprano

LORENZO REGAZZO basso

ANTONIO PELLEGRINO baritono

JORGE ABARZA SUTTER basso

ALBERTO COMES basso

RICCARDO D’OSTUNI tenore

 

ORCHESTRA SINFONICA DEL CONSERVATORIO “TITO SCHIPA” DI LECCE

direttore M° GIOVANNI PELLEGRINI

 

con la partecipazione straordinaria di MICHELE MIRABELLA

Conduce la serata EMANUELA CARROZZO

 

Con un eccezionale concerto inaugurale del nuovo anno accademico, sulle straordinarie note del Barbiere di Siviglia di Giovanni Paisiello, di cui ricorre nel 2016 il bicentenario della scomparsa, riparte la lunga serie di appuntamenti culturali (17 concerti) promossi dal Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce. Sfoggiando il prodotto di un’offerta formativa di alto livello, il ricco e vario cartellone offrirà al pubblico salentino un prodotto d’eccellenza, punto d’arrivo e sintesi perfetta del lavoro di ricerca, di didattica e di produzione artistica delle professionalità attive nel Conservatorio leccese.

Il concerto d’apertura dell’anno accademico si terrà al Teatro Politeama Greco di Lecce il 20 novembre 2015 (ore 20:45). In programma Il Barbiere di Siviglia, ovvero la precauzione inutile di Paisiello, dramma giocoso, in due atti,eseguito in forma di concerto. Data in prima rappresentazione al Teatro dell’Ermitage di San Pietroburgo nel 1782 alla corte imperiale di Caterina la Grande, quest’opera ebbe un immediato grandissimo successo in tutta Europa.

La vicenda che anima il libretto, nella stesura dell’abate Giuseppe Petrosellini, segue essenzialmente l’omonima commedia in prosa di Beaumarchais, rappresentata al Théâtre Français di Parigi nel 1775, traducendone in alcuni passi i dialoghi. La commedia fu messa in musica da vari compositori, tra i quali Morlacchi, Schulz, Sperger, Isouard e Benda. Lo stesso Beaumarchais pare ne avesse musicato alcune parti. Il lavoro di Paisiello, poi oscurato nel 1816 dalla più celebre versione di Rossini su analogo soggetto, è una tipica opera del Settecento divertito e galante. È la vicenda amorosa, tutta sivigliana, tra la borghese Rosina e l’aristocratico Conte d’Almaviva, la cui unione si realizza grazie agli ingegnosi inganni del poeta, musicista e barbiere Figaro che cerca di contrastare il segreto progetto di Don Bartolo, dottore in medicina e tutore di Rosina, di lei innamorato e disposto a tutto per sposarla.

Sul palco il tenore Manuel Amati, il soprano Adriana Damato, il basso Lorenzo Regazzo, il baritono Antonio Pellegrino, il basso Jorge Abarza Sutter, il basso Alberto Comes e il tenore Riccardo D’Ostuni, sostenuti dall’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Lecce diretta dal Giovanni Pellegrini.

La serata sarà impreziosita dalla cerimonia di consegna del Premio “Orfeo d’oro” alla carriera a Michele Mirabella, conduttore televisivo, attore, autore e regista di grande successo.

La progettazione grafica dell’evento è stata curata dai Prof.ri Nunzio Fiore e Silvia Papucci dell’Accademia delle Belle Arti e realizzata dall’allievo Andrea Caputo.

La serata sarà presentata da Emanuela Carrozzo.

 

La stagione concertistica prosegue con i seguenti eventi:
Domenica 6 Dicembre ore 19:30

Galà Lirico

Allievi di Canto Lirico

Pianoforte Valerio De Giorgi

Biblioteca Roberto Caracciolo – Lecce

Via Imperatore Adriano, 79 – Lecce

 

 

Domenica 20 Dicembre ore 9:00

Santa Messa Natalizia a cura della Schola Gregoriana “Cum Jubilo”

Direttore Patrizia Durante

Chiesa di San Giovanni Evangelista (Monastero delle Benedettine)

Via delle Benedettine – Lecce

 

Domenica 10 Gennaio ore 19:30

Dall’intrattenimento all’Accademia nell’800

Violino Marcello Baldassarre

Violoncello Rosa Andriulli

Chitarra Antonio Scarinzi

Biblioteca Roberto Caracciolo – Lecce

Via Imperatore Adriano, 79 – Lecce

 

Mercoledì 27 Gennaio 2016 ore 20:30

Nel Giorno della Memoria – Il coraggio di Mischke   Fiaba Musicale per soli, coro e orchestra

di Giuseppe Gigante

Coro e Orchestra Giovanile del Conservatorio Tito Schipa

Direttore Paolo Ferulli

Direttore del Coro Francesco Muolo –

Regia Francesca Rollo

Teatro Il Ducale – Cavallino

Via De Giorgi Padre Gino – Cavallino

 

 

Domenica 7 Febbraio 2016 ore 20:30

Carnevale al Ducale

Orchestra Giovanile del Conservatorio

Direttore Michele Nitti

Teatro Il Ducale – Cavallino

Via De Giorgi Padre Gino – Cavallino

 

 

Domenica 21 Febbraio 2016 ore 19:30

Une soir à Paris

Contraltista Gianluca Belfiori

Pianoforte Filippo Farinelli

Biblioteca Roberto Caracciolo – Lecce

Via Imperatore Adriano, 79 – Lecce

 

 

Domenica 6 Marzo 2016 ore 19:30

Le piace Brahms?

Pianoforte Pierluigi Camicia e Vincenzo Rana

Biblioteca Roberto Caracciolo – Lecce

Via Imperatore Adriano, 79 – Lecce

 

 

Martedì 22 Marzo 2016 ore 20,30

Stabat Mater di P. Cafaro  – Concerto della Settimana Santa

Orchestra di Fiati del Conservatorio Tito Schipa

Direttore Francesco Muolo

Chiesa di Fulgenzio

Via Imperatore Adriano Lecce

 

Mercoledì 30 Marzo 2016 ore 20,30

Gli Archi del Tito Schipa

Pianoforte Carlo Scorrano

Biblioteca Roberto Caracciolo – Lecce

Via Imperatore Adriano, 79 – Lecce

 

 

Domenica 17 Aprile 2016 ore 19,30

Noche Hermosa

Pianoforte Sara Serratì

Soprano Lucia Conte

Biblioteca Roberto Caracciolo – Lecce

Via Imperatore Adriano, 79 – Lecce

 

Sabato 30 Aprile 2016 ore 20,30

Unesco Jazz Day

Piano Jazz Luigi Bubbico

Canto Jazz Gaetano Riccobono

Auditorium Conservatorio Tito Schipa

Via V. Ciardo, 2 Lecce

 

Domenica 8 Maggio 2016 ore 19:30

Opera Europa Day

Soprano Adriana Damato

Biblioteca Roberto Caracciolo – Lecce

Via Imperatore Adriano, 79 – Lecce

 

Domenica 15 Maggio 2016 ore 20:30

Il solista e l’orchestra

Orchestra Giovanile del Tito Schipa

Direttore Michele Nitti

Teatro Il Ducale – Cavallino

Via De Giorgi Padre Gino – Cavallino

 

Venerdì 27 Maggio 2016 ore 20:30

Concerto di Musica Elettroacustica

Classe di Musica Elettronica – Francesco Abbrescia

Auditorium Conservatorio Tito Schipa

Via V. Ciardo, 2 Lecce

Mercoledì 8 Giugno 2016 ore 20:30

I Fiati del Tito Schipa

Pianoforte Carlo Scorrano

Biblioteca Roberto Caracciolo – Lecce

Via Imperatore Adriano, 79 – Lecce

 

Domenica 19 Giugno 2016 ore 21:30

Aspettando la Festa della Musica

Orchestra Giovanile del Conservatorio Tito Schipa

Direttore Michele Nitti

Chiostro dei Teatini

Corso Vittorio Emanuele II, 16 – Lecce

INGRESSO LIBERO

                           Ufficio Pubbliche Relazioni Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce

 

Pianoforte. Andrei Gavrilov a Lecce

Andrei Gavrilov

Una  Masterclass di Pianoforte con un docente d’eccezione: Andrei Gavrilov al Tito Schipa di Lecce

 

di Maria Pina Solazzo*

Ancora un’importante possibilità di crescita artistica per gli allievi del “Tito Schipa”: il 14 e 15 Ottobre, presso l’Auditorium del Conservatorio in via Ciardo, il celebre pianista russo Andrei Gavrilov,  incontrerà gli allievi salentini: le lezioni saranno individuali, aperte sia agli iscritti effettivi sia agli uditori e si terranno dalle ore 11 alle 19. Una Masterclass che si aggiunge alle numerose altre di analogo livello tenute nel corso dell’ultimo triennio.

«Queste occasioni – dichiara il direttore Pierluigi Camicia – sono un gradito riconoscimento per tutto l’impegno dei docenti – che sentitamente ringrazio – e degli allievi stessi della nostra Istituzione. Auguro a tutti i ragazzi una buona riuscita nelle audizioni  nella consapevolezza che queste esperienze artistiche generino sempre maggiori stimoli all’impegno negli studi musicali e, soprattutto, nella vita».

 

Pianista di fama mondiale, Andrei Gavrilov, appena diciottenne, vinse il primo premio al prestigioso Concorso Internazionale “Ciaikowskij” e, nello stesso anno, ebbe un debutto trionfale al Festival di Salisburgo sostituendo il grande pianista Sviatoslav Richter.

Ha suonato come solista con orchestra nelle più importanti città internazionali come New York, Los Angeles, Detroit, Cleveland, Chicago, Philadelphia, Montreal, Toronto, Londra, Vienna, Parigi, Berlino, Monaco, Amsterdam, Tokyo, Mosca, S. Pietroburgo sotto la direzione di rinomati direttori tra i quali Abbado, Muti, Haitink,  Ozawa, Svetlanov, Tennstedt, Rattle e Neville Mariner. Ha vinto diversi premi discografici internazionali tra cui il Gramophone Award nel 1979, il Deutscher Schallplattenpreis (Disco d’Oro Tedesco) nel 1981, il Grand Prix International du Disque negli anni 1985 e 1986, l’International Record Critics Award (IRCA) nel 1985. Inoltre, nel 1989, ha ottenuto il Premio Internazionale “Accademia Musicale Chigiana” (la giuria dei critici musicali lo ha definito in quell’occasione il più grande pianista del mondo). Nel 1998 Andrei Gavrilov è stato selezionato per essere inserito nella collana dei maggiori pianisti del XX secolo prodotta dalla Philips. Nel febbraio 2010 è stato invitato a suonare ben quattro concerti di fila nella stessa serata alla Sala d’Oro della Filarmonica di Vienna riscuotendo vere e straordinarie ovazioni da parte del pubblico e della critica.

 

*UPR Conservatorio “Tito Schipa” Lecce

 

Lecce. Premio Nazionale delle Arti per la sezione pianoforte

Premio Nazionale delle Arti: il “Tito Schipa” ospita la Sezione Pianoforte

Serata Finale al Teatro Paisiello sabato 12 Ottobre

Finale PDA

a cura di Maria Pina Solazzo*

Sabato 12 Ottobre 2013 alle ore 19,30 nella splendida cornice del Teatro Paisiello a Lecce si terrà la Prova Finale del Premio Nazionale delle Arti per la sezione Pianoforte organizzata dal Conservatorio di Musica “Tito Schipa” di Lecce alla presenza del Direttore Generale del MIUR Dott. Giorgio Bruno Civello e del Sottosegretario Gianluca Galletti.

Si tratta di una manifestazione promossa e organizzata su tutto il territorio nazionale dalla Direzione Generale AFAM, finalizzata a individuare e valorizzare i migliori talenti che studiano nelle Istituzioni del sistema dell’Alta Formazione Artistica e Musicale in Italia.

Il Premio è articolato in diverse sezioni: in una prima, i Conservatori individuano tra i loro studenti i più idonei alla partecipazione alla fase nazionale e li inviano nella sede di svolgimento del Premio. Al termine delle prove finali, viene individuato, per ciascuna specialità, il vincitore.

Si tratta di un complesso meccanismo, che dura un intero anno – dichiara Pierluigi Camicia, Direttore del Tito Schipama che alla fine porta alla giusta ribalta le tante realtà di giovani studenti che si formano nei Conservatori italiani. Si tratta di una sana competizione e una concreta opportunità formativa riservata ai migliori allievi di tutte le Istituzioni Musicali Italiane, a testimonianza del lavoro quotidiano svolto nelle sedi disseminate su tutto il territorio, per far apprezzare compiutamente le potenzialità e le risorse del settore dell’Alta Formazione Artistica e Musicale.”

Le prove  eliminatorie si svolgeranno l’11 Ottobre a Ceglie Messapica nell’Auditorium della sede staccata del Tito Schipa dalle ore 9 alle 20.

Prendono parte, a questa edizione, circa 20 concorrenti provenienti da diversi Conservatori italiani, ciascuno dei quali sarà giudicato da una prestigiosa Commissione costituita dal pianista e direttore d’orchestra Michele Marvulli (Presidente), il compositore e direttore d’orchestra Marcello Panni e il critico musicale Nicola Sbisà.

Per il Premio “Giovani Allievi” la Commissione sarà affiancata dalle tre giovani e brillanti pianiste che stanno esportando in tutto il mondo il nome della cultura musicale italiana: Leonora Armellini, Beatrice Rana e Mariangela Vacatello.

Ho voluto fortemente affiancare ai tre “storici” commissari le tre giovani concertiste – dichiara ancora Pierluigi Camicia – perché la loro età e il loro alto grado di professionalità rappresentano quel valore aggiunto in cui la scuola italiana deve continuare a credere.”

 

*UPR Conservatorio “Tito Schipa” Lecce

Salvatore Stefanelli è il nuovo direttore del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce

Salvatore Stefanelli

di Maria Pina Solazzo

 

Salvatore Stefanelli, docente di Flauto, è stato eletto nuovo Direttore del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce.

Si avvicenda a Pierluigi Camicia, nominato direttamente dal  Ministro dell’Università On. Fabio Mussi per “meritata fama”, nel 2007.

I voti espressi dai docenti votanti sono stati i seguenti: 44 preferenze per Salvatore Stefanelli (su 78 professori votanti), 32 voti per Corrado De Bernart e 2 schede bianche.

Pertanto, il candidato con la maggioranza di voti, è stato eletto Direttore Artistico del Tito Schipa.

Salvatore Stefanelli rimarrà in carica per tre anni ed è rieleggibile solo per un altro mandato.

Al centro del mio programma di Direzione c’è l’idea di rafforzamento dell’identità storica e geografica dell’Istituzione – dichiara il neo-eletto Direttore – un impegno di dialogo formativo con grandi docenti italiani e stranieri, valorizzazione dei differenti ambiti musicali  (classici, jazz, pop, etnici e bandistici),  dell’offerta formativa e produttiva della Scuola, ampliamento della presenza dell’Istituzione nella vita musicale di Lecce e del Salento intero, esportazione di produzioni e corsi all’estero, oltre ad un’attenta politica di attrazione di  studenti da tutto il mondo. 

 

Contestualmente si è proceduto anche all’elezione degli altri due organi elettivi del Conservatorio: il Consiglio Accademico e la Consulta degli Studenti.

Il Consiglio Accademico, dal prossimo Anno Accademico, darà composto dai seguenti professori: Flavio Caputo (34 voti), Maria Eugenia Congedo (38 voti), Aldo Mauro (46 voti), Carlo Scorrano (36 voti), Maria Pina Solazzo (41 voti) e Giuseppe Spedicati (59 voti).

Per la Consulta degli Studenti sono stati eletti invece, tra i 214 candidati: Daniele Vitali (68 preferenze), Sabina Legittimo (57 preferenze), Marco Conte (54 preferenze), Antonio Manni (34 preferenze) e Francesco Bisanti (29 preferenze).

Il “Tito Schipa” conta, tra Ordinamento Previgente, Triennio Accademico di Primo Livello, Biennio Accademico di Secondo Livello e Formazione Preaccademica, 990 allievi con 86 docenti.

 

Salvatore Stefanelli si è diplomato nel 1977 in Flauto al Conservatorio “T. Schipa” di Lecce, con il massimo dei voti e la lode.

Ha seguito corsi di perfezionamento con Giorgio Zagnoni, Angelo  Persichilli, Mario Ancillotti, Peter Lukas  Graf; ha frequentato il corso triennale di alto perfezionamento  presso l’Accademia Musicale Pescarese tenuto dal  M° Conrad Klemm,  conseguendo il Diploma. La sua intensa attività artistica svolta in Italia, Germania, Francia, Albania, Cecoslovacchia, Cina lo ha portato a collaborare con illustri musicisti, quali Susanna Mildonian, Pierluigi Camicia, il Quartetto d’Archi “Cassoviae”, Piero Vincenti, Andrea Franceschelli, Rosa Azzaretti, Carmine Scarpati.

In veste di solista con orchestra ha tenuto concerti sotto la direzione dei Maestri: Ottavio Ziino, Franco Caracciolo, Massimo Pradella, Michele Marvulli, Claudio Ciampa, Francesco Lentini, Enrico Mariani.

Ha ricoperto il ruolo di primo flauto nell’Orchestra del Teatro “Petruzzelli”; ha collaborato con l’Orchestra “A. Scarlatti” della Rai di Napoli e per oltre un decennio è stato primo flauto dell’Orchestra Sinfonica ICO dell’Amministrazione Provinciale di Lecce, con sempre ampi consensi di critica e di pubblico.

L’universo musicale vissuto lo ha messo in contatto con illustri direttori d’Orchestra, solisti e cantanti di prestigio quali G. Kunn, V. Delman, D. Renzetti, A. Guadagno, F. Mannino, N. Rota, N. Samale, D. Rigacci, B. Aprea, N. Annovazzi, M. De Bernart, A. Zedda, M. Erede, A. Zecchi, e Raina Kabaivanska, Susanna Rigacci, Katia Ricciarelli, Andrea Bocelli, Gianna Nannini, Massimo Ranieri, Luisa Corna, Ron. Ha effettuato anche registrazioni per emittenti radiofoniche e televisive.

Intensa la sua lunga attività didattica: dal 1977, appena diplomato, è stato chiamato all’insegnamento di flauto al Conservatorio di Lecce dall’allora Direttore Giuseppe Pastore, divenendo poco dopo titolare della cattedra,  e, sotto il suo magistero, si sono formati numerosi e ottimi flautisti: professionisti che operano da tempo con successo nel campo concertistico e didattico.

Salvatore Stefanelli ha tenuto corsi di perfezionamento per importanti istituzioni nazionali: Accademia Musicale Umbra (Corso Triennale di Alto Perfezionamento), Masterclass Siem Lecce (vacanze Musicali), Endas Musica Umbria-Castiglione Del Lago, Todi (Umbria estate), Salento Musica Otranto (Incontri Musicali) ed è stato Presidente e membro di giuria in vari Concorsi Nazionali ed Internazionali:  A. M. A.Calabria, ” Mendelsson Cup” Taurisano, Accademia Sipario “E. Satie” Lecce, “V. Spadafora ” Venetico, “Nino Rota” Ostuni, LAMS Premio “Rosa Ponselle” Matera.

E’ stato recentemente premiato alla “Carriera per meriti didattici e concertistici” a Lecce, nell’ambito della manifestazione culturale “Notte di Note”, nel luglio 2012.

Ha ricoperto nel Conservatorio di Lecce, con impegno ed abnegazione, vari ruoli istituzionali: Fiduciario del Direttore Di Palma per la sede di Viale degli Studenti, Coordinatore del dipartimento di strumenti a fiato, Rappresentante dei docenti nel Consiglio di Amministrazione, Membro del Consiglio Accademico e, dal novembre 2007 ad oggi, ricopre ininterrottamente la carica di Vicedirettore, conferitagli dal Direttore M° Pierluigi Camicia.

Ha ricevuto lusinghieri consensi di stampa, tra i quali si ricordano particolarmente:

“Salvatore Stefanelli ha notevoli doti musicali naturali: dolcezza di suono, fraseggio istintivo sono le qualità di Stefanelli che, unite ad una tecnica fluida, fanno di lui un ottimo concertista. “G. A. Pastore-Quotidiano di Lecce 16 dicembre 1989”;

 

“…eccezionale l’esecuzione del Concerto in sol maggiore per flauto e orchestra di Mozart grazie a Salvatore Stefanelli, professionista completo, che ha dato del bellissimo concerto una esecuzione eccellente per brillantezza tecnica.” (Quotidiano di Lecce 8 dicembre 1987).

 

Premio speciale della giuria per la migliore interpretazione di una composizione di autore italiano contemporaneo: (S. Sciarrino: All’aure in una lontananza): “…pagina di una avanguardia rarefatta e lunare, che invita lo strumento a sonorità diafane ed a impasti misteriosi, fuor di temi e melodia, facendo leva, oltre che sulla sapienza tecnica dell’autore, sulla sua personale inventiva e capacità di suggestione.” (al Concorso Nazionale di esecuzione musicale “Francesco Cilea” di Palmi – Enrico Cavallotti- Il Tempo del 12-9-1985.

 

*UPR Conservatorio “Tito Schipa” Lecce

Padre Igino Ettorre e la ricerca musicologica

28 Novembre – ore 20.00

Lecce – Biblioteca Caracciolo


Visualizzazione ingrandita della mappa


 

Musiche di P. Migali, A. Corelli, G. Tartini e G. F. Haendel

Solisti del Barocco Salentino – Ennio Catanese, Federico Puglielli, Tiziana Di Giuseppe e Francesca Mammana

 

Uno dei meriti particolari di Padre Igino Ettorre è stato quello di aver riscoperto un repertorio locale di grande valore per la storia musicale pugliese, di averlo reso noto attraverso i concerti con il suo coro e di averlo restituito alla storia attraverso pubblicazioni di grande pregio.

L’appuntamento di Mercoledì 28 Novembre alle ore 20.00 presso la Biblioteca Caracciolo a Lecce intitolato appunto “Padre Igino e la ricerca musicologica”, inserito nel cartellone del Festival “Musicando il Cielo”, promosso dal Conservatorio di Musica “Tito Schipa” di Lecce, in collaborazione con il Convento di S. Antonio a Fulgenzio, il Gruppo Madrigalistico Salentino e  la Città di Lecce, si aprirà con un intervento di Doriano Longo cui seguirà il concerto dei “Solisti del Barocco Salentino”, ensemble da camera formato dai violinisti Ennio Catanese, Federico Puglielli, la violoncellista Tiziana Di Giuseppe e la pianista Francesca Mammana docente di Pianoforte del Conservatorio “Tito Schipa”.

 

Il programma traccerà un ideale percorso della storia della Sonata a tre iniziando dalle Sonate di Pietro Migali – autore salentino del Settecento di cui Padre Igino  ha pubblicato la revisione di varie opere nel 1979 – proseguendo per la Sonata da Chiesa in Fa Magg. Op. 3 n° 5 di A. Corelli, la Trio Sonata in Fa Magg. di G. Tartini  e si concluderà  con la Trio Sonata in Mi Magg. op. 2 n° 9 di G. F. Haendel.

Lo  “stile concertante” è lo schienale dei brani in programma, come la maggior parte della letteratura dell’epoca che rimanda a Vivaldi e Corelli.

Pietro Migali visse e produsse nella piena atmosfera artistica e storica della sua epoca, contestualizzato perfettamente nello stile dei grandi compositori del Settecento: Vivaldi, Corelli e Haendel. Arditezza armonica in alcuni passaggi, largo impiego di dissonanze non preparate e di false modulazioni di passaggio, vivacità ritmica, specie negli allegri e bella concisione di progressioni serrate, sono le caratteristiche del discorso armonico dei brani che ascolteremo in sala.

 

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

 

Prossimi appuntamenti del Festival “Musicando il cielo”: Venerdì 30 Novembre alle ore 20 presso la Chiesa di S. Antonio a Fulgenzio a Lecce,  con il Gruppo Madrigalistico Salentino e Mercoledì 5 Dicembre  alle ore 20, sempre presso la Chiesa S. Antonio a Fulgenzio a Lecce, il Concerto d’organo con l’organista Antonio Rizzato.

 

 

18 maggio. Giornata mondiale del Fascino delle Piante

OGGI LA PRIMA

“GIORNATA MONDIALE DEL FASCINO DELLE PIANTE”

 

A LECCE LA ORGANIZZANO IL DIPARTIMENTO

DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOLOGICHE E AMBIENTALI

E L’ORTO BOTANICO DELL’UNIVERSITÀ DEL SALENTO

 

 

Si celebra oggi, 18 maggio 2012, il primo “Fascination of Plants Day” (“Giornata mondiale del Fascino delle Piante”), sotto il coordinamento dell’EPSO, l’Organizzazione Europea delle Scienze delle Piante. Lo scopo dell’attività è “affascinare” il pubblico con le piante, entusiasmare sull’importanza delle scienze vegetali per l’agricoltura e la produzione sostenibile di cibo, ma anche per l’orticoltura e il giardinaggio, la selvicoltura e per tutti i prodotti non alimentari che provengono dalle piante, come carta, legno, composti chimici, energia e farmaci. Un ulteriore messaggio chiave è il ruolo delle piante nella tutela ambientale.

A Lecce l’evento è organizzato dal Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali e dall’Orto Botanico

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!