Neronotte l’ombra del tempo

neronotte

di Claudia Petracca

 

“Poi”, l’autore Paolo Vincenti affida l’incipit della sua romanza ad un avverbio di tempo.

Il tempo è il tema che ricorre, attraversa e segna tutta la narrazione.

Il tempo con le sue fughe e con i suoi eterni ritorni, è metonimia per eccellenza che domina gli scritti di Paolo Vincenti.

In particolare, gli eventi narrati abbracciano l’arco di una notte. É la Notte di Ermanno, pittore con la passione per l’esoterismo, uomo solitario, figura che richiama un autore letterario molto amato dallo scrittore: Hermann Hesse, e ancor più, aleggia in tutta l’opera l’anima del suo “Lupo della steppa”.

I personaggi che popolano questa implacabile notte, Gerry, Marco e l’amata Elena, altro non sono che lo specchio in cui Ermanno riflette le afflizioni della sua vita. Ombre in cui riversare il tempo consumato, ombre che lo accompagnano nello scandire delle ore infauste che passano, senza che egli possa trovare una via di fuga da quello che appare ormai un inesorabile destino che lo divora.

Neppure nell’amore perduto e ritrovato, consumato e riperduto nell’ansimante ricerca di quell’Io dissipato, consunto dall’inedia, troverà riparo e conforto:

 

“…ma che c’entra l’amore? è terra buona, luna nuova

tutto è in trasformazione, ma che c’entrano gli occhi?

sono collane di madreperla, luce fresca

è chiaro sentire, cielo limpido di settembre

che c’entra con il dolore? è acqua che sposta gli argini

appoggiarsi sui gomiti e aspettare il nuovo refrain

ma che c’entra l’amore? è acqua passata, ora, qui è

sera…” […]

 

Riflessioni e analisi soggettive caratterizzano le pagine che si interpongono nello scorrere della narrazione. I ricordi, i sogni e la rabbia riemergono dall’inconscio. Pensieri sgranati, come in un rosario, sul filo di una vita disfatta dal fallimento:

 

“ … ci sono luci che a volte si accendono dentro

ma durano così poco, solo un attimo

e poi si spengono

bisogna saperle cogliere… […]

… ci sono dei lamenti inascoltati, delle richieste di

aiuto

come di un parente dimenticato

di un cane bastonato …”[…]

 

Ermanno è solo, è l’ombra di sé stesso.

Un uomo e il suo fantasma vanno incontro alle luci dell’alba, “E all’alba, un gallo canta”, che disveleranno e fisseranno per sempre quel Nulla, quell’Increato,… la Notte Ancestrale di Ermanno.

Da leggere, … con il favore della Notte.

Libri/ Pietre

Nadia e Luca, due giovani sposi del nord trascorrono alcuni giorni di vacanze a Lecce. In questa meravigliosa città, dove ogni vicolo, piazza, chiesa racchiude una, due, cento storie umane si svolge la storia del romanzo di Claudia Petracca. Lecce sa ammaliare, stupire, affascinare con le sue bellezze di pietra antica. 

di Elio Ria

La conoscenza casuale di un personaggio del luogo, conduce i protagonisti alla scoperta di un mondo magico: intriso di emozioni, eventi, quotidianità, intimità di Donna Clara. Vi è l’evocazione, un accenno della magia salentina, con i suoi riti magici di un tempo, le credenze e la spiritualità. Lo spirito di una donna vissuta a Lecce scalfisce e riesce a penetrare nell’anima inquieta di Nadia. Il palazzo, dove la donna ha vissuto, è il luogo della memoria. Tutto è conservato come era nel tempo passato. Il suo ritratto, la sua stanza da letto, le sue poesie, passioni, l’amore proibito hanno reso immobile il tempo. Nadia è affascinata dalla narrazione della vita di Donna Clara, e ben presto diventa parte essenziale della storia, o meglio della memoria della nobildonna: i luoghi dove ella ha vissuto custodiscono la sua essenza. Nadia, abbandonata dal padre ancora bambina, avverte nella narrazione surreale della vita di Donna

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!