Erbe buone nel Parco – in bici alla scoperta delle foje reste

verdure

Torna anche quest’anno “Erbe buone nel Parco – in bici alla scoperta delle foje reste”, un’iniziativa di Terrarossa Cooperativa Sociale, Salento Bici Tour Parco Naturale Costa Otranto – Leuca e bosco di Tricase, nell’ambito del progetto “Sapori autentici di comunità” del SAC “Porta D’Oriente”.

Paparine, cicoreddhe, zanguni, spruscini.. sono alcune le foje reste (selvatiche)’ , ormai quasi dimenticate, che però un tempo rivestivano grande importanza nella dieta locale. Grazie a questo “laboratorio di comunità” si potranno riconoscere e degustare!

Appuntamento Domenica 28 febbraio alle ore 9.30, presso gli spazi del Palazzo Baronale di Tiggiano: esperti, conoscitori, estimatori e semplici curiosi potranno confrontarsi durante un seminario informale nel quale verranno presentate le principali essenze eduli del Parco: le loro proprietà, il loro utilizzo in cucina e altre curiosità.

A seguito di una prima passeggiata di riconoscimento nel giardino del Palazzo, si partirà in bici per le campagne senza veleni di Tiggiano, per una raccolta guidata ed una dimostrazione di mondatura.
A chiudere in bellezza una di degustazione delle maggiori pietanze a base delle piante eduli spontanee!

La quota di partecipazione di 5,00 euro comprende seminario, assicurazione e borsa in tela per la raccolta.

Il pranzo di degustazione e le bici a noleggio sono disponibili solo su prenotazione ai nr 320 770 9937 (Daniele) e 340 586 8242 (Mattia).

Per ulteriori informazioni www.salentobicitour.org

Ed oggi conosciamo le verdure di campagna, tanto care ai salentini

Tra le verdure più gustate dai Salentini: li paparine

Il diserbante del cuore

Papaveri e… paparine

W li paparine

Ciclo-escursioni al ritmo lento delle due ruote…

bicicletta1

Per chi volesse scoprire il nostro territorio in maniera alternativa,
al ritmo lento delle due ruote, Salento Bici Tour, organizza una serie
di ciclo-escursioni per la settimana santa e il giorno di pasquetta.
Le escursioni fanno parte della rassegna “Discovering Puglia”,
coordinata dall’assessorato regionale al Turismo.  I Percorsi sono
facili, adatti a tutti, e prevedono numerose soste per visitare punti
di interesse storico culturale e paesaggistico di grande rilevanza.
Salento Bici Tour mette a disposizione fino a 25 biciclette per chi ne
fosse sprovvisto previa prenotazione (329 127 30 10). Si può anche
partecipare con bici propria.

Ecco il programma nel dettaglio:

Venerdì 29 marzo: “Lecce e le masserie del feudo di Cerrate” Partenza:
9.00 stazione FS di Lecce. Lunghezza itinerario: 34 km. Difficoltà:
facile

Appuntamento alle ore 9.00 presso il piazzale della stazione a Lecce.
Assegnate le bici, si abbandona Lecce attraversando Borgo S. Nicola
per poi imboccare strade di campagna. Sostiamo a vedere la Chiesa di
S. Maria d’Aurio, unica superstite dell’omonimo insediamento a casale
bizantino, e la vicina torre cinquecentesca di difesa, detta “dei
cavallari”. Procedendo in direzione Torre Rinalda e attraversando il
parco eolico ci imbattiamo nelle numerose masserie fortificate che
caratterizzano l’agro leccese. Dopo aver costeggiato lo splendido
uliveto secolare della masseria Monacelli raggiungiamo l’abbazia di S.
Maria a Cerrate, uno dei monumenti più importanti del romanico
pugliese, per secoli centro nevralgico di produzione culturale
bizantina. Al suo interno pregevoli affreschi a testimoniare il
radicamento del rito greco in questa terra. Visitiamo anche, nel
complesso dell’abbazia, un frantoio ipogeo e il Museo delle Tradizioni
Popolari, al cui interno sono custoditi strumenti e testimonianze
varie della nostra civiltà contadina. Raggiungeremo poi la masseria
Provenzani, attualmente una struttura ricettiva, dove ci verrà offerto
un piccolo rinfresco e sosteremo per un po’. Una volta “rinfrescati”
torneremo lentamente verso Lecce, sempre su strade di campagna, prima
del calar del sole. E per gli irriducibili, alle 18 appuntamento a
Porta Napoli per la Critical Mass!

Sabato 30 marzo: “Lecce, Le Cesine, Acaya” Partenza: 8.45 stazione FS
di Lecce. Lunghezza itinerario: 42 km. Difficoltà: facile
(in collaborazione con Oasi WWF ‘Le Cesine’)

Appuntamento alle 8.45 nel piazzale della stazione di Lecce. Assegnate
e regolate le bici, ci lasciamo alle spalle la città e, su stradine di
campagna, andiamo dritti verso Le Cesine dove ci aspetta una visita
guidata gratuita dell’oasi protetta di circa un paio d’ore. Zona umida
di primaria importanza, Le Cesine è una Riserva Naturale dello Stato
nella quale crescono varie specie vegetali protette (lista rossa
nazionale e regionale) e dove una variegata avifauna trova rifugio per
nidificare. A seguire potremo consumare il pranzo al sacco negli spazi
della masseria dell’Oasi WWF. Si riparte poi pedalando nell’agro di
Vernole, fermandoci in una masseria nei pressi di Strudà dove ha sede
uno degli uliveti secolari più antichi del Salento: pare che alcuni
esemplari superino i 1000 anni di età! Sulla strada del ritorno ci
fermiamo ad Acaya per una visita al borgo fortificato e
(facoltativamente) alla mostra su Roca Vecchia allestita nelle sale
del castello (3 €, ingresso ridotto). Rientreremo in città prima del
calar del sole.

Lunedì 1 Aprile: “Pasquetta in bicicletta a Otranto”. Partenza: 9:00
Stazione FSE di Otranto. Lunghezza itineario: 32 km circa. Difficoltà:
Facile

Appuntamento alle h 9.00 nel piazzale antistante la stazione FSE di
Otranto. Risaliamo la valle dell’Idro, antico fiume che ha dato il
nome alla città, lungo un piacevole sentiero sterrato, e passiamo
dalla cripta di Sant’Angelo, uno dei tanti luoghi di culto di epoca
bizantina scavati nella roccia friabile del Salento. Dopo una visita
al laboratorio di tessitura tradizionale de Le Costantine raggiungiamo
Giurdignano, centro nevralgico del giardino megalitico del Salento; in
quest’area infatti si concentrano numerosi dolmen e menhir,
testimonianze ancestrali della presenza umana sul territorio,
monumenti carichi di fascino e di mistero. Ne visiteremo alcuni, su
splendide strade di campagna dominate dagli ulivi. Passeremo anche dai
cosiddetti “massi della vecchia”, imponenti megaliti naturali di
notevoli dimensioni. A Specchia Gallone sosteremo per il pranzo presso
il panificio Caroppo, dove visiteremo anche l’immenso forno di pietra.
Sarà possibile, previa prenotazione, pranzare a 10 €. Chi preferisce
consumare un proprio pranzo al sacco lo potrà fare, saremo comunque
tutti insieme negli spazi all’aria aperta del panificio. Nel
pomeriggio ritorneremo verso Otranto lungo suggestive stradine di
campagna, e concluderemo l’escursione con una visita ai principali
monumenti del centro storico.

Tutte le escursioni sono gratuite. Maggiori info su
www.salentobicitour.org/it  e http://discovering.viaggiareinpuglia.it/


Salento Bici Tour
P.zza Martiri Ungheresi 27
73042 Casarano
Lecce, Italy
*+39 346 08 627 17 (Carlo)*
*+39 392 114 40 73 (Giulia)*
*+39 329 127 30 10 (Francesco)*

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!