Un picture-book su Anna Maria Massari (1929-1993)

PER ANNA MARIA MASSARI

di Paolo Vincenti

Un compiuto e sentito omaggio alla vita e all’arte della pittrice leccese Anna Maria Massari, viene da Lorenzo Madaro, per Martano Editore, con Anna Maria Massari (1929-1993), un piccolo ma significativo picture-book che raccoglie una serie di testimonianze preziose sulla vicenda esistenziale della poliedrica  artista, figlia di Michele Massari e sorella di Antonio. Questo porta Lorenzo Madaro a dire, in apertura della sua trattazione, “ Anna Maria Massari è da considerarsi una di quelle persone che, probabilmente, hanno il destino segnato fin dalla nascita, essendo figlia di un artista, l’eclettico Michele Massari”. Nel testo viene ripercorsa l’intensa parabola esistenziale della Massari, dalla sua prima formazione alle prove di artista matura e originale, passando per la sua attività di insegnante,  madre,moglie  e soprattutto di valida operatrice culturale con un particolare riferimento all’esperienza del “Gruppo Terra D’Otranto”, fondato sul finire degli Anni Settanta insieme con Rita Guido, Rosa Maria Francavilla, Marisa Romano e Pina Sparro. Un gruppo di artiste donne unite dalla comune appartenenza geografica e dal comune sentire in fatto di arte, senza una linea teorica ben definita,  ma con un gran bisogno di libertà di espressione. Un gruppo, tutto sommato abbastanza anarchico nel panorama dell’arte salentina, che movimentò  l’ambiente artistico e culturale di quegli anni e che incuriosiva, non solo gli addetti ai lavori, perché composto da sole donne , decise, preparate, intraprendenti, in un momento storico del nostro paese e in una temperie sociale  in cui parole come emancipazione femminile non erano ancora desuete ma anzi occupavano i dibattiti culturali dell’ epoca. Come scrive Rina Durante , riportata da Madaro, “ tutto in un certo senso avvenne in Via di Vaste, dove il caso volle che abitassero i Massari, Michele il padre, Anna Maria e Antonio, suoi figli, tutti e tre pittori, e nello stabile accanto, Edoardo De Candia che allora faceva ancora bambole per Guachi […] La sera si andava in quella che più che una casa era un laboratorio e la puzza di vernici ci investiva prima ancora di varcare la soglia e ci esaltava. Perché allora c’erano legami strettissimi tra ricerca letteraria e ricerca figurativa e le discussioni intorno al cavalletto potevano andare avanti fino all’alba. Poi un giorno Michele morì; dei suoi figli, Antonio smise di adoperare i pennelli e i sostituì con le spugne; Anna Maria cominciò a dipingere Madonne (Rina

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!