A proposito delle dune di Gallipoli

di Gianni Ferraris

Dopo la pubblicazione, venerdi 24 giugno, del comunicato stampa dell’ADOC (Associazione Difesa e Orientamento Consumatori) sullo sbancamento delle dune nei lidi gallipolini, abbiamo parlato con l’Avv. Alessandro Presicce, presidente dell’associazione stessa. Ovviamente non dubitiamo che tutto sia in perfetta regola per quanto riguarda concessioni,   autorizzazioni e gestione dei lidi stessi da parte di operatori che hanno a cuore, oltre che il business, anche l’ambiente che è il valore aggiunto maggiore del Salento. Così non pare essere invece.

 

“L’ADOC di cosa si occupa?”

“Intendiamo la tutela del consumo non solo come interventi sui prezzi, costi, risparmi, ma anche a livello esteso, in questo caso stiamo difendendo l’ambiente da sconsiderati attacchi che sconquassano un intero ecosistema”.

 

“Parliamone, cosa è successo nei lidi gallipolini?”

 “Una cosa gravissima, il cordone dunale della litoranea che va dallo stadio di Gallipoli a Punta Pizzo, creatosi nei millenni, è stato letteralmente spianato in alcuni lidi, per fortuna non in tutti. Erano dune molto consistenti ed importanti. Alll’interno delle concessioni le dune sono state sbancate  fino al muretto a secco che separa la spiaggia dalla strada litoranea. Ci tengo a sottolineare che questo muretto era stato costruito su pressioni di Legambiente per proteggere proprio la duna dalle auto e per impedire anche il passaggio pedonale indiscriminato. Ora i  colpevoli dello scempio forse  hanno interpretato il muretto stesso come confine di quanto in loro possesso”

 

“Nel vostro comunicato dite che questi lavori sono stati fatti di notte”

 “E’ molto probabile, la cosa è avvenuta a  ridosso della stagione estiva. Di notte con tutta probabilità perché occorrono macchinari ingombranti per farlo, non bastano certo paletta e secchiello. Nelle centinaia di metri quadri recuperati sono stati piazzati ombrelloni. Il sistema delle dune gallipoline che era un tutt’uno,  ora sembra una dentiera con denti alterni.”

 

“Ma la duna a che serve?”

“E’ come una banca della sabbia, la trattiene quando il mare la porta e la restituisce quando manca. E’ un ecosistema vero e proprio, ci sono piante, piccoli animali che permettono alla sabbia di restare e non disperdersi. E’ un

Le dune a sud di Gallipoli stanno scomparendo!

a cura di Alessandro Presicce

 

 

ADOC LANCIA L’ALLARME

LE DUNE A SUD DI GALLIPOLI STANNO SCOMPARENDO!
E QUESTO PROPRIO ALL’INTERNO DELLE CONCESSIONI


Adoc chiede alle autorità di vigilare e ai cittadini  di segnalare gli abusi!

Con l’inizio della stagione balneare, Adoc è costretta a registrare l’ennesima aggressione nei confronti del delicato ecosistema salentino da parte di scriteriati che hanno in odio e disprezzo tutto ciò che di bello la natura ha saputo offrire al nostro territorio.

Adoc segnala con sgomento che in località Baia Verde, nei pressi dell’ingresso sud, il millenario cordone dunale che caratterizza tutto il litorale meridionale di Gallipoli è stato sbancato e spianato da ignoti in più punti, proprio in

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!