Wikipedia: quando, invece dei nostri, fa arrivare i Sallenzini ed i Maeci

Wikipedia: quando, invece dei nostri, fa arrivare i Sallenzini ed i Maeci

di Nazareno Valente Le vicende storiche più sono lontane dal nostro tempo e più presentano vuoti che vanno colmati; la ricostruzione storica, laddove manchino prove dirette dei fatti, non può che essere di natura prevalentemente indiziaria ma ciò non toglie che essa debba essere coerente con i contesti trattati e mai arbitraria. La qual cosa,…

Il possibile ruolo della mandragora nella stregoneria salentina

Il possibile ruolo della mandragora nella stregoneria salentina

di Gianfranco Mele Avvertenza preliminare: la Mandragora autumnalis è una solanacea dagli effetti estremamente pericolosi (vari effetti neurotossici, fino all’arresto cardiaco: si rimanda per info dettagliate su queste caratteristiche alle varie trattazioni sia divulgative che scientifiche di farmacologia e tossicologia, molte delle quali presenti anche in rete). Si sconsiglia perciò vivamente qualsiasi forma di sperimentazione…

Vent’anni di Pinacoteca comunale a Ruffano

Vent’anni di Pinacoteca comunale a Ruffano

Tra luci, forme e colori… Vent’anni di Pinacoteca comunale a Ruffano   di Stefano Tanisi L’idea di istituire una Pinacoteca comunale a Ruffano nasce nel 1997, con il progetto “Cento artisti per Ruffano”, promosso dell’Amministrazione Stradiotti, attraverso cui il Comune di Ruffano, nelle tre edizioni tenute dal 1997 al 1999, ha visto la generosa donazione di numerose…

Brindisi: il Seminario* in un disegno di Desprez

Brindisi: il Seminario* in un disegno di Desprez

di Armando Polito * Su segnalazione del sig. Gianluca Saponaro, che qui ringrazio, fatta sul profilo  Facebook della fondazione (colgo l’occasione, ancora una volta, per pregare i lettori di postare i commenti anche sul blog della stessa per evitare la loro dispersione) rettifico precisando che la didascalia del Desprez è errata e che la fabbrica…

Evangelista Menga, progettista del castello di Copertino

Evangelista Menga, progettista del castello di Copertino

di Giovanni Greco Evangelista Menga, progettista del castello di Copertino, a cui si attribuiscono i lavori di quelli di Mola e Barletta nonchè le fortificazioni di Malta, fu anche tra gli architetti che si alternarono nella fabbrica del Castel nuovo di Reggio Calabria. La sensazionale rivelazione, a firma di Francesca Martorano, direttore del Dipartimento patrimonio,…

Provincia di Lecce: l’oasi perduta della sanità

Provincia di Lecce: l’oasi perduta della sanità

di Armando Polito   Non vorrei che qualche ricercatore di questa o quella università americana (in Italia, forse, qualcuno l’avrebbe già fatto, se non fosse finito il periodo delle vacche grasse …) si ispirasse a questo post e, affascinato dalle sue risultanze pseudoscientifiche, iniziasse qualche studio piegando ad arte i dati alla conferma di un’ipotesi…

La Mandragora in Puglia e in Terra d’Otranto

La Mandragora in Puglia e in Terra d’Otranto

di Gianfranco Mele   Avvertenza preliminare: la Mandragora autumnalis è una solanacea dagli effetti estremamente pericolosi (vari effetti neurotossici, fino all’arresto cardiaco: si rimanda per info dettagliate su queste caratteristiche alle varie trattazioni sia divulgative che scientifiche di farmacologia e tossicologia,molte delle quali presenti anche in rete). Si sconsiglia perciò vivamente qualsiasi forma di sperimentazione…

Coltivazione di ulivi tra Andalusia e Terra d’Otranto in un importante studio accademico

Coltivazione di ulivi tra Andalusia e Terra d’Otranto in un importante studio accademico

Transizione socio-ecologica dell’oliveto nel lungo periodo in Italia e Spagna (1750-2010)[1]  di Gianpiero Colomba In questo articolo cerchiamo di spiegare brevemente il livello di multifunzionalità e di produzione dell’oliveto, ovvero la sua resa agronomica, e di ricostruire l’evoluzione di alcuni indicatori biofisici basati sulla proposta metodologica del metabolismo agrario, come per esempio l’indicatore di efficienza energetica…

Ischitella e i suoi ulivi

Ischitella e i suoi ulivi

Lo scienziato Michelangelo Manicone polemico con l’abate Giovanni Longano sui boschi di Ischitella di Michele Eugenio Di Carlo Sull’agricoltura di Ischitella l’abate Giovanni Longano, molisano di Ripalimosani, si era tenuto sul vago, menzionandone gli uliveti, mentre l’altro grande molisano, Giuseppe Maria Galanti di Santa Croce di Morcone, l’anno seguente, il 1791, vi aveva inserito la…

Castro ed Otranto in una mappa del 1568

Castro ed Otranto in una mappa del 1568

di Armando Polito Reperibile all’indirizzo https://www.europeana.eu/portal/it/record/2022713/oai_rebae_mcu_es_176657.html?q=OTRANTO, la mappa è registrata col titolo Mapa de las costas del estrecho de Otranto en el mar Adriático y de las islas de Corfú, Fano, Maslera y Mathraki (Mappa delle coste dello stretto di Otranto nel mare Adriatico e delle isole di Corfù, Fano, Maslera e Mathraki) ed è così…

Le Sibille, tra teologia e iconografia

Le Sibille, tra teologia e iconografia

di Alfonso Apostolico*   L’ingresso della figura delle Sibille, “creature della mitologia greca e romana, impersonate da vergini dotate di virtù profetiche”1, nella iconografia religiosa cristiana è antico, e ne attraversa la riflessione teologica per più secoli, da Lattanzio (III-IV sec.), a Sant’Agostino (IV-V sec.), Isidoro di Siviglia (VI-VII sec.), Beda il Venerabile (VII-VIII sec.),…

Nardò: una lettera del 1872 e un miracolo d’altri tempi …

Nardò: una lettera del 1872 e un miracolo d’altri tempi …

di Armando Polito Chi crede che il servizio postale italiano sia immune dai difetti del passato per quanto riguarda la celerità nella consegna della posta si sbaglia, e di grosso. Basta una rapida indagine in rete per scoprire che perdurano ritardi e smarrimenti, sicché quanto sto per documentare sembra quasi prodigioso. Si tratta della busta…

Wikipedia, la cittadinanza romana e Brindisi. Ovvero come svilire la storia (seconda parte)

Wikipedia, la cittadinanza romana e Brindisi. Ovvero come svilire la storia (seconda parte)

di Nazareno Valente Il canonico Pasquale Camassa, che noi brindisini amiamo chiamare papa Pascalinu, quando scrisse la sua opera più conosciuta su Brindisi1, non intendeva certo fare un saggio ma piuttosto riprendere le antiche glorie per adeguarle alle mode del tempo, con l’evidente scopo di tirare più acqua possibile al mulino della nostra città. La…

Integrazioni a proposito di Ugento e dintorni in una carta del XVI secolo

Integrazioni a proposito di Ugento e dintorni in una carta del XVI secolo

di Luciano Antonazzo A proposito di quanto riportato in questo sito dal prof. Polito circa il suo post su “Ugento e dintorni in una carta del XVI secolo”, riporto alcune mie considerazioni ed osservazioni, che vanno a completare Ugento e dintorni in una carta del XVI secolo Innanzitutto tengo a precisare che, contrariamente a quanto fin qui…

Sopravvive parte degli affreschi di S. Maria dell’Umiltà in Parabita

Sopravvive parte degli affreschi di S. Maria dell’Umiltà in Parabita

  di Marcello Gaballo Sempre il 28 dicembre prossimo (ore 19, presso il salone dell’ex Seminario, in piazza Pio XI, di fronte alla Cattedrale di Nardò), tra le opere “ritrovate”, dallo storico dell’arte Dott. Paolo Giuri saranno presentati al pubblico gli affreschi di gran pregio recuperati dalla Soprintendenza negli anni ’50 del secolo scorso e provenienti…

L’attività pittorica di fra’ Angelo da Copertino (sec. XVII) in Terra d’Otranto

L’attività pittorica di fra’ Angelo da Copertino (sec. XVII) in Terra d’Otranto

  di Marcello Gaballo Giovanni Greco, storico e giornalista copertinese, il 28 dicembre prossimo, alle ore 19, presso il salone dell’ex Seminario, di fronte alla Cattedrale di Nardò, sarà uno dei due relatori che si alterneranno nella serata dedicata alle opere “ritrovate”, che troveranno degna collocazione nel Museo Diocesano di Nardò. Il titolo del suo…

Natale e Capodanno: che non siano solo belle parole!
Le opere “ritrovate” nel museo diocesano di Nardò

Le opere “ritrovate” nel museo diocesano di Nardò

Un evento importante per la storia dell’arte quello del 28 dicembre prossimo, quando saranno presentate al pubblico alcune opere “ritrovate”, che troveranno degna collocazione nel Museo Diocesano di Nardò, che oramai si ritiene a pieno titolo uno degli “scrigni” pugliesi, visto il consistente patrimonio raccolto in questi anni e qui esposto. L’incontro, avrà inizio alle…

Matino: due fogli di via obbligatori del passato

Matino: due fogli di via obbligatori del passato

di Armando Polito Il foglio di via obbligatorio come strumento preventivo per garantire la sicurezza pubblica con il fenomeno dell’immigrazione clandestina sta vivendo, credo, quella che comunemente si dice seconda giovinezza. Non intendo nemmeno sfiorare l’argomento della sua efficacia, anche se i reiterati reati con lo stesso protagonista, di cui le cronache si occupano giornalmente,…

Galatina ieri e oggi: benedetta cartolina!

Galatina ieri e oggi: benedetta cartolina!

di Armando Polito La cara, vecchia  cartolina, per tanti anni è stata complice del nostro esibizionismo nel corso di qualche viaggio, per cui la inviavamo ad amici e parenti per far sapere che eravamo stati in quel bel posto più che per nostalgia di loro, tanto più che noi da quel posto eravamo ritornati da…

Auguri dal vescovo Antonio Sanfelice

Auguri dal vescovo Antonio Sanfelice

di Giovanni De Cupertinis   Sono noti i rapporti tra la casa Albani e quella dei Sanfelice, in particolar modo quelli tra Giovanni Francesco Albani, meglio noto con il nome di Papa Clemente XI (1700-1721) ed il vescovo Antonio Sanfelice. Fu proprio Clemente XI a nominare Antonio Sanfelice vescovo di Nardò, che già a partire…

Pino Salamina e la Grotta dei Cervi a Porto Badisco: un ricordo

Pino Salamina e la Grotta dei Cervi a Porto Badisco: un ricordo

di Armando Polito Nessuno come Foscolo ha celebrato quella religione tutta laica della sopravvivenza oltre la morte di coloro che sono stati protagonisti di alte gesta. Di fronte a queste espressioni la nostra povera mente corre subito alle imprese militari, senza che si lasci sfiorare dalla necessità di considerare quante vite umane è costata la…

Il nuovo libro di Boccadamo, “Gli sposi di Monteruga”

Il nuovo libro di Boccadamo, “Gli sposi di Monteruga”

E’ stato appena pubblicato, con Spagine Edizioni (Fondo Verri) – Lecce, il nuovo libro dello scrittore e giornalista salentino Rocco Boccadamo “Gli sposi di Monteruga” – Lettere ai giornali e appunti di viaggi. Di seguito, un’interessante recensione al volume redatta dal poeta e critico letterario Marcello Buttazzo.   La scrittura del narrastorie Boccadamo di Marcello…

Wikipedia, la cittadinanza romana e Brindisi. Ovvero come svilire la storia cittadina (prima parte)

Wikipedia, la cittadinanza romana e Brindisi. Ovvero come svilire la storia cittadina (prima parte)

di Nazareno Valente Uno dei temi più usati dalla fantascienza è quello degli universi paralleli dove, a dirla in parole povere, due (e anche più) mondi simili coesistono senza incontrarsi mai, salvo non si riesca ad intraprendere un viaggio nel tempo che consenta il passaggio da una dimensione ad un’altra. Sempre facendo riferimento alle antichità,…

Le Panare di Spongano

Le Panare di Spongano

  Le Panare di Spongano 2017: il tempo passa e la festa cambia pelle    di Giuseppe Corvaglia Le Panare sono una festa dei frantoi di Spongano che, come festa dei frantoi, ha rischiato di scomparire ma che, diventando festa di tutta la comunità, è rifiorita da circa mezzo secolo e oggi è un evento. Le…

Voci e locuzioni infantili neretine: CCICCI, A DDHÌ DDHÀ, AN GALÈ, (A)N GONGA, PEPÈ e ‘MBRU ‘MBRU.

Voci e locuzioni infantili neretine: CCICCI, A DDHÌ DDHÀ, AN GALÈ, (A)N GONGA, PEPÈ e ‘MBRU ‘MBRU.

di Armando Polito Tra le scienze l’etimologia è forse quella più aleatoria poiché la formazione delle parole ha seguito strade contorte, incappata in processi spesso incoerenti, in condizionamenti anche psicologici tutt’altro che facili da ricostruire senza il risschio di incorrere in ipotesi fantasiose sì, suggestive, per qualcuno perfino geniali, ma senza uno straccio di prova…

Libri| Storia dell’Arte della cartapesta

Libri| Storia dell’Arte della cartapesta

  L’arte della cartapesta in Occidente è, senza dubbio, un’eccellenza della cultura italiana, anche se in passato è stata poco studiata e per questo è ancora quasi sconosciuta. La causa principale del disinteresse è dovuta alla sua materia che, originata da umili stracci, è ritenuta una sostanza vile e quindi inadatta alla produzione di opere…

Due tele di Giovanni Papagiorgio a Latiano

Due tele di Giovanni Papagiorgio a Latiano

di Domenico Ble Due tele presenti a Latiano, una conservata presso Palazzo Imperiali e l’altra nella sagrestia della chiesa di Sant’Antonio, testimoniamo l’attività del pittore Giovanni Papagiorgio, artista per certi versi ancora nascosto nell’ombra nonostante una prolifera produzione pittorica in diverse aree del Salento. Notizie sul pittore Giovanni Papagiorgio le riporta Massimo Guastella sottolineando lo…

Libri| Le elezioni del 1913 nel Collegio di Gallipoli

Libri| Le elezioni del 1913 nel Collegio di Gallipoli

Riprendendo il filo del discorso introdotto nel lontano 1974 dal prof. Fabio Grassi e in più occasioni ripreso e in parte mitigato tra gli altri da Donno, Mennonna e Palumbo, l’autore affronta con un eccezionale apparato documentale gli esiti delle elezioni politiche del 1913, che con la sconfitta elettorale di Antonio De Viti De Marco…

Rocco De Vitis a vent’anni dalla scomparsa

Rocco De Vitis a vent’anni dalla scomparsa

Rocco De Vitis a vent’anni dalla scomparsa Il medico, l’uomo del popolo, l’umanista   di Luigi Montonato Ci sono date che restano memorabili nella memoria collettiva di un paese, sì da segnare nelle conversazioni future un riferimento comune, che fanno appartenenza e identità. La sera di sabato, 21 ottobre 2017, a Supersano, è una di…

Livio de Filippi e una sua poesia in vernacolo leccese

Livio de Filippi e una sua poesia in vernacolo leccese

  di Maria Grazia Presicce No, non ci può essere Natale senza presepe e così, ogni anno, ripeto, come in una litania, il suo allestimento nella nostra casa, anche ora che i nostri figli hanno creato il loro nido altrove. Non riesco davvero a rinunciare a quel “culto” iniziato quando, da piccina, il mio sguardo…

Ugento: una bolla di consegna di 120 anni fa

Ugento: una bolla di consegna di 120 anni fa

di Armando Polito Il tempo ha il potere di valorizzare documenti che al momento in cui vengono prodotti hanno un valore relativo e nei decenni successivi insignificante, tanto da essere buttati via. Qualche volta, però, capita di trovare nel fondo di un cassetto un oggetto, un disegno, una ricevuta, una foto o uno scritto e…

Tra Napoli e Nardò. La guglia dell’Immacolata

Tra Napoli e Nardò. La guglia dell’Immacolata

Napoli chiama, Nardò risponde![1] di Giovanni De Cupertinis   Napoli – La guglia dell’Immacolata, che domina la piazza del Gesù Nuovo, è uno dei più affascinanti e intriganti monumenti della città. Quella dell’Immacolata è l’ultima delle guglie di Napoli ad esser stata innalzata, la più ardita da un punto di vista architettonico. Si pone fra…

Il teologo Maritati di Copertino

Il teologo Maritati di Copertino

di Giovanni Greco   Percorrendo via Matteotti, nel centro storico di Copertino, si incrocia via Teologo Maritati. Mi sono sempre chiesto perché di questo studioso di teologia si scelse di omettere il nome. Forse perché fu talmente famoso che bastò ricordarlo ai posteri con il solo titolo accademico. E poiché queste figure operano normalmente nelle…

Ugento e dintorni  in una carta del XVI secolo

Ugento e dintorni in una carta del XVI secolo

di Armando Polito   L,o scarso numero di riscontri suscitati dalla presentazione di alcune parti della Terra d’Otranto così come sono rappresentate in una carta di alcuni secoli fa1 non mi ha dissuaso dal dedicare a Ugento ed al territorio circostante quella che probabilmente è l’ultima puntata della serie. Come per le altre, la toponomastica…

In ricordo di Girolamo Comi

In ricordo di Girolamo Comi

UN PENSIERO PER RICORDARE GIROLAMO COMI /a 50anni dalla sua scomparsa Maria Grazia Presicce La scoperta di un luogo, della sua essenza, dell’armonia nel silenzio delle emozioni… Ecco, per me, è stato questo Lucugnano e in particolare la casa di Girolamo Comi, la conoscenza del suo mondo interiore, degli incanti e dei cieli cui affidava…

Libri| La Collegiata di Grottaglie

Libri| La Collegiata di Grottaglie

Rosario Quaranta, “Insigne e antichissima”. Studi sulla Chiesa Madre Collegiata Maria SS.ma Annunziata di Grottaglie”. Prefazione di Vittorio de Marco. Al Parroco Don Eligio Grimaldi nel XXV dell’ordinazione sacerdotale. Edizioni Grifo, Lecce 2017 (pp. 396, n. 166 illustrazioni in b/n).   L’insigne chiesa Collegiata Maria Santissima Annunziata, principale tempio cittadino di Grotta­glie, è testimonianza significativa…

Uno stemma coniugale nella biblioteca di Manduria

Uno stemma coniugale nella biblioteca di Manduria

DUE SPOSI, UNO SCUDO: ANALISI E ATTRIBUZIONE DELLO STEMMA CONSERVATO NELLA BIBLIOTECA COMUNALE MARCO GATTI DI MANDURIA di Marcello Semeraro L’araldica intrattiene stretti rapporti con l’antroponimia. Gli studi di Michel Pastoureau sulle armi parlanti – sono così chiamate quelle armi che contengono figure che richiamano direttamente o indirettamente il nome della famiglia del possessore dello…

Grottaglie. Ritrovata preziosa croce argentea “de notevole artificio”

Grottaglie. Ritrovata preziosa croce argentea “de notevole artificio”

STRAORDINARIA SORPRESA A GROTTAGLIE RITROVATA LA GRANDE E SPLENDIDA CROCE D’ALTARE DELLA CHIESA MADRE RISALENTE AI PRIMI ANNI DEL CINQUECENTO   Definita già nei documenti antichi “bellissima” e “de notevole artificio”, è da considerarsi una preziosa e notevole testimonianza di arte argentaria del territorio pugliese La presentazione nella Chiesa Madre di Grottaglie domenica 3 dicembre…

Gallipoli antica: dettagli da due pergamene

Gallipoli antica: dettagli da due pergamene

di Armando Polito Ancora oggi negli atti notarili riguardanti un bene immobile vengono indicati i confinanti, nonostante i dati catastali, che oggi possono essere aggiornati in tempo reale, con riferimento a fogli e particelle, li rendano quasi superflui, anche ai fini di una ricostruzione delle vicende patrimoniali di un dato bene. Non così per il…

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!