I baroni Sambiasi e le monache di Santa Teresa a Nardò

I baroni Sambiasi e le monache di Santa Teresa a Nardò

Sarà presentato Domenica 24 giugno un nuovo libro sulla città di Nardò, presso le sale del Relais Santa Teresa, su Corso Garibaldi (vicino le Poste), alle ore 20.30. Inserito nella Collana della Diocesi di Nardò-Gallipoli, edito da Mario Congedo di Galatina, è stato scritto da Marcello Gaballo con la collaborazione di Domenico Ble, Daniele Librato,…

Tracce d’Arte 8 a palazzo Baldi in Galatina

Tracce d’Arte 8 a palazzo Baldi in Galatina

Si rinnova l’appuntamento tanto atteso dagli appassionati d’arte, con Tracce d’Arte nella sua ottava edizione, che riparte dal cuore di Galatina presso palazzo Baldi, sala Gaetano Martinez, dal 27 giugno al 1° luglio. In mostra alcune tra le eccellenze artistiche salentine che spiccano per interesse e bravura. L’evento è patrocinato dalla Città di Galatina. L’esposizione,…

Valorizzare i giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti di Lecce

Valorizzare i giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti di Lecce

  INCIPIT II. RETE DI ESPOSIZIONI TRA ACCADEMIA E TERRITORIO   Il progetto “Incipit – rete di esposizioni tra Accademia e Territorio”, alla sua seconda edizione, intende, come nella prima, valorizzare la produzione e la ricerca dei giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti di Lecce creando l’incontro e l’interazione con i luoghi espositivi privati presenti…

Sternatia: un indovinello in griko

Sternatia: un indovinello in griko

di Armando Polito Sull’origine del griko rinvio per brevità a http://www.fondazioneterradotranto.it/2018/03/07/la-grecia-salentina-nellatlante-del-pacelli-1803/, dove il lettore troverà pure notizie su Giuseppe Morosi (1844-1891), il grecista milanese che raccolse leggende, canti, proverbi e indovinelli in griko nella prima sezione della sua pubblicazione Studi sui dialetti greci della Terra d’Otranto, Tipografia editrice salentina, Lecce, 18701. Il nostro indovinello, proveniente…

Copertino. Cronache cittadine del secondo Novecento

Copertino. Cronache cittadine del secondo Novecento

CRONACHE CITTADINE DEL SECONDO NOVECENTO. STORIA DI UNA STATUA CHE NON C’E’ PIU’   di Luigi Marcelli All’indomani della rimozione della statua, ormai corrosa e parzialmente crollata, della Madonna di Fatima dal campanile della Chiesa del Rosario, raccolsi il disorientamento di un caro amico che mi chiedeva accorato se avrebbero provveduto ad una sua solerte…

Uno scrittore neritino sconosciuto: Cosimo Egidio Ramundo

Uno scrittore neritino sconosciuto: Cosimo Egidio Ramundo

  di Cosimo Rizzo L’autore, recentemente scomparso, avvocato, intraprese la carriera amministrativa alle dipendenze dell’amministrazione finanziaria statale e regionale, conseguendo posizioni dirigenziali apicali. Ha svolto per un lungo periodo di tempo le funzioni di giudice tributario presso le sedi di L’Aquila e Lecce e quelle di giudice di pace fino al collocamento in quiescenza. Degne…

A Gino Pisanò: indice del tempo e delle circostanze

A Gino Pisanò: indice del tempo e delle circostanze

  Pubblichiamo l’omaggio poetico scritto da Peppino Martina al compianto Gino Pisanò, studioso e letterato salentino scomparso poco più di cinque anni fa   A Gino Pisanò: indice del tempo e delle circostanze   Nascosta clessidra, ha il tempo del tuo tempo Alla fredda diaspora dice il tuo nostòs L’essere, è presenza di figlio esteso…

Palazzo dei Celestini a Carmiano: memorie di barocco e tabacco

Palazzo dei Celestini a Carmiano: memorie di barocco e tabacco

  di Maria Elena Petrelli La storia di una comunità è inestricabilmente legata ai suoi luoghi ed ogni luogo può restituire al presente i frammenti di un’identità collettiva in costante ridefinizione. Ciò che siamo stati non ci dice tutto su ciò che saremo ma è certamente il punto da cui partire per costruire le basi…

No rrusce e nno nmusce

No rrusce e nno nmusce

di Armando Polito Due animali in un colpo solo in questa locuzione salentina che metaforicamente indica chi per indolenza o altro non tende a reagire al comportamento altrui o a ribatterne l’opinione. Insomma, quello che in italiano si dice caratterialmente un bonaccione o un taciturno, ma anche chi per opportunismo fa questa scelta, magari solo…

Marittima ricorda un suo eroe

Marittima ricorda un suo eroe

 di Marcello Buttazzo Sono trascorsi cento anni dalla fine della Grande Guerra, che, purtroppo, vide tante Nazioni coinvolte in un conflitto cruento e ferino. Celebriamo una ricorrenza ed evochiamo i fatti, le storie, gli accadimenti. E, però, compito primario della vivida memoria umana, deve essere di rammemorare, fra le altre cose, soprattutto chi, in quell’immane…

Come verdi campane questi alberi suonano un‘estate

Come verdi campane questi alberi suonano un‘estate

  Come verdi campane questi alberi suonano un‘estate; acerba è la stagione degli occhi della gente, disciolta là nel paese dove il sole cuce abiti di fermento, sole vortice di afa e di ombre di pini e di ciliegi, bollono le zanzare, giocano i gabbiani, dorme lo Ionio nel suo letto di scirocco, un contadino…

Giunge l’ora

Giunge l’ora

  Giunge l’ora del meritato riposo dalle fatiche nei campi arsi dal sole e sparsi di serpi e sterpi del contadino buono e onesto del paese della terra posta a confine di ogni bellezza Elio Ria  

La Cartoguida turistica di Martano: dettagli da scoprire

La Cartoguida turistica di Martano: dettagli da scoprire

di Eleonora Marrocco Il 9 giugno 2018, alle ore 19.30 presso la Sala Congressi “K. Wojtyla” in Piazza Caduti a Martano, si terrà l’evento di presentazione dal titolo “La Cartoguida turistica di Martano: dettagli da scoprire”. Utile strumento per chiunque voglia approcciarsi alla conoscenza e alla visita del Comune, la “Cartoguida turistica di Martano” è…

L’oratorio perduto del Santissimo Crocifisso a Parabita

L’oratorio perduto del Santissimo Crocifisso a Parabita

di Giuseppe Fai Di recente, nella chiesa Madre di Parabita è stato restaurato il Crocifisso ligneo posto sull’altare maggiore e la scoperta di ciò che, fino ad oggi, era stato celato dallo strato di copertura in cartapesta ha posto numerosi interrogativi sulla sua origine e sulla sua collocazione originaria. La storia di questo Crocifisso sembra,…

Porto Cesareo e le sue epigrafi di età romana

Porto Cesareo e le sue epigrafi di età romana

di Armando Polito Prima che Porto Cesareo nel 1975 diventasse comune autonomo le epigrafi che ora presenterò erano registrate come appartenenti a Nardò, di cui Porto Cesareo è stata frazione fino alla data prima ricordata. Il nome di Nardò è rimasto nei vecchi repertori e la nuova titolarità è comparsa solo dopo qualche decennio nei…

Si presenta la cartoguida di Martano
Un’opera del Settecento nel castello di Copertino

Un’opera del Settecento nel castello di Copertino

di Giovanni Greco Rappresentato privo di vita, con le palpebre abbassate; con il capo reclinato sulla spalla destra nell’atto di esalare l’ultimo respiro. La folta chioma caratterizzata da riccioli ondulati, scende sulla spalla destra lasciando scoperto il collo. Ecco, finalmente restaurato e fruibile ai visitatori del castello di Copertino, il “Cristo ligneo del XVIII secolo”,…

Uddhare e spuddhare: la bolla e i suoi parenti salentini

di Armando Polito (nell’ordine: bolle d’aria, una bulla da Pompei, una bolla pontificia, una marca da bollo, un francobollo, un bollettino di versamento postale e …)   Da quella d’aria alla speculativa quanta strada ha fatto la nostra bolla nel tempo! Intanto va detto che la voce è dal latino bulla(m) e già allora prometteva…

Latiano. La chiesetta di Santa Maria della Greca

Latiano. La chiesetta di Santa Maria della Greca

di Domenico Ble La chiesa di Santa Maria della Greca a Latiano sorge un po’ più distante dal centro storico della città. È ubicata sulla via che collega Latiano al Santuario della Vergine Santissima di Cotrino. La chiesa si presenta con una facciata semplice, monocuspidata e decorata ai lati con due fasce verticali decorate mediante…

Alessandro Tommaso Arcudi nel terzo centenario della morte

Alessandro Tommaso Arcudi nel terzo centenario della morte

  Si rimanda anche a quanto già da noi trattato: Alessandro Tommaso Arcudi di Galatina, il wikipediano ante litteram …

Salento: cos’è cambiato dai tempi di Cicerone?

Salento: cos’è cambiato dai tempi di Cicerone?

di Armando Polito Quello che segue è un brano tratto dall’orazione Pro Sexto Roscio Amerino1 del famoso avvocato, politico, scrittore, oratore e filosofo romano nato nel 106 a. C. e morto nel 43 a. C.: … aptam et ratione dispositam existimant, qui in Sallentinis aut in Brutiis habent, unde vix ter in anno audire nuntium…

Sud in-verso

Sud in-verso

  Sud in-verso   di Elio Ria   Va lenta la littorina, di polvere fra la macchia in giardini di deserti, di sabbia africana di vento ghiacciato, le pagine del libro sui binari odorano di zolfo, lo Ionio non è in festa, ogni parola per dire altro è incandescente di disperazione, di mescolanze, di lato…

Copertino: il conte Cosimo Pinelli e S. Giuseppe

Copertino: il conte Cosimo Pinelli e S. Giuseppe

di Armando Polito Dei Pinelli ci si è occupati recentemente più di una volta1, come pure, più indietro nel tempo, del santo dei voli2, ma mai era capitato di presentarli insieme come qui. Le testimonianze che seguono sono tratte da testi agiografici, da accettare, perciò, senza offesa per chi ci crede ad occhi chiusi, con…

Magia popolare: le legature con il sangue mestruale

Magia popolare: le legature con il sangue mestruale

    di Gianfranco Mele   Uno dei legamenti più utilizzati nelle locali pratiche magiche legate alla cultura contadina è quello con l’utilizzo di sangue mestruale. Per legare a sé un uomo, la donna (direttamente o sotto la guida della “masciàra”) deve offrirgli una bevanda contenente il proprio liquido mestruale.[1] Sino a tempi recenti è…

L’edera di Filippo e Tamara: storia di uno sfortunato matrimonio attraverso l’araldica

L’edera di Filippo e Tamara: storia di uno sfortunato matrimonio attraverso l’araldica

di Marcello Semeraro Nel corso delle nostre ricerche sull’araldica e la sfragistica dei principi angioini di Taranto ci siamo più volte imbattuti in un reperto di eccezionale bellezza e di notevole valore storico. Si tratta del celebre pendente a forma di foglia d’edera, decorato con smalti opachi champlevé su fondo d’oro, conservato presso il Museo…

Nardò: un miracolo di S. Vincenzo Ferreri in un affresco del Museo diocesano

Nardò: un miracolo di S. Vincenzo Ferreri in un affresco del Museo diocesano

di Armando Polito   Inaugurato il 7 giugno 2017, il Museo diocesano di Nardò costituisce un importantissimo polo d’attrazione per gli amanti della storia e del bello, per i turisti e per gli studiosi, grazie al numero cospicuo delle pregevoli testimonianze custodite. Tra quelle meno appariscenti, ma non per questo meno importanti, spicca un affresco…

Dimore storiche a Copertino. Palazzo Venturi

Dimore storiche a Copertino. Palazzo Venturi

di Giovanni Greco Il 500esco palazzo, disposto su due piani, si sviluppa ad angolo tra le attuali vie Margherita di Savoia e I° Maggio. Appartenne alla famiglia dè Ventura, poi Ventura e infine Venturi, stabilitasi a Copertino da Salerno, nel XIV secolo, con Raguzio dè Ventura. All’origine si estendeva su circa 450 mq ed era…

Cutrèu: una caccia conclusasi felicemente, forse …

Cutrèu: una caccia conclusasi felicemente, forse …

di Armando Polito La battuta iniziò nell’ormai lontano 2010 (http://www.fondazioneterradotranto.it/2010/05/10/dialetti-salentini-cutreu/) su Spigolature salentine, cui sarebbe succeduto, dopo la nascita della fondazione, l’attuale blog. Continuò quattro anni dopo con un’ipotesi alternativa (http://www.fondazioneterradotranto.it/2014/12/29/ritorna-cutreu-dopo-quattro-anni/), si conclude oggi, ad altri quattro anni di distanza, almeno per quanto mi riguarda, anche se nel campo dell’etimologia parlare di soluzione definitiva spesso…

Il culto di santa Apollonia a Copertino

Il culto di santa Apollonia a Copertino

TRACCE DI ANTICHE TRADIZIONI CULTUALI di Giovanni Greco Tra i santi di tradizione greca, Copertino annovera anche quello di “Santa Apollonia”. Soppiantata dai più efficaci antibiotici, anticamente questa santa era invocata da quanti soffrivano il mal di denti. Nell’iconografia è raffigurata come una giovane che in una mano regge la palma del martirio e nell’altra…

Uno spaccato di vita emergente da alcuni proverbi salentini

Uno spaccato di vita emergente da alcuni proverbi salentini

di Armando Polito   NO FFONDI A STRATE, NO CASE A MMURU, NO MUGGHIERE BBEDDHA, CA NO SSI PPATRUNU (Non terreni coltivati confinanti con strade, non case con muri in comune, non moglie bella, perché non ne sei padrone). Metricamente sono due dodecasillabi senza rima, che tuttavia, presenta una variante del proverbio, che sostituisce patrunu…

La Cattedrale di Nardò sotto i riflettori per la celebrazione della Messa del 13 maggio

La Cattedrale di Nardò sotto i riflettori per la celebrazione della Messa del 13 maggio

Un evento importante per la Cattedrale neritina, da giorni sotto le luci e i riflettori della RAI, che l’ha scelta per riprendere la consueta Messa domenicale. Domenica 13 maggio infatti la troupe RAI1, già in città da diversi giorni, riprenderà per trasmettere in diretta la celebrazione officiata dal parroco don Giuliano Santantonio. L’inedita occasione punterà…

Archeoclub. Chiese aperte il 13 maggio 2018 a Galatina e Nardò

Archeoclub. Chiese aperte il 13 maggio 2018 a Galatina e Nardò

A Nardò aperte ai visitatori, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19,  le chiese dell’Immacolata e di Santa Teresa. A Galatina la chiesa della Purità.   Divulgare e far conoscere il proprio patrimonio culturale sono due dei pilastri su cui si fonda l’Associazione Archeoclub Italia. La campagna nazionale “Chiese Aperte” nasce dalla consapevolezza che…

Il cannone spinello

Il cannone spinello

di Clemente Leo Tranquilli, non voglio affatto indulgere all’uso delle droghe leggere, ma debbo confessare che ho provato una certa compiaciuta euforia nel congetturare che l’etimo della diffusa sigaretta erbacea possa trovare un’origine ben definita nell’ambito della scienza delle artiglierie e delle parabole. L’occasione mi è stata fornita dalla lettura della copia di un atto rogato…

Il campanile della chiesa matrice di Copertino

Il campanile della chiesa matrice di Copertino

  Note documentarie intorno alla torre campanaria della chiesa Matrice di Copertino (XVI sec)   di Giovanni Greco, foto di Fabrizio Suppressa La questione su chi ha inventato il campanile è abbastanza controversa almeno quanto la “scoperta” delle campane che, secondo la tradizione, si deve a San Paolino da Nola nel V secolo. I primi…

Taranto e il suo Patrono. San Cataldo, l’irlandese

Taranto e il suo Patrono. San Cataldo, l’irlandese

di Angelo Diofano Era il 10 maggio del 1071 quando gli operai intenti a lavorare per realizzare la nuova cattedrale di Taranto, rinvennero, nella zona dove esisteva la cappella dedicata a San Giovanni di Galilea, un sarcofago nel quale erano racchiuse le spoglie di San Cataldo: il nome (“Cataldus”) era inciso su una crocetta aurea…

I Pinelli, marchesi di Galatone, nella celebrazione del D’Alessandro (1574-1649)

I Pinelli, marchesi di Galatone, nella celebrazione del D’Alessandro (1574-1649)

  Questo post può essere considerato come l’integrazione della nota 12 di un altro sui Pinelli che il lettore troverà all’indirizzo http://www.fondazioneterradotranto.it/2018/04/26/galeazzo-pinelli-il-marchese-fatuo-di-galatone-nella-celebrazione-di-giuseppe-domenichi-fapane-di-copertino/. Oltre al poema Hierosolymae eversae dedicato a Galeazzo Francesco (II), per i Pinelli il D’Alessandro scrisse parecchi epigrammi per diverse circostanze. Alle morti di Livia Squarciafico, moglie di Francesco Galeazzo, e del figlio…

Nola, come Lecce, vanta una tradizione della lavorazione della cartapesta

Nola, come Lecce, vanta una tradizione della lavorazione della cartapesta

  È in preparazione a Nola una mostra di opere di cartapesta, l’evento assume un’importanza straordinaria poiché sono rare le esposizioni di questa particolare espressione d’arte. L’esposizione più importante di questo genere risale al 2008, fu allestita a Milano presso il Museo diocesano. La mostra: “La scultura in cartapesta- Sansovino, Bernini e i Maestri leccesi…

“stupido” nel dialetto salentino

“stupido” nel dialetto salentino

  di Armando Polito BBUNATU Ha il suo corrispondente italiano formale più esteso in abbonato come sinonimo di non tenuto in considerazione (come in errore abbonato o abbuonato). CARNIALE Ha l’esatto corrispondente italiano in carnevale, di cui costituisce la personificazione. il riferimento evidente è al c<rattere bizzarro, strano, grottesco delle maschere. CHIÀPPARU Corrisponde all’italiano cappero,…

Libri| Se no

Libri| Se no

di Martino Pellegrino Da professore di economia a romanziere il passo è lungo. Ma Antonio Elia l’ha tentato – e con successo, senza salti mortali. Il romanzo fresco di stampa presso l’editrice L’Erudita, Se No, lo mostra chiaramente. Narra la vicenda di due cinquantenni che scoprono di essere fratelli sui generis: Luigi, figlio di Salvatore…

Il tuo 5 per mille alla Fondazione Terra d’Otranto

Il tuo 5 per mille alla Fondazione Terra d’Otranto

Gentile Lettore, anche per il 2018 la legge di stabilità prevede, in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi, la possibilità di destinare il 5 per mille dell’IRPEF alle associazioni e fondazioni no profit. Ricordo che la nostra fondazione rientra tra quelle ammesse e che le somme raccolte saranno destinate al raggiungimento delle finalità statutarie,…

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: nome cognome, email
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com