Dialetti salentini: le coniugazioni, un esempio di risparmio linguistico

di Armando Polito

La tabella, le cui voci prive di accento sono da considerarsi piane, sintetizza nozioni grammaticali in passato ben note anche ai non addetti ai lavori e ben note, per quanto riguarda la sezione latina, a chi, ormai attempato, ha avuto l’opportunità di conoscere questa lingua in tempi in cui essa era una materia cardine dell’insegnamento. Oggi, invece, nell’epoca in cui gli studi classici sono considerati di fatto inutili, quelli della mia generazione devono assistere all’inverecondo spettacolo di politici che grottescamente brandiscono inglese e latino in espressioni del tipo una start-up non può prescindere da un’attenta valutazione dei curriculum per non parlare, poi, dei desolante, tragico (se non fosse spontaneo sarebbe comico) spettacolo offerto puntualmente dai concorrenti a giochi televisivi1.

A chiarire, poi, il concetto di risparmio linguistico, basterà osservare che dalle quattro coniugazioni del latino si è passati alle tre dell’italiano ed alle due del neretino.

_______

1 Per esempio: L’eredità non si fa mancare mai chi dimostra totale ignoranza di nozioni fondamentali della grammatica italiana (quali modi e tempi del verbo) o dell’aritmetica (quali le tabelline). Se tanto mi dà tanto, debbo pensare che la colpa non è solo degli autori (per esempio: in una recente puntata quale equivalente di per niente è stato spacciato affatto) ma anche dei selezionatori, anche se obbligati a seguire le disposizioni di presidenti, dirigenti e direttori, tutti lautamente pagati con i soldi del contribuente e sempre più impegnati apromuovere una tv sempre più frivola, scadente ed autoreferenziale.

4 Commenti a Dialetti salentini: le coniugazioni, un esempio di risparmio linguistico

  1. Ciao Armando, se ti ritrovo vuol dire che va meglio e ne sono proprio felice. Un grosso abbraccio. Sergio Notario

  2. Sorsi di ricordi dalle radici del paese natio con le ali a Torino mi volto indietro e fisso lo sguardo avanti Ersilio Teifreto

    Lasciare= Ci Lassa la strata ecchia e pjia la noa…….

    Valere= Vagno bba scioca a fatte Alire…….

    Scrivere = Nui alla scola Scriiamu li compiti …….

    Venire= Ausate San Giuanni ca sta bisciu tre nuule Inire ……..

    un saluto da Torino
    Ersilio Teifreto

  3. Ausate Sciuvanni e nu ddurmire – ca sta bbiciu ttre nnule inire- una te acqua – una te ientu – una te triste mmale tiempu.
    A voi tutti cordialmente, Peppino – e per l’Illustre – l’augurio – di completa guarigione.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: nome cognome, email
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com