Cuddura e collirio: che ci azzecca?

di Roberto Panarese

Essendomi interrogato come ogni buon salentino sull’origine e sul significato della parola “cuddura”, ho chiesto anche un parere alla Prof.ssa Maria Luisa Agati (già docente di Codicologia all’Università Tor Vergata di Roma e Specialista in Paleografia Greca presso la Scuola Vaticana di Paleografia, Archivistica e Diplomatica) e questo è quanto mi ha riferito:

“In greco antico era “κολλύρα” che significava “corona” ma anche “focaccia” (rotonda come una corona), o anche pane biscottato.

Questo termine nel greco moderno è diventato “κουλουρι”, neutro  = “ciambella di pane croccante”, “frollino”.

Nella forma femminile esiste pure: “κουλούρα” = “pane a forma di ciambella”, o anche la ciambella di salvataggio.

Attualmente ad Atene quando si vuole comprare dei biscotti freschi in un forno si chiede appunto “koulouria” o “koulourakia” (diminutivo) “biscottini tondi”, non soltanto “ciambelline”.

Viene in mente anche una danza tradizionale greca, della regione montagnosa di Tracia, che si chiama “zonaradikos” (da “zoni” = cintura) “koulouriastos”, proprio perché i ballerini, attaccati in cerchio, lo aprono e lo chiudono a chiocciola creando appunto la forma di ciambella con un bell’effetto coreografico.

Questo termine greco è quindi uno di quei casi in cui lo stesso si evolve dall’antichità nella lingua moderna e più in particolare nella forma neutra che finisce in -iota (come παις, bambino > παιδί, o κόρη, fanciulla > κορίτζι).

“Kollura” > “koulouri” è un passaggio normalissimo che si riscontra dunque con molta frequenza.”

Leggendo queste interessanti informazioni mi sono dunque ricordato di essermi imbattuto tempo fa in un articolo che mi aveva incuriosito:

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/biotech/2013/01/08/Ecco-collirio-Plinio-Vecchio-_8040351.html?idPhoto=1

Emergerebbe quindi che i ‘piccoli panetti rotondi’ (kollura), quelle pastiglie ritrovate nel relitto del Pozzino, corrisponderebbero all’antico ‘collirio’ di Plinio il Vecchio.

Strano ma vero, si direbbe…

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: nome cognome, email
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com