Libri| 174517 – Deportato: Primo Levi

di Floriano Cartanì

E’ uscito in questi giorni, a ridosso quasi dalla Giornata della Memoria, il libro “174517 – Deportato: Primo Levi”, molto opportunamente editato dalle Edizioni La Meridiana. L’impaginazione del libro, pubblicato dalla casa molfettese, appare subito alquanto accattivante e diversa dai soliti testi che trattano simili generi di argomento. Merito soprattutto dei due autori Franco Portinari e Giovanna Carbone, che hanno saputo creare questo splendido lavoro, fruibile sotto forma di una vera e propria graphic novel. Tutta l’opera si ispira spontaneamente ai libri “Se questo è un uomo” e “La tregua”, stesi entrambi da Primo Levi, il quale ebbe a scrivere due successi non solo letterari ma di testimonianza sulla tragedia dell’olocausto vissuta in prima persona. Entrambi gli autori del libro di che trattasi, molto conosciuti tra le pagine del Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport, come illustratore il primo e graphic designer la seconda, tratteggiano in questa sorta di story-board illustrata a fumetti, le vicende accorse a Primo Levi e a migliaia di altre persone che, come lui, furono deportate dai nazisti nel terrificante campo di concentramento di Auschwitz. La modalità stessa con cui si usufruisce della vicenda narrata, è appannaggio indubbiamente delle nuove generazioni di ragazzi e ragazze, apparsi negli ultimi anni particolarmente interessati a questo specifico argomento, così come a tutti i genocidi passati.

Negli ultimi tempi, poi, si è ritornato a parlare fortemente soprattutto di questa immane tragedia, forse perché ampiamente documentata, che si consumò nel corso della seconda guerra mondiale e che vide, insieme agli ebrei, centinaia di migliaia di “diversi” in religione, nascita e etnia, essere perseguitati e annientati nei campi di sterminio nazisti. 174517, numero di matricola tatuato sul braccio sinistro del prigioniero Levi, la dice tutta sulla volontà di quel regime di annientamento della persona stessa, ridotta non solo in totale asservimento ma completamente brutalizzata nella propria umana essenza e trattata, com’è stato, peggio degli animali.

Le immagini e i testi che accompagnano i contenuti del libro, sono entrambi molto diretti e saltano subito all’attenzione degli occhi, attraverso una visione veloce e quanto mai concreta del quadro narrato. Una tecnica sviluppata dagli autori, che è essa stessa una esposizione di arte figurativa nel contesto della storia, capace di accattivare fortemente non solo il giovane lettore ma anche l’adulto più esigente, portandoli entrambi a soffermarsi lungamente sulla pagina, per interiorizzare a dovere la strip illustrata.

Un libro particolarmente consigliato proprio in questi giorni che, come si può facilmente capire, non solo è da leggere ma da guardare anche, come ulteriore testimonianza di ciò che è stato e per ricordare. Il tutto per non ricadere negli stessi errori che videro, a partire dal ’43 nei diversi campi di sterminio, quel silenzio non solo dei tanti che “passarono per il camino” ma anche di chi attraversò quei cancelli della morte e vi fece rocambolescamente ritorno.

174517 Deportato: Primo Levi, Franco Portinari e Giovanna Carbone, 2019 la Meridiana, euro 15,00.

 

Un commento a Libri| 174517 – Deportato: Primo Levi

  1. Ersilio Teifreto ricorda da Torino il
    Premio Chiave A Stella Primo Levi
    E’ stato pubblicato sul sito dell’API il bando per l’edizione 2018 del Premio “Chiave a Stella”. La candidatura al Premio dovrà pervenire entro e non oltre il 29 giugno.
    Giunto alla decima edizione, il “Chiave a Stella” è ideato e organizzato dall’API Torino e dalla Fondazione Magnetto, in collaborazione con la Camera di Commercio, l’Unicredit e con il supporto scientifico del Politecnico, della Facoltà di Economia dell’Università di Torino e della redazione torinese di La Repubblica.
    Il premio viene attribuito alle aziende del Piemonte che si contraddistinguono per la capacità di esprimere e coniugare innovazione e tradizione, nonché per l’eccellenza del proprio prodotto e la valorizzazione del territorio in Italia e all’estero.
    Arredare In – Max Camerette e stata insignita del premio Chiave a Stella nel 2010 (premio istituito da Fondazione Magnetto, quotidiano La Repubblica e associazione piccole e medie imprese di Torino e provincia per capacità di esprimere e coniugare innovazione e tradizione sia per eccellenza del prodotto e valorizzazione del territorio in Italia e all’estero). L’azienda nasce negli anni Settanta, fondata dai Salentini Ersilio e Pina Teifreto nel centro di Torino. Nel 1978, diventa azienda specializzata e nel giro di un decennio diventa leader. Nel frattempo, si sposta in uno spazio molto ampio, vicino all’aeroporto di Torino, una ex fabbrica di vernici che bonifica e che diventa la sede dell’azienda e show room, dove si trova tuttora. Da circa dieci anni al timone dell’azienda c’è il figlio della coppia fondatrice, Massimiliano Teifreto.
    autori Francesco Tadini e compagna Melina Scalise http://www.spaziotadini.it

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: nome cognome, email
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com