Latiano. La chiesetta di Santa Maria della Greca

di Domenico Ble

La chiesa di Santa Maria della Greca a Latiano sorge un po’ più distante dal centro storico della città. È ubicata sulla via che collega Latiano al Santuario della Vergine Santissima di Cotrino.

La chiesa si presenta con una facciata semplice, monocuspidata e decorata ai lati con due fasce verticali decorate mediante la tecnica del “bugnato”.

Si accede alla chiesa mediante un’unica porta, la quale è posizionata al centro in asse con la finestra soprastante. In alto, sul lato sinistro, più arretrato, è collocato il campanile (Fig. 1).

Fig.1 – Chiesa Madonna della Greca (Facciata)

 

L’interno (Fig.2) ha una pianta a navata unica sovrastata con delle coperture a volte a crociera. L’area presbiteriale è leggermente più elevata e coperta con una copertura semisferica e terminante con il muro absidale è semicircolare.

Al centro dell’aula è presente un arco a tutto sesto e sulle pareti della parte anteriore della chiesa troviamo: sulla parete di destra la nicchia in cui è posizionata la statua raffigurante la Madonna della Greca (Fig. 3), mentre sulla parete di sinistra è collocata una nicchia più stretta.

Fig. 2 – Interno

 

Fig. 3 – Statua in cartapesta raffigurante la Madonna della Greca con i santi Apollonia e Onofrio.

 

Continuando all’indietro, verso la controfacciata, troviamo lungo le pareti due grandi arcate al cui interno sono collocate due tele: nell’arcata di destra è collocata la tela, datata 1847, raffigurante la Vergine Maria con i santi Onofrio e Apollonia (Fig. 4), e nell’arcata quella di sinistra la tela omonima di fattura più recente.

Fig. 4 – Tela raffigurante la Vergine Maria con i Santi Onofrio e Apollonia

 

Particolare della tela

 

L’edificio ha origini molto antiche, presumibilmente la fondazione può essere fatta risalire al XVI secolo. La chiesa, in principio, non era così profonda ma aveva dimensioni ridotte: la prima costruzione terminava proprio dove oggi c’è l’arco di metà navata, qui era collocata l’area absidale con l’altare a muro.

Il Vescovo di Oria, Mons. Alessandro Maria Calefati, nella Visita Pastorale del 1785, menziona altre opere presenti all’interno della chiesa, oltre l’affresco raffigurante la Madonna della Greca sull’altare centrale, il quale fu staccato dal muro durante i lavori di ampliamenti avvenuti negli anni ’60 del XX secolo, vi erano: la tela raffigurante San Paolo “a latere Epistolae”, una raffigurante San Pietro “a latere Evangeli” e una raffigurante Santa Caterina da Siena posta sull’altare posto ad occidente.[1]

L’antica chiesa non era altro che una semplice cappella, inglobata nel centro cittadino con l’espansione urbana del XX secolo.[2]

La Chiesa della Madonna della Greca funse da cappella per l’annesso Ospizio dei Poveri, il quale fu inaugurato nel 1887.

Il Beato Bartolo Longo, nel 1896, contribuì a restaurare la chiesa, a memoria di quest’opera caritatevole sulla faccia fu posta la lapide:

“QUESTA ANTICA CAPPELLA / INTITOLATA ALLA MADONNA DELLA GRECA / IL COMM. BARTOLO LONGO / A PROPRIE SPESE RESTAURAVA / MDCCCXCVI”.

 

Fig. 6 – Lapide commemorativa sulla facciata

 

Bartolo Longo provvide anche a finanziare la costruzione di una sacrestia laterale alla chiesa, del campanile[3] e di un nuovo altare intitolato alla Beata Vergine Maria del Rosario di Pompei (oggi non più esistente), oltre i vari arredi e suppellettili che donò.[4]

 

Note

[1] Santa Visita Pastorale di Mons. Alessandro Maria Kalefati, 1785, Archivio Vescovile Oria, Visite pastorali, coll. prov. Trascrizione a cura di Salvatore Settembrini.

[2] S. SETTEMBRINI, La piazza, il centro storico, l’espansione urbanistica di Lariano nei secoli XVI – XX, Quaderni della Biblioteca “G. De Nitto”, Latiano 2012, p.15.

[3] B. LONGO, Seconda Lettera del Comm. Avv. Bartolo Longo ai suoi concittadini di Latiano, Valle di Pompei 1896, pagg 1-26.

[4] A. GAGLIANO, Bartolo Longo. Un latianese precursore di cristianità moderna, Locorotondo Editore, Mesagne 2016, p. 96.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: nome cognome, email
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com