Livio de Filippi e una sua poesia in vernacolo leccese

Particolare natività realizzata in cartapesta da MGrazia Presicce, ph MGrazia Presicce
Particolare Natività realizzata in cartapesta da M. Grazia Presicce

 

di Maria Grazia Presicce

No, non ci può essere Natale senza presepe e così, ogni anno, ripeto, come in una litania, il suo allestimento nella nostra casa, anche ora che i nostri figli hanno creato il loro nido altrove.

Non riesco davvero a rinunciare a quel “culto” iniziato quando, da piccina, il mio sguardo lo intese e l’amò nella casa dei nonni, poi in quella dei miei genitori e dopo nella dimora del cuore, mia e di Lucio.

Davvero no, non c’è Natale senza presepe! Quel simbolo, fatto con poco e con niente, che un tempo univa, affratellava e suggellava patti, pace nelle famiglie e amore tra la gente, sarebbe bello che perpetuasse la sua essenza ancora ed ancora…

Abbiamo bisogno di segni che seguitino a portare armonia colore e calore in quest’umanità smarrita che ha perso il senso della semplicità, dell’armonioso essere, diluendosi in una realtà senza respiro che rincorre fantomatici mondi straripanti, atmosfere luccicanti che non rischiarano, colori artefatti vuoti di stupore che attraggono, disorientano e svaporano…

Non resta nulla nell’animo in una realtà caduca, non rimane l’eco gioioso dell’essere a rinfrancare e sussurrare armonie… e non basta lo scambio argentato di una strenna ad avvalorare gesti, a farci sognare e tremare il cuore di pura emozione …ci vuole calore, sincerità che lo avvalori e ci faccia risvegliare, scuotere dentro e destare poi… in un mondo più giusto.

Legata al Presepe vi presento una bella poesia in vernacolo leccese, anzi come dice l’autore, Livio de Filippi[1], in Rusciaro (la parlata di Porta Rusce, antico rione leccese)

 

Lu presepiu

Farina e citu intra na buatta,

giurnali ecchi intra na cascètta,

li chèi,lu serràcchiu, lu marthièddhu,

le taùle, li culùri, lu pennièddhu.

Cu sti stracuènzi sirma se preparàà,

te la Mmaculàta a fatiare ncignà

E nci mentìa lu core e lu cervièddhu

E ddo semàne te scigghi e frantèddhu.

Ma alla fine te tuttu ddhu lavoru,

nnu presèpiu ca era nnu tesoru!:

lu Castièddhu, li monti, le vallate,

Sali e scindi te centumila strate

Lagu, funtàna, rutte e casicèddhe,

Magi, pastori,cu lle pecurèddhe;

e tanti, tanti pupi nci mentìa

ca l’ia ccattàti te Santa Lucìa.

A centru stia nna Rutta, la cchchiù bella,

cu mpisi susu nn’àngelu e nna stella;

Giuseppu e la Matonna ca preànu

Mentre ca lu Figghiu sta spettànu.

E luintiquàttru, a menzanotte santa,

li amici e la famiglia tutta quanta,

secundu la cchù antica tradizione

la case se girànu a processione,

nnanzi a nnanzi, lu cchiù uagnuncèddhu,

ntra lle manu tenìa lu Mammin ièddhu;

sulle candìle ardìanu le fiammèlle,

tutti cantànu: “scendi dalle stelle!”

Poi nnu sunettu o nna puèsia

Nui recitàmmu nnanti lu Messìa

E mentre ca tecìamu ddhe palòre

Ntra llu piettu nni tremulà lu core

E ppe la commusiòne nne parìa

Ca tuttu lu presèpiu se mmuìa:

scendìanu Magi susu li cammelli,

camenànu pastòri paggi, agnelli,

mmassaricu recòtte, addhìne,òe;

ogne pupu parìa ca se sta mmòe.

Le fimmene te casa, ndaffaràte,

purtànu purceddhùzzi e ncarteddhàte

e poi cu vera deùzione

se ngenucchiànu pè l’adoraziòne.

…….

A notte, nui, cuntiènti, intru lu lièttu

Turmìamu e ni sunnàmmu nn’angiolèttu!

 

TRADUZIONE

Il presepe

Farina e aceto dentro un barattolo,/ giornali vecchi in una cassetta, i chiodi, la sega, il martello,/ le tavole, i colori, il pennello./ Con questi attrezzi mio padre si preparava,/ e il giorno dell’Immacolata a lavorare iniziava/ e ci metteva il cuore e il cervello/ e due settimane di sporco e rumore./ Ma alla fine di tutto questo trambusto,/ allestiva un presepe che era un tesoro!:/ il Castello, i monti, le valli,/ salite e discese da centomila strade,/ lago, fontana, rocce, e casette,/ Magi e pastori con le pecorelle;/

E tante, tante statuine ci metteva/ che aveva comperato alla fiera di Santa Lucia:/

Al centro c’era una roccia, la più bella,/ con appesi un Angelo e una stella;/ S.Giuseppe e la Madonna che pregavano/ mentre aspettavano il loro Figlio./ Il ventiquattro, nella santa mezzanotte/ gli amici e tutta la famiglia/ secondo un’antica tradizione/ giravano per casa in processione;/ in prima fila vi era il più piccino/ che tra le mani teneva Gesù Bambino;/ sulle candele ardevano le fiammelle/ tutti cantavano ; “ tu scendi dalle stelle!”/ dopo un sonetto o una poesia / si recitava davanti al Messia/ e mentre pronunziavamo le parole/ nel petto tremolava il cuore / e per la commozione ci sembrava/ che tutto il presepe si muoveva:/ scendevano i re Magi sui cammelli,/ camminavano pastori, paggi, agnelli,/ massai con ricotte, galline, uova/ ogni statuina sembrava si muovesse./ le donne di casa, indaffarate,/ portavano purciddhuzzi e cartiddhate / e dopo con vera e santa devozione/ ci inginocchiavamo per l’adorazione.

………………..

La notte, noi, contenti, nel letto,/ dormivamo sognando un angioletto!

L. De Filippi

 

 

[1] Livio De Filippi, “ Lecce Folk, poesie in vernacolo” Unione Tipografica Lecce, Aprile 1979, pag. 157

2 Commenti a Livio de Filippi e una sua poesia in vernacolo leccese

  1. Buongiorno a tutti, Sig. Riccardo senza forse si tratta della Grotta, è stato semplicemente un’errore nella traduzione,
    mi ritrovo in questo dialetto Vernacolo di Livio de Filippi tipicamente della zona Leccese ma anche a Novoli e paesi limitrofi,
    un buon Natale da Torino
    Ersilio Teifreto

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: nome cognome, email
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com