Ci pensa alla gente campa miseru e pizzente!

mugnaio_asino_fontaine

di Vincenzo Mariano

Or mi ricordo e vi racconto. La provenienza? Boh… Forse una lettura alle elementari o nu cuntu ti lu zi Totò da me fantasiatu.
Quella mattina si erano alzati presto padre, figlio e puru lu ciucciu. Lu jaddru non aveva fattu ncora lu sua dovere e iddri stìanu già alla distilleria.
La giornata fu lunga da passare: li fae a ncufanare e poi a spuntare, li fiche a putare e poi li sarmente pi li spicaluri.

Tutto fatto. “Giusta lu ciucciu ca turnamu a casa”, tisse lu sire a lu figghiu.
Il timido sole diceva che era già passata menzatìa quannu giùnsera alla distilleria.

Su lu purtone, cu lu sicaru curtu, lu Ntoni li edde e disse:

– iti e biti, lu poru ciucciu, no sulu li sarmente, ma puru iddri a ncaddru. Ah sorta sua!

Il padre, sentito, scese dall’asino e così fece fare al figlio. Prese lu fascettu ti sarmente sulla spalla e si avviarono. Lu castieddru ncora no parìa quannu li edde la Consulata ti li passaricchi, che alla scena, così reagì:

– lu munnu s’à firmatu, comu! iddri a mpete e cu li sarmente a ncueddru e lu ciucciu a passeggiu? Fanne salire almenu lu frusculieddru. Mah, ah sorta loru.

Fu sotta a la fica ti li Capuccini che il padre fece salire il figlio sull’asino e così, con lui a piedi, andettero.
Lu firraru faceva sentire il martello sull’incudine e più forte la sua voce:

– a cosa si assiste, lu figghiu a ncaddru e lu sire a mpete e puru cu li sarmente. E lu rispettu? S’à persu!

Rriati alla porta ti San Giuseppu, il padre fece scendere il figlio, ni tese a manu la corda ti lu ciucciu e lui si accomodò ngroppa cu tutte li sarmente. Superata la porta, ma no castieddru, fu na Trisicchiula che rivolta a na Carcaluru strulicàu:

– quiddri sta bèninu ti la fica paccia, lu figghiu a mpete e lu sire a ncaddru. Mmara a lu figghiu ci tene nu tristu patri.

Alla funtana ti castieddru, lu Filiciettu, che sarebbi statu lu patri, pigghiàu lu pane ti la sacchittola, lu mmuddrau e cu la muddrica fece quattru palle. Toi a li recchie ti lu figghiu e doi a li sua. Salira su llu ciucciu e caminara. Quannu girara pi la chiesa rande, no sintianu mancu li zzòcculi ti lu ciucciu sobbra a li chianche. Silenziu assolutu.
Videra nu Scaculi gesticolare, ma non sentendolo, proseguirono sereni fino a lu palazzu ti don Ronzu, dove nelle vicinanze insisteva la staddra e fu subito casa, fu famiglia e fu riposo.

 

2 Commenti a Ci pensa alla gente campa miseru e pizzente!

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!