“Cuore di Persia”, un progetto tutto al femminile sull’Iran Contemporaneo. A Lecce

di Tore Scuro

Fra problematiche sociali e diversità culturali, due giornata con “Cuore di Persia”, un progetto tutto al femminile sull’Iran Contemporaneo. Appuntamento internazionale per l’edizione 2016-17 di “Strade Maestre”, la stagione teatrale promossa da Koreja e realizzata con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Regione Puglia, e con il contributo del Comune di Lecce, venerdì 18 e sabato 19 novembre ai Cantieri Teatrali Koreja di Lecce, in via Guido Dorso 70. Gli spettacoli sono in lingua italiana. Biglietto intero 15 euro, ridotto 8 euro (under 30 e over 60) e 12 euro (convenzioni). Info e prenotazioni: 0832.242000.

Le foto sono fornite dall’ufficio stampa dei Cantieri Teatrali Koreja
Le foto sono fornite dall’ufficio stampa dei Cantieri Teatrali Koreja

 

L’internazionalizzazione rappresenta da molti anni un punto fermo del progetto artistico di Koreja che, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne e con un occhio sempre attento alle problematiche sociali e alla diversità culturale, ospita “Cuore di Persia”, un progetto tutto al femminile sull’Iran Contemporaneo realizzato in collaborazione con Teatri di Vita (Bologna). Oggi la Persia è diventata Iran, un grande paese, carico di storia millenaria e di un’attualità dalla notevole vivacità culturale, in forte slancio internazionale, ma al tempo stesso frenata da un sistema pieno di vincoli. L’Iran Contemporaneo rivela una complessità dura da districare, dove si alternano fascino e rigetto. “E in questo Iran vogliamo guardare, dandogli la parola. Ascoltando gli artisti e cercando di capire. Senza dimenticare i punti nodali delle sfide attuali della società iraniana, senza pregiudizi di sorta, ma con la consueta curiosità volta a scoprire un mondo ben più complesso e più vicino di quel che si pensa”.

moj-theater-la-signora-5

Il Moj theater (Iran) sarà in scena venerdì 18 (ore 20.45) con “Madri, padri e figli”. La guerra e i conflitti, passando dalla Siria per arrivare alla terza generazione di migranti a Parigi. Un grande affresco attraverso la voce di diverse donne: una madre che ha perso tutto in un naufragio, una figlia che ritrova il padre dopo tanti anni dalla parte del nemico, una madre che cerca di convincere la figlia ad abbandonare la jihad… Lo spettacolo scritto e diretto da Arash Abbasi e interpretato da Sanam Naderi e generalmente da Ladan Mostofi (uno dei volti di punta del nuovo cinema iraniano). Ciò che ultimamente preoccupa Abbasi è la situazione disagiata dei profughi siriani Lui stesso afferma: “è un obbligo per noi che facciamo parte di quella zona, di quella terra, parlare di questa situazione” E poi aggiunge: “il nostro sguardo non è uno sguardo politico ma sociale.” Il teatro non è soltanto uno strumento per divertirsi. Fare teatro è un impegno molto preciso e ha un ruolo fondamentale nel contesto sociale in cui si vive. Testo e regia Arash Abbasi, con Daniela Scarpari, Sanam Naderi, scenografia e costumi Arash Abbasi, aiuto regista Hamed Shafiee.

Sabato 19 novembre (ore 20.45), Moj theater proporrà “La Signora”, dedicato a un tema attualissimo in Iran come in occidente. Lo spettacolo racconta la storia di una donna che si guadagna da vivere affittando il proprio utero alle famiglie che non possono avere dei figli. Una donna sui 40, incinta, ripone delle cose in una piccola valigia. Qualcuno bussa alla porta selvaggiamente. Le leggi del Corano vietano rapporti al di fuori del matrimonio, ed essendo lei una donna rispettosa della religione, utilizza il matrimonio temporaneo per sposare i mariti delle donne sterili per un breve periodo, e poter quindi concepire con loro dei figli. La Signora ha fatto nascere nove bambini in venti anni, ma proprio l’ultima volta che può rimanere incinta una coincidenza drammatica riapre vecchie ferite e conflitti. Ancora una volta la figura femminile è la cartina di tornasole di una complessità sociale in cui modernità e tradizione si fondono e confrontano. Testo e regia Arash Abbasi, con Sanam Naderi, scenografia Arash Abbasi, aiuto regista Ali Jenaban.

In entrambi i giorni di spettacolo (dalle ore 18.30), il foyer del teatro di via Dorso ospita “All About Me, Nicknamed Crown Giver”, mostra video-fotografica di Tahmineh Monzavi. Da sempre impegnata nella rappresentazione della condizione femminile, Monzavi affronta la centralità della donna, anzi la sua assolutezza, trasformando la figura femminile in figura regale, all’interno di ambienti in rovina: un contrasto potente che, attraverso l’allusione e la fascinazione evocativa dell’immagine, si impone per la sua capacità di raccontare un’intera società. Monzavi è tra le più importanti e significative rappresentanti della fotografia a livello mondiale. Ha ricevuto premi internazionali e ha realizzato mostre personali in Iran, Turchia, Olanda, Francia e Usa. Questa è la sua prima mostra in Italia.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: nome cognome, email
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com