Quando il vento si fa verso

turat

 

di Daniela Liviello

Puoi ascoltare infinite narrazioni, danzare con le Muse tutte quante se provi a fermare l’affanno, interrompere la corsa, rallentare il passo.

Puoi udire il passo lento del tempo che piano accarezza le piante e le pietre nel giardino delle mezze lune, nell’Orto dei Tu’rat, dove il vento si adagia, s’incanta, s’inventa occhi per qualche lacrima da donare alla terra; questa terra, la nostra, che conosce la sete, le lunghe attese e il silenzio della solitudine.

Appena oltre l’ampio, agevole ingresso, il visitatore sente l’abbraccio, il dono di un largo sorriso, quello delle pietre disposte a ventaglio.

Qui è di casa la poesia.

Qui la poesia ha i piedi per terra e cerca l’orizzonte, annusa l’aria, si abbevera di luce, respira col geco e la farfalla, cresce col filo d’erba tra le pietre.

Qui già progettare nuovi, antichi metodi di coltura e rispetto della terra e dell’uomo, già il progetto è alta poesia. Non poteva essere diversamente tra gli ulivi e le gazze, il falco che si alza sui rovi e gli sterpi per fissare meglio la preda, il fiato delle lucertole che, attente, sbirciano tra le pietre prima di guizzare tra le fessure.

Qui la poesia ha i piedi per terra.

Le voci dei poeti ai Tu’rat sono vibrazioni del vento, onde di luce tra le pietre, spolverio della terra che si alza quando il vento gioca a inventarsi parole.

Le pietre ai Tu’rat dialogano con la luna, ti dicono che è giusto tornare perché qui abitano le Muse e le Muse amano i giardini, i campi aperti e la terra sincera. Qui si danno convegno e progettano canti, versi, danze.

Chi non ama l’ordine antico delle arti, l’ascolto attento delle voci armoniose della natura, la vibrazione della terra quando nasce la luna o quando il sole sorge impetuoso e si fa giorno, chi non ama se stesso e l’umano scorrere della vita intera, ha provato a mandar via le Muse, farle scappare, atterrirle con molteplici, furiosi, dannosi incendi. Più volte l’orto ha dovuto rinascere a nuova vita, più volte abbiamo sentito il grido delle Muse nostre madri, l’urlo disperato degli ulivi e delle piante, fiumi di fuoco hanno lacerato l’armonia.

Per poco. Poi le Muse hanno ripreso il loro canto e l’incanto, faticosamente, si, faticosamente, è tornato.

I poeti si ritrovano ancora nell’orto, ogni anno d’estate; distillano versi mentre i Tu’rat, sipari fantastici, si dispongono a ventaglio. E sono poeti che coprono l’intero stivale, arrivano nell’orto dal Friuli al profondo Salento, insieme a dare voce, canto, forza e sostegno al progetto e al sogno di un’umanità più solidale con se stessa e con la terra.

Anche quest’anno 2016, i versi dei poeti sono raccolti in antologia: PAROLE SANTE (versi per una metamorfosi) Kurumuni edizioni, perché ogni verso sia stilla d’acqua tra le pietre. Perché la poesia divenga respiro, sostanza, materia, nutrimento e pianta. Con tutte le sue spine.

Un commento a Quando il vento si fa verso

  1. DALLA TERRA DI OTRANTO, “PAROLE SANTE”!!! TUTTAVIA è DA DIRE, NON SOLO LE Muse MA ANCHE (non dimentichiamolo, ovviamente) LE Sibille FANNO SENTIRE I LORO CANTI E LE LORO VOCI….. COMPLIMENTI E BUON LAVORO.

    Federico La Sala

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: nome cognome, email
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com