Riconosciuto il ruolo della Biblioteca di Sarajevo nella baia di Porto Miggiano

Riceviamo dal presidente  dell’associazione Arci-Biblioteca di Sarajevo Lucio Montinaro

Maglie, 03 Maggio 2016

Con grande soddisfazione informiamo che nell’udienza odierna del processo penale in corso presso il Tribunale di Lecce relativo alla lottizzazione della baia di Porto Miggiano (Santa Cesarea Terme), il giudice ha disposto l’ammissione di parte civile dell’associazione politico-culturale “Arci-Biblioteca di Sarajevo” assistita dall’avvocato Daniela Tamborino.

Ammessa anche la costituzione di parte civile del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Come sostenuto in udienza dal Pubblico Ministero Dott.ssa Elsa Valeria Mignone: “Questo processo nasce e va avanti solo grazie all’impegno ambientalista della Biblioteca di Sarajevo che ha trovato i documenti e fotografato i luoghi…”.

Si tratta di un riconoscimento sostanziale del ruolo che l’associazione “Biblioteca di Sarajevo” ha svolto nel denunciare tempestivamente all’autorità giudiziaria il rischio di irreversibile deturpamento ambientale e paesaggistico che la lottizzazione di quella baia ha provocato. Grazie infatti alla sensibilità di alcuni nostri soci ed alla coscienza civica di una sola associazione salentina è stato possibile l’immediato intervento della Magistratura attraverso il provvedimento di sequestro preventivo, dando così impulso all’indagine che ha prodotto il procedimento in corso.

L’associazione auspica che nel rispetto delle parti, in un clima di piena serenità processuale, possano essere accertate le diverse responsabilità in ordine ad una vicenda estremamente dolorosa per questa terra e per la sua gente.

La costituzione di parte civile dell’associazione rappresenta il contributo più alto in termini di partecipazione attiva e di opposizione civile a scelte politiche e modelli di sviluppo economico e sociale che rispondono a logiche lontane dagli interessi del territorio e della sua comunità.

Un sentito ringraziamento all’avvocato Daniela Tamborino del Foro di Lecce che ha sostenuto la nostra battaglia fin dalla prima ora e che volontariamente patrocinerà l’associazione “Biblioteca di Sarajevo” in tutte le fasi del procedimento.

Il Presidente

Lucio Montinaro

Ci si dispera per Porto Miggiano!

 

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com.

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:
Gestione contatti e invio di messaggi
MailChimp
Dati Personali: nome cognome, email
Interazione con social network e piattaforme esterne
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Servizi di piattaforma e hosting
WordPress.com
Dati Personali: varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Statistica
Wordpress Stat
Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
Informazioni di contatto
Titolare del Trattamento dei Dati
Marcello Gaballo
Indirizzo email del Titolare: marcellogaballo@gmail.com