Trivellazioni nel mare del Salento

trivellazioni-e-petrolio-in-italia-unintervis-L-nBsWu3

di Ferdinando Boero

Il Comune di Andrano mi ha invitato a un incontro sulle trivellazioni. Speriamo che ci siano persone che hanno voglia di ragionare, e non dei fondamentalisti. Le trivellazioni in basso Adriatico sono molto pericolose. Vi spiego perché.

In Mediterraneo l’acqua si rinnova, attraverso Gibilterra, solo nei primi 500 m di profondità. Sotto i 500 m dopo un po’ l’ossigeno verrebbe a mancare, e la vita si ridurrebbe a pochi organismi a metabolismo anaerobico (senza ossigeno).

Ci sono due posti chiave, in Mediterraneo, si chiamano “motori freddi”. Lì l’acqua diventa fredda e densa, e scende in profondità, portando l’ossigeno dove altrimenti verrebbe a mancare. Il Nord Adriatico è il motore freddo del Mediterraneo Orientale. L’acqua densa e ricca di ossigeno scorre lungo le coste italiane e si approfonda a livello del Canale D’Otranto, per andare a vivificare tutto il Mediterraneo Orientale. Davanti a Leuca ci sono formazioni coralline a centinaia di metri di profondità, sostenute proprio da questa corrente.

Un incidente durante l’estrazione di petrolio non avrebbe conseguenze localizzate, perché il posto dove si vuole trivellare è un distributore di acqua ricca di ossigeno per tutto il bacino orientale. I rischi di catastrofe sono grandi. E abbiamo visto che le catastrofi avvengono. E poi dobbiamo abbandonare la combustione, non cercare altro combustibile. Ci sono tutti gli argomenti per dibattere in modo pacato e deciso. E se mai dovessero venire i rappresentanti delle compagnie petrolifere, devono essere lasciati parlare. Interromperli con urla, come ho visto fare in altri casi, non serve a gran che.

Non parliamo poi dei sindaci che sono ambientalisti a corrente alternata. Tollerano la speculazione edilizia, lo spargimento di rifiuti tossici, e poi all’improvviso diventano crociati contro una sola azione. Gente che ha devastato il proprio territorio, poi diventa fervente ambientalista. Non mi piace accompagnarmi a queste persone. Non mi piace questo ambientalismo. Speriamo di trovare persone serie. Qualche sindaco lo conosco e so che ci sono persone serie. Ma bastano cinque scalmanati per mandare tutto all’aria. E sappiamo che i provocatori spesso sono mandati da chi vuole intorbidire le acque.

Un commento a Trivellazioni nel mare del Salento

  1. CONCORDO CON IL PROF. BOERO, DOBBIAMO INTENSIFICARE ED INCENTIVARE IL RINNOVABILE, SOLARE ED EOLICO, QUELLO E’ IL FUTURO DEL PIANETA.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!