Fra cronaca e costume: il tramonto di un grande manager in un terremoto di miliardi

di Rocco Boccadamo

220px-Steve_Ballmer_at_CES_2010_cropped 

I giornali e le televisioni di tutto il mondo hanno dato risalto alla notizia che Steve Ballmer, amministratore delegato di Microsoft, si accinge ad andare in pensione, dopo una prestigiosa carriera durata trentatre anni, di cui dodici al timone della multinazionale di Redmond.

Un addio probabilmente triste e pregno d’emozione per il protagonista e, però, condito dal particolare che Ballmer andrà a godersi la meritata, come sempre si dice, quiescenza, forte di un patrimonio di sedici miliardi di dollari, che lo pone al diciannovesimo posto nella classifica dei “Paperoni” stilata dalla rivista Forbes.

Facendo pochi e semplici calcoli, sedici miliardi di dollari equivalgono a dodici miliardi circa d’euro, corrispondenti, a loro volta, a ventitremila duecento trentacinque miliardi delle cessate lire italiane.

Proseguendo, Ballmer ha prestato attività lavorativa e manageriale, come detto all’inizio, per trentatre anni, ovvero per dodicimilaquarantacinque giorni di calendario: morale, è come se il personaggio sia riuscito, quotidianamente, ad accantonare una fortuna pari a unmiliardo e novecentotrentamilioni delle nostre vecchie lire.

Pur con tutte le considerazioni e osservazioni plausibili, non ci sono parole. Vie più si resta sgomenti, al pensiero che, in giro, sia dato trovare altri casi Ballmer.

images

Un interrogativo, estremo, vien da porsi: esistono ancora le “trombe del giudizio universale”? Oppure si sono completamente ossidate, al punto da non suonare per niente?

Restando sul piano dell’apocalisse, un terremoto di miliardi, dunque, per Steve Ballmer. Tuttavia, chissà se sarà tutto per lui, se si crederà padrone del creato, se, semplicemente, si sentirà felice!

In proposito, viene alla mente un vecchio detto barese, in colorito e ineguagliabile gergo dialettale, dove, come condizione per la felicità, si cita, senza dubbio, l’abbondanza di soldi (nu tramote de t’riss), ma unitamente a due altre condizioni: “la ciola(organo genitale maschile) grossa”, e “nna m’gghiere bbona”.

Un commento a Fra cronaca e costume: il tramonto di un grande manager in un terremoto di miliardi

  1. Premesso che anche in Italia, sia pure in formato ridotto, abbiamo moltissimi esemplari di tal genere, tanto nel settore privato ma ancor più in quello pubblico, mi chiedo se la Natura, rispetto ai cosiddetti comuni mortali, ha dato loro più cervello o più culo …

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!