Il Salento eletto territorio dell’anno 2013, purchè sia rispettata la sua biodiversità

fondazione terra d'otranto

di Mimmo Ciccarese

 

Dobbiamo riprenderci il diritto di conservare i semi e la biodiversità. Il diritto al nutrimento e al cibo sano. Il diritto di proteggere la terra e le sue diverse specie”.

                                       Vandana Shiva

 

Queste parole condividono stadi evolutivi favorevoli per abbozzare nuovi pensieri o per tutelare la variabilità biologica di geni, specie, habitat ed ecosistemi, cioè di quello che, in una sola voce, riepiloga il concetto di biodiversità. La biodiversità è alimento vitale per un territorio, specialmente quando la sua ripresa naturale esplode di varietà e stimola la volontà di difenderla.

Attualmente si celebra il cosiddetto“restyling ambientale” per interessi economici o spesso si pianifica in ambito urbano e agricolo  senza le opportune e dovute competenze, che eviterebbero di far commettere danni irreversibili e quindi perdita di paesaggio.

Ristrutturare l’ambiente, invece, è un proposito serio che potrebbe davvero interessare, ad esempio, l’introduzione di ecotipi locali di specie autoctone in via d’estinzione o di quelle che da sempre hanno assicurato sussistenza proprio in quelle aree che l’apparato scientifico classifica come “sensibili”.

Anche il Salento è un luogo abbastanza sensibile e la sua vulnerabilità dipende proprio dall’incessante sottrazione di spazi naturali e minacciati dal quel fenomeno definito da molti come un eccesso di “biofobia”, che non ammette alcuna forma di biodiversità.

La “resilienza”, termine che intende la capacità delle specie di reagire a eventi dannosi estremi, insieme a quello di “desertificazione”, ricorre sempre di più nei dialoghi che interessano le interazioni naturali.

Nel Salento se ne parla, eccome, tra le aree protette e i parchi naturali, tra quelle degradate, erose, abbandonate o, dove gli alberi sono più a rischio di espianto per far posto a quegli spazi artificiali che levano respiro e orizzonte in poco tempo.

fondazione terra d'otranto

Il paesaggio Salentino con tutto il suo splendore, dona piacere ed entusiasmo ma ogni tanto si spezzetta, appare discontinuo o disarmonico; ti accorgi che qualcosa non va e lo intuisci subito quando ti soffermi su qualche orrore dissonante, concesso con faciloneria o forse addirittura senza regole.

Qui è semplice rimuovere in un istante l’immagine del disinteresse, com’è altrettanto possibile coccolare il ricordo di un seducente percorso tra ulivi secolari, con tutte le creature che lo abitano; avverti solo dopo l’incredibile mutevolezza che tratteggia questa terra e non puoi fare a meno di amarla.

Dai risultati di un’indagine popolare, il Salento è stato eletto territorio dell’anno, amato da più del 10% degli italiani; dato che supera addirittura le Cinque terre, la costiera Amalfitana e il Chianti per cui, adesso, non si può più dire che esso sia solo una spazio di confine “te sule, te mare e te ientu”, ma una terra di primo piano. Con questo bel riconoscimento, a maggior ragione, per rafforzare e condividere il pensiero di Vandana Shiva sulla biodiversità, sarebbe ora auspicabile che sia rispettata l’attitudine ecologica del Salento, senza la quale esso perderebbe in identità.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!