Questo Salento così bello quanto maltrattato

il-delirio-dellimpotenza-idiozie-nel-paesaggio-di-porto-miggiano1

di Gianni Ferraris

Guardando mare mosso un pomeriggio a Castro. Mentre il vento (scirocco…scirocco…scirocco) picchia sulla costa proprio di fronte. E meno male che c’è punta Mucurune che ripara per quel che può e sa fare. Dietro la punta c’è Zinzulusa, la grotta che si va a vedere, bisogna andarci prima o poi, anche se sopra hanno costruito una improbabile piscina. Poco oltre c’è Santa Cesarea con il bar con scritte in ebraico e un’amministrazione che si fa sequestrare un pezzo di costa perché la maltratta, dicono i giudici che la vogliono scippare alle persone tutte per farne scalo di pochi (ricchi ricchi ricchi).
A Porto Miggiano ci andavo gli anni passati, era bello farci il bagno, entravi in una cava ed avevi ombra e sole, sole ed ombra. Non c’era mai troppa gente, era bello, allora. Ho visto giocare bimbi ed ho parlato con altri non amanti della sabbia che penetra anche nel cervello. Neppure amano le sdraio e quelli che ti fanno fare ginnastica in acqua, tutti a tempo, chi sgarra è fuori. Sugli scogli trovavo salentini che amano il Salento. Poi i cementificatori vinsero la causa e costruirono una cosa, un crimine contro il buon senso (la legge consente…. L’amministrazione comunale consente e plaude…) , hanno fatto tre piscine che guardano il mare, fra i più belli di Puglia. Tutti affacciati a vedere approdare i ricchi con le loro barcone. Che bello che bello che bello… Mica come i pezzenti che si tuffano nelle acque blu, noi stiamo nelle piscine e guarda come ci divertiamo…. Balliamo la lambada tutti assieme, tutti a tempo (chi sgarra è fuori), noi facciamo notte in discoteca.  A fianco delle piscine tristi c’è un ristorante, ci entrai una volta a guardare. Stupito, attonito, incredulo, rassegnato. Pareva la casa di un arricchito che compra tutte le cose più appariscenti per far vedere che è ricco. Il kitch mi pare si chiami. Chi non ha pochi anni dovrebbe ricordare le FIAT 600 con il coprivolante di pelo finto leopardo… Ecco, la filosofia è la stessa. Parlavo con un signore che si apprestava a pescare in quel che rimane di Porto Miggiano,  accanto a quella colata di cemento per arricchiti. Mi diceva che lui si, da moltissimi anni viene lì con la sua canna, mi diceva che è vero, prima era bello, “ora scavano ovunque e l’amministrazione comunale plaude”. Plaude e dà concessioni. Sono stato sopra Porto Cesareo, a vedere le nuove terme. Uno scempio di spreco di denaro pubblico, un altro insulto al buon senso. Ho visto una piscina coperta immensa abbandonata, ho visto vetri rotti e infissi (mai utilizzati) deturpati da vandali e dall’incuria e dall’abbandono. Ho visto il disastro dell’amministrazione pubblica.

A Castro Marina il mare si incazza. Non ha mica torto.

Pensavo, mentre un’onda più alta faceva schiuma sugli scogli, a cosa si intende per turismo. La mattina ero andato con il FAI a vedere il convento dei francescani a Lequile. Bello, peccato per quella meravigliosa tela in chiesa deturpata da qualche sciagurato sedicente restauratore. Ed ho visto la biblioteca. Cinquecentine, seicentine,  tutte sugli scaffali, tutte belle da vedere, tutte erose da tarli con polverina che scendeva. “Non toccate, sono preziosi” diceva la guida. “Non tocchiamo, si sfaldano solo a guardarli” sibilavo ad un amico che era con me. Questa vera ricchezza lasciata allo sfascio del tempo perché “mancanoisoldiperrestaurare” e dietro punta Mucurune (tristanzuola per le violenze che vede) non mancano i soldi per deturpare la costa.   Ecco, il turismo giusto e bello e sano qual è? Chi arriva fin qui cerca una piscina o vuole respirare Salento?  Ci vogliono far credere che turismi siano notti tarantate? Mah, saranno anche quelle, con le sagre e tutte le pittule del mondo, a noi però Porto Miggiano con il suo faro che era solo soletto a guardare l’Albania nessuno lo ridarà più, a tutti noi. Rimarrà quello scempio di ristorante finto ricco per ricchi, resteranno improbabili piscine per esporre culi e tette, e rimarrà l’amarcord del pescatore e di qualche turista che è venuto qui 10 anni fa, prima che la demenza da cemento prendesse tutti. Certo, tutto è PIL, anche la droga produce PIL, anche il gioco d’azzardo. I tarli potrebbero produrne se qualcuno volesse mettere in sicurezza quel che rimane di quei libri prima che evaporino. E se facessimo creare un po’ di PIL ai restauratori?  Chissà che direbbe il mare di Castro se potesse parlare, probabilmente se la prenderebbe con amministratori incapaci di pensare a qualcosa di diverso dal fare cassa con le strisce blu che fra un po’ mettono anche nei cortili privati.

Mentre in qualche parte di questo Salento così bello quanto maltrattato, c’è chi pensa a fare poesia, a scrivere libri che non leggeranno certo quelli delle piscine di Porto Miggiano, loro leggono “Chi” per sapere del gossip, per capire se quest’anno è meglio il perizoma verde smeraldo e andare senza mutande perchè fa tanto trandy.

E facciamo poesia allora! A Racale l’altra domenica hanno letto per le strade, autori e attori leggevano brani di opere d’altri autori. E c’era gente nonostante il freddo pungente, c’era voglia di ascoltare poesia. A Lecce, nel corso, c’è il signore che suona il suo pianoforte piccino picciò che fa da sottofondo ai tuoi passi, li candenza. Poi c’è il ragazzo con il cane che ti chiede pochi centesimi. Lui nelle piscine non ci va, preferisce il mare. Mi piace trovare lui a fianco, facendo un bagno fra onde e schiuma. Tornando da Castro notavo come funzioni in questi luoghi la raccolta differenziata (altro che a Lecce che per trovare un cassonetto per la plastica devi viaggiare un bel po’), qui raccolgono porta a porta. Ebbene si, nonostante questo ogni piazzola di sosta è colma di rifiuti abbandonati. Chi abbandona sacchetti non va al mare, va nelle piscine da dove vede il mare là sotto e dice “che bello il panorama da qui, noi ricchi siamo fatti così, guardiamo là sotto quelli che annaspano. E non hanno neppure un tatuaggio sulle chiappe, che pena”.

7 Commenti a Questo Salento così bello quanto maltrattato

  1. In pochi il (buon) gusto è una dote innata, alcuni riescono ad assimilarlo grazie all’intelligenza (parlo di quella nobile, non della furbizia …) e alla cultura, per gli altri resterà fisiologicamente qualcosa di irraggiungibile. Gli squallidi personaggi qui magistralmente delineati appartengono a quest’ultimo gruppo.

  2. Gianni, incantatore di lettori e di parole tanto da farne costruzioni di entusiasmo, fantastiche e naturali come una falesia o uno scoglio, stavolta incementabili e anti corrosione.
    Ci vuole ironia pungente per stimolare le intelligenze dormienti di chi guarda ma preferisce non vedere, di chi partecipa per non farsi dare dell’assenteista, di chi s’indigna ma poi in quelle piscine ci va per provare il brivido di mimetizzarsi con i ricchi di niente.
    E pensare che non ci mancava proprio nulla, se non forse quel quid che oggi ci dà l’alibi di fraternizzare con chi la difesa della dignità se l’è portata invece nel cuore e tra raccolta differenziata, mare blu, campagne di ulivi e speranze a lungo termine e resistenza, continua a sfoggiare il suo bikini o le sue nudità nella libertà della frattura con la moda, i soldi, i venti miseri del perbenismo, la confraternita degli opulenti traditori della ‘patria’. Perchè la Terra è gratis fino a che non siamo noi a farle pagare il prezzo della nostra ignoranza!

  3. Come non condividere? La storia (non quella post-unitaria) insegna tante cose. Il Sud è stato massacrato dai Savoia e dai loro alleati (leggere Il Massacro del Sud dello scrittore Pino Aprile per capirne qualcosa) e i meridionali dovrebbero riscriverla. Su internet c’é quanto basta per capire. E coloro che siaffidanbo ai condottieri che scendono dal Nord sono degli imbecilli. La storia insegna che tutti gli eserciti mercenari scesi dal Nord al Sud hanno lasciato al loro passaggio miserie e devastazioni.
    Ma il Sud ha le risorse per rinascere. Basta volerlo e tutti dovrebbero capirlo.
    Io ho ancora speranza che questo avvenga, ma non so se il tempo mi permetterà di verificarlo. Ma alle nuove generazioni dico di RESISTERE. Un popolo che sa resistere riuscirà anche a vincere!
    Salvatore Armando Santoro
    http://www.circoloculturaleluzi.net

  4. scusate ma chiamare piscine tre enormi bidè pieni di acqua nera e sporca per 10 mesi all’ anno mi sembra una esagerazione…un vero pugno nell’ occhio di chi ha amato questi luoghi ormai morti

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!