Il mandorlo del poeta

fiori-di-mandorlo

 di Elio Ria

 

I mandorli del Salento anticipano primavera. Gli alberi già in fiore stendono rami per viaggi d’ubbidienza alla terra rocciosa, ma delicata, della campagna. Quel sole forte di marzo ancora non c’è e le nubi grigie flettono i fiori, quasi a stordirli, rannicchiandoli in boccioli ancora teneri.

 

Il tempo si persuade che è giunta l’ora di cambiarsi d’abito. S’appresta a salutare il signore inverno. Rassegnato sa di dover andare, ma qualche capriccio ancora sente di doverlo alle genti.

 

Il vento ora si gonfia, ora si acquieta. Sibila e provoca.

 

Un uomo percorre il suo quotidiano cammino. Un bambino sorride e prova  a prender un aquilone sfuggito dalle mani, ma inciampa in una lacrima di delusione.

 

Fuori pioviggina: i passeri non sembrano farci caso e nei loro voli di geometrie mappano l’infinito.

 

Nei mille pensieri di primavera il poeta incontra il mondo di ieri e nel raggiro d’ispirazione seduce se stesso e quel mandorlo dorato, che gli appare come un impulso a disperdere canti gelidi per un adeguato corredo di speranza.

 

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!