L’amore è l’ossimoro fecondo nell’irrazionale lucidità che l’accompagna

di Pino de Luca

 

14 Febbraio, San Valentino

 

Dice Marcello: è possibile pensare ad un vino che si beve in due? Magari che accompagna un piatto che si mangia in due? Si Marcello, è possibile, possibilissimo, piacevole, piacevolissimo. Non scomodo Apicio e nemmeno Mastro Berardo. Io credo però che dei due bisogna parlare, immaginarli, altrimenti tutto diventa oggetto esanime, merce d’accatto, tintinnar di moneta o, peggio, manifesto di potere.

L’amore è resa, abbandono, rilascio d’ogni resistenza, abbandono d’ogni calcolo e raffronto, sublimazione nel pensiero e nell’immaginario singolo e condiviso.

È ossimoro fecondo nell’irrazionale lucidità che l’accompagna, nel confuso miscelar di membra che assegna nette funzioni ad ogni parte del corpo, nella violenta vitalità che ogni cellula sopita porta al risveglio.

E i due me li immagino maturi, di lunga pezza, che si conoscono bene da tanto e che non hanno perduto la voglia di stupirsi. L’uno con la passione di agghindar la tavola e l’altro con quella di preparar da mangiare. E siccome io prediligo la seconda, della seconda vi dico.

In frigo una bottiglia di Spumante Rosé Rosa del Golfo. Ci si procurano alcune fette sottili di Capocollo di Martina, una dozzina di gamberoni Gallipolini e un avocado sodo e maturo. OEVO, sale nero di Cipro, pepe bianco, erba cipollina e un limone e un’arancia, e della rucola selvatica.

In una bottiglietta come quella dei succhi di frutta ben lavata si mette qualche cucchiaio di OEVO e il succo di mezzo limone, un pizzico di sale e del pepe. I gamberoni si privano di testa e carapace, si dispongono in una terrina e, agitata la bottiglietta, si bagnano con l’emulsione che s’ottiene e si lasciano riposare. Intanto si pulisce l’avocado, si taglia a tocchetti e si dispone in una zuppiera bagnandolo con il restante succo di limone. Quando è tempo di servire disporre su un letto di rucola ben lavata i pezzi di avocado e degli spicchi d’arancia tagliati in due, poi i gamberi scolati e, sopra, le fette di capocollo scottate in un dito di olio bollente.

È un piatto di grandi profumi e grandi contrasti come solo l’amore vero sa essere, e lo spumante fresco è lì, per mediare con le sue bollicine tra il calore del capocollo e il gelo dell’avocado, la dolcezza dei gamberi e il piccante della rucola.

E il sale dev’esser nero e il pepe bianco, perché tutto sia diverso da come sembra che il banale non è per chi si ama. Non importa se siete coniugi o amanti, fidanzati o sposati, eterosessuali o omosessuali, io dedico questa piccola cena a tutti coloro che condividono con me l’idea che “chi s’appaga non paga ma, semplicemente, ripaga (se è in grado di farlo)”.

Buon San Valentino a tutti.

Un commento a L’amore è l’ossimoro fecondo nell’irrazionale lucidità che l’accompagna

  1. Pino de Luca non è mai scontato, quindi è capace d’investire di specialità anche il giorno dedicato agli innamorati, quello commerciale, quello fatto di menù fisso di ristorante, di bouquet standard di fioraio, di parrucchiere e della solita immancabile esibizione. Un po’ di poesia e di fantasia, signori miei, per carità!
    In questi righi la ricetta per recuperare un pizzico di superba semplicità.
    Prima di confezionare la cenetta da portare in dono all’amato/a, anche solo col pensiero, Pino ci offre aperitivi deliziosi fatti di scoperte culinarie e riscoperte personali, brinda al sentimento con una raffinata selezione di vino e così facendo ci ricorda che tutto è cura e che anche il più piccolo gesto.concorre a costruire il più grande trasporto.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!