I Monti e i Grilli di Lecce

 

di Rocco Boccadamo

 

Di primo acchito, può suonare come accostamento irriverente nei confronti dei due illustri Professori che, nelle rispettive funzioni di Presidente del Consiglio e di Ministro dell’Economia, si trovano, al momento, insediati a Roma.

In realtà, invece, il termine di paragone identificato negli amministratori locali del capoluogo salentino, Paolo Perrone e Attilio Monosi, nell’ordine, Sindaco e Assessore al Bilancio e ai Tributi, conterrebbe addirittura un valore aggiunto, quanto a capacità operativa e a risultati, a vantaggio dei secondi rispetto alle due figure chiave del Governo nazionale.

I predetti, infatti, si rivelano abilissimi come nessun altro, eccezionali raschiatori del fondo del barile, o meglio delle tasche dei contribuenti, giacché, ultimi traguardi raggiunti, sono stati capaci di:

–          elevare l’aliquota base dell’IMU da 0,76 a 1,06 (e passi);

–          porre in atto, tramite e d’intesa con l’Agenzia del Territorio, un vistoso aumento delle rendite catastali – dove il 40%, dove il 20% in più – che concerne la quasi totalità degli immobili di proprietà di privati nel territorio di Lecce; tale variazione nella percentuale minima (+ 20%), immaginando una rendita catastale originaria di 1000, si tradurrà in un incremento dell’Imu da 672 a 806 euro se prima casa e da 1781 a 2137 euro nell’ipotesi di altri immobili.

Verrebbe spontanea, la domanda: “Operazioni, specialmente la seconda, da geni?”.

Quando mai! Purtroppo, qui, taluni pensano che Perrone e Monosi, a prescindere dai tagli – che toccano tutte le amministrazioni locali – nei trasferimenti dal Governo centrale, non siano adeguatamente all’altezza di gestire la città. Si fa acqua qua e là nell’ambito della cosa pubblica, sia a livello diretto di Comune, sia e soprattutto riguardo alle società controllate e/o partecipate.

Ultime di cronaca:

–          mazzette per le sepolture, per opera di dipendenti della Lupiae Servizi;

–          il Comune non ha i soldi per realizzare il consueto presepe in Piazza S. Oronzo.

 

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!