Volti di carta, il libro di Raffaella Verdesca diventa un lavoro teatrale

di Francesco Greco

 

Teatro sotto le stelle a Poggiardo, nell’antica dimora del poeta Fernando Rausa (1926-1977, “Terra mara e nicchiarica”, Manni editori, 2006 e “L’umbra de la sira”, Edizioni Atena, 2009), una delle voci più appassionate e pregnanti del Novecento letterario di Terra d’Otranto. Il figlio Paolo (nella foto di Julia Moldovan mentre fa da voce narrante), brillante giornalista e vulcanico regista, ma soprattutto grande ideatore e organizzatore di eventi, che vive fra Milano e il Salento, con la sua Compagnia teatrale “In Scena!” ha presentato in prima nazionale uno spettacolo liberamente ispirato a “Volti di carta” (Storie di donne del Salento del tempo che fu), di Raffaella Verdesca (Edizioni Albatros, Roma 2012, pp. 176, € 15), scrittrice pugliese che ha messo insieme una gallery di ritratti in b/n e relative storie di donne dell’altro secolo affinché il velo dell’oblio non cadesse su di loro per sempre.

Dalla giovanissima operaia tabacchina (“Il biglietto”) alla mammana che diventa madre facendosi carico di una bambina partorita da una ragazza sola, dalla contadina fiera violentata mentre è al lavoro nei campi sotto gli ulivi dal barone che vuole un figlio a tutti i costi a Immacolata che, seconda guerra mondiale, curiosa di un’altra cultura, socializza con gli Ebrei a Santa Maria al Bagno (Nardò), in “Shalom” (sposerà uno dei prigionieri davanti al mare), alla “vedova bianca” (così era detta la donna col marito emigrato all’estero) che scrive lettere d’amore colme di desiderio e passione al suo uomo che sta alla “Merica”.

una delle protagoniste del libro di Raffaella Verdesca

In equilibrio sul filo teso della memoria, delle radici riscoperte in chiave dialettica, di un “ieri” che aveva le sue contraddizioni ma anche il suo fascino, ognuna di queste interagisce con gli uomini in piena autonomia di pensiero divenendo in tal modo, portando il proprio vissuto, protagonista della Storia. In un contesto, la civiltà contadina, dove sebbene il pane era poco ma condiviso, la società era tenuta insieme da valori forti, sentimenti autentici, ma anche dalla sofferenza quotidiana mentre sullo sfondo avveniva uno scontro sociale e di classe in termini forse non coscienti ma di enorme rilevanza storica, nel senso che conteneva il “virus” di quel che sarebbe avvenuto dopo: lotte sociali, rivoluzioni, sconvolgimenti epocali, conquiste di cui si trova traccia filologica anche nella canzoni d’amore e di lavoro, ma anche in quelle con cui il regista pugliese accompagna lo spettacolo, da De Andrè alla Mannoia, ai canti della tradizione popolare di Terra d’Otranto.

In scena dunque 2-3 generazioni di donne immerse in un quotidiano complesso, dove bisognava portare a casa un po’ di pane (e magari spartirlo con chi non aveva manco quello) e vivere ispirandosi a un patrimonio di valori non relativizzati. Una quotidianità ma da cui non se ne fanno travolgere, anzi, in un certo modo sanno gestire adombrando e rivendicando così vivendo un soggettivismo la cui valenza politica si riverbera nella società contemporanea, nel vissuto delle generazioni successive.

Paolo Rausa è anche socio dell’Arp (Associazione Regionale Pugliesi a Milano), e nella sua lunga e prestigiosa carriera ha firmato molte performance di successo: da “Sguardi sul Mediterraneo”, Alba dei Popoli al Faro della Palascìa a Otranto, la rappresentazione di “Natura e cultura nel mondo romano” con i carcerati a Milano-Bollate, il contributo al 150° dell’Unità d’Italia con lo spettacolo “L’idea di Italia nella letteratura: da Dante a Pasolini”) e altro col contributo di Ornella Bongiorni, esperta di audiovisivi.

Nello spettacolo “Volti di carta” i ruoli sono stati interprati da Maria Orsi, Tiziana Montinari, Norina Stincone, Lucia Minutello, Pasquale Quaranta, Tina Aventaggiato, Francesco Spadafora, Julia Moldovan, Francesco Greco, Vito Luceri, Rosaria Pasca, Ninetto Cazzatello e Florinda Caroppo. Uno spicchio di luna ha fatto da “testimone” a uno spettacolo di grande intensità, colmo di pathos già nel testo e interpretato con emozionante adesione stanislavskjana. “Le donne del Sud – osserva infine il regista – sono forti, sono state protagoniste del loro riscatto, hanno difeso la loro dignità: hanno molto da insegnarci”. Sono donne, c’è da aggiungere, espressione di un matriarcato sottinteso: i loro uomini erano in guerra, o emigrati e hanno preso il loro posto allevando i figli, facendo bastare il poco e vivendo con onore e dignità. Alto dunque lo spessore umano del testo della scrittrice di Copertino, Lecce (ci è nata nel 1968: anno-simbolo) e dello spettacolo, lieve e poetico, in certi passaggi onirico il modo di svilupparlo. Sarà portato in tournèe in tutta Italia. Mentre il regista già lavora al prossimo ripreso dalla cultura classica che frequenta così bene e non da oggi: le “Metamorfosi” di Ovidio attualizzate al Terzo Millennio, con un Re Mida (l’Imperatore) sbeffeggiato dal poeta, tanto da essere esiliato: una maschera dietro cui non è difficile indovinare un protagonista della politica italiana che era uscito di scena e ora rientra con un coup-de-theàtre alla Jonesco… Sipario!

6 Commenti a Volti di carta, il libro di Raffaella Verdesca diventa un lavoro teatrale

  1. … Ora che il tempo è passato e che i ricordi sono ingialliti, posso finalmente dare aria a tutti questi fogli, lettere e fotografie. Non me la sono sentita di abbandonare le loro storie in una valigia sulla soffitta e di far dormire ancora per tanti anni, forse per sempre, queste donne con le loro storie di lotta per la vita e la gente che ha faticato tanto per sopravvivere in questa terra di sole e di miseria. Io ormai sono vecchia… Chissà se verrà mai qualcuno a frugare su questa soffitta e poi, dopo di me, chi si ricorderà dei volti di Vincenzina, di Teresina, di Uccia la mammana, di Immacolata, di Caterina, di Nunziata sposa di emigrante… e la bellezza di Donna Maresca poi, chi se la può dimenticare? La sua voce melodiosa stordiva anche le sacare… Che donne, tutte belle intolettate, sembravano delle attrici… Ma ora basta! Le affido al vento, in modo che non siano dimenticate. Prestate orecchio, vi prego, e ascoltate le loro storie! (Una donna introduce così lo spettacolo!)

  2. Molto avvincente questa introduzione :
    ” i ricordi sono ingialliti, posso finalmente dare aria
    a tutti questi fogli, lettere e fotografie…..
    Le affido al vento, in modo
    che non siano dimenticate”

    Mi piace assai

  3. Grazie a Carlo, grazie a Francesco Greco, a Marcello Gaballo, a Paolo Rausa e a tutti coloro che hanno partecipato alla nascita e al battesimo di questi racconti divenendo la loro Buona Stella. Infatti l’amore brilla in mille modi e tanto intensa è la sua luce che irradia tutto ciò che incontra: persone, curiosità, fantasia, immedesimazione e verità. Francesco Greco tratteggia in maniera straordinaria l’anima di questa luce che ci ha investiti tutti, chi ha scritto e chi ha letto, chi ha fatto parlare di sè e chi ne ha ripercorso magistralmente le orme. Eh già, perchè vivere non è mica questione di poco conto, vivere è insegnare, dare esempio, imparare e soprattutto sentire fortemente sensazioni, sentimenti,…emozioni. Non è forse chiaro a tutti che i genitori e prima ancora i loro predecessori hanno messo in scena, attraverso noi figli, la loro stessa vita? Vita da sovrapporre alla nostra, nel bene e nel male, bagaglio leggero, a volte pesante, ricco, a volte misero, prezioso, a volte vile. Bella responsabilità! Ma noi, con “Volti di carta”, abbiamo dimostrato di saperla accogliere con gioia questa responsabilità, questa singolare eredità della nostra gente, di un passato prodigo di consigli e ricco di risposte per un presente più cosciente di un tempo ma muto, certo più tecnologico ma più solo. Vogliamo finalmente scambiare il ‘solo’ con il ‘solidale’? E’ il nostro popolo che ce lo insegna: barattiamo un po’ di cultura con un po’ di saggezza, svendiamo quella profonda inquietudine che ci rende fragili, volubili, per conquistarci un pizzico della fierezza di chi calcò le strade che oggi sorreggono le nostre case. “Maschio e femmina li creò…” e maschio e femmina hanno popolato il mondo, combattuto e creduto nel futuro. Le donne, se pur rimaste sole, hanno sempre dimostrato di saper dare la vita, difenderla, inventarsela e perfino rinunciarci per salvarne un’altra: questo ha reso immortali i loro volti di carta.

  4. Non so perchè, ma quando leggevo gli interessanti articoli su “Volti di carta” mi immaginavo le scene. Ed ora il teatro, lo scambio atteso tra il solo ed il solidale! Duc in altum!

  5. salve sono ilaria una studentessa dell’UNiversità del Salento e sto scrivendo una tesi di laurea sulla condizione delle donne salentine emigrate all’estero dopo la seconda guera mondiale..sono molto interessata al libro “Volti di carta” ma non riesco a trovarlo da nessuna parte..mi sapreste dire per caso come posso fare a trovarlo?? mi scuso per l’intromissione..

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!