Racconti salentini/ Don Tuninu

di Alfredo Romano

Nc’era nu prete ca se chiamava don Tuninu. Tenìa na bbeddha cantina china te vinu, te oju e de sardizze. Ogni giurnu ca passava però, vitìa ca tuttu ‘stu beneteddìu chianu chianu se ssuttijàva. A dire la verità, don Tuninu nu suspettu su cci lu rrubava lu tenìa: lu Tore, lu sacristanu sou. Tante fiate n’ia fattu la fila, ma nu’ ss’era mai fitatu cu llu scopre e nnu’ ssapìa comu ia ffare cu llu spompa. E ccomu ia ffare e ccomu nu’ nn’ia ffare, alla fine pensàu ca l’unicu modu era ffazza sse cunfessa, cusì lu Tore tuccava pe’ fforza cu ddica li peccati soi.

Sicché alla prima occasione, don Tuninu pruvàu nne dice a llu Tore:

«Tore, ma comu ete ca nu’ tte cunfessi mai? Pussibile ca nu’ ttieni mancu nu peccatu? Ca nu stozzu te peccatu lu tenimu tutti.»

«Iu nu’ ttegnu propriu bisognu,» tisse lu Tore, «cce mm’aggiu ccunfessare se stau sempre intra la chiesa, servu messa, sonu le campane, ticu rusari… Peccati nu’ nde tegnu propriu!»

«Nu’ è ppussibile!» nsistiu don Tuninu, «Sciàmu tte cunfessi: cce tte custa? Sciamu, ca poi te tau na beddha ‘ssoluzione.»

‘Nsomma don Tuninu, quantu fice quantu nu’ ffice, riuscìu ccunvince lu Tore cu sse cunfessa. E appena lu Tore se ‘nginucchiàu nnanzi ‘llu cunfessiunile, don Tuninu zziccàu:

«Beh, Tore, timme cce ppeccati hai fattu.»

«Nuddhu, don Tuninu, te l’aggiu titta, nu’ ttegnu nuddhu peccatu: quante fiate te l’àggiu ddire?»

«Ma pussibile, Tore? E dimme ‘llora: ci ete ca se rruba lu vinu, ci ete ca se rruba l’oju, ci ete ca se rruba le sardizze te intra la cantina mia?»

«Don Tuninu: nu’ sse sente!»

«Comu nu’ sse sente, Tore: ca iu sta tte sentu! Tornu cu ddicu: ci ete ca se rruba lu vinu, ci ete ca se rruba l’oju, ci ete ca se rruba le sardizze te intra la cantina mia?»

«Don Tuninu, sta tte ticu: nu’ sse sente!»

«Nu’ è pussibile, Tore, cu nnu’ sse sente. Sai cce ffacimu ‘llora? Passa tie ‘llu postu miu e bitimu ci se sente!»

E ccusì lu Tore e don Tuninu se cangiàra te postu.

«Cunta tie moi e bitimu ci se sente,» tisse don Tuninu a llu sacristanu. E llu sacristanu zziccàu:

«Don Tuninu, timme na cosa: ma… ci ete ca se futte mujèrama?»

«Nna, Tore, tieni ragione sai? Tici bonu ca nu’ sse sente!»

E llu fattu nu’ ffoe cchiùi, mòrsera iddhi e ccampamme nui.


TRADUZIONE

Don Tonino

C’era un prete che si chiamava don Tonino. Teneva una bella cantina piena di vino, di olio e di salsicce. Col passare del tempo però, s’avvide che tutto questo bendiddio andava man mano assottigliandosi. A dire il vero un sospetto don Tonino ce l’aveva su chi lo rubava: Tore, il sacrestano suo. Tante volte gli aveva fatto la fila, ma non era mai riuscito a trovarlo con le mani nel sacco. E come fare e come non fare per scoprirlo, alla fine gli venne in mente che l’unico modo era quello di portarlo in confessionale: solo così infatti avrebbe potuto ammettere le sue malefatte.
Sicché alla prima occasione, don Tonino provò a dire al sacrestano:
«Tore, ma com’è che tu non ti confessi mai? Possibile che tu sia senza peccato? Ché tutti abbiamo qualche peccatuccio.»
«Io non tengo bisogno, don Tonino,» rispose Tore, «come faccio a commettere peccati se non faccio che stare in chiesa, servire messa, dire rosari, accendere candele e suonare le campane?»
«Non è possibile,» insisteva don Tonino «dài, vieni al confessionale! In fondo che ti costa? Vedrai che ti darò una bella assoluzione.»
Insomma don Tonino, quanto fece e quanto non fece, convinse finalmente il sacrestano a confessarsi. E non appena Tore si inginocchiò davanti al confessionale, don Tonino cominciò:
«Beh, Tore, dimmi che peccati hai fatto.»
«Nessuno, don Tonino, te l’ho già detto che io non tengo peccati. Ma quante volte te lo devo dire?»
«Possibile, Tore? E dimmi allora: chi è che si ruba il vino, chi è che si ruba l’olio, chi è che si ruba le salsicce della cantina mia?»
«Don Tonino, non si sente!»
«Come non si sente, Tore! Io ti sento benissimo invece. Torno a dirti: chi è che si ruba il vino, chi è che si ruba l’olio, chi è che si ruba le salsicce della cantina mia?»
«Don Tonino, torno io a dirti: non si sente!»
«Mi sembra impossibile, Tore! Facciamo una cosa allora: passa tu al posto mio e vediamo se si sente o no.»
E così il sacrestano e don Tonino si scambiarono di posto.
«Parla tu adesso!» disse don Tonino al sacrestano.
«Don Tonino, dimmi una cosa:» cominciò il sacrestano «ma… chi è che si fotte la moglie mia?»
«Già, Tore, tieni ragione sai? Dici bene che non si sente» rispose prontamente don Tonino. E il racconto finisce qui, morirono loro e campammo noi

Da Lu Nanni Orcu, papa Cajazzu e altri cunti salentini. Nardò, Besa, 2008.
 

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!