La nobilissima famiglia Sambiasi e l’ingente lascito perpetuo a favore dei cittadini di Nardò

 

di Marcello Gaballo 

La stirpe dei Sambiasi, attestata come Sancto Blasio sin dal sec. XIII, fu tra le più antiche, nobili e benemerite di Nardò. Eccelse per la costruzione di chiese, la fondazione di benefici ecclesiastici, opere pie e caritative, tra cui spicca quella di Pippa Sambiasi, che il 4 ottobre 1433 donò alla chiesa di Nardò i grandi feudi di Fango e Paduli.

Gli ultimi rappresentanti vissero in città fino alla metà del secolo XVIII, per poi estinguersi, sopravvivendo il ramo leccese.

Utile, ai fini di questa occasione che vorrebbe la soppressione dell’ospedale neritino, soffermarsi sulle volontà testamentarie di due fratelli, Fabrizio e Giuseppe Oronzo, dei quali il primo coniugato con la nobile Glorizia de Prezzo ed il secondo chierico.

Il 6 maggio 1741, dopo mature considerazioni, i tre benemeriti testarono di fronte al notaio Nicola Bona di Nardò, lasciando precise disposizioni da rendersi pubbliche dopo la morte  del primo di essi. Nel 1742 e nel 1743 morirono Fabrizio e sua moglie, restando Giuseppe Oronzo, che pur avendo soddisfatto le parti essenziali del testamento, il 12 maggio 1744 lo fece aprire dal notaio Felice Massa. Vi si nominava erede universale il vescovo pro tempore di Nardò che, fatto redigere da un notaio l’inventario di tutti i beni mobili ed immobili, gli ori, le argenterie, il bestiame, le vettovaglie, doveva devolvere le rendite, al netto delle spese, per un terzo in celebrazioni di Messe, per l’altro in assistenza medica a domicilio, cure e medicinali ad ammalati poveri di questa città e per l’altro in maritaggi di venti ducati ciascuno per venti  donzelle di Nardò, orfane di padre e madre. Questa assegnazione doveva essere estratta a sorte nella Cattedrale il giorno di Pentecoste e alle favorite si doveva consegnare la dote, a matrimonio avvenuto. Mancando qualche anno ammalati poveri, la parte dovuta doveva andare a favore dei maritaggi e viceversa, mancando gli uni e  gli altri, tutta la rendita doveva essere impegnata in celebrazioni di Messe.

Primo Economo fu l’abate Giuseppe Corbino, tesoriere della cattedrale. Fra i tanti beni del Pio Monte ricordiamo la masseria Ingegna, la chiusura di Fabrizio (1680 alberi di ulivo), le masserie Taverna, Cravascio, Bella Nova e Corsari, un palazzo su via Lata, un giardino al Ponte, sei case nel vicinio della Misericordia, una bottega nei pressi di S. Domenico, alcuni magazzini in Gallipoli, capitali dati in enfiteusi a  varie persone, canoni e censi gravanti su case e terreni.

Il Corbino formulò un regolamento in cinque punti e nominò un fattore o sorvegliatore. In seguito il medesimo Giuseppe Oronzo Sambiasi diede le norme per lo sviluppo dell’opera. Doveva chiamarsi Pio Monte dei Sambiasi, essere amministrato dalle persone che indicò collegialmente e scrupolosamente per il bene delle  categorie designate.

Le regole dell’Istituzione furono confermate con Regio Assenso di Ferdinando IV l’8 agosto 1783. Fu amministrata dalla Commissione Comunale di beneficenza, poi dalla Congregazione di Carità, sin dalla fondazione di questa per effetto della legge 3 agosto 1862. Il patrimonio dell’istituzione nel 1927 ammontava a L. 638.888,60.

Le brevi note suesposte, tutte documentate e parte di un lavoro più ampio di cui lo scrivente si sta occupando, evidentemente denotano che l’ospedale a Nardò si regge su un lascito che oggi non può ignorarsi, anche se risalente a oltre duecento anni fa.

Le volontà testamentarie dei donatori furono rispettate sino agli anni 70 dello scorso secolo, quando la riorganizzazione sanitaria italiana rivide tutto l’assetto e la stessa gestione. Sono gli anni in cui, misteriosamente, non si ebbe più notizia di quell’ingente patrimonio lasciato a pro dei cittadini, in perpetuo (così è scritto nell’atto notarile), e che se oggi dovesse essere quantificato corrisponderebbe a svariati miliardi di Lire.

Proprietà tuttora ben identificabili, notevoli, estremo gesto di carità e di amor patrio forse impensabile ai nostri giorni. Furono queste lasciate ad esclusivo godimento dei concittadini dai testatori, encomiabili ultimi rampolli di cotanta gloriosa nobiltà e sconosciuti benefattori, che vollero raccomandarsi al sindaco della città e al vescovo diocesano e loro successori di vigilare costantemente sulle loro disposizioni, che non sarebbero mai dovute venir meno: “…debbano con esattezza mandar ad effetto la suddetta pia disposizione… Monsignor Vescovo pro tempore di detta città, erede fiduciario ed esecutore testamentario, debba governare, disponere e dirigere l’ opera suddetta coll’ intervento, assenso e consenso delli suddetti Archidiacono, Arciprete, Teologo, delli suddetti RR(reverendi) PP(adri) Graduati, del Sindaco, delli Procuratori pro tempore di detto R.mo Capitolo…”.

Si riguardino dunque le carte, si leggano i documenti notarili, si consulti l’archivio storico del Comune e dell’Ospedale civico e si constaterà che quanto riportato è assolutamente veritiero.

I cittadini di Nardò, alla luce dei documenti di cui sopra, non possono essere privati di un bene che fu loro donato da gloriosi cittadini lungimiranti e regolato da precise norme, purtroppo evase e, forse volutamente, dimenticate.

13 Commenti a La nobilissima famiglia Sambiasi e l’ingente lascito perpetuo a favore dei cittadini di Nardò

  1. Non mi meraviglierei se per qualcuno dei responsabili fosse in atto qualche processo di beatificazione. Ma, questo lo sappiamo tutti, la giustizia degli uomini è imperfetta…

  2. Si può chiudere un Ospedale quale il “S.Giuseppe-Sambiasi” di Nardò, quando esiste un lascito perpetuo che dovrebbe giurdicamente garantirne l’esistenza e il funzionamento ?
    Chi ha oggi il compito giuridico di gestire e sorvegliare l’applicazione delle volontà testamentarie della nobile famiglia Sambiasi a favore dei cittadini di Nardò ?
    I documenti comprovanti tale lascito a chi erano stati affidati ?
    I cittadini di Nardò aspettano una risposta.

    • Concordo pienamente con questo lecito dubbio. Un lascito perpetuo a favore dei cittadini non può annullarsi per semplice svista o trascuratezza. Che fine hanno fatto i beni della nobilissima famiglia? Nonostante le vicissitudini del sistema sanitario quel lascito non poteva essere alienato a godimento dei soliti “furbi”, che hanno creduto di distruggere i documenti e appropriarsi, immeritatamente, dei beni che sono di tutti i cittadini, in eterno. Spero che qualcuno faccia luce sull’intricata faccenda. Si vada a spulciare tra le carte degli anni 60-70 del secolo scorso! Si vada a controllare chi doveva vigilare sull’eredità inestimabile, sottratta alla popolazione di Nardò, che con lungimiranza e incommensurabile amore i baroni Sambiasi avevano voluto gratificare in perpetuo.
      Grazie Roberto per aver voluto solleticarmi nella vicenda. Resto fiducioso quanto te!

  3. Carissimi Spigolatori,
    ho l’impressione che non ci stiamo rendendo conto della gravità del fatto. Beni immobili ed altro per un valore di centinaia di milioni di euro (rivalutati ad oggi), amministrati dalla Congregazione della Carità, non possono svanire nel nulla.
    Ritengo che il problema sia di semplice risoluzione.
    Occorre intanto che qualche avvocato (spigolatore) si faccia avanti e ci dica quale procedura avviare per conoscere i diritti della Città in questo senso.
    In secondo luogo, visto che chi scrive è anche ingegnere, se si potesse avere l’elenco degli immobili destinati dalla famiglia Sambiasi all’Ospedale, è possibile avviare una semplice visura catastale per sapere a chi sono intestati oggi quei beni e se i passaggi di proprietà sono leciti o illegali.
    Difendiamo il nostro territorio!

  4. LA PROCURA DELLA REPUBBLICA DEVE INVESTIGARE SU PRECISA DENUNCIA DEI CITTADINI DI NARDO’, PER APPROPRIAZIONE INDEBITA, FURTO E TRAVISAMENTO DI LASCITO TESTAMENTARIO, I CITTADINI DI NARDO’, HANNO LA PREROGATIVA DI COSTITUIRSI PARTE CIVILE NELLA VICENDA, COSTRINGENDO GLI ATTUALI POSSESSORI ALLA RESTITUZIONE DEI BENI, ALLA CREAZIONE DELLA FONDAZIONE SAMBIASI E AL RIPRISTINO DELL’OSPEDALE CIVICO DI NARDO’ COME ENTE AUTOGESTITO SOGGETTO SOLO ALLA FONDAZIONE E ALLA CITTA’ DI NARDO’. CLAUDIO GERARDO ORLANDO

  5. SINO AD OGGI, 23.07.2014 NULLA HO SENTITO O VISTO, RIGUARDO AL LASCITO SAMBIASI, LASCIAMO CHE QUESTI…LADRI GODANO DI DIRITTI USURPATI AI VERI DESTINATARI, TUTTI I CITTADINI DI NARDO’

  6. SE IL PATRIMONIO, SOPRAVVISSE ALLE INTEMPERANZE E ABOMINI DEL FASCISMO E DEI POTESTA’ DI NARDO’, NON SI COMPRENDE L’OMERTA’ CHE CIRCOLA NELLE STANZE DEI BOTTONI, IN PRIMIS DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI LECCE, POI DEL SINDACO E DEL VESCOVO, ESECUTORI TESTAMENTARI, E CONTROLLORI DEL PATRIMONIO SAMBIASI.
    NON VORREI CHE TANTA OMERTA’, TENDA A COPRIRE DELLE MALEFATTE, APPROPRIAZIONI INDEBITE, MANCANZE SOSTANZIALI DI UN PATRIMONIO MILIONARIO INCEDIBILE, INVENDIBILE A DISPOSIZIONE DELL’INTERA CITTADINANZA DI NARDO’, FANNO FEDE GLI ATTI NOTARILI DI NICOLA BONA DATATI 06/05/1741 E FELICE MASSA, NOTAI IN NARDO’, E DEL REGIO DECRETO DEL 08/08/1783 DI FERDINANDO IV RE DI NAPOLI CHE CONFERMAVA LE VOLONTA’ DI FABRIZIO E GIUSEPPE ORONZO E GLORIZIA DE PREZZO, MOGLIE DI FABRIZIO EREDI UNIVERSALI DELLA NOBILE FAMIGLIA SAMBIASI CHE GENEROSAMENTE VOLLERO DEVOLVERE A TUTTI I CITTADINI DI NARDO’ I LORO AVERI, COME GIA’ FATTO IN PRECEDENZA DALLA LORO AVA PIPPA SAMBIASI, CHE NEL 14 OTTOBRE DEL 1433 LASCIO ALLA CHIESA NERETINA DUE INTERI FEUDI A DISPOSIZIONE DI TUTTI I NERITINI.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!