Torre Vado. Sorgenti libere!

ph Marco Cavalera
Sorgenti di Torre Vado viste dal lungomare (foto di Marco Cavalera)

di Francesco Greco

Il popolo delle “Sorgenti” è in festa. Facebook, Twitter, YouTube rimbalzano in tutto il mondo la notizia. La VI sezione del Consiglio di Stato ha respinto la sentenza del Tar (Tribunale Amministrativo Regionale) di Lecce con un ulteriore rinvio rispetto al progetto di stabilimento balneare presentato della “A. & C. Costruzioni srl” di Taurisano nel 2009.

Appena si è saputo il presidente del Comitato Pro-Sorgenti, Antonio Coppola, ha indetto un’assemblea per comunicare la novità. Accolta da una standing-ovation. E da qualche ora, da ogni parte del mondo, giungono messaggi di gioia e soddisfazione dei “fans” del mitico luogo nella marina di Torre Vado, nel Comune di Morciano di Leuca (Salento meridionale).

Per quest’anno dunque le “Sorgenti” resteranno libere: i giudici romani hanno riaffermato il loro status pubblico: appartengono alla comunità da infinite generazioni e nemmeno il pur giusto diritto a fare impresa può oscurare tale principio. Le acque dolcissime, freddissime (16° estate e inverno), adatte alla cura delle malattie vascolari, e a cui è legata anche l’antica leggenda della fertilità per le donne che tardano a diventare madri, sono della gente che da secoli le vive e le ama e dei turisti che ogni anno accorrono da tutto il mondo per bagnarsi fra gli scogli. Di più: rappresentano un topos culturale, fanno parte cioè del costume di tutta la zona.

La ditta che le voleva per sé, per fare business turistico, esce dunque sconfitta: il diritto di tanti non può prevalere su quello di pochi. E’ questo il senso della sentenza delle toghe romane. Ora la “A. & C. Costruzioni srl” (che ha già uno stabilimento balneare nella marina di San Gregorio e un’altra attività turistica nel Comune di Patù), potrà chiedere i danni anche per la stagione 2012, come ha fatto per gli anni 2009, 2010, 2011, strappando alla comunità di Morciano una cifra considerevole: circa 83mila € (anche se la richiesta iniziale era ancora più esosa). E ci si chiede come ha fatto il Tar leccese a quantificarla senza cioè alcun riscontro cartaceo (registro di carico e scarico, fatture, ecc.): le cosiddette pezze d’appoggio.

La popolazione dunque ha vinto, la “massa critica” può tutto: la Magistratura ha riconosciuto un suo diritto inalienabile. Ricordiamo che nell’estate del 2009, in poche settimane, quando furono posate le pedane esplose la protesta, la gente la visse come qualcosa di blasfemo e sotto il gazebo furono raccolte 8471 firme. Il 14 giugno scorso l’azienda, forte della sentenza del Tar, aveva collocato in bella vista il pannello che dichiarava l’inizio dei lavori per lo stabilimento.

Il 16 c’è stata a Morciano (piazza Giovanni Paolo II) un’affollata assemblea col sindaco, Giuseppe Picci, l’opposizione consiliare (Luca Durante, Adele Orlando), la Pro-Loco (Antonio Renzo), e tutti intervvenero appassionatamente per difendere le “Sorgenti”. Il 18 il collega Francesco Spadafora ha realizzato un video in cui Francesco Colella, il popolare ‘Ncicchi Capirizzu, memoria storica e primo cittadino a costruirsi una casa a due passi dalle fonti sotterranee rifece la loro storia ricordando i tempi, nel primo dopoguerra, quando quell’acqua benedetta dissetava uomini, animali e piante. Sulle scogliere si lavava il lino, la canapa, il cotone per il corredo delle spose. La mobilitazione è poi continuata il 29 giugno con una grande festa sul lungomare, una “peperonata” sino a notte fonda. Villeggianti e turisti, numerosissimi, hanno apprezzato la buonissima cucina delle donne di Morciano.

Sino alla lieta novella di queste ore. Le “Sorgenti” dunque sono di tutti. Un principio inderogabile e definitivo che, sancito una volta per tutte dai giudici del Consiglio di Stato, fa giurisprudenza, nel senso che non si tornerà più indietro. Una lezione per chi vuole, ancora una volta, fare impresa, come dire, “selvaggia”, ma anche per certi politici superficiali, che sottovalutano l’importanza di alcuni topos del territorio nell’immaginario collettivo dei loro cittadini. Oggi non è più possibile “rubare” la bellezza che, da sempre, appartiene a tutti.

http://spigolaturesalentine.wordpress.com/2012/06/18/torre-vado-in-lotta-per-salvare-le-sorgenti/

2 Commenti a Torre Vado. Sorgenti libere!

  1. Esulto anch’io, però ci sono due punti che vorrei mi fossero spiegati: in base a quale principio giuridico la società potrebbe chiedere il risarcimento danni per il 2012 (lascio perdere gli anni precedenti); e, cosa ancor più inquietante, ammesso che ancora io sappia leggere, “ulteriore rinvio” e “per quest’anno” non sono in palese contraddizione con il “non si tornerà più indietro”? Potrebbe essere pubblicato, per favore, su questo sito il testo integrale della sentenza? Credo che facciano più danno i messaggi trionfalistici che quelli di certi politici o le loro stesse decisioni…

  2. se i cittadini devono pagare quella cifra è perchè la ditta avrebbe ragione in base alla mancanza di vincoli. I vincoli vengono inseriti a livello regionale e comunale dai politici. Chi sono questi politici e a quali partiti appartengono ? TOP SECRET ?

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!