Ultimo ciak da Diso (Lecce)

di Rocco Boccadamo

E’ scomparso Giuseppe Bertolucci, sceneggiatore e regista, figura importante del cinema italiano e internazionale. Ciò annuncia un manifesto, listato, nella circostanza, di grigio scuro, fatto affiggere dalla civica amministrazione di un piccolo comune del Basso Salento.

E però, avanti che si affacciasse come sopra dalle locandine sui muri del paesello, la notizia dell’evento, grazie all’immediatezza a livello di tempo reale dei circuiti via internet, aveva ovviamente raggiunto i motori di ricerca e le agenzie di stampa. Cosicché, lo scrivente ha saputo attraverso una delle saltuarie capatine dentro le pareti di Google.

Ad ogni modo, la località di Diso,  poco più di mille abitanti, capoluogo di un comune che, considerando anche la frazione di Marittima, supera appena le tremila anime, ameno e tranquillo paese a due passi da un mare d’incanto, meno che una punta  di spillo nell’ambito dei confini geografici globali oggi vigenti, c’entra, eccome!

Difatti, qualche anno addietro, l’eminente uomo di cinema e di cultura l’aveva scelta come luogo dei suoi riposi, delle parentesi di distensione, senza pensieri e nello stesso tempo fra meditazioni e riflessioni, quale angolo tranquillo per rivivere un’esistenza piena, intensa e intrisa di successi.

Individuazione, tuttavia, nient’affatto casuale, anzi verosimilmente in linea con la grande semplicità dell’uomo, il suo attaccamento alla natura.

Non è dato sapere se la decisione di rifugiarsi, di tanto in tanto, da queste parti, sia stata antecedente o successiva rispetto ad un problema di salute, al problema; peraltro, ciò non ha molto rilievo, giacché, comunque, si può dire  che Giuseppe abbia compiuto una scelta saggia e positiva. Lasciandosi dietro lunghi decenni trascorsi fra location mirabolanti, studi e set sommersi da luci e macchinari, sceneggiature geniali ed esilaranti, tutto tale insieme, ha stimolato, non nel cineasta ma nell’uomo, una sorta di contraltare, adatto e opportuno, ai fini di una nuova fase esistenziale: l’aria pulita, il profumo del mare, il canto dei galli sul far del mattino, la discrezione e la generosità della gente.

Aveva messo su casa ristrutturando una vecchia abitazione in un vicolo del centro storico, a pochi metri dalla chiesa matrice, appena accarezzata dall’eco del passaggio di rare automobili e di parimenti sporadici passi dei paesani.

Permanenza svolta all’insegna dell’assoluta riservatezza, persone del posto, solitamente presenti in giro, hanno riferito di non averlo incontrato neppure una volta.

E, guarda caso, Bertolucci non avrebbe potuto minimamente immaginare un’ambientazione migliore per il suo lavoro finale, un’opera in cui, eccezionalmente, ha ricoperto tutti i ruoli: primo attore, regista, sceneggiatore, tecnico del suolo e così via dicendo.

Ha chiuso gli occhi facendo, al solito, le prove, come misteriosamenter lasciato intuire, a chi scrive, dal fortuito incontro, nella notte, con il lumicino verde di una lucciola, presa d’istinto in mano e quindi riadagiata su un filo d’erba, al che la minuscola lanterna si è spenta.

°   °   °

Non ha resistito, il ragazzo di ieri, a rendere un saluto all’eminente personaggio, in una saletta affrescata con sparse e diffuse venature d’azzurro dell’ex convento dei Cappuccini di Diso: fra boccioli di rose bianche, giaceva, in sahariana su camicia e pantaloni blu, dando l’impressione di essere assopito, con il volto all’apparenza vivo.

Niente confusione, solamente passaggi di persone comuni e qualche firma su un apposito registro. Anche sul piazzale antistante, intitolato al disino più prestigioso, Filippo Bottazzi, biologo di fama mondiale, assoluta tranquillità, appena un giornalista intento ad intervistare il giovane, meglio la giovane, sindaco del luogo; un piccolo trattore transita, intanto, lentamente, di rientro dall’attività nei campi.

Così se n’è andato Giuseppe Bertolucci, secondo un copione inedito e straordinario, da decano degli angeli del cinema, in un piccolo paradiso del Basso Salento.

2 Commenti a Ultimo ciak da Diso (Lecce)

  1. caro Jo, amico caro di un tempo…te ne sei andato in sahariana tra boccioli di rosa nella stanza affrescata d’azzurro dell’ex convento di Diso
    eppure eravamo vicini, io a Cisternino e voi a Diso…ignari della nostra presenza in questa cara terra, ti piango sinceramente…. sinceramente…sinceramente….sinceramente
    anna fadda

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!