A Borgagne Sulle orme di Idrusa

 

sabato 2 giugno h. 20,30
nell’ambito della manifestazione Borgo in Festa
Frantoio Turi Borgagne (Le)

presentazione del volume

Sulle orme di Idrusa

di Wilma Vedruccio

Intervengono: Giuliana Coppola, Luigi Chiriatti, e Lucio Toma.
A seguire: Letture a cura di Wilma Vedruccio e musiche a cura di Rocco Nigro.
 
L’Idrusa di Wilma Vedruccio è l’Idrusa inventata dalla compianta Maria Corti, quella donna d’Otranto davvero – trasfigurata dalla storia al mito – Idrusa è la ribelle. La donna ribelle. La donna ribelle otrantina per antonomasia. Che rifiuta le convenzioni della sua comunità. «Lotta nella contraddizione – scrive Toma – soffre, e impara a non fuggire dall’umano, anzi si china sugli occhi infuocati della passione e su quelli cupi e troppo dolci del dolore».

Figura femminile antica, questa Idrusa. Figura d’oggi: Idrusa. Un’immagine che addirittura Nigro riesce a render in fili di musica. Sulle orme di Idrusa, sempre e ancora. (Nunzio Festa – Kultunderground)
Protagonista del racconto di Wilma è Idrusa, personaggio di donna otrantina creata da Maria Corti e trasfigurata dalla storia nel mito. Quella raccontata da Wilma è quasi un’epopea e Idrusa ha la potenza di un’eroina della classicità: è senza età, non è soggetta alle categorie del tempo e dello spazio, incarna l’archetipo di donna proviene dal passato e si proietta indomita nel futuro. Idrusa ci riporta alla mente il ricordo di donne eccezionali, dotate di una straordinaria e inquietante personalità che si esterna nei rapporti interpersonali o che emerge a livello della coscienza individuale.

Idrusa ha la stessa forza di Didone innamorata, che per amore mette in discussione il suo ruolo di regina e sempre per amore decide di uccidersi sulla spada di quello che è stato il suo uomo pur di non rinunciare a nulla di se stessa. Ogni scelta di Idrusa sembra scaturire da un sentimento di inadeguatezza, dalla percezione del divario incolmabile tra lei e la realtà circostante: Idrusa si ribella alle convenzioni della sua intera comunità, stretta tra esigenze razionali e istanze emotive. Ma Idrusa non cede il suo cuore, non si rassegna, rivendica la sua anima e la sua intelligenza, resiste fino a incontrare l’amore e la passione sfrontata, che stravolge il cuore e imprime una svolta decisiva e irreversibile alla sua esistenza.

Al libro è allegato il CD con il racconto di Idrusa letto da Wilma, che ci porge la sua voce con il giusto pudore, senza pretese attoriali, ma lasciandosi trasportare, come è naturale per l’autrice, dal desiderio del racconto. La musica di Rocco Nigro segue con grande sensibilità il disegno di Wilma, amplifica le emozioni, sa allontanarsi fino a farsi bordone, oppure sa far danzare a fianco della voce il proprio tema. Personaggi del libro sono anche Otranto, il profumo del mare, i colori di certe albe, gli odori delle erbe, il Salento dei tratturi e delle pietre parlanti, civette dagli “occhi dolci come lampade a petrolio”.

3 Commenti a A Borgagne Sulle orme di Idrusa

  1. “Figure femminile antica , questa Idrusa. Figura d’oggi:Idrusa.
    Un’immagine che addirittura Nigro riesce a rendere in fili di musica….”dice Nunzio Festa ed è così…fili di musica la musica di Rocco. Grazie

  2. Ancora grazie maestra per questo dono, un piccolo capolavoro che ho avuto il piacere di leggere, ma soprattutto di ascoltare!

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!