Dillo con un fiore, ma fai attenzione!

di Michele Stursi

È capitato, capita e capiterà in secula seculorum di regalare dei fiori nelle occasioni speciali, quando si vuole condividere una gioia con qualcuno o si vuole convincere qualcuno/qualcuna d’avere dinanzi la persona giusta, il principe azzurro o la principessa sul pisello. Difatti un bel mazzo di fiori è una soluzione rapida e sempre efficace, un pensiero elegante, sobrio e mai scontato a cui si ricorre soprattutto quando non si vuole rischiare di fare brutta figura. Con dei bei fiori colorati e profumati, possibilmente di stagione, si va sempre sul sicuro, non si rischia mai di sbagliare (a meno che non siano crisantemi!) o di essere fraintesi.

Su questo siamo tutti d’accordo, anche coloro che non amano i fiori o sono allergici al polline, dovranno infatti, con un po’ di onestà intellettuale, ammettere il potere misterioso che si cela dietro questi … organi riproduttivi. Ops, l’ho detto! È più forte di me, nonostante tutta la buona volontà non riesco a pensare ai fiori diversamente. È questo il rischio che si corre quando si studiano le scienze biologiche: rimanere poi intrappolati in una forma mentis che ti fa vedere le cose che ti circondano con un occhio diverso dagli altri. Non saprei dire se questo è un bene o un male, però in un certo senso mi spiace non riuscire a non pensare a degli organi riproduttivi nel porgere dei fiori a qualcuno e non riuscire a trattenere il sorriso quando l’altro li annusa e compiaciuto ringrazia. Come si fa a non vedere le cose per come sono?

Eppure la struttura di un fiore si studia sin dalle scuole elementari, dove con molta pazienza e professionalità la maestra seziona un piccolo fiorellino e con la bacchetta ci indica il pistillo, ovvero l’organo femminile composto da una base slargata detta ovario, e gli stami, organi maschili formati dai filamenti e dalle antere dove è contenuto il polline. E infine senza arrossire, ci mancherebbe pure, arriva a spiegare all’alunno esterrefatto come avviene l’impollinazione, ovvero come il polline della parte maschile fecondi quella femminile per dare vita ai frutti.

La storiella la conosciamo tutti, eppure nessuno ci fa mai caso quando sceglie di comprare dal fioraio degli organi riproduttivi da regalare alla propria amata o al proprio amato. Forse perché sappiamo che come minimo ci rimarrebbe male! Difatti non è nelle intenzioni di chi regala un fiore offrire “un apparato complesso e composto da schemi riproduttori”, piuttosto del fiore scegliamo e apprezziamo il profumo, il colore, il significato che negli anni gli è stato assegnato. Se così non fosse qualcuno domani potrebbe andare dal macellaio e farsi incartare e infiocchettare testicoli e ovaie come pensiero romantico per l’anniversario di matrimonio o per una dichiarazione d’amore (non fatelo!). Quantomeno verremmo guardati male, se non dichiarati del tutto fuori senno!

Come uscirne fuori? Ovviamente io non ho rinunciato, e mai lo farò, alla bellezza e all’eleganza dei fiori, pertanto ogni volta che li regalo sono poi costretto a tirar fuori la storiella della maestra, quantomeno per giustificare quel risolino sfacciato che puntuale mi si ripresenta sulle labbra. Fare il sapientone non funziona sempre, vi avverto, dipende se la persona che si ha di fronte è in grado o meno di vederci anche con gli occhi dell’intelligenza. Male che vada sarete fraintesi e porterete a casa l’ennesimo ceffone.

7 Commenti a Dillo con un fiore, ma fai attenzione!

  1. Caro Michele, mi sa che devi toglierti, in certe occasioni, il vizio dell’intelligenza e della conoscenza! Da donna ti suggerirei di regalare prima i fiori alla dolce pulzella e poi, semmai, renderla edotta sul loro significato biologico. A volte è così bello non chiedersi il perchè delle cose! Mai visto un dosa sale che sembra una raffinata scultura da museo o un copri water pieno di tecnologie giapponesi degne della NASA? Benvenga, amico mio, se dietro i meravigliosi colori di petali ed essenze celestiali si nasconde il fantastico mistero della vita! Eppure, oltre che divertirmi molto la tua acuta ironia e colpirmi l’originalità della tua ineccepibile cavalleria, ti confesso che rimarrei molto peggio a ricevere in dono biancheria intima e sapere, per di più, che sotto quel marchio famoso e dispendioso si cela lo sfruttamento vergognoso di centinaia di donne operaie sparse nei posti più poveri del mondo. Almeno i fiori li ha creati Dio!

    • Cara Raffella, non chiedermi perché non posso fare a meno di chiedermi il perché delle cose. Non saprei risponderti con precisione. Hai ragione, però, l’intelligenza è un male che da sempre affligge l’umanità. Secondo la teoria della specie di Darwin dunque questo carattere recessivo dell’uomo dovrebbe estinguersi a breve. Già si vedono i primi risultati. Basta accendere la TV!

  2. Gentile Michele Stursi, mi deve scusare (lei sarà di certo uomo di bella ironia), ma la questione che Lei ha di collegarsi mentalmente ai gameti maschili e femminili nell’atto di donare un fiore a una donna è un problema soltanto Suo. Sicché, alla maniera del nostro papa Cajazzu, mi verrebbe da dirLe: Ma cche cc’entra lu culu cu le quattru tempura?

  3. Gentile Alfredo Romano, sono felice che lei (mi perdoni ma la maiuscola per il “lei” non la uso, mi sembra arcaica e passata, spero non si offenda) non abbia il “problema”. Quella sopra era la MIA personalissima visione delle cose. Non volevo irritare nessuno con la mia “bella ironia”. Faccia finta di aver letto un racconto fantastico! Chiedo scusa a lei e a papa Cajazzu, ma penso che si possano ancora liberamente condividere i “problemi” personali, senza che questi siano necessariamente di natura epidemiologica. Ah, colgo l’occasione per porgerle le mie congratulazioni per il suo ultimo lavoro! Michele Stursi

  4. Ahahah, straordinario Michele, finalmente un colpo fatale e definitivo al cuore dei romantici! Formidabile davvero ;)
    ps. non riuscirò mai più ad entrare da un fioraio senza inquietarmi!!!

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!